Origini » Machu Picchu › El Dorado › Cahuachi › Tlahuixcalpantecuhtli » Storia

Personaggi e vicende storiche ››

  1. Machu Picchu
  2. El Dorado
  3. Cahuachi
  4. Tlahuixcalpantecuhtli
  5. Ehecatl
  6. K'inich Yax k ' Mo
  7. Yaxchilan
  8. Mitla
  9. Cuicuilco
  10. Viracocha

Antiche origini ›› Suoi personaggi storici e luoghi

≪≪≪ ◄► ≫≫≫
[ 1 ]

Machu Picchu

Origine e storia
da Mark Cartwright

Machu Picchu è un insediamento Inca situato nelle alte Ande del Perù, nella valle di Urubamba, a nord di Cuzco. Il sito, arroccato sopra il fiume di Urubamba, è stato variamente descritto come una fortezza, l'esercito a ritirarsi e la zona cerimoniale. È stata fondata da Pachacuti Inca Yupanqui nel c. 1450 CE, aveva le capacità per circa 1.000 residenti al suo apice e classificato tra i più sacro di tutti i siti per l'Inca. Dopo il crollo dell' ImperoInca, Machu Picchu è stata abbandonata e dimenticata, solo per essere riscoperto nel 1911 CE dall'esploratore Hiram Bingham.

Scopo

Machu Picchu ('Colle vecchio') era un podere imperiale fondata da e appartenendo a Pachacuti Inca Yupanqui, il sovrano Inca, nel secolo di mid-15th CE. La proprietà del sito passò successivamente ai successori di Pachacuti. Sulla sua riscoperta dall'esploratore Hiram Bingham nel 1911 CE (benché residenti nella valle avevano sempre saputo dell'esistenza del sito) è stato affermato come l'ultima capitale degli Incas. Tuttavia, questo si è rivelato essere falso quando il capitale finale effettivo è stato scoperto a Vilcabamba, ulteriormente a valle della Valle di Urubamba.
Un'altra ipotesi riguardanti il sito posato dai primi storici era che Machu Picchu era una fortezza e le forti mura, grandi torri e fossati asciutti sono stati citati a sostegno di questa teoria. La necessità di fortificazione forse nasceva da una serie di gravi siccità che ha reso la competizione per le risorse feroce. Questo spiegherebbe anche perché il sito non è stato occupato per molto tempo come quando la situazione di acqua migliorata la necessità di tali siti di Cittadella è diminuito. Ancora una volta però, ulteriore studio ha rivelato che la maggior parte dell'architettura è stato progettato per scopi religiosi e le fortificazioni stato messo in atto per garantire che solo pochi eletti potrebbero entrare in questo sito sacro. A ulteriore sostegno di questa interpretazione, una strada è stato scoperto che il sito collegato a diversi insediamenti abitativi sparpagliati lungo la valle. Lo scopo più probabile di Machu Picchu, poi, era come un luogo sacro, probabilmente per il Dio del sole Inti e con lo scopo ulteriore di ricordare la popolazione locale recentemente conquistata del potere e della Pachacuti e Impero Inca centrata a sua capitale Cuzco. Il sito fu abbandonato dagli Incas poco prima di Pizarro e i conquistadores spagnoli arrivati. Gli invasori non ha mai raggiunto Machu Picchu, però, e il sito sarebbe rimasto sconosciuto al resto del mondo per 400 anni.

Materiali & Layout

Machu Picchu è un bell'esempio della pratica Inca di architettura che modella tutto il terreno naturale. Creste sono state fatte in altopiani per consolidare e piste erano a schiera utilizzando pietra baluardi. Ulteriormente, le costruzioni sono state apportate esteticamente si fondono con l'ambiente circostante. Ad esempio, il profilo della roccia sacra in realtà imita una delle cime delle montagne dietro di esso. Infine, molto spesso finestre e porte sono state deliberatamente posizionati per catturare le migliori vedute delle montagne circostanti.
Rock era che un materiale Incas aveva speciale riverenza per. Stone è stato anche pensato come una sostanza vivente.
Rock era che un materiale Incas aveva speciale riverenza per. Stone è stato anche pensato come una sostanza vivente e nella lingua Inca (Quechua) la parola per esso si traduce come "per cominciare". Stone è stato modellato con grande abilità e affioramenti di roccia naturale sono stati modellati per soddisfare vari scopi. Ad esempio, sotto il Torreón (Osservatorio), una camera è stata scavata una naturale nella roccia del cleft e utilizzato come un tempio al Dio del sole Inti. L'Intihuatana Stone ('Hitching Post del sole'), noto anche come l' Intihuatana, seduto nel punto più alto del complesso sacro, era intagliato con grande cura in un dispositivo per le osservazioni astronomiche e un legame tra la terra e il cielo. Il pilastro di pietra scolpito sopra la base poligonale in pietra è stato utilizzato come una meridiana per registrare i movimenti del sole e, durante i solstizi, sacerdoti legato simbolicamente il sole alla terra utilizzando un cavo.
Il sito di Machu Picchu è composto da due aree distinte: un complesso centrale di molto attentamente imballati edifici disposti intorno a una piazza centrale e una serie di terrazze occidentale. Le strutture sui lati meridionali e orientale erano probabili residenziale e seguono un modello di abitazioni monolocale singolo con un patio chiuso. Tuttavia, la funzione esatta della maggior parte degli edifici presso il sito non è noto per alcuni. Molti degli edifici visualizzare le competenze di grande rock carving e muratura dell'Inca. Gli edifici utilizzano localmente cava di granito, una delle pietre più dure, che è stato tagliato con grande precisione e poi finito montato in grado di produrre pareti di blocchi così bene insieme che Malta non era necessario. Le linee irregolari di blocchi anche creano un piacevole effetto estetico e rendono le strutture altamente resistenti ai terremoti.

Architettura

Tra le più imponenti strutture presso il sito sia per le sue dimensioni e la muratura curva insolita è la Torre a forma di D conosciuta come il Torréon, cui sopra. L'unica finestra della Torre è stata stata allineata con le stelle Pleiadi come apparivano nel XV secolo CE e scopo astronomico dell'edificio è ulteriormente dimostrato dalla presenza di una pietra che sporge dal piano che potrebbe essere stato utilizzato per tracciare il sole al solstizio di giugno. Il Tempio delle tre finestre è un altro notevole esempio di lavoro di pietra fine e fu anche usato come un posto di osservazione astronomico. I numerosi edifici amministrativi kallanka impiegato anche pregiati blocchi di pietra fatti combaciare perfettamente. Questi edifici erano anche pietra pioli sporgenti da loro gables a cui sarebbe stato associato un tetto di paglia. Un altro tipo di costruzione è la prigione-come le strutture che potrebbero essere state utilizzate per ospitare nobili catturati fino a quando non è stato pagato un riscatto. Il complesso dispone anche di una struttura di caverna e un blocco di pietra sacrificale scolpito in forma di un condor.
L'acqua è stata fornita al sito tramite 14 sorgenti naturali cui acque sono stati raccolti e ri-trova via 16 canali di pietra da taglio. Un'altra curiosa caratteristica è la scalinata in pietra che conducono dal Machu Picchu fino alla piccola ritirata Huayna Picchu (significato ' giovane hill'), arroccato su uno sperone di roccia. Alcune tombe sono state scavate nel sito ma questi in genere appartengono agli individui di rango inferiore come personale amministrativo risultante in una scarsità dei corredi funerari di alto valore, e ci sono peculiarmente gran parte dei resti femminili. Ritrovamenti di Ceramica hanno offerto alcuni spunti per la vita quotidiana presso il sito e derivano da quattro sedi separate, che fra cui spicca il blackware Chuma.
Gli scavi e la ricostruzione sono in corso al Machu Picchu, ora un patrimonio mondiale UNESCO, e nonostante la sua posizione remota continua ad attirare turisti provenienti da tutto il mondo avendo fissato in modo sicuro il suo status come uno dei siti antichi più riconoscibili e fotografati al mondo.
[ Indice ▲ ]
[ 2 ]

El Dorado

Origine e storia
da Mark Cartwright

El Dorado ('Uomo dorato' o 'Golden One') di cui i re leggendari della gente Muisca (o Chibcha) che popolavano le Ande del nord della Colombia di moderno-giorno da 600 CE a 1600 CE e il nome è soprattutto associato con loro rituale di incoronazione tenuto presso Lago Guatavita, appena a nord di Bogotá di moderno-giorno. Nel tempo, El Dorado esteso il suo significato per riferirsi a una d'oro perduta città e persino un'intera regione. Quando i conquistadores spagnoli sentito questi racconti incredibili di una città pavimentata in oro hanno cercato ogni mezzo possibile per trovarlo. In definitiva però, gli spagnoli e gli esploratori e cacciatori di tesori che li hanno seguiti, mai fatto trovare il favoloso tesoro di El Dorado.

Il significato dell'oro

Nelle culture dell'antica Colombia Oro lungamente era stato un materiale popolare per metalmeccanici. Il metallo in realtà non aveva alcun valore particolare come valuta diverso da come materiale grezzo per exchange e, in effetti, sembra che, a differenza di in altre culture Americas, l'oro non era limitato alla nobiltà ma anche di proprietà di stratas inferiori della società. Piuttosto che il suo valore intrinseco, quindi, oro fu stimato per la sua lucentezza, incorruttibilità, associazioni spirituali (soprattutto per quanto riguarda il sole) e lavorabilità nelle mani di artigiani. Abili artigiani di Muisca prodotte splendide opere d'arte utilizzando l'intera gamma del repertorio di oreficeria, soprattutto la tecnica della cera persa.
Lega di oro e opere d'arte sono stati offerti in grandi quantità agli dèi e sepolto a luoghi sacri in modo che l'equilibrio del cosmo è stato mantenuto e disastri naturali scongiurati. Molto spesso le offerte erano figurine conosciuti come tunjos , che ha rappresentato nei portatori di dettaglio fine oggetti quali scudi, armi e strumenti musicali. L'esempio più famoso di un tunjo è una zattera dorata con figure di cast indossando in piedi gioielli su di essa, il cui significato è illustrato di seguito. La zattera è stata trovata in un vaso di argilla all'interno di una grotta e si trova ora nel Museo del Oro a Bogotá.
I Muisca stimato oro a causa della sua lucentezza, incorruttibilità e associazione con il sole.
Così guidato erano per la loro sete di ricchezze, l'obiettivo ufficiale del governo spagnolo di esplorazione nel nord del Sud America era, infatti, di trovare l'oro, fondere e spedire come grande una quantità possibile tornare in Europa. L'associazione tra antico Colombia e il metallo prezioso più ulteriormente si riflette nella scelta del re spagnolo di nome per il suo nuovo territorio: Castillo del Oro. Di tutte le storie d'oro e di smeraldi sparsi in tutta la Colombia antico c'era una storia particolare che soprattutto ha destato l'interesse degli invasori spagnoli. Si trattava di un account, riportato da testimoni oculari, che ha coinvolto le sontuose cerimonie eseguite durante l'incoronazione di un re di Muisca.

L'uomo dorato

La leggenda di El Dorado appare nei conti più spagnoli della regione conquista come di Fernández de Oviedo Historia general y natural de las Indias (1535-48 CE) ma più successivamente è stata documentata fin nei minimi dettagli da Juan Rodriguez Freyle nel 1636 CE, che ha sostenuto avere detto i dettagli dal nipote dell'ultimo re di Guatavita. Una delle più antiche rappresentazioni della leggenda in arte proviene da un'incisione del 1599 CE da Theodor de Bry, che mostra due assistenti di applicazione di oro al corpo di un terzo singolo.
Secondo la leggenda, poi, tra la Muisca, quando era necessario coronare un nuovo monarca, l'uomo che volle farsi re preparato per il suo grande giorno con un periodo di astinenza. Appartato in una grotta, gli fu proibito di peperoncino, sale e le donne. Quando il giorno dell'incoronazione è finalmente arrivato il futuro re viaggiato a Lago Guatavita, un remoto lago formatosi in un cratere vulcanico estinto, al fine di dare offerte agli dèi in modo che essi potrebbero benedire il suo Regno. Questo ha fatto andando al centro del lago su una zattera. La zattera, fatta da canneti, era carico di tesori d'oro e di smeraldi e su di esso sono stati posizionati quattro grandi incensieri. L'incenso era moque e i bracieri, affiancati da quelli impostati intorno alle rive del lago, emanava nuvole di fumo denso che deve solo avere aggiunto il misticismo della cerimonia.
Il tesoro più fantastico di tutto, però, era la stessa persona reale. Egli era stato spogliato nudo e interamente coperto di uno strato appiccicoso di resina su cui è stato soffiato polvere oro fine. Il risultato è stato un uomo scintillante d'oro; letteralmente un 'uomo dorato'. Anche viaggiando sulla zattera erano quattro assistenti, meno spettacolarmente splendide vesti ma ancora oppresso da pesanti gioielli in oro in qualsiasi parte del corpo, da che esso potrebbero essere appese. Il grande momento è venuto quando, accompagnato da massa trombe e cantando dalle rive, la zattera è arrivato nel centro del lago. In quel momento è calato il silenzio sulla folla e gli assistenti gettarono il favoloso tesoro di oro e gioielli nel lago e la gente sulle rive ha gettato anche loro offerte d'oro nelle acque sacre. Il culmine della cerimonia è venuto quando lo stesso re d'oro saltò in lago e quando uscì, puliti d'oro, era diventato il re dei Muisca.

Storia successiva

Da Sir Walter Raleigh per esploratori del XX secolo, stravaganti e costose spedizioni per trovare El Dorado e le sue ricchezze sono state montate nel corso dei secoli, ma nessuna ha avuto successo. Nel 1580 CE Antonio de Sepúlveda era forse il più ambizioso progetto per trovare l'oro quando ha tagliato una fetta fuori bordo cratere del Lago Guatavita per lo svuotamento del lago e trovare il tesoro che deve essersi accumulata sul letto del lago da secoli di cerimonie di incoronazione. Alcuni manufatti d'oro sono stati trovati intorno ai bordi del lago, ma prima che il lago potrebbe vuotare completamente una frana ha bloccato il taglio e quindi il livello dell'acqua del lago ha cominciato a salire di nuovo. Di fronte a un ammutinamento da parte della popolazione locale, gli spagnoli furono costretti a dare la loro ricerca.
Un'altra spedizione ambiziosa nel 1909 CE ha coinvolto l'azienda inglese appaltatore Limited. Hanno anche cercato di drenare il lago ed erano più successo degli spagnoli. Il metodo questa volta era di scavare un tunnel sotto il lago e scolarla in questo modo. Tuttavia, quando il lago è stato svuotato è sorto un altro problema e questo era che il fondo di fango molle del cratere era troppo profondo per sostenere qualsiasi peso. Peggio ancora, il fango rapidamente cotti al sole e divenne cemento duro. Tornando a Bogotá per Perforatrici per i cacciatori di tesori deve essere stato mortificato quando sono tornati al lago perché in loro assenza il fango era anche solidificato nel tunnel di drenaggio, bloccandola in modo che il lago aveva riempito indietro nuovamente. Senza più soldi per continuare il progetto l'inglese, come innumerevoli altri prima di loro e gli spagnoli furono costretti ad abbandonare il progetto con solo una manciata di piccoli manufatti prelevati dal bordo del lago.
I cummulative risultati, quindi, di queste spedizioni sono stati estremamente deludente. Un po' oro è stato trovato, come hanno anche perle di pietra e ceramiche, ma niente, finora, per abbinare le favolose ricchezze descritte nella leggenda di El Dorado. Forse, però, questo è giusto come, dopo tutto, i proprietari originali di oro e gioielli avevano inteso le loro offerte per il sole e per loro di rimanere per tutto il tempo dove sono stati dati, nella parte inferiore di un lago nelle remote montagne della Colombia.
[ Indice ▲ ]
[ 3 ]

Cahuachi

Origine e storia
da Mark Cartwright

Cahuachi, situato sulla costa meridionale del Perù, era il luogo sacro più importante della civiltà Nazca. La Nazca fiorì tra il 200 A.C. e 600 CE e Cahuachi copre un periodo di tempo simile. Il sito, che è stato utilizzato per feste del raccolto, il culto degli antenati e sepolture, è dominato da una serie di enormi cumuli di cerimoniale e piazze. Questi sono stati una fonte ricca di Nazca manufatti che vanno da mummie al tessile, tutte ben conservate nel clima arido.

Ubicazione e funzione

In un particolare punto della valle del sud il fiume Nazca scorre sottoterra per un breve tratto, ed era in questo luogo, sulla banca del sud, che è stato costruito Cahuachi. La tavola di acqua qui sarebbe sopravvissuto più siccità e così è stata considerata un luogo sacro o huaca della Nazca. L'acqua era gestita tramite acquedotti sotterranei e cisterne con ingressi a schiera per irrigare la zona circostante e garantire una fornitura costante. La sacralità del sito è indicata ulteriormente dall'alto numero di linee o geoglifi sul pavimento del deserto circostante. In un altro tentativo di integrare natura nel loro paesaggio urbano la Nazca costruito enormi cumuli sulla cima di un raggruppamento vicino di circa 40 colline. Il sito è stato collegato all'altro importante centro di Nazca Ventilla da una strada sacra che attraversa il deserto di San José.
Tombe a Cahuachi contengono le mummie degli individui venerati avvolti in tessuti pregiati & vittime sacrificali.
Non ci sono prove archeologiche di una zona residenziale a Cahuachi (rifiuti, pianura ceramiche ecc.), e i pellegrini al sito probabilmente alloggiato in una tenda per la loro breve visita. Ci sono, però, alcuni edifici che erano probabilmente utilizzati per l'archiviazione o come laboratori collegati alle attività religiose del sito. La presenza di piazze suggerisce riunioni regolari di un gran numero di persone con il più grande spazio misura 47 x 75 metri. Queste piazze, nei luoghi, hanno fori e i resti di pali di legno suggerendo grandi tettoie sono stati eretti su di loro. L'intera area sacra è racchiuso da un alto murodi 40 cm. Cahuachi, poi, era un sito di pellegrinaggio, di culto e di sepoltura, e propagò a coprire oltre 150 ettari.

Tumuli

I tumuli di sepoltura 40 a Cahuachi sono stati costruiti con mattoni di terra e adobe. Le prime strutture risalgono al prima 100 A.C. mentre le ultime erano CE costruito intorno al 550, coerente con i tempi della Nazca in generale. Tumuli sono stati utilizzati come luogo di sepoltura per famiglie o gruppi di parentela, con ogni tumulo che contiene le tombe di gruppi specifici. Questa è una caratteristica tipica della Nazca: pratiche culturali in comune ma effettuato su base individuale senza alcuna influenza distinguibile da un potere politico integrato. In molte culture andine era diffuso il culto degli antenati, e così possiamo immaginare che i pellegrini visitato Cahuachi con tale obiettivo, regolarmente riapertura tombe per aggiungere nuove mummie.
Il tumulo più grande, conosciuto come il ' grande tempio' si compone di sei o sette terrazze fatta di terra situato sulla cima di una collina naturale e contenuti all'interno di mattoni di adobe muri di sostegno. Raggiunge un'altezza di 30 metri. Oltre a tombe al suo interno, ci sono anche piccoli alloggiamenti in cui sono stati collocati un numero elevato di argilla flauto di Pan, che indica la musica era una parte importante delle cerimonie di Nazca. La meglio conservata tomba è presso un altro tumulo ed è indicato come la camera di post. Esso contiene un altare centrale circondato da colonne che sorreggono un tetto. Le pareti sono decorate con immagini inscritti di flauto di Pan e facce con i raggi luminosi.

Reperti archeologici

Sebbene molte delle tombe di Cahuachi sono state saccheggiate, occasionali ritrovamenti di sepolture intatte hanno rivelato mummie avvolte in tessuti pregiati. Alcune di queste mummie - di uomini, donne e bambini - mostrano segni di essere sacrificato. Gli individui erano posti a Nazca, i nemici non catturati, ad esempio, e visualizzano tali caratteristiche tipiche delle sepolture andina come un cranio perforato, rimozione della linguetta e collocandolo in un sacchetto, escrementi in bocca e occhi e labbra sigillate utilizzando spine di cactus. Alcune tombe contengono prove di sacrificio animale.
Altri reperti presso il sito includono ceramiche, in genere di più fine qualità rispetto a quelli per uso quotidiano e dipinte con animali e figure di ibridi uomo-animale, soprattutto felini, scimmie, uccelli, lucertole e ragni con volti umani. Tessuti spesso sono stati sepolti all'interno di grandi vasi in ceramica. Le immagini intessuto o talvolta raffigurati sul panno mostrano temi simili alla decorazione della ceramica, con scene di raccolti generosi e agricoltura. Molti tessuti hanno bordi raffiguranti teschi umani fissi. Due straordinari ritrovamenti sono una sola lunghezza di stoffa misura 7 metri per 60 metri e un negozio di 50 Coprispalle Abiti da donna. Questi ultimi hanno immagini di colibrì molto simili a quelli raffigurati nei famoso geoglifi linee Nazca attraverso il pavimento del deserto nelle vicinanze. Infine, in un'area specifica di Cahuachi, forse un laboratorio per la tessitura, gli scavi hanno trovato vari strumenti e strumenti utilizzati per realizzare tessuti quali mandrini, coloranti, filati in cotone e telai.

Abbandono

Cahuachi fu abbandonata dalla metà del 6 ° secolo D.C., forse dovuto ai cambiamenti climatici, come l'ambiente locale è diventato più arido. Terremoti, troppo, potrebbero essere stato un fattore che contribuisce al declino del centro. È interessante notare che è aumentato il numero di geoglifi creato in questo momento, forse indicando la necessità urgente di aiuto divino soddisfare la crisi. I tumuli erano sistematicamente ricoperti di terra e quindi l'abbandono di Cahuachi era pianificato sia intenzionale. Il sito ha fatto continuare a ricevere offerte votive e sepolture per secoli dopo, però, che indica che le popolazioni locali hanno continuato ad attribuire un carattere sacro a Cahuachi lungo dopo la cultura Nazca era sparito.
[ Indice ▲ ]
[ 4 ]

Tlahuixcalpantecuhtli

Origine e storia
da Mark Cartwright

Tlahuizcalpantecuhtli, 'Dawn Signore,' era un Dio mesoamericana che rappresentato un aspetto minaccioso di Venere, la stella del mattino ed era una delle quattro divinità che tiene il cielo. La gente delle antiche Americhe credeva suoi raggi potrebbero danneggiare persone, colture e acqua fonti. Tlahuizcalpantecuhtli ha giocato un ruolo chiave nel mito della creazione di Aztechi ed era 12 dei 13 signori del giorno nel calendario azteco.

Venere, la stella del mattino

Tlahuixcalpantecuhtli (anche ortografato Tlauixcalpantecuhtli) rappresentato il duplice aspetto del pianeta Venere, noto per il Mesoamericans come una stella luminosa. Venus era particolarmente importante nel calendario religioso e agricolo con suo ciclo medio di 584 giorni essere attentamente osservato e precisamente calcolata. Anche il layout architettonico delle città, in particolare a Teotihuacan, tolteca Tollan, Maya di Uxmale Chichen Itza, sono stati costruiti e allineati secondo l'aspetto del Venus in momenti particolari durante il suo ciclo. Gli astronomi mesoamericana registrato che il pianeta appare per 236 giorni come la stella del mattino in Oriente, poi affonda sotto l'orizzonte per 90 giorni e riapparirà per 250 giorni come stella della sera nell'ovest prima di scomparire nuovamente per 8 giorni prima di riavviare il ciclo sopra ancora. In realtà, Venus può essere visto ad occhio nudo per circa 263 giorni in ogni incantesimo, e non è abbastanza noto come o perché gli antichi astronomi erano arrivato alle loro particolari calcoli.
Ogni aspetto di Venere - mattina e sera - è stata manifestata sotto forma di due antiche divinità mesoamericane: il serpente piumato Quetzalcoatl e suo canino compagno Xolotl. Quetzalcoatl rappresentato Venere come stella del mattino, e Xolotl lo ha rappresentato come stella della sera. Nella tipica dualità mesoamericana, Tlahuizcalpantecuhtli è stato immaginato come entrambi e come fratello gemello Xolotl, e così, soprattutto, ha rappresentato l'aspetto di stella del mattino di Venere, che è stata considerata un minaccioso uno. Popoli mesoamericani considerate particolarmente pericolose la stella del mattino, quando in primo luogo è comparso sopra l'orizzonte ogni anno (sua levata eliaca). I raggi, immaginati in forma di freccette atl-atl , erano probabilmente nocivi a determinate classi di persone e di avere un effetto negativo sul mais e acqua.
Per antico Mesoamericans, Tlahuizcalpantecuhtli era uno dei quattro Skybearers, la divinità che ha tenuto il cielo.

Il Skybearer

Per antico Mesoamericans, Tlahuizcalpantecuhtli era uno dei quattro Skybearers, la divinità che ha tenuto il cielo. Tlahuizcalpantecuhtli, così, è stato associato con la direzione est e la data anno Acatl. Il Skybearers può aver aiutato il cosmo, tenendola, ma avevano un'altra, meno caritatevole aspetto durante le eclissi e la cerimonia del nuovo fuoco Azteca per rinnovare il sole ogni 52 anni. Allora si sono Uniti il Tzitzimime, demoni delle stelle che potrebbero discendere, divora l'umanità e distruggere il mondo se il sole non ha fatto ritorno.

Il mito della creazione azteco

La creazione di Aztec mito Tlahuizcalpantecuhtli sia come se stesso come un avatar di Quetzalcoatl, svolge un ruolo cruciale. Quando i fratelli gemelli Nanauatzin e Tecuciztecatl si sacrificarono a Teotihuacan per creare il sole e la luna dell'epoca 5 ° e ultimo del cosmo Aztec hanno avuto bisogno di qualcosa o qualcuno per rilanciare se stessi in moto e partì sulle loro rispettive orbite. Nanahuatizin chiamato per un sacrificio di sangue, ma Tlahuizcalpantecuhtli stava avendo niente di tutto questo e, invece, ha gettato un dardo atl-atl al sole. Perso il tiro, e Nanauatzin ricambiò il favore con più precisione, colpendo Tlahuizcalpantecuhtli smack sulla fronte, istantaneamente trasformandolo in pietra. In questo stato, egli è conosciuto come Itzlacoliuhque, il Dio del freddo, neve e ghiaccio. Il resto degli dèi visto che solo un sacrificio sarebbe impostare il sole e la luna in movimento, e così Quetzalcoatl rimosso i loro cuori per tale scopo. L'offerta ha lavorato, e il 5 ° e ultimo Cosmo ha cominciato.

Arte & architettura

Venus è stato spesso simboleggiata da un teschio e così troppo, rappresentazioni di Tlahuizcalpantecuhtli lo dipingono come un serpente piumato con una faccia di teschio. Come il Dio inoltre è stato strettamente associato con Mixcoatl, a volte indossa le marcature di quel Dio stella – macchie bianche intorno ad un campo nero. Tlahuizcalpantecuhtli di solito ha cinque macchie bianche che rappresentano le stelle, uno su ogni guancia e uno sul suo fronte, naso e mento. Uno dei primi esempi di Tlahuizcalpantecuhtli in arte è una pittura della roccia al Ixtapantongo da intorno al x secolo CE.
Oltre ad influenzare l'urbanistica generale di molte città mesoamericane, diversi edifici specifici sono stati allineati alla nascita di Venere. Tra questi è la casa di 24 camere dei governatori a Uxmal, costruito nel x secolo CE. Forse il più famoso di tutti è l'Osservatorio astronomico di Caracol a Chichen Itza, che era costruito c. 800 CE.
[ Indice ▲ ]
[ 5 ]

Ehecatl

Origine e storia
da Mark Cartwright

Ehecatl era un Dio di Mesoamerican dell'aria e i venti, soprattutto quelli che hanno portato piogge. Considerato come una manifestazione del Dio grande serpente piumato Quetzalcoatl, era a volte conosciuto come Quetzalcoatl-Ehecatl, nella cui veste ha contribuito a creare l'umanità nel mito della creazione di Aztechi e ha dato il dono della pianta del maguey. Egli inoltre è stato associato con i punti cardinali, colori e diverse date del calendario.

Nome & associazioni

Ehecatl significa 'vento' in lingua nahuatl. Possibilmente di origine Huaxtechi, che costruì molti templi circolari o curvi, in suo onore, fu adottato dagli Aztechi, che ha pensato era nato da flint il giorno 9 vento, che era il suo altro nome. Hanno chiamato anche il 2 ° giorno nel calendario azteco dopo di lui. Ehecatl acquisito varie associazioni oltre il vento in generale, tra i quali il calendario le date 6 Ehecatl il sole, Ehecatl 7 è stato creato l'umanità di giorno e 9 Ehecatl i venti dai quattro canti. Egli è il patrono della seconda trecena (un periodo di tempo del calendario) 1 Jaguar.
Come il Dio era considerato come un aspetto di manifestazione o vento del dio serpente piumato Quetzalcoatl, una delle divinità più importanti nel pantheonmesoamericano, egli è noto come Quetzalcoatl Ehecatl. Così, due ulteriori date portano il suo nome: 1 Ehecatl Iztac Tezcatlipoca ('Bianco' Tezcatlipoca è l'equivalente di Quetzalcoatl) e 4 Ehecatl Xolotl (Xolotl essere gemello di Quetzalcoatl). Quetzalcoatl-Ehecatl era anche una delle quattro divinità cielo-cuscinetto, in particolare in direzione ovest. Ehecatl era considerato il patrono dei mercanti ed è stata associata con scimmie ragno, forse a causa della loro grande velocità.
Nel Postclassico scultura e codices, Ehecatl indossa una maschera di cappello e becco conica.

Mitologia di creazione

Ehecatl dispone nella mitologia azteca creazione, in primo luogo, come il sole 2 ° del cosmo Nahui Ehecatl e poi durante la creazione del mondo attuale con il 5 ° e ultimo sole. Secondo una versione del mito, Quetzalcoatl assunse le sembianze di Ehecatl e disceso agli inferi, dove ha rubato le ossa degli abitanti dei mondi precedenti al fine di creare esseri umani in questo. Mictlantecuhtli, il Dio degli inferi, era nessuno troppo felice circa persone popping nel suo Regno, ogni volta che si sentivano piaccia e così lasciava solo Ehecatl andare gratis se in qualche modo egli potrebbe ottenere musica da una conchiglia. Ehecatl aveva sapientemente vermi fori in esso e API buzz all'interno di esso per produrre un suono tremendo, garantendo così la sua libertà.
Ehecatl anche aiutato nel movimento del 5 ° sole e della luna. Questi era stati creati quando i fratelli gemelli Nanauatzin e Tecuciztecatl avevano gettati nel fuoco sacrificale. Il problema, però, era che poteva muoversi né corpo celeste e così Ehecatl, in una versione almeno, fu chiamato a soffiare nelle loro rispettive orbite.

Ehecatl & Mayahuel

A volte è accreditato Ehecatl dando alla pianta importante maguey (Agave americana) all'umanità. Questo tipo di cactus era utile per le sue spine e il succo è stato fermentato nella bevanda alcolica pulque. La storia inizia con Ehecatl persuadere Mayahuel, una bella giovane dea, scendere dal cielo e diventare il suo amante. Giù sulla terra, i due abbracciarono come una coppia di alberi di intrecci, ma loro estasi erano presto bruscamente interrotto da Tzitzmitl, la dea 'nonna', che era il guardiano di Mayahuel. La dea anziana divisa l'albero in due e alimentato i pezzi ai suoi seguaci di demone, il Tzitzimime. Ehecatl, essendo un Dio più potente, ne uscì illeso, in questo episodio, e così raccolse quali pezzi di Mayahuel ha potuto trovare e piantato in un campo. Questi resti poi sono cresciuti nella pianta del maguey. Due altri doni all'umanità oltre pulque che spesso vengono accreditate Ehecatl sono musica e mais.

Templi

I templi mesoamericani dedicati a Ehecatl e altre divinità del vento si distinguono in quanto sono circolari in contrasto con la solita Piazza piramide, o che incorporano un fine curva. Il tetto di tali costruzioni era tipicamente conico troppo. Questo disegno può riflettere il desiderio di farli aerodinamicamente accogliente per i venti del Dio che onorano. Le porte sono costituite solitamente come le fauci di un serpente gigante. Questo potrebbe essere ad imitazione delle grotte popoli mesoamericani considerati entrate negli inferi dove i venti sono stati pensati per provenire dal.

Rappresentazione nell'arte

Non ci sono nessun rappresentazioni note del Dio prima del XII secolo CE, anche se due stele Maya Seibal, risalente al IX secolo, raffigurano un Dio con un volto di becco. Ehecatl è più frequentemente raffigurato nella scultura postclassico e codici, indossando una maschera di cappello e becco conica o buccale (anche se a volte gli angoli del disegno di legge hanno zanne, una caratteristica comune degli dèi della pioggia) che copre la parte inferiore del suo volto. Se colorata, quindi il suo corpo è dipinto di nero e la sua maschera facciale rosso. A volte indossa conchiglie, soprattutto la conchiglia (ehecacozcatl o 'gioiello del vento'), indossata come un pettorale, con cui ha anche fischiato il suo modo fuori il mondo sotterraneo. Gusci possono essere un altro indizio su origini di Huaxtechi costiere di Dio. Una delle statue più famose del Dio è da un tempio dedicato a Quetzalcoatl-Ehecatl a Calixtlahuaca nella valle di Toluca. Il Dio sta 1,76 m alto, rigido e pronto a soffiare il suoi venti divini attraverso la sua maschera di becco. È ora in Mostra nel Museo Nazionale di antropologia di città del Messico.
[ Indice ▲ ]
[ 6 ]

K'inich Yax k ' Mo

Origine e storia
da Joshua J. Mark

Yax K'uk' Mo' (pronunciato 'Yash Kook Mo') fu il fondatore e primo re della dinastia che governò la città Maya di Copan (nell'odierna Honduras) per 350 anni. Formalmente conosciuto dal suo nome reale, K'inich Yax K'uk 'Mo', regnò per undici anni da 426-437 CE. Il suo nome è tradotto come 'Radiante primo Quetzal Ara' o 'Ara dalle ali verdi di Sun-Eyed' o anche 'sole alla bocca dell'uccello Quetzal'. Le molte interpretazioni del suo nome si riflettono le varie teorie sulle sue origini. Egli non era nativo di Copan, e gli studiosi ipotizzano che egli potrebbe provenire da Teotihuacán, da Tikal o Caracol o da qualche altra regione interamente. Chiaramente tutto ciò che è noto è che un uomo di nome K'uk Mo' Ajaw emerse da qualche località distanti da Copan in 416 CE, ha preso parte a qualche tipo di azione militare e divenne re nel 426 CE.
Egli governò bene che era molto rispettato, è attestata dai tributi dei governanti successivi e il record archeologico che rende chiaro che Mo di Yax k ' essenzialmente costruito quello che oggi è riconosciuta come la città Maya di Copan. Informazioni riguardanti la sua vita viene da incisioni su stele, monumenti e templi trovati a Copan e nelle vicinanze di Quirigua inclusi (anche se non limitato a): il famoso altare Q (commissionato dall'ultimo re di Copan, Yax Pasah, raffigurante i 16 re di inizio di Copan con Yax k Mo'); Copan Stele E (che racconta delle sue ferite, o 'abbattimento', nell'impegno militare di 416 CE); Copan tempio II (che fu dedicata come 'The House di Yax k Mo'); Il Xulpi Stone (un marcatore funerario dedicata a Mo di Yax k ' nel 437 CE); e l'indicatore di Motmot (monumento di pianura di Maya) che è la prima raffigurazione del re.

Luogo di origine e suoi famosi 'occhiali'

Nome di k Mo lo collega con la città di Tikal, soprattutto a causa della statua di Hombre de Tikal che, anche se senza testa, raffigura un signore della guerra ed è intagliata con il nome 'K'uk Mo'. Gli studiosi sono d'accordo, però, se si tratta di una raffigurazione del gran re di Copan o un altro guerriero. Il Mayanist David Stuart ha sottolineato che l'indicazione 'K'uk Mo' era abbastanza comune nella regione. Anche così, Yax k Mo' era noto anche come "Signore dell'ovest" (l'unico sovrano di Copan a detenere tale titolo), che era un'indicazione onoraria trasportata dai re di Tikal e, più in particolare, dal sovrano precoce di Tikal Siyaj K'ak' chi ha avviato l'aumento di quella città nel 378 CE e ascesa al potere dei cui imprese Yax k Mo sembrano hanno emulato. Alcune raffigurazioni di Yax k Mo', tuttavia, lo presentano in Teotihuacán Abbigliamento e ornamenti; suo 'goggles' sono associati con il Dio della pioggia Tlaloc, venerato nella città di Teotihuacán, che collegano anche lui a quella regione.
Il 'goggles', che alcuni scrittori hanno ipotizzato sono prova dell'antica attività aliena nell'aumento della civiltà Maya (come assomigliano occhiali da aviatore), non sono occhiali di protezione ma, piuttosto, parte del copricapo cerimoniale del re.
Il 'goggles', che alcuni scrittori hanno ipotizzato sono prova dell'antica attività aliena nell'aumento della civiltà Maya (come assomigliano occhiali da aviatore), non sono occhiali di protezione ma, piuttosto, parte del copricapo cerimoniale del re. Il titolo 'sole-eyed' (Kinich) nel suo nome è stato utilizzato anche dai governanti a Teotihuacán che indossavano copricapi simili con quelli che sembrano essere gli occhiali sopra gli occhi. Questo ornamento sopra gli occhi forse rappresentato separazione del righello da gente comune e associazione con lo sguardo penetrante degli dèi (come rappresentato dal sole). David Stuart, tuttavia, sostiene contro Teotihuacán come punto di origine che affermano che il nome di Yax K'uk Mo rappresenta uccelli nativi Mesoamerica meridionale ma non la regione intorno a Teotihuacán. Stuart scrive,
Tutto sommato, si può semplicemente concludere dalla prima arte dinastica e iscrizioni che K'inich Yax k ' Mo' era un Maya re, ma con importanti contatti con l'estero e le associazioni "(239). Stuart si sottolinea anche che il marcatore Motmot è un puramente Maya creazione, è la rappresentazione più in anticipo di Yax k Mo' e lo presenta in abito di Maya. Stuart si conclude quindi che "era un signore Maya completamente intriso di tradizioni di Teotihuacán. (193)
I suoi contatti con Teotihuacán, la sua esperienza militare e probabile precoce abilità politica, tutti gli permise di espandere il potere e il prestigio della città di Copan, al punto che si può dire che ri-fondò la città.

Copan, Quirigua & Tikal

La città di Tikal era all'apice del suo potere al momento della comparsa di Yax K'uk Mo a Copan. Lo storico scrive Maria Longhena, "una serie di fattori, compresa la posizione strategica di Tikal nell'area cultura di Maya e il suo sviluppo storico registrato sui suoi monumenti, hanno recentemente portato epigrafisti Nikolai Grube e Simon Martin di formulare una teoria che Tikal e Calakmul insieme deteneva una posizione dominante negli altri Stati di città Maya del periodo classico" (243). È a causa della prominenza di Tikal che gli studiosi hanno ipotizzato che Mo di Yax k ' probabilmente è stata sostenuta dal regime di quella città nella sua ascesa a Copan o che la sua ascesa al potere era il risultato di un colpo di stato avviato da Tikal che prima è stata tentata in 416 CE e compiuta nel 426 CE. La vicina città di Quirigua fu fondata dal re di Copan prima dell'arrivo di Yax K'uk Mo ed era subordinato alla città madre durante la maggior parte della sua storia.
Un'iscrizione sulla sommità altare Q presso Copan racconta come il fondatore, allora conosciuto come K'uk Mo' Ajaw, ha viaggiato da lontano e, il 5 settembre 426 CE,
si dice che sono ' prese K'awiil', nel senso di cogliere uno scettro nella forma della divinità serpente-footed, quindi segna un passaggio allo status regale. Tre giorni più tardi, ora che porta il suo nome reale, K'inich Yax K'uk' Mo' verra ' alla wi te' naah, che può tradursi come "Radice House", una struttura collegata alla Fondazione delle dinastie, con forti associazioni centrali messicane. In questa occasione, almeno un altro signore della regione, il re di Quirigua, è noto che hanno aderito. Non è prevista la posizione [della casa radice] ma la sua distanza da Copan è implicito nei giorni 152 che intervenire prima 'arrivo qui' del fondatore a Ox Witik, il nome del posto principale di Copan (Martin e Grube, 192).
Questa iscrizione è interpretata per significare che Mo di Yax k ' ricevuto sua Commissione (o potenza) da Tikal (associato con il viaggio di giorno 152), andò prima a Quirigua, installare un righello leale alla sua causa in quella città e quindi è venuto (o marciò alla testa di un esercito) a Copan. Al suo arrivo, avrebbe trovato una città piccola ma impressionante costruita in una fertile valle nelle vicinanze del fiume Copan; negli undici anni del suo governo la città sarebbe espandersi attraverso progetti di costruzione massiccia che ha sollevato enormi templi e piramidi in stile di Tikal e di Teotihuacán.

Il Xulpi di pietra e la tomba di Hunal

Mo di Yax k ' ha presieduto il festival alla fine del 9 ° Baktun con suo figlio, K'inich Popol Hol, su 11 dicembre 435 CE. Un Baktun è un periodo di tempo di 394 anni o 20 Katun cicli di 144.000 giorni, inizio e fine di cui è stato segnato da importanti celebrazioni dagli antichi Maya (e dai loro discendenti al giorno d'oggi). Non è chiaro se suo figlio aveva assunto la regola in questo momento e Yax k Mo' si era ritirato o se erano righelli congiunti, ma sembra che padre e figlio effettuati rituali di pari importanza a questo festival. Il Xulpi Stone, un marcatore funerario datato 30 novembre 437 CE, è stato commissionato da K'inich Popol Hol in onore di suo padre, e quindi morte di Yax K'uk Mo è datato a quell'anno, ma è possibile morì prima della data sulla pietra. Un aspetto significativo di questo indicatore è che Mo di Yax k 'personalmente è collegato con Siyaj K'ak', il Signore della guerra di Tikal, che sono anche arrivati misteriosamente in quella città nel 378 CE e avviati i progetti di costruzione e l'espansione che ha reso così prospera Tikal.
Nel 2000 CE, gli archeologi che lavorano presso Copan scoprì la tomba di un re precoce ora riconosciuta dalla maggior parte degli studiosi per essere inich Yax k Mo'. La posizione centrale della tomba in città e gli elementi personali seppelliti con il corpo suggerisce tutti forte identificazione con il primo grande re di Copan. Più significativo, tuttavia, come lo storico che Geoffrey e. Braswell note, questi elementi correlano precisamente con la raffigurazione di Yax K'uk Mo su d: altare "l'individuo nella tomba Hunal ha sofferto una frattura di parry severa dell'avambraccio destro coerenza con la raffigurazione del ritratto del guerriero di inich Yax K'uk Mo sull'altare Q, in cui viene mostrato che tiene un piccolo scudo proteggendo l'avambraccio destro." Analisi di isotopi di stronzio dei denti dello scheletro ha rivelato che egli non era nativo di Copan, ma trascorse la sua gioventù a sud della città nel bacino del Peten e vissuto solo nella zona della città negli ultimi anni della sua vita. Ulteriore sostegno per lo scheletro della tomba Hunal essendo quella di Yax k Mo' è la vicina tomba del cosiddetto "signora In rosso". Si pensa che Mo di Yax k ' legittimato la sua regola di Copan sposando una donna nobile della città. Un'attenta analisi dello scheletro "Signora In rosso" Mostra che è nata nella regione Copan, suo abbigliamento ricco lei designa come royalty e sua vicinanza alla tomba del re lei collega come un parente stretto.
Il Xulpi Stone e la tomba di Hunal, quando si consideri altare Q e il resto delle iscrizioni a Copan (come la scalinata geroglifica gravemente eroso), sembrano suffragare Yax k Mo' come un signore della guerra da Tikal che emulato la vita dell'eroe precoce Siyaj K'ak' e creato una metropoli a Copan che sperava sarebbe specchio la grandiosità del possente Tikal. Egli è riuscito nel suo obiettivo e gettato le basi di una dinastia che, per 350 anni, concentrata sullo sviluppo di arte, cultura, commercio, espansione attraverso campagne militari e progetti di costruzione magnifica. I 16 re di Copan sono onorati come uguali nella loro rappresentazione su altare Q a causa dell'uniformità dei loro sforzi e le realizzazioni nel migliorare la vita dei cittadini della città. Tutto sembra aver seguito Yax K'uk Mo politiche e visione per la città e ciascuno curato e migliorato gli sforzi del loro predecessore. Nel 1988 CE, scavi a Copan, portato alla luce una cripta accanto a Q di altare che conteneva i resti di 15 giaguari che erano stati sacrificati nel 775 CE dall'ultimo re della dinastia, Yax Pasah, in onore dei suoi 15 predecessori. Questo, insieme al record che aggiunti ogni re, illustra la visione cooperativa e progressiva dei governanti di Copan in quanto, invece di cercare di superare personalmente il loro predecessore, ci hanno onorato il righello precedente mantenendo la stessa visione e politiche.

Il declino di Copan

Nel 738 re CE la tredicesima di Copan, Uaxaclajuun Ubaah K'awill, fu catturato dai re di Quirigua e decapitato. Longhena scrive, "Questo segna un momento drammatico per il prestigio politico e militare della città di Copan che, a quel tempo, era godendo di un periodo particolarmente splendido e deve essere stato uno dei più importanti e popolose di Maya città"(252). Quirigua chiaramente aveva gettato il suo stato vassallo di questo tempo e attivamente era in competizione con Copan per il primato. Copan sembra avere diventano sempre più popolato durante questo tempo e opere d'arte dal periodo raffigurano conflitto più militare rispetto a opere di periodi precedenti. Grande edificio progetti continuati durante questo tempo, ma, quando il sovrano XVI di Copan, Yax Pasah, salì al trono nel 763 CE, ha avviato un diverso tipo di arte. Il suo Regno è caratterizzato da edifici più modesti e un'enfasi sulla storia della città.
Sotto Yax Pasah scalinata geroglifica, che era primo costruito nel 710 CE per raccontare la storia della città, è stato ristrutturato e altare Q è stato creato. L'attenzione di entrambi questi monumenti e l'ulteriore arte geroglifica commissionata sotto il Regno di Yax Pasah, riflettono una preoccupazione con la gloria del passato di registrazione in un presente incerto. Regola di Yax Pasah finisce la dinastia fondata da Yax k Mo', e l'ultimo re di Copan, un sovrano di nome Ukit Took, non lasciato dietro di sé un altare incompiuto e miglioramenti o lavori di ristrutturazione per gli edifici. La popolazione di Copan è diminuita come risorse è diventato sempre più scarse. Uso eccessivo del terreno e una popolazione cresciuta troppo grande per il rifornimento idrico, hanno portato a un costante esodo dalla città e un declino tagliente nel suo prestigio. Il Katun celebrazione di 810 CE si tenne a Quirigua, non Copan e, da 830 CE, la città fu abbandonata.
[ Indice ▲ ]
[ 7 ]

Yaxchilan

Origine e storia
da Mark Cartwright

Yaxchilan, situato sulle rive del fiume Usumacinta nella penisola dello Yucatán, fu un importante centro di tardo classico Maya . I Maya datato la Fondazione della loro città a 320 CE, ma Yaxchilan fiorì tra il c. 580 e c. 800 CE, beneficiando di commercio via fiume Usumacinta e trading in resina di copale e coloranti trasformati a base di legno del Brasile. Resti di palafitte pietra suggeriscono che il sito una volta aveva un cancello ponte o pedaggio. Impressionante di architettura e scultura, il sito Visualizza prove di guerra prima del suo crollo nel IX secolo CE.
Purtroppo, gli edifici di Yaxchilan hanno subito danni ed erosione da inondazioni nel corso dei secoli. Tuttavia, più lontano il fiume sono diverse piccole colline ai lati est ed ovest, su cui sono state costruite piattaforme e terrazze. Gran parte dell'architettura superstita è in stile Petén, come visto in siti come Tikale contatto tra i due siti viene stabilita attraverso inter-matrimoni reali. Inoltre, stretti ingressi multipli e tetto ornato pettini ricordano di Palenque.
Yaxchilan è degno di nota per la sua scultura stele autoportante sia su edifici, soprattutto architravi.
Uno dei più imponenti edifici di Petén-stile è il 33 struttura simmetrica, costruito c. 750 CE, che viene avvicinato da una doppia piattaforma con scale e cui pettine è supportato da interni di rinforzo. La struttura fu costruita in onore del metà-8 ° secolo CE Yaxchilan righello Bird-Jaguar (governato 752-768 CE) cui somiglianza è apparso in decorazioni a stucco nel centro del pettine sul tetto dell'edificio. Di fronte all'edificio è una stalattite intagliata che rappresenta una grotta sacra. Uccello-Jaguar ha continuato a espandere Yaxchilan e costruito non meno di undici altri edifici e 33 monumenti.
Yaxchilan è anche degno di nota per la sua scultura sia su stele autoportante su edifici, soprattutto architravi dove le scene possono solo essere visto da direttamente di sotto. Prime figure sono rappresentate dalla parte anteriore e sono relativamente irrilevante, ma dalle figure metà-8 ° secolo D.C. vengono sottoposti a rendering nel profilo e disegni diventano sempre più dinamiche, spesso incorniciate da glifi Maya. Stela 11 Mostra due figure in costume sulla parte anteriore, probabilmente significare l'adesione del righello Bird-Jaguar a fianco del padre e, in uno stile molto diverso, il rovescio dimostra ancora una volta uccello-Jaguar, questa volta rappresentata come il Dio Chahk, attaccando tre vittime in ginocchio con lo scettro.
Le scene su architravi di pietra calcarea, scolpite in alto rilievo, ritraggono in genere rituali come un adoratore del prelievo di sangue dalla sua lingua in presenza di un sacerdote e la Bird-Jaguar in piedi sopra un prigioniero inginocchiato. Un'altra scena vivida, da tempio 23, Mostra una creatura gigante serpente bicefalo dalla bocca dei quali emergono un guerriero e il Dio di guerra e pioggia Tlaloc, che entrambi torre sopra un adoratore Inginocchiare, identificato come Lady Xok', moglie del sovrano Yaxchilan scudo-Jaguar (r. 681-742 CE), che vede il mostro in una visione indotta del salasso. Questa scena, come indicato dai glifi, avvenne il 23 ottobre 681 CE, l'adesione di Itzamnaaj Bahlam II, 'Scudo Giaguaro il grande'. Tracce di rosso, verdi e gialli indicano che i pannelli sono stati una volta vivaci. Queste scene violente sono tra i primi a mostrare tali episodi grafici della vita religiosa e della conquista, anche se sarebbe più tardi diventato comune nell'arte delle civiltà tolteca e Azteca .
[ Indice ▲ ]
[ 8 ]

Mitla

Origine e storia
da Mark Cartwright

Mitla, situato nella parte orientale della Valle di Oaxaca nel sud del Messico, era un luogo importante della civiltà zapoteca. Guadagnare visibilità nel periodo post-classico (c. 700-900 D.C.), Mitla divenne la più importante di Zapotec città dopo il declino di lungo tempo capitale Monte Albán. La città era contemporanea con in primo luogo i Toltechi e poi le civiltà Azteca e continuò ad essere abitato fino alla conquistaspagnola. Il sito è più famoso oggi per il suo edificio rettangolare enorme, la sala delle colonne, che è riccamente decorata in bassorilievi geometrici.
Il nome Zapoteco della città era in realtà Lyobaá che significa 'Terra di riposo', come Mitla è il nome più tardi che deriva dalla parola Nuahtl Mictlan, che significa "Luogo dei morti". Entrambi i nomi si riferiscono alla leggenda che il re zapoteca, sacerdoti e grandi guerrieri furono sepolti in un'enorme camera sotto la città. Archeologia ha, tuttavia, ancora da scoprire la prova di tale camera.
Il nome Zapoteco della città era in realtà Lyobaá che significa 'Terra di riposo'.
Mitla è di modesta dimensioni rispetto ad altri centri mesoamericani sopravvissuti, ma si vanta un'impressionante collezione di edifici. Questi sono raggruppati in cinque zone distinte, costruiti lungo l'asse nord-sud, due risalenti al periodo classico e gli altri tre dal periodo post-classico. I precedenti gruppi sono recinti sacri che furono riutilizzati successivamente nella storia della città. Il più importante degli edifici post-classici è il gruppo conosciuto come il gruppo delle colonne - otto edifici disposti a formare due distretti. Queste strutture sono state costruite utilizzando lastre di trachite e sono meglio descritto come sale lungo rettangolare costruite su ogni lato di una piazza che lasciano ai quattro angoli aperti. Si levano in piedi alto otto metri e le pareti e gli angoli magra leggermente verso l'esterno come si alzano, tanto come gli edifici Maya di Uxmal. Le sale, probabilmente utilizzate come palazzi e forse anche come la residenza del sacerdote più importante nella cultura zapoteca, aveva coperture piane supportate da monumentali travi in legno e colonne in pietra cilindriche. Conti coloniale, soprattutto da un padre Burgoa, descrivono le caratteristiche degli interni di questi edifici, come il trono di pelle-coperta di jaguar del sommo sacerdote, la pulizia dei palazzi e le cerimonie del sacrificio umano che regolarmente sono state trasportate là fuori.
La caratteristica più importante di architettura delle sale Mitla, tuttavia, sono la massa di sculture in altorilievo, sia scolpita nella pietra o in altri casi costituiti da singoli pezzi di pietra come un mosaico, che coprono le loro pareti esterne. I rilievi sono impostati in oltre 150 pannelli mostrando una grande varietà di intricati disegni geometrici originariamente impostato su uno sfondo rosso stucco dipinto che deve aver fatto i modelli ancora più sorprendente. Le forme più comuni sono mal-e-fret, meandro e motivi chiave, a volte incorporando spirali e diamanti. I disegni erano molto probabilmente ispirati da modelli tessili e possono rappresentare specifiche filiere famiglie o luoghi geografici. Grande cruciforme tombe sono state scavate sotto diversi edifici a Mitla e loro, troppo, sono decorate con disegni geometrici.
L'arte di Mitla si vede meglio in metallo e dipinte ceramiche, mentre dal decimo secolo dipinto CE manoscritti sono state prodotte. Murales sono stati aggiunti alcuni degli edifici nei secoli precedenti l'influenza spagnola di conquista e visualizza Aztec. Scene raffiguranti dèi, guerrieri e cacciatori sotto o il sole nascente o cieli stellati e bande di cielo sono state dipinte in genere in rosso su una superficie di intonaco grigio. Che Mitla era sempre più minacciata dall'attacco nel tardo periodo post-classico è attestata dalla presenza di una fortezza su una collina vicino alla città e il fatto che gli Aztechi stabilì una guarnigione a Mitla da c. 1450 CE. Post-conquista, fu costruita una Chiesa in cima il gruppo di costruzione più a nord.
[ Indice ▲ ]
[ 9 ]

Cuicuilco

Origine e storia
da Mark Cartwright

Cuicuilco è un sito di antico insediamento nel Messico centrale, ora si trova nel sud del Messico City. Prominente nel tardo periodo pre-classico, circa 500 A.C., si distingue per il suo tumulo circolare grande tempio , una delle prime strutture monumentali in ancient Mesoamerica e influente su molti monumenti in piramide successivamente costruito dai Maya e Aztechi, tra gli altri. Sepolto a diversi metri di lava e abbandonato Cuicuilco rimane uno dei più enigmatici primi centri urbani nelle Americhe.

Un grande centro urbano

Cuicuilco fu abitata solo nel periodo quando villaggi mesoamericane sono state trasformando in più grandi centri di popolazione che sarebbero diventato a sua volta le grandi città della regione nei secoli successivi. Al suo apice la città può avere una popolazione di fino a 20.000 persone, la sua prosperità basata su un terreno fertile nel bacino lagunare circostante della valle del Messico. Diverse strutture di piccola piattaforma, case e piazze sono state rinvenute presso il sito, che si stima di aver coperto 400 ettari (1.000 acri), dimostrando che si trattava di uno dei primi grandi insediamenti in Mesoamerica.

Il tempio piramide

Il sito di Cuicuilco è oggi dominato dal massiccio tempio circolare piramide o tumulo. La struttura è stata costruita qualche volta nel v secolo A.C. (confermata dalla datazione radio-carbonio). Il tumulo di terra, sabbia e rubble è 135 metri (443 piedi) di diametro alla sua base e alta 23 metri (75 piedi). Il volume totale del tempio è 60.000 metri cubi (2 milioni piedi cubici). Ha quattro livelli mansardata interiormente i lati che ridurne le dimensioni. I quattro livelli sono stati ciascuno di fronte a rocce di pietra vulcaniche e lastre fissate in posizione mediante una Malta di argilla. La costruzione del terrapieno del tempio era in due fasi distinte. In primo luogo, due livelli sono stati costruiti con un tempio sul livello superiore. Probabilmente si trattava di un tentativo per garantire una piattaforma asciutta e permanente sopra le pianure alluvionali qui sotto. In un secondo programma di costruzione, il tumulo fu ampliato con l'aggiunta di un altro due livelli più alti, ancora una volta con un tempio sul livello superiore.
Cuicuilco, con una popolazione di 20.000 abitanti, fu il primo grande insediamento in Mesoamerica.
L'altare di pietra trovata dagli archeologi in cima alla piramide originariamente era ospitato in una struttura di doppio tempio con un tetto a cono. Aggiunta di un supplemento di quattro metri all'altezza del tempio già impressionante, questa struttura è stata stata allineata con il sole durante l'equinozio. L'altare reca tracce di pigmento rosso (cinabro), suggerendo che il suo scopo era per sacrifici nelle cerimonie religiose. Scavato accanto a questo altare era una figurina ceramica, databili a circa 300 A.C., che rappresenta un uomo anziano che trasportano un braciere sulla schiena. Lo storico R.E. Townsend suggerisce che potrebbe trattarsi di rituali all'altare coinvolto fuoco. In successive culture mesoamericane sappiamo che i sacerdoti erano responsabili del mantenimento tempio incendi.
La cima del tempio era accessibile tramite una rampa e tre rampe di scale monumentali sul lato est, mentre il lato ovest ha avuto quattro rampe di scale. La forma circolare del tumulo è molto simile alle successive strutture huasteche e Tarasco, e il monumento a strati con le scale è una forma in anticipo del grande tempio piramidi che dominerebbero siti mesoamericani come Teotihuacan, le grandi città e capitale Azteca Tenochtitlan.
Al lato del terrapieno del tempio sono siti di sepoltura . Loro lo scavo ha rivelato terraglie, bruciatori di incenso e figurine di argilla di produzione locale. Le figurine sono tipiche dell'arte mesoamericana di tutti i periodi e rappresentano figure umane, animali e uccelli. Le femmine in piedi sono il tipo più comune, con dettagli come bocca e occhi ovali, profondamente incisi con una sola riga.

Distruzione

Cuicuilco fu devastato da un flusso di lava del vulcano di Xitli vicina alla fine del periodo pre-classico, forse intorno al 200 A.C.. Circa 150 anni più tardi (o forse anche c. 100 D.C.) c'era un'altra eruzione e Cuicuilco venne definitivamente abbandonato lasciando il suo vicino di casa Teotihuacan per dominare la regione per i prossimi 500 anni. Se quest'ultima data è accettata per la seconda eruzione, quindi è probabile che più potente Teotihuacan aveva già assunto di Cuicuilco. Il flusso coperto di sepoltura in fino a sette metri di lava rendendo impraticabile scavo nella maggior parte dei luoghi del sito e la collinetta di tempio. Tuttavia, parti del sito sono stati scavati e sua collinetta del tempio riscoperto nel 1920s CE.
[ Indice ▲ ]
[ 10 ]

Viracocha

Origine e storia
da Mark Cartwright

Viracocha era il Dio supremo degli Incas. È anche conosciuto come Huiracocha, Wiraqoca e Wiro Qocha. Considerato il Dio creatore era il padre di tutte le altre divinità Inca ed è stato colui che ha formato la terra, cielo, sole, luna e tutti gli esseri viventi. Quando ha finito il suo lavoro si credette hanno viaggiato in lungo e in largo l'umanità insegnamento e portando le arti civilizzate prima ha diretto ad ovest attraverso il Pacifico, mai per essere visto di nuovo ma promettente un giorno per tornare. In sua assenza divinità minori sono stati assegnati il dovere di prendersi cura degli interessi della razza umana ma Viracocha era, tuttavia, sempre a guardare da lontano i progressi dei suoi figli.

Nomi alternativi

Come il supremo pan-Dio creatore di Andina, onnipresente Viracocha era più spesso definito dall'Inca utilizzando le descrizioni delle sue varie funzioni, piuttosto che il suo nome più generale che può significare lago, schiuma o mare-grasso. Questi usato un altro nome, forse perché il vero nome di Dio era troppo sacro per essere parlato, includevano Ilya (luce), Ticci (inizio) e Wiraqoca Pacayacaciq (istruttore).

Il Dio creatore

Si credeva che gli esseri umani erano in realtà di Viracocha secondo tentativo di creature viventi come ha prima creato una razza di giganti da pietra nell'età delle tenebre. Tuttavia, questi giganti si è rivelata indisciplinati e divenne necessario per Viracocha per punirli inviando una grande inondazione. Nella legenda tutti questi giganti ad eccezione di due poi restituiti alla loro forma originale di pietra e diversi potrebbe ancora essere visto in molto più tardi volte in piedi imponente in siti come Tiahuanaco (noto anche come Tiwanaku) e Pukará.
Come il Dio creatore supremo pan-Andina, onnipresente Viracocha era più spesso definito dall'Inca utilizzando descrizioni delle sue varie funzioni.
Quindi Viracocha creato gli uomini e le donne, ma questa volta ha usato argilla. Egli ha anche dato loro tali regali come vestiti, lingua, l'agricoltura e le arti e poi creò tutti gli animali. Ancora più utile è stata la decisione di Viracocha per creare il sole, luna e stelle e così portare la luce al mondo. Questi corpi celesti sono stati creati dalle isole nel Lago Titicaca. Finito e senza dubbio altamente soddisfatti sue fatiche, Viracocha poi partì per diffondere la sua conoscenza civilizzatrice nel mondo e per questo ha vestito come un mendicante ed assunto nomi come Con Ticci Viracocha (anche ortografato Kon-Tiki), Atun-Viracocha e Contiti Viracocha Pachayachachic. Fu assissted nei suoi viaggi da due figli o fratelli chiamati Imaymana Viracocha e Tocapo Viracocha. Il Dio non era sempre ben accolto nonostante la conoscenza che ha impartito, a volte anche la sofferenza pietre lanciate contro di lui. Viracocha finendo a Manta (in Ecuador), poi ho attraversato le acque del Pacifico (in alcune versioni Naviga una zattera) dirigendo verso ovest ma promettendo di ritornare un giorno per l'Inca e il sito delle sue opere maggiori.

Culto

Viracocha era effettivamente venerata dal pre-Inca del Perù prima di essere incorporate nel pantheonInca. Inca mitologia il Dio ha dato un copricapo e battle-axe per il primo sovrano Inca Manco Capac e promise che l'Inca avrebbe conquistare tutti prima di loro. Nome di Dio è stato presupposto anche dal re conosciuto come Viracocha Inca (morto nel 1438 CE) e ciò può anche essere il tempo quando il Dio venne ufficialmente aggiunta alla famiglia di divinità Inca. Adorato nella capitale Inca di Cuzco, Viracocha aveva anche templi e statue a lui dedicate presso Caha e Urcos e sacrifici degli esseri umani (compresi i bambini) e, molto spesso, i lama, sono state fatte al Dio in occasione di cerimonie importanti. Come altre divinità Inca erano più importanti per la vita quotidiana della gente comune, Viracocha era adorato principalmente dalla nobiltà e poi di solito in tempi di crisi politica.

Viracocha nell'arte

In arte Viracocha è spesso raffigurato come un vecchio barbuto che indossa una lunga veste e supportato da uno staff. Una delle sue prime rappresentazioni può essere la statua piangente presso le rovine di Tiwanaku, vicino al lago Titicaca, il tradizionale sito Inca dove tutte le cose sono state create. Qui, scolpito sull'architrave di un gateway massiccio, il Dio tiene thunderbolts in ciascuna mano e indossa una corona con i raggi del sole mentre le lacrime rappresentano la pioggia. Un'altra famosa scultura del Dio era la statua di dimensioni oro tre quarti a Cuzco che gli spagnoli descrisse come di un uomo barbuto dalla pelle bianca che indossa una lunga veste.
[ Indice ▲ ]
[ 11 ]
  • ≪≪≪ ◄► ≫≫≫

    Fonte:
    Ancient History Encyclopedia Il contenuto è disponibile sotto licenza Creative Commons CC BY-SA 3.0

    CONTENUTI CORRELATI ››