Sistema di caste nell'antica India »Acropoli» Acquarossa »Origini e storia


Articoli e definizioni »Contenuto

  • Sistema di caste nell'antica India »Origini
  • Acropoli »Origini
  • Acquarossa »Origini

Antiche civiltà »Luoghi storici e loro personaggi

Sistema di caste nell'antica India »Origini

Civiltà antiche

Autore: Nikul Joshi

L'antica India nel periodo vedico (1500-1000 aEV) non aveva una stratificazione sociale basata su indicatori socio-economici; piuttosto, i cittadini sono stati classificati in base alla loro Varna o caste. 'Varna' definisce le radici ereditarie di un neonato, indica il colore, il tipo, l'ordine o la classe di persone. Vengono definite quattro categorie principali: bramini (sacerdoti, guru, ecc.), Kshatriya (guerrieri, re, amministratori, ecc.), Vaishya (agricoltori, commercianti, ecc., Chiamati anche Vysyas) e shudra (lavoratori). Ogni Varna propone specifici principi di vita da seguire; i neonati sono tenuti a seguire le abitudini, le regole, la condotta e le credenze fondamentali per i rispettivi Vara.
clip_image001

Bhagavata Purana

La prima menzione di Varna si trova nel versetto Purusha Suktam dell'antico sanscrito Rig VedaPurusha è l'essere primordiale, costituito dalla combinazione dei quattro Vara. I bramini costituiscono la sua bocca, Kshatriya le sue braccia, Vaishyas le sue cosce e Shudra i suoi piedi. Allo stesso modo, anche una società è costituita da questi quattro Varnas, i quali, attraverso la loro obbedienza alle regole di Varna, sono destinati a sostenere prosperità e ordine. Un neonato in una Varna specifica non è obbligatorio per obbedire ai suoi principi di vita; gli interessi individuali e le inclinazioni personali sono assistiti con uguale solennità, in modo da sradicare il conflitto tra scelta personale e regole abituali. Data questa libertà, una scelta deviata viene sempre valutata per il suo impatto a cascata sugli altri. I diritti di ogni cittadino di Varna sono sempre equiparati alle loro responsabilità individuali. Un elaborato sistema di Varna con intuizioni e ragionamento si trova nelManu Smriti (un antico testo legale del Periodo Vedico), e più tardi in vari Dharma Shastra . Varnas, in linea di principio, non sono lignaggi, considerati puri e indiscutibili, ma categorie, quindi inferendo la precedenza della condotta nel determinare una Varna invece della nascita.

SCOPO DEL SISTEMA VARNA

Il sistema di caste nell'antica India era stato eseguito e riconosciuto durante e, da allora, il periodo vedico che prosperò intorno al 1500-1000 aC. La segregazione delle persone basata sulla loro Varna aveva lo scopo di decongestionare le responsabilità della propria vita, preservare la purezza di una casta e stabilire l'ordine eterno. Ciò pre-risolverebbe ed eviterebbe tutte le forme di controversie derivanti da conflitti all'interno delle imprese e dall'intrusione dei rispettivi doveri. In questo sistema, vengono designati compiti specifici per ogni cittadino di Varna. Un Brahmino che si comporta come un Kshatriya o un Vaishya si deprezza, diventando indegno di cercare la liberazione o moksha . Per un bramino (esserne diventato uno per atto, oltre a quello per nascita) è considerata la bocca della società, ed è la forma di vita più pura secondo i Vedaperché personifica la rinuncia, l'austerità, la devozione, la ricerca solo della saggezza e dell'intelligenza coltivata. Anche a Kshatriya è richiesto di rimanere fedele al suo dovere di Varna; se fallisce, potrebbe essere emarginato. Lo stesso vale per Vaishya e Shudra. Gli shudra, lungi dall'essere lasciati fuori o irrilevanti, sono la base di un'economia, un forte sistema di supporto di un prospero sistema economico, a condizione che restino confinati ai loro doveri di vita e non cedano all'avidità, alla condotta immorale e all'eccesso di autoindulgenza.
LA RAGIONE SOTTOSTANZA PER ADERENDO AI DAZI DI VARNA È LA CREDENZA NELLA FATTORIA DI MOKSHA SU ESSERE DUTIFUL.
L'idea principale è che un tale ordine in una società porterebbe a contentezza, pace perpetua, adesione volontaria alla legge, deterrenza volontaria da ogni condotta scorretta, esercizio responsabile della libertà e della libertà, e mantenimento della caratteristica sociale fondamentale della "prosperità condivisa" sopra tutte le altre . L'educazione pratica e morale di tutti i Varnas e tale ordine sembravano giustificati nell'antica società indiana a causa delle diverse Varnas che vivevano insieme e della possibilità di disunione tra loro. Quindi i bramini furono incaricati di educare gli alunni di tutti i Varnas a comprendere e praticare l'ordine e l'armonia reciproca, indipendentemente dalle circostanze in difficoltà. La giustizia, il comportamento morale e retto erano insegnamenti primari negli ashram dei brahmini(ritiri spirituali, luoghi per cercare conoscenza). Dare agli alunni la coscienza pura per condurre una vita nobile era considerato essenziale, così come l'educazione pratica a tutti i Varnas, che fornivano agli studenti i loro scopi di vita e la conoscenza della giusta condotta, che si sarebbe manifestata successivamente in una società ordinata.
La ragione sottostante per aderire ai doveri di Varna è la credenza nel raggiungimento della moksha sull'essere obbedienti. La credenza nel concetto di Karma rafforza la credenza nei principi di vita di Varna. Secondo i Veda , è dovere ideale di un umano cercare la libertà dalla susseguente nascita e morte e liberarsi della trasmigrazione dell'anima, e ciò è possibile quando si seguono i doveri e i principi della propria Varna. Secondo i Vedauna costante invasione delle responsabilità di vita altrui genera una società instabile. Brahmani, Kshatriya, Vaishyas e Shudra formano la quadruplice natura della società, ognuno dei quali assegnava compiti di vita appropriati e disposizione ideale. Gli uomini delle prime tre caste gerarchiche sono chiamati nati due volte; prima, nato dai loro genitori, e secondo, dal loro guru dopo l'iniziazione del filo sacro che indossano sulle loro spalle. Il sistema di Varna è apparentemente embrionale nei Veda , successivamente elaborato e modificato nelle Upanishade negli Shastra di Dharma.

bramini

I bramini erano venerati come un'incarnazione della conoscenza stessa, dotata dei precetti e dei sermoni da rilasciare a tutti i Varnas della società. Non erano semplicemente venerati a causa della loro nascita di bramini, ma anche della loro rinuncia alla vita mondana e alla coltivazione di qualità divine, che si presumeva essere sempre assorta nella contemplazione del Brahman, quindi chiamato Brahmins. Sacerdoti, guru, rishi , insegnanti e studiosi costituivano la comunità bramina. Vivrebbero sempre attraverso il Brahmacharya(celibato) ha ordinato per loro. Anche i Brahmani sposati erano chiamati Brahmachari (celibi) in virtù del fatto di avere rapporti solo per riprodursi e rimanendo mentalmente distaccati dall'atto. Tuttavia, chiunque provenga da altre Varnas potrebbe anche diventare un Bramino dopo un'estesa acquisizione di conoscenza e coltivazione del proprio intelletto.
I brahmini erano la prima scelta come tutor per il neonato perché rappresentano il legame tra la sublime conoscenza degli dei e dei quattro Varnas. In questo modo, poiché la saggezza ancestrale è sostenuta attraverso la pratica del discepolo-guru, tutti i cittadini nati in ogni Varna rimarranno radicati ai requisiti delle loro vite. Normalmente, i bramini erano la personificazione della contentezza e dei disperdenti dell'ignoranza, conducendo tutti i ricercatori allo zenit della conoscenza suprema, tuttavia, a parte eccezioni, vivevano come guerrieri, commercianti o agricoltori in gravi avversità. Quelli conferiti con i titoli di BrahmaRishi o Maha Rishi furono invitati a consigliare i re e l'amministrazione dei loro regni. Tutti gli uomini di Brahmin potevano sposare donne dei primi tre Varnas, mentre sposare una donna di Shudra avrebbe, marginalmente, privato il Brahmino del suo stato sacerdotale. Tuttavia, una donna di Shudra non sarebbe rifiutata se il Brahmino acconsentisse.
clip_image002

I Veda (Rig-veda)

Le donne bramine, contrariamente alla credenza popolare della loro subordinazione ai loro mariti, erano, infatti, più riverite per la loro castità e trattate con ineguagliabile rispetto. Come per Manu Smriti , una donna bramina deve solo sposare un bramino e nessun altro, ma lei rimane libera di scegliere l'uomo. Lei, in rare circostanze, è autorizzata a sposare un Kshatriya o un Vaishya, ma sposare un uomo di Shudra è limitato. Le restrizioni nei matrimoni tra caste sono di evitare la successiva impurità della progenie nata dalle partite. Un uomo di una casta che sposa una donna di una casta superiore è considerato un fiammifero imperfetto, che culmina nella discendenza ignobile.

Kshatriyas

Gli Kshatriya costituivano il clan dei guerrieri, i re, i governanti dei territori, gli amministratori, ecc. Era fondamentale per uno Kshatriya essere appresa in armamenti, guerre , penitenze, austerità, amministrazione, condotta morale, giustizia e potere. Tutti gli Kshatriya sarebbero stati inviati all'ashram di un braminofin dalla tenera età fino a quando non furono completamente dotati di conoscenze necessarie. Oltre alle austerità come i bramini, avrebbero acquisito ulteriore conoscenza dell'amministrazione. Il loro dovere fondamentale era di proteggere il loro territorio, difendersi dagli attacchi, consegnare la giustizia, governare virtuosamente ed estendere la pace e la felicità a tutti i loro sudditi, e prenderebbero consiglio in questioni di sovranità territoriale e dilemmi etici dai loro guru bramini. Avevano il permesso di sposare una donna di tutte le Varnas con reciproco consenso. Anche se una donna Kshatriya o Brahmin sarebbe stata la prima scelta, alle donne di Shudra non fu proibito di sposare uno Kshatriya.
Le donne di Kshatriya, come le loro controparti maschili, erano dotate di discipline maschili, conoscevano perfettamente la guerra, i diritti di assolvere le funzioni in assenza del re e versavano negli affari del regno. Contrariamente alla credenza popolare, una donna Kshatriya era ugualmente in grado di difendere un regno nei momenti di difficoltà e impartire abilità di guerra ai suoi discendenti. La discendenza di un re Kshatriya fu mantenuta pura per assicurare la continuità sul trono e rivendicare la sovranità sui territori.

Vaishyas

Vaishya è la terza Varna rappresentata da agricoltori, commercianti, prestatori di denaro e persone coinvolte nel commercio. I Vaisya sono anche i nati due volte e vanno nell'ashram dei Braminiapprendere le regole di una vita virtuosa e astenersi da una cattiva condotta intenzionale o accidentale. L'allevamento dei bovini era una delle occupazioni più pregiate dei Vaisya, poiché il possesso e la qualità delle mucche, elefanti, cavalli e il loro mantenimento influivano sulla qualità della vita e sulla prosperità associata dei cittadini. Vaishyas lavorerebbe in stretto coordinamento con gli amministratori del regno per discutere, attuare e aggiornare costantemente gli standard di vita fornendo prospettive economiche redditizie. Poiché la loro condotta di vita li espone a oggetti di gratificazione immediata, la loro tendenza a trascurare la legge ea disprezzare il debole è percepita come probabile. Quindi, il re di Kshatriya sarebbe molto impegnato a risolvere le dispute originate dai conflitti tra i Vaishya.
clip_image003

Due commercianti in discussione, Ajanta

Anche le donne Vaisya sostenevano i loro mariti negli affari, nell'allevamento del bestiame e nell'agricoltura, e condividevano l'onere del lavoro. Erano ugualmente liberi di scegliere una moglie a loro scelta tra i quattro Varnas, anche se la scelta di uno Shudra era seriamente opposta. Le donne di Vaishya godevano di protezione sotto la legge, e le seconde nozze erano indubbiamente normali, proprio come negli altri tre Varnas. Una donna di Vaishya aveva uguali diritti sulle proprietà ancestrali in caso di morte prematura di suo marito, e sarebbe ugualmente responsabile per l'educazione dei suoi figli con il sostegno del marito.

Shudra

L'ultima Varna rappresenta la spina dorsale di un'economia prospera, in cui sono venerati per la loro doverosa condotta verso le funzioni di vita stabilite per loro. Le opinioni accademiche sugli Shudra sono le più varie poiché sembrano esserci più restrizioni sulla loro condotta. Tuttavia, Atharva Veda consente agli Shudra di ascoltare e apprendere i Veda a memoria, e anche il Mahabharata sostiene l'inclusione di Shudra negli ashram e il loro apprendimento dei VedaDiventare sacerdoti officianti in sacrifici organizzati dai re era, tuttavia, in larga misura limitato. Gli shudra non sono i due nati, quindi non sono obbligati a indossare il filo sacro come gli altri Varnas. A un uomo di Shudra era permesso solo sposare una donna di Shudra, ma a una donna di Shudra fu permesso di sposarsi da uno qualsiasi dei quattro Varnas.
Gli Shudra servirebbero i Brahmini nei loro ashram , Kshatriya nei loro palazzi e campi principeschi, e Vishya nelle loro attività commerciali. Sebbene siano i piedi dell'essere primordiale, i cittadini istruiti dei Vara più alti li considererebbero sempre come un segmento cruciale della società, poiché una società ordinata sarebbe facilmente compromessa se i piedi fossero deboli. Gli shudra, d'altra parte, obbedivano agli ordini dei loro padroni, perché la loro conoscenza del raggiungimento di mokshaabbracciando i loro doveri prescritti li incoraggiava a rimanere fedeli. Anche le donne di Shudra lavoravano come inservienti e stretti compagni della regina e andavano con lei dopo il matrimonio ad altri regni. Molti Shudra potevano anche essere agricoltori, commercianti ed entrare nelle occupazioni di Vaishyas. Queste deviazioni di compiti di vita sarebbero, tuttavia, in circostanze particolari, nel percepire situazioni economiche deteriorate. L'altruismo dei Shudra li rende degni di rispetto e rispetto senza precedenti.

RITIRO GRADUALE DALLE VARIE DAZI ANTICHI

Nonostante l'ordine di vita fosse organizzato per tutti i tipi di persone, alla fine del periodo vedico, molti cominciarono a deviare e disobbedire ai loro doveri primari. I bramini iniziarono a sentire la natura autoritaria della loro occupazione e status, a causa della quale l'arroganza si insinuò. Molti guru, citando la loro posizione che impartiva consigli ai re di Kshatriya, divennero empi e ingannevoli praticando le qualità di Shudra. Anche se i bramini sono tenuti solo a vivere di elemosine e non cercano più della loro minima sussistenza, capitalizzando il loro status superiore e la portata gerarchica indiscussa, hanno iniziato a chiedere di più per condurre sacrifici.
Gli Kshatriya si contesero spesso con altri re per mostrare le loro prodezze e possedimenti. Molti re trovarono accettabile rifiutare il consiglio del loro guru bramano e quindi divennero autoregolatori, prendendo decisioni ingiuste, portando alla perdita della regalità, del territorio e della fiducia dei Vaishya e degli Shudra. I Vaishya iniziarono a considerarsi potenti nella proprietà della terra e nella sottomissione degli Shudra. Le lotte intestine, l'inganno, l'inganno hanno influenzato la condotta di Vaishyas. Gli Shudra furono ripetutamente oppressi dai Kshatriya e dai Vaishya a loro piacimento, il che li indusse a rinnegare i loro doveri e optare invece per rubare, mentire, avarizia e diffondere disinformazione.
L'INDIA È ORA IN CASA PER UN REPOSITARIO DEL PRIMARIO QUATTRO VARNAS E CENTINAIA DI SUB-VARNAS, REALIZZANDO ORIGINAL QUATTRO VARNAS SOLO 'TERMINI DI OMBRELLO' E PERPETUALMENTE AMBIGUOSO.
Così, tutti i Varnas caddero dal loro virtuosismo, e gli atti ingiusti di uno continuarono a ispirare e giustificare atti simili di altri. Anche il mescolarsi di caste era considerato parte del declino dell'interesse nel sistema di Varna. La maggior parte di questi cambiamenti si è verificata tra il 1000 aEV e il 500 aC, quando costanti complessità sociali ed economiche sono emerse come nuove sfide per l'assegnazione dei compiti basata su Varna. La popolazione aumentò, così come la disunità dei cittadini nella loro fede collettiva nella santità del sistema originale di Varna. Le conversioni religiose hanno giocato un ruolo significativo nel sussumere le società di grandi dimensioni nei principi dell'umanesimo e in un'unica grande società.
Il periodo compreso tra il 300 CE e il 700 CE segnò l'intersezione di più religioni. Quando una grande popolazione di Varna divenne difficile da gestire, l'emergere del Giainismo propugnò l'ideologia di una sola Varna umana e nulla oltre. Molti seguirono le regole originali di Varna, ma molti altri, disapprovando le credenze opposte, formarono dei sub-Varnas modificati all'interno dei primi quattro Varnas. Questo processo, che si verifica tra il 700 CE e il 1500 CE, continua fino ad oggi, poiché l'India è ora sede di un deposito dei primi quattro Varnas e centinaia di sub-Varnas, rendendo i quattro Vara originali semplicemente "termini ombrello" e perennemente ambigui.
La successiva ascesa dell'Islam, del Cristianesimo e di altre religioni ha lasciato il segno nel sistema originale di Varna in India. Le generazioni convertite riformarono la loro nozione di induismo in modi compatibili con le condizioni di quei tempi. Anche l'ascesa del buddismo ha lasciato un'impronta significativa sulla legittima continuazione del sistema di Varna nelle rinnovate condizioni di vita. Così, l'aderenza profonda ai doveri di Varna dal picco del periodo vedico alla fine diminuì ad aderenza soggettiva, dovuta in parte al disagio nella pratica dei doveri di Varna e in parte all'influenza esterna.
Mentre gli impatti di cui sopra erano graduali, il ritiro rapido dalle regole di Varna era reso possibile dall'influenza su larga scala delle nozioni occidentali di libertà, uguaglianza e libertà. Questi cambiamenti possono essere osservati dal 1500 CE fino ad oggi. Per le nazioni occidentali, radicate nel proprio retroterra culturale, non aveva molto senso approvarlo nei loro occhi, il vecchio sistema di Varna. Intercettando l'invasione di Moghul e la sovranità di quasi tutte le dinastie indù , l'invasione britannica portò con sé una nuova visione del mondo basata sull'uguaglianza e la libertà, incompatibile con il sistema di Varna. La massiccia colonizzazione, l'impatto dell '"imperialismo culturale" hanno imposto modifiche significative ai doveri di Varna. Il commercio e la liberalizzazione, lo scambio di cultura hanno intaccato la minima parte di convinzione lasciata nel continuare il sistema di Varna.
Nonostante questo declino perpetuo, i discendenti di tutte e quattro le Varnas nell'India contemporanea stanno cercando di reinventare le loro radici alla ricerca della saggezza ancestrale. Sebbene i quattro Vara si siano impadroniti dei doveri di vita reciproci, un senso di ordine e pace è ricercato e richiamato in discorsi, raduni di comunità e impegno tra le diverse generazioni. Il sistema di Varna in termini contemporanei è seguito o con serio impegno senza riserve e dubbi o con ambiguità e resistenza derivanti da un'influenza esterna senza precedenti e da problemi di incompatibilità soggettiva. Mentre molti cittadini praticano una versione diluita del sistema di Varna, estendendo i suoi limiti e rigidità a un contesto più ampio di religione indù , i fedeli credenti continuano a sforzarsi ea promuovere l'importanza di reclamare il sistema.

Acropoli »Origini

Definizione e origini

Autore: Joshua J. Mark

clip_image004
Un ` acropoli 'è alcuna cittadella o complesso costruito su un'alta collina. Il nome deriva dal greco Akro , alto o estremo / estremità o bordo, e Polis , città , tradotto come "Città alta", "Città sul bordo" o "Città nell'aria", il più famoso è l'Acropoli di Atene , Grecia , costruita nel V secolo aC Sebbene la parola sia di origine greca, è arrivata a designare qualsiasi struttura costruita su un'altura in qualsiasi parte del mondo. Il Castle Rock di Edimburgo, in Scozia , ad esempio, sul quale si erge il famoso castello, fu fortificato già nel 850 aC e sarebbe conosciuto come un'acropoli, come lo sarebbero quelle delle cittàdelCiviltà Maya che si adattano a quella definizione, anche se non sono state costruite su un'altezza naturale. Sebbene ci fossero altre città-stato nell'antica Grecia che vantavano un'imponente acropoli (come Tebe , Corinto e, soprattutto, a Kolona, ​​sull'isola di Egina ), e la denominazione "acropoli" era usata anche nell'Antica Roma per una serie di edifici situati su una maggiore altezza rispetto alla geografia circostante, in tempi moderni la parola "acropoli" è sinonimo di antico sito ad Atene.

ATENE ACROPOLI

L'Acropoli di Atene fu progettata e iniziò la costruzione sotto la guida del grande generale e statista Pericle di Atene. Oltre due anni di pianificazione dettagliata entrarono nelle specifiche e contrassevano il lavoro per il Partenone da solo, e la prima pietra fu posta il 28 luglio 447 aEV, durante il festival panatenaico. Desiderando creare un monumento duraturo che onorasse la dea Atena (che presiedeva ad Atene) e proclamasse la gloria della città al mondo, Pericle non badò a spese per la costruzione dell'Acropoli e, soprattutto, del Partenone, assumendo l'esperto gli architetti Callicrates, Mnesikles e Iktinos e lo scultore Phidias(riconosciuto come il miglior scultore nel mondo antico che ha creato la statua di Zeus ad Olimpia , una delle sette meraviglie del mondo antico) per lavorare al progetto. Secondo lo storico Pedley, "il lavoro ... è stato condotto sotto la supervisione di Fidia. In realtà, Plutarco afferma che Fidia era responsabile di tutto lo schema di Pericle "(251). Centinaia di artigiani, metalmeccanici, artigiani, pittori, scultori del legno e letteralmente migliaia di lavoratori non qualificati lavoravano all'Acropoli. Fidia creò una statua in oro e avorio di Atena che sorgeva nel Partenone, noto come Tempiodi Athena Parthenos ('Athena the Virgin' in greco), o nel centro dell'Acropoli vicino al tempio più piccolo di Atena. Durante la festa panatenaica, i celebranti portavano una nuova veste all'antica statua di culto in legno di Atena, ospitata nell'Eretteo .
Il sito UNESCO afferma:
L'Acropoli ateniese è l'espressione suprema dell'adattamento dell'architettura a un sito naturale. Questa grande composizione di massicce strutture perfettamente bilanciate crea un paesaggio monumentale di bellezza unica costituito da una serie completa di capolavori del V secolo aC. I monumenti dell'Acropoli hanno esercitato un'influenza eccezionale, non solo nell'antichità greco- romana , un'epoca in cui nel mondo mediterraneo erano considerati modelli esemplari, ma anche in epoca contemporanea.
clip_image005

Acropoli Plan, Atene

L'Acropoli sorge a 150 metri di altezza nel cielo sopra la città di Atene e ha una superficie di circa 7 ettari (3 ettari). Il sito era una scelta naturale per una fortificazione ed era abitato almeno fin dal periodo miceneo in Grecia (1900-1100 aC), se non prima. C'era già un complesso costruito sulla collina e un tempio per Athena in corso, che fu distrutto dai Persiani sotto Sersenel 480 aC quando saccheggiarono Atene. Le strutture successive, famose oggi, furono costruite come testimonianza della resistenza degli Ateniesi in seguito alla sconfitta delle forze di Serse nella battaglia di Salamina (480 aC) e per esemplificare la gloria della città. I quattro edifici principali del piano originale per l'Acropoli erano i Propilei, il Partenone, l'Eretteo e il Tempio di Atena Nike . Il Propylaia era l'ornato ingresso nel complesso del tempio, mentre il Partenone era l'attrazione centrale. Pedley scrive:
Il Partenone è insolito per la sua massa di raffinatezza dorica ... Sebbene queste modifiche all'orizzontale e verticale siano minuscole, nell'edificio non ci sono tuttavia verticali o orizzontali veri e quindi non vi sono angoli retti. Allo stesso tempo, questi raffinamenti conferiscono un senso di mobilità a linee "diritte" ed evitano un aspetto a scatola. La dignità della forma è stata così rafforzata dal dinamismo delle forme. Le richieste per i muratori erano enormi. Tutti i blocchi, curvi o meno, dovevano adattarsi a filo; eppure dappertutto il blocco si adatta meticolosamente al blocco, e solo su una o due metope l'intaglio tradisce segni di incertezza o fretta. Di proporzioni precise, meravigliosamente costruite senza malta o cemento, tenute insieme da morsetti di ferro rivestiti di piombo per resistere alla corrosione, questa magnifica struttura ci perseguita oggi con la sua sorprendente combinazione di know-how tecnico e grandiosità. (253).

clip_image006

MODELLO DI ACROPOLI DI ATENE

MODIFICHE ALL'ACROPOLI

Altri edifici vennero aggiunti mentre l'Acropoli era in uso, e l' imperatore romano Adriano (76-138 dC) aggiunse i propri trionfi alla città e all'Acropoli, durante il suo regno. Con l'ascesa del cristianesimo dopo Costantino il Grande (272-337 dC) il Partenone divenne una chiesa e l'Acropoli un centro di devozione cristiana. In linea con la pratica comune della chiesa, tutte le immagini pagane furono distrutte e le modifiche apportate ai templi per portarle in allineamento con la sensibilità cristiana. Dopo la caduta di Roma in Occidente (476 dC) e poi quella dell'impero bizantinoin Oriente (1453 dC) ai Turchi, l'Acropoli fu trasformata in un luogo di culto musulmano e il Partenone divenne una moschea. Gli edifici dell'Acropoli furono danneggiati da uso illecito e negligenza durante l'occupazione turca della Grecia (quando il Partenone fu usato per presidiare il quartier generale delle truppe e l'Eretteo fu trasformato nell'harem del governatore) e subì ulteriori danni durante l'assedio veneziano del 1687 CE quando le forze italiane hanno cercato di rimuovere i turchi dalla Grecia. Dopo la guerradi Indipendenza del 1821 DC, i greci reclamarono l'Acropoli e tentarono di riportarlo alla sua antica gloria. L'inglese Lord Elgin, tuttavia, con l'approvazione dei turchi, aveva "rimosso un certo numero di figure frontali e grossi pezzi del fregio del Partenone, e li vendette al British Museum nel 1816" (Pedley, 263). Inoltre, il danno a gran parte dell'Acropoli, dopo anni di occupazione e abbandono, sembrava irreparabile. Solo nell'ultima parte del XX secolo CE sono stati avviati lavori di restauro e conservazione sul sito dell'Acropoli. Tale lavoro è in corso ai nostri giorni, incluso un nuovo museo che ospita manufatti significativi dal sito.

Acquarossa »Origini

Definizione e origini

Autore: Mark Cartwright

clip_image007
Acquarossa , che si trova nel nord della Italia regione Lazio 's, è il sito di un etrusca insediamento di nome sconosciuto. Benché molto più piccola delle altre città etrusche più famose, l'Acquarossa si è rivelata preziosa per gli archeologi poiché non è stata costruita fin dai tempi degli Etruschi. Gli scavi hanno rivelato i primi edifici pubblici e privati ​​insieme a molti esempi delle caratteristiche decorazioni del tetto in terracotta tipiche dell'architettura etrusca . Acquarossa fu misteriosamente distrutto e abbandonato c. 500 aC, forse per mano di una città rivale in un periodo in cui le più grandi città etrusche lottavano per soddisfare le richieste della loro crescente popolazione urbana e così annessero le terre dei loro vicini più piccoli.

ARCHITETTURA

Acquarossa è stato costruito su un altopiano a 6 km a nord di Viterbo, al confine settentrionale del Lazio, nel centro Italia. La città era sotto la giurisdizione di Cerveteri (aka Cisra / Caera). Gli scavi sono stati condotti nel sito da archeologi svedesi tra il 1966 e il 1978 CE, che hanno rivelato un villaggio dell'età del ferro con tracce di capanne circolari e ovali. Questi sono della cultura villanoviana , precursore degli EtruschiFondazioni successive del VII secolo aEV di case rettangolari etrusche furono ricavate da blocchi di tufo. Le pareti sarebbero state costruite usando mattoni di fango essiccati al sole rivestiti di intonaco o, più raramente, blocchi di tufo incastonati tra pali di sostegno in legno. I tetti di paglia erano decorati con aggiunte di terracotta inchiodate alle estremità delle travi di legno e un foro centrale che permetteva la fuoriuscita del fumo era coperto da una piastrella mobile dello stesso materiale.
ACQUAROSSA HA AVUTO UNA POPOLAZIONE DI CIRCA 7000 A ITS PEAK E 40 CASE SONO TANTO STATO SCAVATO.
Gli scavi hanno rivelato tracce di un grande complesso che includeva un tempio risalente al secondo quarto del VI secolo aC. Due edifici qui sono stati costruiti su un piano a forma di L con portici di colonne in legno disposte su basi di pietra e con capitelli. Una stanza ha panche di pietra lungo tre delle pareti. Una lunga trincea conteneva i resti dei sacrifici, indicando una pratica di culto nel sito.
Acquarossa aveva una popolazione di circa 7.000 al suo apice e 40 case sono state finora scavate. Sebbene vi sia una singola strada ben definita e sono stati tagliati canali di pietra per facilitare il drenaggio e riempire le cisterne, non vi sono evidenze di pianificazione urbanistica. Le abitazioni più grandi del VI secolo aC sono composte da più sale intercomunicanti. Alcune case avevano un portico e uno spazio adiacente tagliato da una roccia, dedicato all'alloggiamento degli animali. Diverse case sono raggruppate attorno a un cortile comune. I reperti rivelano che le stanze venivano utilizzate per lo stoccaggio di prodotti alimentari secchi in vasetti di vasellame di ceramica , attrezzature agricole e lavorazione del legno. Altri reperti includono ceramiche locali, utensili da cucina, bracieri portatili decorati con teste di ariete e attrezzature per la produzione di biancheria - usati per l'abbigliamento ela scrittura . La presenza di officine metalliche è attestata da reperti di forni e scorie di minerale di ferro, il risultato del processo di fusione.
clip_image008

Piastra di rivestimento, Acquarossa

DECORAZIONI DEL TETTO DEL TERRACOTTA

Piccoli reperti comprendevano molte decorazioni in terracotta tipiche dell'architettura etrusca. Erano fatti di argilla locale che indicava che Acqaurossa aveva i suoi laboratori. Alcune delle terrecotte sono del periodo 'orientalizzante' dell'arte e dell'architettura etrusca . Risalenti all'ultima parte del VII secolo e agli inizi del VI secolo aC, servivano a decorare i tetti spioventi del pubblico etrusco e anche a modesti edifici privati ​​e mostrano una tradizione indigena indipendente dal grecoArchitettura arcaica Molti sono dipinti di bianco su rosso con figure di cavalli, uccelli, pesci e, in un esempio, un maschio seduto. Alcuni, sebbene portati dal tempo, raffigurano una coppia di quadrupedi ritagliati uno di fronte all'altro come in un emblema araldico, e un altro tipo è modellato nei grifoni. I successivi tipi di decorazione in terracotta sono più standardizzati e rappresentano catene di nastri, loto o palmette, che illustrano una maggiore influenza dalla Grecia e dalla Magna Grecia .
Le placche in rilievo in terracotta dipinta sono state attaccate alle estremità del timpano di un edificio nel complesso sacro. Questi sono stati modellati per mostrare scene di una cena o di una festa con gli ospiti sdraiati sulle panchine; musicisti e ballerini, incluso uno che fa acrobaticamente un cartwheel; e una processione di guerrieri con lance e scudi accompagnati da aurighi. Un carro è trainato da un cavallo alato, e raffigurazioni di Ercole che lottano con il leone Neman e il toro cretese mostrano un'influenza greca. La maggior parte dei manufatti etruschi provenienti dall'Acquarossa sono ora esposti nel Museo Nazionale Etrusco di Viterbo.

Licenza

Articolo basato su informazioni ottenute da queste fonti:

con il permesso dal sito web Ancient History Encyclopedia
Il contenuto è disponibile sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported. Licenza CC-BY-NC-SA

Contenuto Consigliato