I dolmen della Sicilia »Aedile» Egeo »Origini e storia


Articoli e definizioni »Contenuto

  • I Dolmen della Sicilia »Origini
  • Aedile »Origini
  • Egeo »Origini

Antiche civiltà »Luoghi storici e loro personaggi

I Dolmen della Sicilia »Origini

Civiltà antiche

Autore: Salvatore Piccolo

È risaputo che la Sicilia , la più grande isola del Mediterraneo, ha attraversato un periodo preistorico piuttosto complesso. Tanto che è difficile orientarsi tra la confusione di persone che si sono succedute nel corso dei secoli. L'impatto di due influenze, tuttavia, rimane chiaro: uno dall'Europa che proveniva dal Nord-Ovest e uno dal Mediterraneo che aveva una chiara matrice mediorientale.
clip_image001

Il Dolmen di Monte Bubbonia

IL CONTESTO MEDITERRANEO

Negli ultimi anni quest'isola ha rivelato, come altre aree mediterranee, la presenza di piccoli monumenti dolmen , che si trovano quasi ovunque, sia nell'entroterra che lungo la costa. Tali monumenti, già conosciuti nell'Europa settentrionale con dimensioni maggiori, hanno affascinato gli studiosi per secoli, e con i progressi scientifici e tecnici dell'archeologia moderna , stiamo finalmente cominciando a capire qualcosa del loro scopo e dei significati che hanno avuto per le persone che hanno costruito loro. Sono un tipo di tomba, di solito composto da due o più megaliti verticali che sostengono una capstone orizzontale piatta (tabella) per formare una costruzione in cui gli elementi strutturali inquadrano uno spazio quadrangolare. In realtà, la configurazione tipica dei dolmen è trilitica, anche se alcuni di questi si sono evoluti in costruzioni piuttosto complicate, come nel caso dei falsi dolmen cupola, dove il restringimento del tetto è stato ottenuto diminuendo gradualmente la distanza tra le lastre dell'edificio o in costruzioni costituite da una serie di celle attorno a quella centrale.
L'EVIDENZA ARCHEOLOGICA MOSTRA CHE ALMENO UNO DEI DOLMEN SICILIANI, SIA STATO QUELLO DELLA CAVA DEI SERVI, ERA UTILIZZATO COME UN LUOGO BURIALE.
In ogni regione, tuttavia, sono stati affrontati problemi imprevisti per quanto riguarda la raccolta e il trasporto di materiali da costruzione. Nelle zone in cui la pietra era estremamente dura e difficile da schiacciare, sollevavano enormi monumenti; mentre in altri luoghi dove la pietra era facile da scheggiare, le strutture del metodo a pietra a secco furono costruite piuttosto che usare la vera tecnica megalitica . Questo è il caso della Sicilia, dove attualmente ne esistono cinque o più. Le prove archeologiche dimostrano che almeno uno di questi monumenti, vale a dire quello di Cava dei Servi, era usato come luogo di sepoltura, rivelando il vero scopo per cui sono stati costruiti qui.
I dolmen del Mediterraneo risalgono a un'era più recente di quella atlantica (tra la fine del 3 e la prima metà del II millennio aEV) e sono presenti nelle isole Baleari (Spagna), nell'isola della Sardegna ( Italia)), Puglia (Italia meridionale) e Malta. Malta ospita i più straordinari siti preistorici del Mediterraneo, i "templi megalitici": furono costruiti tra il 4000 e il 2500 aC circa e sono dedicati a un culto che adora una dea della fertilità. I dolmen lì, tuttavia, risalgono al periodo successivo (la seconda metà del 3 ° millennio aEV). Nella maggior parte dei casi sono piccole camere, con la copertura ricavata da una grande lastra posta su pietre verticali, appartenenti a una popolazione decisamente diversa da quella che costruiva i precedenti templi megalitici, che presumibilmente arrivavano dalla Puglia a causa della somiglianza del anche le costruzioni sono state trovate lì.
clip_image002

Mappa di Sicilian Dolmens

MONTE BUBBONIA

Dolci simili alle località sopra menzionate si possono trovare in Sicilia. Come quella del Monte Bubbonia, una maestosa collina alta 595 metri, a 20 km dalla città di Gela . Il monumento è costituito da colossali lastre di roccia, senza modifiche significative e di forma rettangolare. Una lastra di gesso funge da copertura e poggia su due megaliti paralleli che formano una camera di circa 2,60 metri quadrati. Il retro è incorporato nella naturale pendenza del terreno, mentre la parete posterioreè stato creato unendo due lastre poligonali. Frequenti frane hanno provocato un'inclinazione visibile a destra, causando un restringimento della parte iniziale della camera. L'ingresso, che si apre a nord-est, segue lo stesso orientamento astronomico di tutto il dolmen siciliano. L'idea architettonica originale era, senza dubbio, una piccola stanza tombale, come si trova in Sardegna e in Puglia, con la parete posteriore posta contro il ripido pendio della collina per facilitare la sepoltura, come era la norma per questo tipo di architettura.

CAVA DEI SERVI

Più a nord-est, sull'Altopiano Ibleo, un luogo chiamato Cava dei Servi era il sito di insediamenti umani dall'età del bronzo (circa 2200 aEV) fino al primo periodo della cultura di Pantalica (1270 aC circa), un'epoca in che molte sepolture all'interno di piccole caverne artificiali scavate lungo le pareti rocciose appartengono. Quest'area, che non è lontana dall'elevazione del Monte Lauro, garantiva eccellenti opportunità commerciali grazie all'estrazione della selce, poiché era facile da trasportare lungo i torrenti dei fiumi Tellaro e Anapo. Nella parte più alta dell'elevazione, una costruzione di lastre di medie dimensioni domina un paesaggio che non può fare a meno di suscitare sensazioni mistiche.
Il monumento è di forma semiovale, costituito da quattro lastre rettangolari fissate nel terreno con altre tre lastre sulla parte superiore, che si piegano in modo da ridurre la superficie e formare una sorta di "falsa cupola". Due massi a forma di pipa grandi e paralleli completano la costruzione. Le quattro pietre verticali che formano piegature hanno dimensioni più o meno uniformi, che dimostrano capacità costruttive per creare la corrispondente adesione tra i singoli elementi. Le tre lastre inclinate che sono state posizionate sulla parte superiore, tuttavia, hanno dimensioni irregolari, poiché non erano progettate per garantire stabilità, quindi la precisione sarebbe stata superflua.
clip_image003

Il Dolmen di Cava dei Servi

All'interno della camera, c'è una grande lastra gessosa che è stata fratturata in quattro punti. Sembrerebbe che fosse la pietra di volta del monumento e che si schiantò a terra a causa di numerosi smottamenti che interessarono la struttura. Tutti i pezzi, infatti, avrebbero fatto parte di un grande monolite, squadrato davanti per adattarsi alla porta di chiusura. La disposizione delle pietre ha dato forma a un edificio di circa 3,00 metri quadrati, situato sul pendio della collina per facilitare la sepoltura dell'edificio.
I numerosi frammenti di ossa umane (gli unici indizi organici trovati finora all'interno di un dolmen del Mediterraneo) e alcune schegge di ceramiche castellucciane (una cultura siciliana della prima età del bronzo), hanno determinato la funzione e la cronologia di questo edificio unico. Antropici confermano la natura sepolcrale del sito, mentre frammenti di terracotta, anche se pochi, ci hanno permesso di datare il dolmen all'età del bronzo. Il posizionamento attorno a un cimitero roccioso conferma la convinzione che non stiamo affrontando un tentativo di superare una struttura architettonica particolarmente impegnativa e pericolosa, come la piccola grotta artificiale. In realtà ci troviamo di fronte ad alcune elaborazioni assolutamente uniche. Questo luogo, quindi, avrà anche una necropoli dolmen. Strutture simili sono state trovate nella penisola iberica, in Sardegna, Puglia e sulla vicina isola di Malta, dove potrebbero avere un'origine comune con questo fenomeno siciliano. Il mistero che incombe sui costruttori dolmen maltesi e siciliani potrebbe essere svelato proprio qui in Sicilia.
IL MISTERO CHE SOSTIENE I COSTRUTTORI DOLMEN MALTI E SICILIANI POTREBBE NON ESSERE IMPEGNATO QUI IN SICILIA.
Intorno al 2500 aC, l'avanzata civiltà Tarxien (dal nome dell'omonimo luogo maltese) del piccolo arcipelago a sud della Sicilia, con il suo grande complesso di quattro templi megalitici, improvvisamente scomparve. Themistocles, l' archeologo malteseZammit, agli inizi del 1900 CE, ipotizzò che l'evento eccezionale fosse probabilmente dovuto a una pestilenza devastante che spazzò via gli abitanti di quelle piccole isole. Un altro gruppo etnico si trasferì lì alcuni secoli dopo; le tracce di questa nuova popolazione, tuttavia, furono immediatamente trovate nel cimitero di cremazione di Tarxien. Da qui il nome Cultura del cimitero di Tarxien (2500-1500 aC circa). Quindi deve esserci stata una vera e propria invasione, perpetrata da persone che inizialmente si pensava provenissero dalle isole Eolie, a causa della somiglianza delle loro ceramichecon quello di una cultura dell'isola di Lipari, Capo Graziano. Tuttavia, Lipari non solo manca delle forme più elaborate del cimitero di Tarxien, anche le decorazioni sono diverse. Questo escluderebbe gli invasori da quell'isola. La scoperta di alcune ceramiche nello stile del "cimitero di Tarxien", all'interno di due dolmen maltesi (architetture al di fuori delle isole Eolie), suggerisce che i piccoli megaliti di Gozo e Malta siano da attribuire al popolo di questa nuova "cultura". Il fatto che questi monumenti fossero usati come tombe, tuttavia, rimase un'ipotesi, forse assicurata dopo la scoperta di resti antropici nel dolmen della "Cava dei Servi", la cui forma assomiglia a strutture simili in una vasta area del Mediterraneo.

AVOLA

Un altro dolmen siciliano si trova ad Avola, una grande città costiera che si trova tra i fiumi Assinaro e Cassibile. Qui, il lento processo di erosione causato dalle acque ha delineato una valle lì, chiamata Cava L'Unica, in Contrada Borgellusa, dove, adiacente a un muro roccioso, accanto al letto di un torrente, si trova un monumento megalitico.
L'edificio, circondato da una fitta vegetazione selvaggia, a prima vista, sembra costituito da un'enorme "lastra di calcare" di vario spessore, che poggia essenzialmente su due "pilastri". La pietra è massiccia con una superficie increspata. Misura 8 metri di lunghezza e 5.5 di diametro. La parte settentrionale, che sembra essere su un pilastro isolato e informale, è più consistente, tendente a uno spessore di circa mezzo metro nella parte orientale, che, a sua volta, poggia su quella che è un'elevazione del terreno con un ampia base. Qui si trova il muro roccioso sul retro, dal quale l'enorme lastra è oggettivamente staccata a causa di una linea di frattura e una barra semicircolare, che è la parte dietro. Il "pilastro" sinistro è collegato a questo muro.
clip_image004

Lo pseudo dolmen di Avola

Sulla superficie della lastra, è diviso in due punti; ci sono dieci piccole incisioni rettangolari. Sono stati prodotti nella parte più spessa della lastra, altrimenti orientati a non indebolire il calcare. Le buche hanno lunghezze diverse e variano da 60 cm a 1,2 m con l'ultimo pozzo interrotto dalla frattura dell'estremità meridionale. La profondità non supera i 40 cm. È forse di fronte ad alcune tombe per bambini, usate in epoca greca o paleocristiana. Due scanalature corrono lungo il lato orientale più esterno della lastra e si incontrano ad angolo retto. Certa letteratura fantastica"Giunse alla conclusione che queste due incisioni potevano essere definite come linee drenanti per il sangue che scorreva dalle vittime sacrificate. Tuttavia, si tratta di tacche risultanti dall'estrazione di un blocco di calcare, di circa un metro cubo, prelevato dal punto in cui lo spessore è consentito.
Secondo i geologi, la formazione della cavità è il risultato dell'erosione selettiva della roccia. L'azione continua dei processi di erosione, le fessure, gli eventi sismici e il Bradisismo, che coinvolgono l'area in questione, ha causato il distacco della cavità dalla parete rocciosa. Non c'è dubbio che questa è una forma naturale di erosione, che è abbastanza frequente lungo le scogliere costiere e le rive dei fiumi. È altrettanto evidente che in epoca preistorica la forma originale originale è stata rimodellata da mani umane seguendo le linee naturali del masso, con l'intenzione di amplificare e geometricamente affinare la cavità al suo aspetto attuale. Tracce di tale intervento sono visibili sia attorno ai pilastri prelevati dalle pareti laterali della grotta, dando loro una forma pseudo-parallelepipeda, sia sulla superficie piana della volta di calcarenite.
Pertanto, l'intervento umano non è escluso su un dispositivo naturale che potrebbe essere stato adattato alle elaborazioni architettoniche sperimentate. Forse l'intervento era a scopo di dimora, ma l'apertura laterale è incompatibile con la logica di un rifugio domestico. Se fosse stato un rifugio, il lavoro svolto dall'uomo lo avrebbe reso così vulnerabile che la possibilità di essere un "rifugio" è completamente illogico. L'approccio, d'altro canto, sembra essere uno sforzo per "monumentalizzare" una struttura fornita dalla Natura, salvando l'uomo dalla maggior parte del lavoro. Può essere paragonato a qualsiasi costruzione megalitica ben congegnata nell'Europa atlantica.
clip_image005

Piano dello Pseudo Dolmen di Avola

La mancanza di prove materiali effettive non ci consente di esprimere giudizi; quindi, ci sentiamo in dovere di classificarlo come uno pseudo dolmen, sperando che la nuova ricerca archeologica chiarisca un dubbio che dura da molti anni.

IL CENTRO DEL MONDO ANTICO

Il megalitismo, come abbiamo accennato, si concentra principalmente nell'area atlantica europea, seguendo un corso che sembra tornare indietro nel continente da nord ( Inghilterra , Bretagna) a sud (Portogallo, Spagna). Verso la fine del III millennio a. C., la costa occidentale della Sicilia fu coinvolta in un'onda culturale (portando il bicchiere-campana) proveniente dalla costa sarda. Gli effetti di ciò portarono alla creazione di un secondo hub commerciale anche nel sud-ovest dell'isola, al fine di regolare il commercio tra la Sicilia centro-meridionale, la Sardegna e la penisola iberica da un lato e il Mediterraneo orientale dall'altro. Questo spiega il passaggio degli aspetti culturali di stile occidentale in tutta la Sicilia, che testimoniano la centralità strategico / commerciale di questa terra.
Quando, nel 1959, JD Evans, nella sua opera intitolata Malta , attribuì la costruzione di piccoli megaliti maltesi a un popolo pugliese, non conosceva ancora lo scenario del dolmen siciliano. Sembrerebbe ridicolo ribadire l'ipotesi dello studioso inglese riferendosi all'aspetto formale dei monumenti delle due regioni, soprattutto se, nel frattempo, si è interposta una terza regione che rivendica esperienze simili. Inoltre, la datazione dei manufatti pugliesi (che non erano convalidati da alcun elemento cronologico, assoluto o relativo) è più recente di quelli a Malta.
La Sicilia, per la sua posizione geografica nel mezzo del Mediterraneo, ha attratto ogni tipo di esperienza culturale, proiettando gli effetti sulle sue aree di influenza sia nel Nord sia nel Sud. Le antiche relazioni con l'isola di Malta devono essere intese in questo modo, affermando così una partnership privilegiata con la loro sorella molto più anziana e con un quartiere che era ancora pericoloso.
Il progresso della metallurgia aprì l'Oriente all'Occidente. L'arsenico veniva dalla Sardegna e, lungo la stessa rotta, arrivava la latta dalla Spagna e dalla Cornovaglia. Il "popolo dei dolmen" avrebbe preso parte a questo andirivieni. Atterrando nell'ovest dell'isola, avrebbero gradualmente raggiunto la costa ionica a est, finendo per godersi il circuito virtuoso che questa parte della Sicilia aveva da tempo acceso con l'arcipelago maltese. Forse qui, la civiltà megalitica di Tarxien ha incontrato la sua triste fine.

Aedile »Origini

Definizione e origini

Autore: Donald L. Wasson

clip_image006
Il popolo romano emerse dal dominio dei re etruschi con una forma innovativa di governo: una repubblica. Le famiglie aristocratiche - i patrizi - crearono un sistema a tre rami che conteneva un'assemblea centuriata, un Senato e due co-dirigenti chiamati consoli; questi consoli furono eletti dall'assemblea e, pur servendo un mandato di un anno, avevano il potere di un re. Tuttavia, la crescita della città e l'onere di amministrare le nuove province acquisite lungo il Mar Mediterraneo richiedevano che ulteriori magistrati assumessero alcuni dei poteri del console . Tra questi nuovi funzionari c'era il pretore che dispensava la giustizia, il questoreche si occupava degli affari finanziari e dell'edile che (tra gli altri doveri) manteneva le strade romane, sorvegliava la fornitura di grano e acqua e forniva ai cittadini della città giochi.

EVOLUZIONE DEL RUOLO

Mentre alcune prove indicano che l'ufficio esisteva sotto gli Etruschi come custode di registri e denaro pubblico, gli edili - inizialmente due furono scelti dalla classe dei plebei - emersero durante la Repubblica come ufficiali subordinati ai tribuni dei plebei, supervisionando i templi e i plebei culti, Cerere e Diana in particolare. Sono stati eletti annualmente dal Concilium Plebis o dal Consiglio di Plebe. Nel 367 aEV furono create due formule aedili e, a differenza dei loro compagni di formazione plebica, provenivano dalla classe patrizia e venivano elette annualmente dall'assemblea centuriata. Questi ultimi aedili alla fine divennero magistrati e parte del cursus honorumIl ruolo dell'edile è stato ampliato per includere il mantenimento della cura urbana o del tessuto della città (strade, edifici pubblici e forze di polizia) e la cura annonae o la fornitura di grano della città. E, se ne fosse venuto il bisogno, avrebbe assunto alcuni dei doveri del censore . Ma, cosa più importante, sono stati posti a capo dei numerosi festival annuali e giochi pubblici. Più tardi, l'ufficio di curules aedile si sono resi disponibili a plebei, e dopo l'ammissione di plebei al rango, si è esercitata a turno da entrambi i patrizi e plebei.
SPESSO I SOLDI PERSONALIZZATI PRESTATI O USATI DA AEDILE ALLA FASE ELABORANO CONCORSI GLADIATORIALI E GIOCHI PUBBLICI. SE SUCCESSIVO, AVREBBE AVANZAMENTO; IN CASO CONTRARIO, E 'STATO RIGENUTO POLITICAMENTE.
Sebbene non essenziale, l'ufficio di edile è stato spesso visto come parte integrante del "Sentiero degli onori", un passo nel percorso per diventare un console. Un individuo potrebbe iniziare la sua scalata come tribuno militare , fino a raggiungere l'ufficio di questore. Se era un plebeo, aveva la possibilità di diventare un tribuno dei plebei o di un aedile. Tuttavia, se fosse un patrizio, la sua unica opzione era di diventare un edile. Da lì, se avesse avuto successo e avesse impressionato le persone appropriate come aedile, avrebbe potuto diventare un pretore, l'unico altro ufficiale accanto al console con poteri imperium. Infine, se avesse avuto successo e, come alcuni, corrotto gli individui giusti, sarebbe diventato un console, l'apice della carriera di un politico.
Sfortunatamente o fortunatamente, un passo importante in questo lungo cammino verso il consolato fu l'aedile. Mentre un ambizioso edile riceveva la solita indennità governativa per svolgere le sue funzioni, non era sempre sufficiente, soprattutto se aveva in programma di diventare un console. Spesso, avrebbe dovuto usare denaro personale o indebitarsi pesantemente per ingraziarsi coloro che erano presenti nell'assemblea e al Senato, organizzando elaborati concorsi di gladiatori e giochi pubblici. Se avesse successo, avanzerebbe; se no, era politicamente rovinato.
clip_image008

Busto postumo di Cesare

JULIUS CAESAR COME EDILE

Uno dei successi più importanti della curatoria aedile fu il futuro dittatore ed eroe delle guerre galliche: il trentacinquenne Giulio Cesare . Pochi nella Repubblica potrebbero corrispondere alla sua determinazione e all'ambizione di raggiungere il consolato. Dal momento che proveniva da una famiglia patrizia, non poteva diventare un tribuno della plebe e quindi aveva messo gli occhi sull'ufficio dell'edile. Nel 65 aC, come uno dei coedili, ha gestito tutto, dalle riparazioni stradali, alla manutenzione del tempio , alla criminalità urbana e alla distribuzione di grano e acqua, ma il suo miglior servizio a Roma èarrivato attraverso la sua messa in scena di giochi pubblici. Prendendo in prestito denaro e mettendosi più in debito, organizzò una massiccia celebrazione di settembre del dio romano Giove, con grande dispiacere del suo compagno edile, Marcus Bibulus. Decorò il Foro e il Campidoglio (la posizione del tempio di Giove), organizzò banchetti pubblici, gare di bestie selvagge, elaborate produzioni teatrali e stravaganti gare di gladiatori; fece addirittura spedire a Roma 320 coppie di gladiatori. La sua opposizione al Senato, il più conservatore ottimista, lo ha denunciato. Nel suo The Twelve Caesars Suetonius scrisse: "Cesare ... aveva raccolto una truppa di combattenti così immensa che i suoi terrificati avversari politici accorsero un disegno di legge attraverso la Camera, limitando il numero di gladiatori che qualcuno avrebbe potuto mantenere a Roma ...". Nonostante quello che sentivano quelli del Senato , il pubblico lo amava; presto guadagnerebbe la posizione di pretore e poi quella di console.
Sfortunatamente, l'ufficio dell'edile, come quello del console, scomparve sotto il dominio dell'imperatore Augusto e dell'impero . Augusto ha assunto molti dei doveri dell'edile - molti lo consideravano un micro-manager - o li assegnava ad altri. Tuttavia, mentre l'ufficio esisteva nella Repubblica, permetteva a Roma di funzionare senza intoppi. Le strade sono state mantenute, la cittadinanza è stata nutrita e tutti sono stati intrattenuti.

Egeo »Origini

Definizione e origini

Autore: Joshua J. Mark

clip_image009
Il Mar Egeo si trova tra la costa della Grecia e l' Asia Minore (la moderna Turchia ). Contiene oltre 2000 isole che furono colonizzate dagli antichi greci; la più grande è Creta (Kriti) e la più nota e più fotografata Santorini ( Thera o Thira). Entrambe queste isole hanno forti associazioni con la storia e il mito dell'antica Grecia, in quanto Creta si trova significativamente nel mito di Teseo e del Minotauro mentre la distruzione di Santorini da parte di un'eruzione vulcanica è stata a lungo considerata una probabile fonte per la descrizione di Atlantide di Platonenei suoi dialoghi dei Critici e del Timeo.

NOME ORIGIN

Nei tempi antichi c'erano varie spiegazioni per il nome Aegean. Si dice che abbia preso il nome dalla città greca di Aegae, o dopo Aegea, una regina delle Amazzoni che morì nel mare, o Aigaion, la "capra del mare", un altro nome di Briareo, uno degli antichi Ecatonchiri, o , specialmente tra gli Ateniesi, Egeo, il padre di Teseo, che si annegò nel mare quando pensò che suo figlio fosse morto nella sua famosa spedizione a Creta per sconfiggere il Minotauro. Una possibile etimologia è una derivazione dalla parola greca αἶγες - aiges = "onde" (Esichio di Alessandria , uso metaforico di αἴξ (aix) "capra"), quindi "mare ondulato", cfr. anche αἰγιαλός (aigialos) "costa".
IL MARE AEGEANO CARATTERIZZA PROMETTENTE IN MOLTI DEI MITI GRECI PIÙ FAMOSI.

COMMERCIO AEGEANO

I primi abitanti della Grecia, i Micenei, dipendevano fortemente dall'Egeo per il commercio e, a quanto pare, viaggiava fino alla Spagna e all'Egitto . Il commercio marittimo commerciale divenne la loro principale fonte di reddito e, col tempo, colonizzarono le varie isole dell'arcipelago dell'Egeo e produssero varie merci come fichi, uva, vino, uvetta, miele, grano, verdure assortite ed erbe. Il marmo, in particolare, divenne un'importante esportazione nel commercio. Questo prodotto, insieme a quello della terraferma, andò a rendere ricchi i mercanti dell'antica Grecia, ma le stesse acque su cui si basavano per la loro ricchezza e il loro sostentamento divennero la via per la loro rovina.
clip_image011

Affresco del pescatore, Akrotiri

POPOLI DEL MARE

Intorno al 1200 aC la civiltà micenea crollò e, mentre nessuna causa è universalmente condivisa, è considerato molto probabile che soccombessero agli stessi misteriosi invasori che devastarono l'Egitto e l' Anatolia : i popoli del mare. Chiunque fossero i Popoli del Mare, sono documentati come molestati agli Egiziani, agli Ittiti , ai Greci e ai Fenici (Cananei) fino a stabilirsi definitivamente lungo le coste di Canaane acquisendo il nome di Filistei. Non c'è dubbio, tra gli studiosi, sulla base di fonti primarie, che le popolazioni del mare arrivarono in Grecia dal sud del Mar Egeo e devastarono la costa, facendo incursioni sulla terraferma e sequestrando isole. Poco dopo il loro arrivo, i dorici scesero dal nord della Grecia e la civiltàmicenea era finita (anche se alcuni studiosi hanno ipotizzato che la cultura micenea fosse mantenuta viva attraverso quei greci che alla fine avrebbero trovato Atene mentre Spartaaffermò con orgoglio ascendenza dorica). La civiltà greca, così come è stata riconosciuta oggi, è nata dopo l'invasione di Dorian. È interessante notare, se si ritiene che la cultura micenea sia sopravvissuta attraverso Atene, che le colonie greche dell'Asia Minore siano state in gran parte colonizzate dagli Ateniesi. Si dice che il poeta Omero provenisse da una di queste colonie greche e che i famosi eroi della sua Iliade , probabilmente il lavoro più popolare e influente del suo tempo, fossero tutti micenei.

IN MITOLOGIA

Il Mar Egeo è prominente in molti dei più famosi miti greci (Icaro e Daedelus, Teseo e il Minotauro, Giasone e gli Argonauti, L' Odissea , tra gli altri) e Platone fece largo uso delle isole nei suoi dialoghi. Nel suo Eutifrone, ad esempio, Platone ha intenzionalmente il giovane che afferma di sapere che tutto viene dall'isola di Naxos, che era noto per essere il più prospero e gli abitanti abbastanza ricchi e condiscendenti. Secondo Erodoto , l'isola di Naxos era la più prospera nel commercio c. 500 aC e fu facilmente in grado di rendere omaggio ad Atene sotto forma di oro piuttosto che aiuti militari dopo il tentativo fallito delle isole di lasciare la Lega di Delonel 476 aEV. Nell'età d'oro della Grecia e oltre, il Mar Egeo continuò a svolgere un'importante funzione nel commercio e nella guerra , aiutando la cultura e la civiltà greca a prosperare fino a quando i Romani, come i popoli del mare prima di loro, impiegarono i corsi d'acqua per la conquista e la sottomissione Grecia.

Licenza

Articolo basato su informazioni ottenute da queste fonti:

con il permesso dal sito web Ancient History Encyclopedia
Il contenuto è disponibile sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported. Licenza CC-BY-NC-SA

Contenuto Consigliato