Monotonia… Malinconia… Sessualità… Narcisismo… Chiesa… Definizione e Significato


Dizionario di Definizione, Concetto e Significato di uso quotidiano

Dizionario di uso quotidiano: definizioni, concetti e significati

Definizioni, concetti e significati:

  1. Definizione di monotonia
  2. Definizione di malinconia
  3. Definizione della sessualità
  4. Definizione di narcisismo
  5. Definizione della Chiesa

Definizione di monotonia

La monotonia è un termine che deriva dal greco, che si riferisce alla mancanza di varietà in qualcosa. Il concetto ha a che fare con coerenza, l'assenza di sfumature o toni uguali.
Ad esempio: ' bella cercato di prestare attenzione, ma la monotonia della sua voce mi fa venire voglia di dormire ',' basta ascoltare il nuovo album da questa band: è la monotonia pura, tutte le canzoni sono troppo simili tra loro.
Per quanto riguarda la vita personale, la monotonia è associato con regolarità, la routine, la noia e la stanchezza. In una vita monotona, ogni giorno si svolgono in maniera più o meno simile, con gli stessi impegni, un lavoro del tempo stesso, ecc.: "Farei qualsiasi cosa per cambiare un po' la monotonia della mia vita", "mi alzo, vado a lavorare e poi alla facoltà. Non appena torno a casa, vado a letto: sono stufo di questa monotonia! ».
Il lato prevedibile della vita quotidiana, che può essere positivo e rassicurante per alcuni, è un problema o anche un inferno per gli altri. La monotonia può diventare patologica e derivare diversi disturbi psicologici, tra cui la mancanza di interesse in qualsiasi tipo di attività, la noia e la saturazione anche all'interno la coppia o la famiglia e la sensazione di sconvolgimento in molte situazioni.
Un luogo dove si è soliti verificarsi la monotonia è sul posto di lavoro. La ripetizione quasi meccanica di funzioni e compiti, che sono obbligatorie, rende l'individuo sente demotivato mentre è più vicina con molto poco rigido. Le attività monotone hanno un'influenza negativa sulle persone perché possono causare depressione, dolori muscolari e stanchezza cronica.

Definizione di malinconia

Malinconia è un termine che deriva dalla melancholĭa di latino che ha origine da un termine greco che vuol dire 'bile nera'. È sfocata, permanente e profonda tristezza che può sorgere a causa di una causa o un'entità e che è l'individuo che soffre si sente a disagio e non beneficiare della vita.
Malinconia è percepita oggi come una malattia che può essere mitigata dalla combinazione di terapia e farmaci. La base del trattamento si trova in analisi psicologica per raggiungere le cause interne di malinconia, mentre i farmaci sono utilizzati per controllare i sintomi fisici che possono essere la causa di questo disturbo (avendo mal di stomaco, mal di testa, tra gli altri).
Gli esperti considerano che la malinconia, all'immagine di tristezza e di altre emozioni, diventa momento patologico che altera il modo in cui l'individuo ha l'abitudine di pensiero e ragionamento e peggio il suo ruolo nella società. Ad esempio: è considerato normale che una persona può sentire malinconica un pomeriggio affatto e che rimane tranquillamente a casa nulla a che fare. D'altra parte, se tale comportamento viene ripetuto per diversi giorni e che la stessa persona abbandona la sua vita sociale e dei suoi impegni, malinconia diventa un tipo di depressione che deve essere trattata.
Nel 1990, il movimento grunge fatto in qualche modo omaggio alla malinconia e disillusione. Infatti, la band americana Smashing Pumpinks ha lanciato un CD dal titolo "Mellon collie and the infinite sadness" ("malinconia e la tristezza infinita").

Definizione della sessualità

Sessualità per designare tutte le condizioni anatomiche, fisiologiche e psicologiche che caratterizzano l'uomo e il sesso femminile. Questo significa anche l'appetito sessuale (una propensione a piacere carnale) e tutti i fenomeni emotivi e comportamentali associati con il sesso.
Precedentemente, si è ritenuto che la sessualità degli esseri umani umani e degli animali è stato istintiva. Comportamenti sessuali sono stati pertanto determinati biologicamente e tutte le pratiche che non erano previsti procreazione sono state considerate antinaturelles.
Sessualità, nel tempo, alla fine di acquisire un concetto sociale e cultura. Al giorno d'oggi, sappiamo che le copie di diverse specie tendono all'omosessualità, praticando diverse tecniche di masturbazione o che praticano praticamente stupri. Animali ed esseri umani gli esseri umani così sviluppano le caratteristiche della loro sessualità secondo l'ambiente circostante e il loro ambiente.
Per il mondo organizzazione della sanità (OMS), sessualità umana comprende rapporti sessuali (coito) erotismo, intimità e piacere. Sessualità è sperimentato e dimostrato attraverso i pensieri, azioni, desideri e fantasie.
Eterosessualità è la condizione sessuale più comune e si compone di attrazione per persone del sesso opposto. Uomini eterosessuali attratti dalle donne e viceversa.
Per quanto riguarda l'omosessualità, tuttavia, le relazioni si svolgono tra persone dello stesso sesso. Un'altra variante della sessualità è la bisessualità, dove l'individuo si sente attratto sia dalle persone del sesso opposto e da persone dello stesso sesso.

Definizione di narcisismo

Il narcisismo è una condotta o la tipica mania di Narciso. Questo aggettivo, che deriva dal personaggio mitologico Narciso, si riferisce a qualsiasi uomo che si vanta del suo fascino, che è innamorato di se stesso (e persino ha occhi solo per lui) o che trascorre il suo tempo per guarire la sua immagine. Il narcisismo è pertanto eccessivo piacere di prendersi cura di sé.
Il concetto è stato proposto e sviluppato dall'austriaco Sigmund Freud e comprende una serie di caratteristiche dell'individuo connesso con la vanità e l'ego. Queste proprietà rendono il narcissiste ha lottato per integrarsi nella società.
Dopo il mito di Narciso, quest'ultimo sarebbe stato figlio di Cefiso e di Liriope. Narciso è un giovane uomo con la singolare bellezza che infiamma passioni tra i mortali e dèi, che non sono reciproci alla luce l'incapacità dell'individuo di riconoscere gli altri e amorevole.
Guardando il riflesso del suo viso in acqua, Narciso è caduto nell'amore e non può aiutare ma contemplare. Il giovane poi cessato di soddisfare i propri bisogni di base, è stupito dalla sua immagine e per trasformarsi in un simpatico fiore puzzolente.
Per la psicologia dello sviluppo, il narcisismo è una fase di sviluppo. Durante i primi mesi di vita, il bambino sperimenta un narcisismo primario, nella misura in cui tutte le sue energie sono progettate per soddisfare le loro esigenze. Il bambino non è cabal per riconoscere il mondo esterno.
La fase successiva è il narcisismo secondario: il bambino percepisce e identifica determinati oggetti e reperti che possono fornire divertimento o essere sgradevole.
Nella vita adulta, la narcissiste ha una stima di sé molto vulnerabile perché non tollera critiche e si sente indignato sopra commenti negativi diretti.

Definizione della Chiesa

Il termine ecclesĭa, cui origini risalgono al greco di parola che significa "Assemblea", per designare il tempio cristiano. Questo è l'edificio dove pubblici servizi religiosi e vengono presentati immagini o reliquie che sono adorate e venerate dai fedeli. Ad esempio: ' ogni domenica mattina, vado in chiesa a sono le mie richieste e preghiere per la salute di mia madre ', ' appuntamento questo pomeriggio alla porta della Chiesa. "
La Chiesa è spesso detta la "casa di Dio" perché, anche se è onnipresente, è nei templi che la comunità cristiana si riunisce per pregare e partecipare a riti come massa. L'Abbazia, Basilica, Cattedrale, cappella, convento, Monastero e la parrocchia sono altri concetti relazionati ai tipi di Chiesa o templi.
La parola Chiesa permette, inoltre, indicare la Congregazione dei fedeli cristiani, tutto il clero e il popolo di un territorio dove il cristianesimo ha seguaci e governo ecclesiastico generale (Chiesa cattolica) e comunità cristiane che affermano di essere chiese (anglicana, luterana, ecc.).
Come comunità in generale, la Chiesa è l'insieme di tutti i cristiani che hanno ricevuto il sacramento del battesimo (e pertanto sono riconosciuti come figli di Dio). I membri della Chiesa credono in Cristo come Salvatore e Messia.
La Chiesa cattolica continua nella successione apostolica da Pietro Apostolo per l'attuale Papa (Benedetto XVI). I protestanti, invece, negano il valore della tradizione apostolica.