Passa ai contenuti principali

Fauna Selvatica… Ciclo… Educazione Ambientale… Utilità… Disastro… Definizione e Significato


Dizionario di Definizione, Concetto e Significato di uso quotidiano

Dizionario di uso quotidiano: definizioni, concetti e significati

Definizioni, concetti e significati:

  1. Definizione di fauna selvatica
  2. Definizione del ciclo
  3. Definizione di educazione ambientale
  4. Definizione dell'utilità
  5. Definizione di disastro

Definizione di fauna selvatica

Dal latino Fauna (dea della fertilità), significa fauna tutti gli animali di una regione geografica. Un periodo geologico o una specie di ecosistema formano questo gruppo, la cui sopravvivenza e sviluppo dipende da fattori biotici e abiotici.
Cambiamenti nell'habitat possono figure sulla vita della fauna selvatica. In particolare, nei casi più drastici, tali cambiamenti possono portare all'estinzione di una specie. Significa specie native o indigeni qualsiasi specie che appaiono in una regione a seguito di un fenomeno naturale, senza l'intervento di esseri umani.
Una specie aliena (il cosiddetto anche straniere) è una specie di non-native sono state introdotte in un ecosistema di umani, accidentalmente o intenzionalmente. Poi le specie invasive sono quelli che sono riusciti a stabilirsi in una nuova area, dove si generano i cambiamenti nella composizione dell'ambiente.
Fauna selvatica può essere diviso in fauna selvatica (vale a dire, che non ha bisogno umano per nutrire e far crescere) e fauna domestica (specie che hanno un master a fare). Gli esperti parlano anche della fauna selvatica nel processo di addomesticamento su animali selvatici che, a causa di essere allevati da umani, perdono le loro caratteristiche selvatici.
Nonostante le loro diverse caratteristiche, tutti gli animali fanno parte della fauna. Cani, cavalli, mucche, topi, leoni, gatti, elefanti e giraffe, ad esempio, sono specie che integrano questo gruppo.
In senso peggiorativo, fauna si riferisce a persone di un determinato tipo, caratterizzata da un comportamento comune, frequentando un posto. Ad esempio: «fauna di Chamonix.

Definizione del ciclo

Cyclus latino, un ciclo è un periodo di tempo che, una volta finalizzato, ricomincia. È anche la sequenza di passaggi che attraversa un evento delle caratteristiche periodiche e il gruppo dei fenomeni che avvengono in un determinato ordine.
Un ciclo economico, per esempio, consiste di un periodo di aumento (aumento dell'attività economica) seguito da un periodo di declino (caduta degli indici) che deriva in una fase di recessione. Una volta raggiunge che una determinata soglia, la riattivazione inizia e il periodo di nuovo in aumento. Questi cicli di business sono caratteristici dell'economia capitalista.
Mezzi del ciclo dell'acqua il processo mediante il quale l'acqua circola nell'idrosfera. Il calore provoca l'acqua superficiale di evaporare e condensare e formano nubi. Con precipitazione (quali pioggia), acqua si unisce all'oceano e il ciclo ricomincia.
Mestruale ciclo (anche chiamato ciclo della donna sessuale), d'altra parte, è il processo attraverso il quale sviluppano ovuli e cambiamenti avvengono all'interno del corpo per che la gravidanza è possibile. Il ciclo inizia il primo giorno delle regole e termina alla vigilia dell'inizio delle seguenti regole.
Per la fisica, il ciclo di un'onda è la distanza più breve che esiste fino a quando quest'onda accadere. Il ciclo dipende, quindi, sulla lunghezza d'onda.
Infine, significa che tutte le attività o gli eventi che hanno un nesso tematico del ciclo: 'Potrai assistere ad una serie di conferenze sulla storia coloniale dell'Uruguay', ' il mio capo mi ha chiesto di organizzare un ciclo per presentare le novità dell'azienda.

Definizione di educazione ambientale

Il processo di socializzazione attraverso cui assimila e acquisisce competenze riceve il nome dell'istruzione. Metodi educativi assumono una presa di consapevolezza culturale e comportamentale che si materializza in una serie di competenze e valori.
Significa ambiente l'ambiente tra cui il paesaggio, flora, fauna, aria e altri fattori biotici e abiotici che caratterizzano una determinata posizione.
In altre parole, educazione ambientale consiste della formazione per l'insegnamento del funzionamento degli ambienti naturali così che gli esseri umani gli esseri umani possono adattarsi senza danneggiare la natura. Persone devono imparare a condurre una vita sostenibile, riducendo l'impatto umano sull'ambiente e consentendo la sopravvivenza del pianeta.
Ridurre l'inquinamento, ridurre al minimo la generazione di rifiuti, incoraggiando le persone a riciclare, evitare il sovrasfruttamento delle risorse e garantire la sopravvivenza di altre specie sono alcuni degli obiettivi dell'educazione ambientale.
Questo tipo di formazione deve tener conto delle diverse dinamiche sociali, culturale ed economiche della vita all'interno di una comunità. Il modello dei metodi di produzione e consumo di solito hanno un impatto diretto sull'ecosistema e sono i principali problemi che devono essere modificati per conseguire uno sviluppo sostenibile.
L'educazione ambientale è parte del curriculum delle scuole, ma esso è anche fomentato o informale o non sistematizzata attraverso campagne governative, organizzazioni civili e progetti di iniziative di aziende.

Definizione dell'utilità

Dal latino utilĭtas, l'utilità è interesse, profitto o il risultato raggiunto qualcosa. Il termine può anche riferirsi alla qualità di utile (che può essere utilizzata o essere recuperati in un modo o un altro).
Ciò che è utile è utilizzato per soddisfare un'esigenza. Ad esempio: se una persona vuole aprire una bottiglia, il cavatappi è un utile strumento per raggiungere questo obiettivo. Per un individuo che hanno intenzione di dipingere una parete, POT di vernice e pennelli sono elementi di utilità per questo compito.
È necessario distinguere tra l'utilità totale (soddisfazione ottenuta dal consumo di una quantità di proprietà) e l'utilità marginale (utilità che deriva dal consumo di una quantità supplementare di bene o servizio). Utilità marginale è decrescente: aumentando il consumo di un bene, la soddisfazione prodotta da ogni nuova unità è inferiore a quella prodotta dalla proprietà prima.
Questa situazione è evidente in chiaro nel caso di cibo. Un individuo che ha fame avrà grande soddisfazione nel mangiare una fetta di pizza. La seconda parte si tradurrà in meno soddisfazione e così via fino a quando non è completamente soddisfatto, buono (pizza) sarà più utile.
Nel campo dell'economia e delle finanze, utilità è legata al concetto di necessità e di soddisfazione ottenuta dal consumatore o l'ottenimento di un bene o un servizio. Una persona investe 500 euro per l'acquisto di prodotti alla rinfusa e dopo li hanno venduti sul mercato al dettaglio, ottiene € 650. Ha gestito un programma di utilità di 150 euro.

Definizione di disastro

Dal catastrŏphe di parola latina (e questo, a sua volta, deriva da una parola greca che significa 'distruggere' o 'sconvolto'), il disastro di termine significa un evento fatale che altera il normale ordine delle cose. Il disastro può essere naturale, come un maremoto, siccità o inondazioni, o essere causato dall'uomo, come una guerra.
Abbiamo recentemente assistito a uno dei peggiori disastri naturali nella storia, vale a dire lo tsunami che ha raggiunto il sud-est asiatico nel 2004, e dove morì circa 230.000 persone. Questo tsunami si è verificato dopo un terremoto di 9,3 punti sulla scala Richter, una figura che lo ha reso il secondo terremoto tra i più grandi dopo l'invenzione del sismografo.
Il concetto di disastro è associato con il disastro. Si tratta di fenomeni che influiscono negativamente sulla vita e, in alcune occasioni, producono cambiamenti permanenti o addirittura di fermento nella società o l'ambiente.
In questo senso, un disastro è l'improvviso cambiamento dello stato di un sistema dinamico, che si svolge dall'alterazione di uno dei suoi parametri.
D'altra parte, un disastro è qualcosa di scarsa qualità, causando una cattiva impressione, che è negativo (o zero) o che è mal fatto. Ad esempio: "il concerto è stato un disastro, esattamente l'opposto di ciò che avevamo programmato", "mio fratellino lasciato la sua stanza in un vero e proprio disastro.
Un disastro è anche l'ultima parte del poema drammatico che l'esito è generalmente doloroso. Il disastro è l'evento decisivo che porta il risultato sfavorevole della tragedia classica.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…