Passa ai contenuti principali

Crimine… Trasformazione… Probabile… Parodia… Slogan… Definizione e Significato


Dizionario di Definizione, Concetto e Significato di uso quotidiano

Dizionario di uso quotidiano: definizioni, concetti e significati

Definizioni, concetti e significati:

  1. Definizione di crimine
  2. Definizione di trasformazione
  3. Definizione di probabile
  4. Definizione di parodia
  5. Definizione di slogan

Definizione di crimine

Crimine è l'azione volontaria di lesioni gravi o uccidere qualcuno. L'individuo che effettua questo tipo di azione viene considerato un criminale. Esempi: "due uomini sono stati arrestati dopo il reato di gestione tessile", 'un crimine orribile spostato la città di Rio de Janeiro', ' la polizia ha fatto gli sforzi per individuare il criminale.
A volte, il crimine di termine è usato per definire qualsiasi reato grave e affatto inappropriato o azione di vita: "che cosa ha fatto il governo di ridurre il finanziamento per mense di comunità è un vero crimine", "la maggior parte delle persone considera che separato i bambini dai loro genitori è un crimine, ma il giudice non è dello stesso parere.
Dal punto di vista del diritto, il crimine è condotta, azione od omissione caratterizzata da considerato atto enunciato e punibile. Detto questo, il crimine viola la legge penale. Il concetto è legato a quella del reato, anche se l'origine etimologica della parola (dal latino delinquere) conduce a rinunciare il percorso stabilito dalla legge.
In altre parole, la parola "illecito civile" viene utilizzato in senso generico, mentre 'crimine' è destinato piuttosto a fare riferimento a reati gravi o offensivi crimini contro le persone.
Applicabile anche a distinguere tra criminalità e omicidi. Per tutte le leggi del mondo, l'omicidio è un crimine. D'altra parte, uccidere qualcuno è un omicidio (e, quindi, un reato) solo in alcuni casi. Uno che uccide in una guerra, in difesa o nell'esercizio di una professione (un medico o da un giudice che vale la pena di morte, ad esempio) di commettere un crimine.

Definizione di trasformazione

La trasformazione è l'azione e l'effetto di trasformare (fare qualcosa o qualcuno cambiare forma, trasmutare una cosa in un altro). Il termine deriva dalla parola latina transformatĭo.
Esempi: "non posso credere nella trasformazione di Carine: l'ultima volta che la vidi, aveva capelli neri e pesava circa 100 chili, ora è rosso ed è più sottile di me '," poiché è disoccupato, egli ha subito una trasformazione ed è depresso "," questa casa ha bisogno di una vera trasformazione: noi comprare mobili nuovi e riverniciare.
C'è così invece di dire che la trasformazione è il passaggio da uno stato a altro. Una persona può girare anche entrambi fisicamente (facendo un piano, chirurgia estetica, con l'adozione di un nuovo look, ecc.) ai sensi spirituali o simbolico (quando lei decide di vivere nel ritmo più ponderata ad attribuire meno importanza a ciò che è materiale, ecc.): "attore ha subito una trasformazione interiore dopo essere stato alle soglie della morte", "le donne, quando hanno divorziato. subiscono una trasformazione e cambiare il loro aspetto.
Nell'ambito della biologia, la trasformazione è il fenomeno mediante il quale alcune cellule acquisiscono il materiale del gene gli altri. Detto questo, le cellule soffrono di un'alterazione genetica dall'introduzione di altro DNA.
Trasformazioni biologiche possono ricevere indicazioni differenti secondo il tipo di alterazione. Alterazione dell'introduzione di DNA di un virus prende il nome di trasduzione, mentre i contatti intercellulari tra trasformazione batteri riceve il nome di coniugazione. Infine, la trasformazione delle cellule animali è transfezione.

Definizione di probabile

Dal latino susceptibĭlis, la parola probabile ammette due usi principali. Da un lato, si riferisce a colui che è molto esigente, troppo delicato o facile offendere qualsiasi pretesto. Esempi: "tua sorella è molto probabile: gli ho chiesto di parlare inferiore e turbata immediatamente", "Odio quando si diventa probabile e fate uno scandalo per tutto e per niente", "non sono suscettibili, ma non accetto che mi ha detto una cosa del genere.
Probabilmente è legato anche a quello che ammette che esso si applica a tale azione o che è in grado di fare cosa del genere: "le condizioni della promozione sono soggette a modifiche senza preavviso," ' questo orologio rischia di acqua: fare attenzione a non farlo bagnare.
L'utilizzo più comune di questo concetto significa persone sensibili che sono emotivamente fragile, che vex facilmente e che, in generale, hanno una bassa autostima. Questi individui devono essere al centro dell'attenzione e sono convinto che tutti gli altri parla di loro costantemente.
La suscettibilità è sviluppata da un'educazione molto rigida dove le cose positive non sono ricompensate e gli errori sono puniti severamente. Questa situazione porta la persona a chiamare in causa ogni volta e in qualsiasi circostanza.
Avere una vita piena di critiche e di punizione costante, l'individuo suscettibile è in grado di apprezzare gli aspetti positivi della sua esistenza, interrogato i suoi limiti e non è in grado di rilassarsi (perché si aspetta di essere repressa da tutti i lati) e alla fine diventa aggressivo senza accorgersene.

Definizione di parodia

Parodia è una parola che deriva dal latino (parodĭa), anche se la sua prima origine deriva dalla lingua greca. Si tratta di un'imitazione burlesque facendo la caricatura di una persona, di un capo d'opera o di un tema particolare.
Come un'opera satirica, parodia appare in diversi generi artistici e media. Cinema, televisione, musica e letteratura sono spesso parodie su notizie politiche o di altri settori. In generale, utilizza ironia ed esagerazione messaggio burlesque e per intrattenere gli spettatori, lettori o ascoltatori.
Parodie sono risultanti nella letteratura greca dall'antichità, con poesie che imitato modo irrispettoso il contenuto o forme di altre poesie. I Romani, troppo, tendevano a rendere parodie con imitazioni di stile umoristico, come letteratura francese neo-classica.
'Agnès de Chaillot' è una parodia fatta da Dominique, nel XVI secolo, di Inês De Castro, un gioco di Antoine Houdar de La Motte da un soggetto derivato di poeta portoghese Camoens.
'The Simpsons' è una serie televisiva statunitense che è caratterizzata dalla presentazione di parodie di qualsiasi tipo. A volte, i caratteri della famiglia imitano linee e acquistato pose tipiche delle personalità famose nell'introduzione dei capitoli. Altre scene parodico appaiono nel mezzo le storie o sono già introdotto nella serie come l'atteggiamento di Krusty il clown (una parodia degli animatori dei bambini che, in realtà, non supportano i bambini).

Definizione di slogan

Lo slogan è una parola inglese ma che è stato adottato in molti paesi, compresi i paesi di lingua francese. Può provocare la valuta, sia il titolo sopra alcuni libri, il lemma che è sviluppato in emblemi per rendere loro più comprensibile o la proposta di un discorso.
In francese, il concetto è relativo alle formule brevi e originale utilizzate nel campo della pubblicità. Lo slogan è utilizzato in un contesto commerciale o politico come parte di una propaganda e di riassumere e rappresentare un'idea. L'idea è che questa frase dovrebbe essere facile da ricordare e che la credenza pubblica a termine.
Lo slogan è destinato a richiamare l'attenzione ad un prodotto o un servizio, mettendo in evidenza determinate qualità o cercando di associare un valore simbolico. Diffondere i benefici del marchio per distinguerlo da quelli della concorrenza e indurre il consumatore il desiderio o bisogno per ottenerlo sono gli obiettivi dello slogan.
I creatori di slogan impiegano mnemotecnica, che è un processo di associazione mentale al fine di facilitare la memorizzazione. Giochi di parole, ritornelli ripetitivi, rima, onomatopea e alcune sequenze di immagini sono alcune delle risorse impiegate.
"Just do it" è uno degli slogan più famosi del mondo. È usato dal marchio Nike, che è dedicato alla produzione di scarpe e abbigliamento per la pratica dello sport. Questa frase è completata con il famoso logo del marchio e con la partecipazione di alcune stelle dello sport in spot pubblicitari.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…