RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata

Cosa ne pensate di candidati USA sulla tecnologia?

ADS




Il prossimo presidente degli Stati Uniti poteva prendere le decisioni su questioni quali la crittografia e sicurezza informatica che comporterebbe aziende cui servizi sono utilizzati da milioni di persone in tutto il mondo. Hillary Clinton ha avuto una posizione più conciliante nel dibattito con la cifratura delle comunicazioni mobili.

Le elezioni presidenziale del 8 novembre sono, tecnicamente parlando, una questione interna che, tuttavia, hanno un enorme potenziale di impatto globale.
Questo è visto nella politica monetaria internazionale o il futuro della sicurezza in regioni come il Medio Oriente.
È presente in tecnologia: le decisioni del prossimo presidente coinvolgerà per aziende come Apple, Google e Facebook e trasferendo l'impatto di milioni di utenti sul pianeta.
I temi più delicati in questo scenario sono: sicurezza informatica, crittografia di neutralità della rete e delle comunicazioni.
Le azioni intraprese in tali campi certamente possono finire per giocare ad aziende e persone.
elecciones-3

CYBERSECURITY

Delle loro principali preoccupazioni dei loro candidati è cyberwar, uno scenario in cui ci sono grandi giocatori, con molto che perdere, e che includono a Cina e Russia, in aggiunta agli Stati Uniti.
Preoccupati di Donald Trump, il candidato repubblicano, qualunque cinese attacchi contro società americane e delle infrastrutture.
Preoccupazione legittima e paradossale, perché secondo i dati pubblicati dall'agenzia Reuters, Stati Uniti d'America è il paese con le maggiori operazioni di piccoli furti e cyber-guerra nel mondo, con una differenza enorme con i suoi rivali.
Il candidato democratico, Hillary Clinton, è preoccupato per lo scenario cyberwar e ha sostenuto il monitoraggio delle istituzioni quali programmi della NASA.
Tuttavia, ha un lato debole, utilizzato un server di posta personale per trattare affari ufficiali quando era segretario di stato.

CRITTOGRAFIA

la discussione si è concentrata sul confronto tra il FBI e la Apple per sbloccare il telefono di uno degli attaccanti del massacro di San Bernardino.
l'agenzia federale stava cercando l'azienda di progettare un modo per violare la sicurezza del telefono, e la società, a sua volta, ha assicurato che non solo ha dato troppo potere per i ricercatori, ma si è aperta la possibilità che altri attori scoppiano quella vulnerabilità.
Attraente per l'importanza della sicurezza nazionale, Trump chiamato un boicottaggio dei prodotti Apple, dal momento che, nella sua visione, una società può essere imposto per legge.
Clinton, per parte sua, ha stabilito una postura più conciliante, in cui entrambi i settori, agenzie di sicurezza e società deve lavorare per ottenere un ambiente più sicuro. Ha ammesso che l'argomento di Apple nel dibattito sensato.

[Fonte: lo spettatore].

RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata