RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata

Comunicazione… Violenza… Poligono Della Forza Lavoro… Medicina Del Lavoro… Definizione e Significato

ADS


Dizionario di Definizione, Concetto e Significato di uso quotidiano

Dizionario di uso quotidiano: definizioni, concetti e significati

Definizioni, concetti e significati:

  1. Definizione della comunicazione
  2. Definizione di violenza
  3. Definizione di poligono della forza lavoro
  4. Definizione della medicina del lavoro

Definizione della comunicazione

Un primo approccio al concetto di comunicazione può essere fatta con punto di partenza per la sua etimologia. La parola deriva dal verbo latino communicare, che significa 'condividere qualcosa, pool'. Così, la comunicazione è un fenomeno inerente al rapporto che gli esseri umani vivono mantengono quando si incontrano come un gruppo. Attraverso la comunicazione, persone o animali avere notizie o informazioni sui loro dintorni pur essendo in grado di condividerlo con gli altri.
Il processo comunicativo conduce all'emissione di segnalati (suoni, gesti, indici, ecc.) con l'obiettivo di ottenere un messaggio. Per la comunicazione avere successo, il ricevitore deve essere in grado di decodificare il messaggio e di interpretarla. Il processo viene convertito dal momento in cui il ricevitore risponde e sé diventa il trasmettitore (il trasmettitore originale diventa quindi il ricevitore dell'atto comunicativo).
Nel caso di esseri umani, la comunicazione è un'attività psichica che deriva dal pensiero, linguaggio e lo sviluppo delle capacità di psicosociali dei specifici al rapporto contrattuale. Lo scambio di messaggi (che può essere verbale o non verbale) permette all'individuo di avere influenza sugli altri e di essere influenzata a sua volta.
Tra gli elementi che possono essere distinti nel processo comunicativo, conserveremo (un codice di sistema di segni e di regole utilizzate per rappresentare e trasmettere informazioni tra il trasmettitore e il ricevitore), il canale (il mezzo di trasmissione delle informazioni), il trasmettitore (quello che vuole trasmettere il messaggio) e il ricevitore (quello a cui è indirizzato il messaggio).
Comunicazione può dipendere dal rumore, cioè, le informazioni inutili che inquinano / parassitare la trasmissione di un messaggio (ad esempio, distorsioni di distorsioni a livello di suono, l'afonia di altoparlante, il difettoso di ortografia).

Definizione di violenza

Violentĭa latino, la parola violenza si riferisce al carattere di qualcuno che è probabile che l'uso di forza brutale, che è preso lontano o addirittura aggressivo. È anche un vincolo, fisico o morale, imposto su una persona per indurlo a compiere un atto specifico.
La violenza è perciò condotta intenzionale che altererebbe danni fisici o psicologici di integrità degli altri. Oltre alle aggressioni fisiche, violenza diventa emotivo quando non c'è motivo di insulti o minacce. Violenza di conseguenza può portare a conseguenze fisiche e psicologiche.
La violenza è un modo per imporre o per ottenere qualcosa attraverso la forza. Diversi tipi di violenza sono puniti come reati dalla legge. Qualunque cosa sia, deve vedere che il concetto di violenza varia a seconda della cultura e il tempo.
In alcune aziende, ad esempio, la donna è costretta a sposare non con l'uomo che ha scelto, ma con quello a cui lei era stato promesso o venduto, che, agli occhi degli occidentali, è una forma di violenza contro le persone di sesso femminile.
D'altra parte, ci sono le manifestazioni violente che sono state approvate dalla legge e dallo stato. Ad esempio, la pena di morte è legale in molti paesi democratici, come gli Stati Uniti. Tuttavia, molte organizzazioni della società civile considerano che qualsiasi assassinio (se è legale o no) è una violazione dei diritti umani.
Infine, vale la pena ricordare che Mahatma Gandhi, che è uno degli attori principali Promozione della nonviolenza e pacifismo, ha ammesso che non c'è nessuno completamente privo di violenza, dato che è una caratteristica innata degli esseri umani umani.

Definizione di poligono della forza lavoro

Il poligono della forza lavoro (o frequenza) è un grafico che è fatto dall'Unione dei punti più alti delle colonne in un istogramma di frequenza (che utilizza colonne verticali per mostrare frequenze).
D'altra parte, poligoni del personale per essere dati raggruppati sono costruiti dal segno di classe che coincide con il punto medio di ciascuna colonna dell'istogramma. Quando uno rappresenta personale combinato una matrice di dati raggruppati, si ottiene un istogramma dei numeri cumulativi, per mettere in forma di diagramma il poligono corrispondente.
Ad esempio: un poligono del personale consente di visualizzare la media delle temperature massime di un paese in un determinato periodo. Sull'intervallo / all'asse x (orizzontale), possiamo indicare il mese dell'anno (gennaio, febbraio, marzo, aprile, ecc.). Sull'intervallo / all'asse y (verticale), indica la media delle temperature massime di ogni mese (24º, 25º, 21º...). Il poligono della forza lavoro verrà creato assemblando, attraverso un segmento, la temperatura massima media.
Questo tipo di poligono di leggere velocemente la forza di un intervallo di forma e, per differenza, il complemento di ogni intervallo. Questa rappresentazione prefigura la trama della funzione di distribuzione di probabilità. Uno a volte vede appaiono un poligono della forza lavoro guadagnato per variabili discrete.
Il punto più alto del poligono di frequenze rappresenta la frequenza più alta, mentre l'area sotto la curva comprende tutti i dati esistenti. Conserveremo che frequenza è la quantità di tempo che un processo periodico si ripete per unità di tempo.

Definizione della medicina del lavoro

Il mondo organizzazione della sanità (OMS) significa la medicina del lavoro come un'attività multidisciplinare che sostiene e protegge la salute dei lavoratori a controllo incidenti e malattie riducendo le condizioni di rischio.
La medicina del lavoro (o la salute e sicurezza sul lavoro) garantisce non solo delle condizioni fisiche del lavoratore, ma anche il fattore psicologico. Per i datori di lavoro, la medicina del lavoro rappresenta un lavoratore di supporto, formazione e gestione della sua capacità di lavorare.
I problemi più frequenti sono le fratture, tagli e ceppi a causa di incidenti sul lavoro, disturbi causati da movimenti ripetitivi, visione e disturbi dell'udito e malattie causate da esposizione a sostanze insalubri o radioattive, ad esempio. Il professionista può anche affrontare i problemi di stress lavoro-indotta.
Si fa notare che la medicina del lavoro è un tema che è importante per i governi, perché essi devono garantire il benessere dei lavoratori e il rispetto per le regole e gli standard nell'ambito del lavoro. Per effettuare questa operazione, controlli periodici sono tenuti a stabilire le condizioni alle quali mestieri crescono.
Conserveremo la precarietà sul lavoro si riflette sulla salute e sicurezza sul lavoro. Una società (o società) che ha lavoratori neri (vale a dire, non hanno alcuna copertura medica) e presenta uno spazio fisico non è adatto per la realizzazione delle loro attività sta mettendo in pericolo la salute di queste persone.

Fonte: Encyclopedia.com

RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata