Passa ai contenuti principali

Significato e Definizione di > Cittadinanza mondiale… Cittadino… Civica… Civile… Civilizzazione



Dizionario di Definizione, Concetto e Significato di uso quotidiano

Dizionario di uso quotidiano: definizioni, concetti e significati


Definizioni, concetti e significati:

  1. Definizione di cittadinanza mondiale
  2. Definizione di cittadino
  3. Definizione di civica
  4. Definizione di civile
  5. Definizione della civilizzazione
  6. Definizione di civilizzato
  7. Definizione di cittadinanza
  8. Definizione del Clan
  9. Definizione di Clandestino
  10. Definizione di chiarezza


1

Definizione di cittadinanza mondiale

Il concetto di cittadinanza mondiale e cittadino del mondo è un concetto molto complesso e allo stesso tempo molto interessante che ha a che fare con l'idea che una persona non è in modo definito inclusiva dal luogo o territorio dove è nato, ma che fanno parte di un tutto, di tutto il pianeta e che come tale l'identità non può essere delimitata da limiti fisici o geografici imposti dall'uomo. Questa idea è chiaramente contraria al nazionalismo, potere ideologico che difende il concetto di nazione e di conseguenza quella di appartenenza ad un territorio abitato da una comunità in particolare.
Possiamo dire che l'idea di cittadinanza mondiale è una idea abbastanza attuale che ha la sua base in fenomeni come ad esempio la globalizzazione. Attraverso di essa, l'idea di cittadinanza globale implica che una persona è capace di sentirsi parte di globalmente intesa come la casa di tutta la popolazione umana, piuttosto che semplicemente la loro identità o il loro senso di appartenenza ad un territorio specifico e particolare. Così, questa idea si scontra con il nazionalismo, una delle più importanti correnti politiche e sociali del XIX secolo in cui molti paesi ha lottato duramente per stabilire i limiti culturali, politici, sociali e geografici di quella comunità che poi avrebbe chiamato nazione.
Per cittadino globale non c'è confini geografici o culturali con cui coloro che difendono questa posizione stanno protestando contro l'uso, o la necessità di avere documenti come passaporti o visti che impediscono la libera circolazione attraverso i diversi territori. In pratica questo è molto complicato perché il mondo è gestito attraverso questo tipo di elementi da spostare da un luogo a altro. Altri difendono l'idea di essere in grado di scegliere una cosciente e volontariamente la nazione a cui volete appartenere, lasciando da parte l'idea che uno è nato in un posto ed è tenuto a sostenere per sempre quella nazionalità, anche se diverse cittadinanze possono avere allo stesso tempo. I cittadini del mondo, in definitiva, non accettano l'idea che nazionalità è che qualcosa di determinato da uno stato e non dalla stessa persona.



2

Definizione di cittadino

Nella nostra lingua il concetto di cittadino ha un uso ricorrente e parecchi sensi alla fine è attribuita a.

Individuo naturale o che è un vicino di una comunità

Uso più generale e riconosciuta consente di designare qualsiasi individuo naturale o che è un vicino di una comunità o la particolare posizione geografica all'interno di una nazione, perché lui vive lì permanentemente. Uno non può essere cittadino di parecchi posti allo stesso tempo, ma che è cittadino di quel territorio in cui vivono, lavorano o si sviluppa a tutti i livelli.

Che proprio o relativo di una città

Inoltre, usiamo la parola in modo ricorrente per indicare a tutti proprio o relativo di una città.
Condizione di politico che si applica ad una persona che vive in uno stato e come tale ha dei diritti civili e politici può esercitare
E d'altra parte, come un terzo senso del termine che dobbiamo dire che il cittadino di parola è anche usato per indicare una condizione politico che si applica a qualsiasi persona che vive in uno stato particolare e come tale ha dei diritti civili e politici può esercitare e nessuno può impedire loro.
Normalmente, la nozione di cittadino implica vivere in comunità con altri cittadini, che complessivamente costituiscono un particolare tipo di società che, per organizzare deve essere classificato legale e politicamente.
Il cittadino di termine è direttamente collegato con l'idea di città, insediamento in cui è considerato che gli esseri umani hanno cominciato ad organizzarsi come una società. La nozione di coesistenza nello stesso spazio, condiviso da altri esseri umani (come la città), coinvolto fin dall'inizio la necessità di definire i diritti e gli obblighi che organizzeranno la vita in modo coerente in quanto comunità. È impossibile che una nazione può svilupparsi in modo soddisfacente se non si sono organizzati e molto meno in quel contesto di rottura che un cittadino possa esercitare i diritti in oggetto ha come tali.

Concetto che è stato creato durante la rivoluzione francese

Tuttavia, non sarebbe fino al periodo della rivoluzione francese che la nozione del cittadino come un argomento che ha determinati diritti politici (accesso alla partecipazione politica, i rappresentanti eletti), sociale (accesso a taluni servizi sociali) o legale (uguaglianza davanti alla legge senza distinzione di razza o classi). Il cittadino ha anche doveri dello stesso tipo che hanno da fare con l'applicazione di determinate leggi quali il rispetto per i diritti degli altri, la manutenzione di determinati modelli di comportamento, impegno per la società stessa, ecc.

Normalmente si applica a soggetti con età di voto

Nella maggior parte delle società attuale, il cittadino di termine si applica agli adulti e non a bambini o adolescenti sotto i 18 anni. Questo di solito ha a che fare con partecipazione politica che esercita un cittadino di accedere a votare e pertanto eleggere i loro rappresentanti politici, legge che non dispone di accesso fino all'età di 18 anni (o in alcuni paesi meno o più).
Ora, di là di quanto sopra dovrebbe dire che tutti, indipendentemente dall'età, sono cittadini del paese in cui risiedono, bambini, adolescenti e adulti, tutti.

È possibile diventare un cittadino di un paese che non è naturale

Mentre l'usuale è che una persona sia un cittadino di quel posto che era nato e dove hanno vissuto i suoi genitori e altri ascendenti, è anche possibile che un individuo che non è nato in una data posizione geografica può diventare cittadino di questa nazione dopo il completamento di una procedura e l'effettiva osservanza di una serie di condizioni.
Solitamente, quando una persona si siede in un paese per lavorare, compiuto un certo tempo, si può avviare il processo di cittadinanza concesso gli stessi diritti civili e politici di un abitante di naturale. Ci sono anche persone che sono cittadini di due paesi allo stesso tempo.
Altre circostanze che possono trasformare qualcuno in un cittadino di paese è sposata civilmente con una persona che è un cittadino di quella nazione o rendere il processo di ottenimento della cittadinanza per discendenza per la nazione in questione, cioè qualcuno si occupa di cittadinanza spagnola, perché era suo nonno. Ci sono molti paesi come gli spagnoli, ad esempio, che consentono i discendenti dei suoi cittadini naturali per rendere l'elaborazione della cittadinanza e anche diventare cittadini spagnoli con tutti i diritti che ne conseguono.



3

Definizione di civica

Il termine civico è un aggettivo usato per riferirsi a diversi problemi legati alla cittadinanza o convivenza sociale all'interno della Comunità. In genere, il termine è usato per descrivere alcuni tipi di modelli ("orientamenti civici") di comportamento, così come alcuni tipi di conoscenza che rientrano la materia d'insegnamento conosciuto come educazione civica o istruzione civica (anche se ci sono molte altre varianti).
La parola civica nasce dal concetto di cittadino. Un cittadino è una persona che è considerato uno stadio di madurativa sufficientemente sviluppato per agire consapevole e responsabile nella società. Normalmente, i bambini e gli adolescenti sono all'esterno di questa categoria che comprende quindi il resto della popolazione in una comunità. Civic sarà quindi tutto ciò che ha a che fare con i cittadini e con l'ambito della città soprattutto, luogo dove si ritiene che il concetto di cittadino è nato.
In questo senso, l'educazione civica è un tipo di educazione che si concentra sullo studio e la comprensione di ciò che è considerato socialmente accettata; tutti quei modelli che contribuiscono alla convivenza sociale e avendo a che fare con il rispetto per i diritti umani, nonché l'adempimento di obblighi sociali che ogni cittadino ha.
Anche se l'educazione civica è uno dei meno considerato e la maggior parte dare materie per la scuola, in realtà è che forse ha il collegamento più diretto con la realtà (che può essere assente da molte altre materie per la scuola e le funzionalità di cui li critica è). Formazione o istruzione civica studenti dovrebbero imparare e conoscere dati di grande importanza, ad esempio come una società è composto, quali sono i diritti e obblighi delle persone include, cos'è la famiglia, che cosa è il gruppo di amici, quali tipi di collegamenti sono dati all'interno di una società, diverse forme di governo e i modi che ogni cittadino deve partecipare attivamente non solo politica ma anche in molti altri correlati spettri per la società.



4

Definizione di civile

Il termine civile si riferisce a quelle questioni inerenti a una città specifica o i cittadini che vivono in esso.
Inoltre, il termine civile è solitamente usato per fare la differenza per quanto riguarda coloro che rispondere o appartengono al campo militare o religioso e che certamente dalla loro appartenenza a queste aree che hanno importanti differenze con il mondo civile ha perso un po' di questa denominazione.
Nel frattempo, nella legge, il termine civile vanta anche una partecipazione speciale poiché comprende tutti quei problemi, relazioni o interessi privati nei confronti di persone, proprietà o lo stato presentato, sia single, sposato o divorziato.
D'altra parte, l'esistenza di materia civile o in scienze politiche si chiama come la società civile è un requisito fondamentale di esistere e di mantenere la democrazia.
Una società civile è tutte le persone che hanno la categoria dei cittadini e che soprattutto agire collettivamente a risarcire le scelte inerenti nella sfera pubblica della società a cui appartengono, da istituzioni governative esterne e che ovviamente tende verso il comune, per in questo modo e se necessario abbiano gli strumenti e le aree per essere in grado di difendere il potere strategico che a volte serve come lo stato e il mercato.



5

Definizione della civilizzazione

La civiltà di termine è usata per riferirsi ad un fenomeno molto complesso, forse il più complesso di tutto in quello che fa riferimento al sociale e umano. In termini specifici, può essere descritto alla civiltà per quanto riguarda il fenomeno mediante il quale una comunità o una società progredisce non solo in questioni materiali, ma anche nei valori, nel potere, nella cultura, nella loro comprensione della vita. Civiltà implica la presenza della cultura, cioè, la possibilità di sfruttare l'ambiente che lo circonda e anche influenzare l'essere umano.
Ma il concetto di civiltà applicato a molto antiche come quella egizia o le società greco-romane. Questo significa che il concetto di civiltà non ha nulla a che fare con un particolare periodo della storia, né che è moderno di esclusione. Così, civiltà può essere inteso come una comunità che è riuscito a progredire e crescere in settori come l'uso e lo sfruttamento delle risorse naturali, in alimento, nella divisione di produzione del lavoro (che parla di una maggiore diversità di compiti che devono essere soddisfatte), nella crescita delle aree urbane anche posato alcuni indipendenza dall'attività agricola principale e maggiore affidamento sulle altre attività come industriale e dei servizi.
Inoltre, la civiltà hanno come caratteristica principale lo sviluppo di un sistema culturale non solo di grande importanza, se non anche influente in altre società. Elementi come scrittura, filosofia, scienza, religione e anche le forme di potere sono tutte le parti importanti per rendere una comunità piccola o isolata una grande civiltà. Inoltre, lo sviluppo tecnologico e la crescita dei sistemi di comunicazione anche hanno un livello di importanza significativa sul concetto poiché significano risultati molto significativi per la vita quotidiana dell'uomo.



6

Definizione di civilizzato

Il termine civilizzato è usato come aggettivo-aggettivo per designare persone, animali o atti che rientrano in genere nell'ambito dei parametri normalmente inteso come parte di una civiltà. Persone civili sono che possono coesistere con gli altri in un ambiente sociale secondo le linee guida di comportamento della società imposta. Un animale può essere considerato civilizzato quando si risponde a un processo di addomesticamento e agisce secondo gli ordini dei proprietari, nascondendo il suo lato selvaggio in grado maggiore o minore.
Quando si parla di una persona come civile, vogliamo dire non solo che quella persona è parte di una civiltà, se non che il suo modo di agire è appropriato per la convivenza sociale. In termini generali, che si ritiene che tutte le persone sono civilizzate un non civilizzato sarebbe che vivono, ad esempio, nella giungla o tra metà degli animali. Tuttavia, ci sono molte situazioni nelle attività quotidiane delle associazioni e comunità che può controllare se una persona agisce in modo improprio o non.
Situazioni o circostanze comuni in cui tale condizione di civilizzato può essere messo in dubbio è uno in cui persone eseguire vari atti di violenza irrazionale contro gli altri (persone e oggetti) con il semplice scopo di distruggere o danneggiare. Queste azioni sono comuni nella società di oggi perché nelle stesse circostanze di tensione e violenza attirano sempre più individui rispetto ad altri. Altri atti come rubare, nascondendo la verità o eseguire azioni indecenti in pubblico interamente anche possono essere considerati come non civilizzate.
Seguendo questi parametri, una persona o una persona civilizzata è colui che può rispettare quei modelli di comportamento, rispetto per gli altri e agire correttamente nella ricerca dell'armonia e della verità.



7

Definizione di cittadinanza

Civiltà è innanzitutto un atteggiamento che dovrebbe osservare tutti quei cittadini di una comunità e che consiste dell'adempimento degli obblighi derivanti per la Comunità alla quale appartiene.
Civiltà è l'osservazione di modelli di comportamento sociale minimo che sono quelli che permettono che gli esseri umani possono vivere nella Comunità. Le basi proposto questo comportamento sociale sono il rispetto verso gli altri, verso l'ambiente naturale, oggetti e istituzioni pubbliche, buona educazione, urbanità e gentilezza.
Una persona può dimostrare la loro cittadinanza attraverso diverse azioni: non gettare carta o spazzatura sul pavimento e fallendo utilizzando il cestello, aiutando i loro coetanei quando accade un fatto che complica qualsiasi regione della Comunità in cui vive, preoccuparsi di coloro che non trovano possibilità di sviluppare a livello personale e professionale e l'adempimento del loro obbligo di votare in quei paesi nei quali risultati di voto essere obbligatoria; Nel frattempo, questa conformità oltre ad essere fisico, vale a dire, frequentare il posto di polling che più vi si addice per legge, la maggior parte d'importanza si sono impegnati con un pensiero sceglie l'opzione più appropriata garantire l'Unione e la prosperità del luogo in cui abita. È comune, sia per mancanza di interesse o direttamente non è interessato, che la maggior parte della gente vota per obbligo, perché sì e non consapevolmente pensando la proposta che è più appropriata per il vostro benessere e il mondo che lo circonda.
Coloro che dimostrano capacità di vivere insieme in società rispettando e considerando sempre l'altro e anche appagante le alternative di cui al paragrafo precedente, può dire loro che vivono secondo la proposta fondamentale di educazione civica.
D'altra parte, quando una persona riesce a sommare educazione e rispetto si dirà che viene gestita con molta civiltà nella sua vita. Laura ci ha accolti con civiltà che lo caratterizza.



8

Definizione del Clan

Chiamiamo tale gruppo o comunità di individui che hanno un antenato comune, che vantano che legami di una famiglia di fondamentale importanza e obbedienza all'autorità del capo clan. Con la mia famiglia, siamo un clan, ci piace andare lì per qui tutti insieme, ad esempio, quest'anno siamo anche andati insieme in vacanza.
Quindi, in questo senso del termine, il gruppo si unirà una sorta di parentela, discesa precisamente sarà questo link, un antenato in comune, ad esempio, se la stessa reale o mitologica (totem), che verrà importata e soprattutto pesare le cose. Nel frattempo, anche se si verifica per esempio è sconosciuto o è in dubbio del lignaggio da cui proviene, i membri del clan riconoscerà un fondatore, che implica l'unità di tutti i membri.
Non necessariamente per parlare del clan deve avere un rapporto di sangue, poiché il concetto trascende questo problema, perché ad esempio è un'adozione, matrimonio o qualsiasi legame genealogico inventato.
Il concetto del clan, è anche strettamente imparentato il sottogruppo della tribù, di solito fatta tra 7 e 10 mila persone; i membri di questi gruppi ha condiviso le stesse condizioni di vita, erano pastori nomadi e poveri e anche di più, si sono sentiti profondamente collegati da un'importante solidarietà tra di loro. Di conseguenza, ancestralmente, li vide i clan come gruppi di paura, perché ogni membro era perfettamente disposto a dare la sua vita per l'altro nelle circostanze più avverse o sui campi di battaglia.
Inoltre, chiamato clan con il ristretto gruppo di individui che sono collegati tramite link o interessi comuni. Parenti delle vittime dell'attacco hanno formato un clan.
E per volere di giocatori clan si chiama al gruppo di persone che si riuniscono per giocare contemporaneamente, condivisione di diverse alternative di gioco, aiutando nel caso in cui richiesto e di fronte ad altri clan antagonistico.



9

Definizione di Clandestino

Il concetto di clandestino è utilizzato nella nostra lingua per riferirsi a qualcosa di nascosto, segreto e che di solito è nascosto in quanto ha una componente di illegalità che rende meglio di nasconderlo perché in caso contrario, se fosse esposto, potrebbe adattarsi alla persona qualsiasi punizione dalle leggi in vigore o qualsiasi autorità.
Caso è che il clandestino normalmente si associa o è associato con attività illegali, ad esempio la vendita clandestina di alcune merci, droghe, incontri che sotterraneo effettuato persone e hanno la missione portare un colpo di stato o destabilizzare una situazione.
Ora, dobbiamo citare anche che ci sono problemi che si nascondono non temendo una punizione giudiziaria ma perché a livello morale sono da condannare. Ad esempio, un uomo che inganna la moglie con un altro e ancor più, mantiene una relazione con quest'ultimo e chiaro, non voglio sapere, manterrà tutte le corrispondenze in modo velato, segretamente, così che sua moglie e nessuno lo sa.
D'altra parte, ci sono questioni che non sono illegali o è vietate, ma che comunque sono conservati in modo clandestino, si nascondono perché c'è la paura di essere a conoscenza e di generare qualsiasi rappresaglia in qualcuno.
Per esempio un giovane che la sua famiglia non farle avere un fidanzato decide di vedere il suo amante segreto così che i suoi genitori non per sigillarlo o non voglia di lasciare.
Inoltre, a livello politico, nascondersi sono qualcosa che si è imparato ad apprezzare il modo potere tutta la storia e ancora oggi che si può vedere in quegli scenari politici in che la materia la dittatura o autocrazia e poi a coloro che pensano diversi li insegue è, non lasciando loro più alternativa che parlare o muoversi in modo clandestino.
Come possiamo vedere, il clandestino è una questione che può essere visto con la ricorrenza nella vita e può essere motivata dai più diversi problemi.
Questo non è ovviamente una situazione consigliata o molto meno, perché si tratta di illegalità, nascondere e mentire, idealmente, c'è il clandestino.



10

Definizione di chiarezza

Chiarezza è un aggettivo che singifica chiarezza. Ad esempio, una persona comunica chiaramente quando espresso in modo assertivo, senza deviazioni, qual è il suo messaggio. Chiarezza nel contesto della comunicazione interpersonale Mostra assenza di confusione nel comunicare il messaggio e sulla comprensione che il ricevitore avete da questo.
Chiarezza può anche essere collegata alla conoscenza di se stessi. In particolare, una persona può essere chiaro che cosa i loro sentimenti e le loro idee dopo un periodo di confusione. Ci sono soprattutto sani esercizi per mettere in ordine le idee: praticare la meditazione, fare yoga, camminare attraverso un ambiente naturale, l'inserimento nel journal, chiacchierando con un amico fidato, una terapia psicologica... E, naturalmente, dare tempo al tempo, che spesso mette le cose a posto.

Chiarezza sui sentimenti

Una persona che ha dubbi circa il loro rapporto potrebbe richiedere un po' di tempo in relazione a chiarire ciò che loro veri sentimenti. Allo stesso modo, una persona che una crisi è personale o professionale, potrebbe essere necessario meditare sulla questione di mettere luce sulle vostre idee e muoversi in una direzione. Una persona ha bisogno di mettere le loro idee in ordine quando ci si sentono tutti i dubbi.
In una società in cui la prisa è un modello comune nello stile di vita delle persone, è molto importante trovare spazio per tranquillità e riflessione. È essenziale a meditare dopo un'esperienza. La chiarezza è la luce emozionale. La chiarezza è un valore personale molto importante che ti permette di andare avanti sulla strada della vita mostrando una coerenza tra pensiero, sentimento e azione.

Come forma di trasparenza e fiducia

Chiarezza si riferisce anche alla trasparenza personale, cioè per la sincerità e l'onestà di colui che non è secondi fini in azioni, ma guarda di fronte a altro. Ci sono gesti che sono in contrasto con la chiarezza, ad esempio, la bugia.
Questa onestà con se stessi e con gli altri prodotto benefici positivi nel breve e lungo termine: benessere emotivo, pace interiore, serenità, l'assenza di preoccupazioni e la paura. Al contrario, la confusione produce irrequietezza, disagio e paure. Dal punto di vista della felicità, è molto importante avere chiaro quello che vuoi.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…