Significato e Definizione di cittadinanza

La nozione di cittadinanza ha tre significati principali: permette di definire la qualità e il diritto del cittadino ("cittadinanza non viene rispettato in questo paese"), tutti i cittadini di una nazione (' ascoltato rappresentanti i requisiti di cittadinanza ") e il comportamento che è proprio il buon cittadino («impresario, fedele alle sue parole della cittadinanza, ha donato migliaia di euro per la Restos du Coeur»). Un cittadino è un residente che è oggetto di diritti politici. Questi diritti consentono di intervenire nel governo del suo paese attraverso il voto. Cittadinanza implica anche determinati doveri e obblighi (ad esempio di rispetto per i diritti degli altri).
Azione dei cittadini deve essere responsabile, pacifica e auto-regie. Il suo obiettivo principale è migliorare il benessere pubblico. D'altra parte, le azioni coinvolte per il beneficio di singolo non hanno nulla a che fare con la cittadinanza.
Piena cittadinanza per tutti i cittadini è essenziale per il corretto funzionamento di una democrazia. Se alcuni cittadini non possono votare (per motivi di religione, etnia, sesso, ecc.), democrazia non riesce e non risultano i presupposti della cittadinanza.
Storicamente, il concetto di cittadinanza è cambiato. Nell'antica Grecia, ad esempio, solo i cittadini erano gli uomini perché potrebbero avere armi e difendere la città. Donne, schiavi e stranieri non sono stati considerati cittadini.
Le democrazie esistenti, nel loro caso, considerano che tutte le donne e tutti gli uomini sono cittadini dal momento in cui che hanno raggiunto la maggioranza (18 anni, in generale).