RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata

Significato e Definizione di violenza di genere

ADS

La violenza è un comportamento volontario e consapevole, che può causare lesioni personali o danni psicologici alla vittima. Il termine è di origine latina (violentĭa) ed è associato con l'azione eseguita con forza o brutalità e tenuto contro la volontà degli altri. Violenza di genere è quello che si verifica da un sesso a altro. In generale, il concetto è piuttosto la violenza contro le donne, dove il soggetto passivo è una persona di sesso femminile. In questo senso, potremmo menzionare anche le nozioni di macho violenza, violenza domestica e violenza all'interno della coppia. Spesso, casi di violenza all'interno della famiglia o di violenza domestica non sono segnalati a causa di vergogna o paura (fear).
In ogni caso, violenza di genere include anche aggressione fisica e mentale, che una donna può avere su un uomo. D'altra parte, l'idea non contempla comportamenti violenti tra persone dello stesso sesso.
Per soddisfare i problemi storici della violenza contro le donne, alcune leggi contemplano una discriminazione positiva nei confronti delle donne, mentre li protegge da uomini. Ci sono anche casi dove la violenza femminile sugli esseri umani non è considerato come un crimine.
Nel 1999, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato che il 25 novembre sarebbe stata la data della giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. La data in qualche modo rende omaggio anche per il brutale assassinio delle sorelle Mirabal, che erano tre attivisti dalla Repubblica Dominicana.
Conserveremo i che, dopo diverse statistiche, una donna su quattro è stata presumibilmente violentata, mentre circa 120 milioni di donne hanno subito mutilazioni genitali.

RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata