Significato e Definizione di tasso di natalità

Un tasso riflette il rapporto esistente tra la quantità e la frequenza di un fenomeno. È quindi il rapporto tra due grandezze. Il tasso di natalità, il tasso grezzo di nascita o solo nascita corrisponde al numero proporzionale delle nascite che si verificano in qualsiasi momento all'interno di una popolazione. Serve per calcolare la fecondità, vale a dire la realizzazione della fertilità o l'abbondanza di riproduzione degli esseri umani umani.
In generale, il tasso di natalità indica il numero delle nascite in una popolazione per ogni mille abitanti per un periodo di un anno. Ad esempio: se il tasso di natalità di città X è 12%, ciò significa che 120 nascite ci si tengono ogni anno su ogni 1000 abitanti.
Il tasso di natalità è un dati facile da interpretare. Tuttavia, non è davvero utile quando si tratta di confrontare paesi dove realtà demografiche sono diversi. Le nazioni possono presentare grandi differenze riguardo all'età della loro popolazione, che ha un impatto diretto sul tasso di nascita.
Il tasso di natalità è solo associato con bambini nati vivi. Questo indicatore consente di calcolare la crescita demografica di una popolazione: se in un qualsiasi città è basso il tasso di natalità e l'età generale degli abitanti è avanzato, quindi la forza produttiva dovrebbe incontrare problemi nel breve e medio termine.
In questi casi, i governi tendono a incoraggiare l'immigrazione di giovani coppie, non solo per aumentare il mercato del lavoro ma soprattutto perché è possibile che queste coppie hanno i bambini che, troppo, sono parte del futuro della popolazione attiva locale dal punto di vista economico.