Significato e Definizione del comunismo

Il comunismo è un movimento politico, sostenendo la formazione di una società senza classi sociali, dove i mezzi di produzione sarebbe di proprietà comune. Così, proprietà privata di queste risorse non esisterebbe e il potere sarebbe stato dalla parte della popolazione dell'operaio. Comunismo è progettato per abolire lo stato: proprietà privata dei mezzi di produzione non esiste, l'operazione non esisterebbe neanche. Detto questo, l'organizzazione di stato non è necessario.
Le basi del comunismo sviluppato da Karl Marx e Friedrich Engels alla fine del XIX secolo in libri come "La capitale". Nel XX secolo, il rivoluzionario russo e leader sia bolscevico Vladimir Lenin ha deciso di implementare tali teorie dover basare la propria interpretazione.
Il comunismo è oggetto di qualsiasi tipo di critica. Alcuni credono che la società classless è impossibile (dato che ci sarebbe sempre un gruppo qualsiasi desiderano tenere alimentazione; nel caso di comunismo, sarebbe i burocrati). Inoltre, molte persone trovano che il capitalismo e la sete di profitto è l'unico sistema in grado di promuovere lo sviluppo economico.
Anche se questi due termini sono spesso usati come sinonimi, comprendono che il comunismo e socialismo non sono la stessa cosa. Il socialismo è una dottrina di politica economica che si basa sulla titolarità democratica e il collettivo amministrativa controllo di sistemi di produzione, così come la padronanza delle strutture politiche da parte dei cittadini. Così, il socialismo è considerato pre-trial al comunismo.