Paletta di Narmer > Origini e storia

Narmer Palette (Unknown Artist)
La paletta di Narmer (noto anche come di vittoria di Narmer e il grande tavolozza di Hierakonpolis) è un'incisione cerimonia egiziana, un po' oltre due piedi (64 cm) alti e sagomati come uno scudo di chevron, raffigurante il primo Dynasty Re Narmer conquistando i suoi nemici e unendo superiore ed abbassi l'Egitto. Esso dispone di alcuni dei primi geroglifici trovati in Egitto e risale al c. 3200-3000 A.C.. La tavolozza è intagliata da un unico pezzo di siltiti, comunemente utilizzati per compresse cerimoniale nel primo periodo dinastico d'Egitto. Il fatto che la tavolozza è scolpita su entrambi i lati significa che è stato creato per cerimoniale invece scopi pratici. Gamme di colori che sono stati fatti per uso quotidiano erano solo decorati su un lato. La paletta di Narmer è finemente intagliato in legno per raccontare la storia della vittoria di re Narmer in battaglia e l'approvazione degli dèi presso l'unificazione dell'Egitto.

Sfondo di scene della tavolozza

L'incisione raffigura un re egiziano vittorioso unificando la terra sotto il suo governo. Tradizionalmente, questo re era conosciuto come Menes, il primo re del periodo Early Dynastic che Regno alto e basso Egitto attraverso la conquista. Suo predecessore, secondo lo storico di III secolo A.C. Manetho, era un re di nome Narmer, che hanno cercato di unificare il paese attraverso mezzi pacifici. Menes è stato associato con Narmer e anche con il successore di Menes, Hor-Aha, che inoltre è accreditato con l'unificazione dell'Egitto.
Cronologia originale di Manetho è stato perso, ma è ampiamente citato nelle opere di scrittori più tardi. Nei primi giorni di Egittologia, elenco di Manetho (a parte i dèi-come-re che incominciala) è stato preso come dato di fatto ma, come più artefatti e templi sono stati scoperti, questo punto di vista spostato. La pretesa di Menes come il primo re della prima dinastia è cresciuto sempre più difficile da mantenere come non emerso nessun record archeologico di tale un re, e quando il manufatto raro di Menes è venuto alla luce, non sembrava per designare in modo esplicito il primo re della prima dinastia (Ecco perché il nome 'Menes' è associato con tre diversi governanti).
Egittologo Flinders Petrie fu il primo ad associare Menes Narmer e rivendicare che erano un singolo righello. 'Menes', secondo Flinders Petrie, era un nome onorario significa "colui che resiste" mentre Narmer era un nome personale. L'associazione del nome 'Menes' con il righello successivo che Hor-Aha non porrebbe nessun problema in quel Hor-Aha avrebbe potuto essere dato lo stesso titolo onorifico quando era re.
Narmer fu il primo re della Prima dinastia dell'Egitto e la paletta di Narmer è stato probabilmente creato per celebrare le sue vittorie militari sul basso Egitto.
Narmer, poi, fu il primo re della prima dinastia d'Egitto e la paletta di Narmer è stata probabilmente creata per celebrare le sue vittorie militari sul basso Egitto. La tavolozza indica chiaramente il re dell'alto Egitto conquistando basso Egitto e così unificando i due, ma studiosi moderni dubita in realtà ciò è stata compiuta da un re. Le date per l'unificazione dell'Egitto eseguito da più presto c. 3150 A.C. più tardi c. 2680 A.C.. È generalmente accettato che la data per l'unificazione è c. 3150 A.C. all'inizio della prima dinastia ma sconvolgimenti durante il secondo Dynasty (c. 2890-2670 A.C.) indicano che questa unificazione non durò. Ogni re della II dinastia dovette confrontarsi con una sorta di agitazione civile o addirittura civile guerra e iscrizioni dal momento in cui indicano il conflitto era tra superiore e inferiore Egitto, antagonisti non stranieri. Se Narmer ha fatto unire le due terre dell'Egitto ha probabilmente fatto così con la conquista militare e, se ha unito le terre pacificamente, avrebbe probabilmente dovuto tenerla insieme attraverso ripetute campagne come quella raffigurata nella tavolozza di Narmer.

Descrizione

Da un lato, Narmer è raffigurato indossando la corona di guerra dell'alto Egitto e la corona di vimini rosso del basso Egitto, che significa che il basso Egitto è caduto a lui nella conquista. Sotto questa scena è la più grande incisione sulla tavolozza di due uomini intrecciando i colli serpentino di bestie sconosciute. Queste creature sono state interpretate come rappresentazione di alto e basso Egitto ma non c'è nulla in questa sezione per giustificare tale interpretazione. Nessuno ha interpretato conclusivamente che cosa significa questa sezione. Nella parte inferiore di questo lato della tavolozza, il re è raffigurato come un toro che attraversa le mura di una città con le sue corna e calpestare i suoi nemici sotto i suoi zoccoli.
Narmer Palette
L'altro lato della tavolozza (considerato il lato posteriore) è una singola immagine coesa di Narmer con il suo club di guerra per colpire un nemico che tiene per i capelli. Sotto i suoi piedi sono altri due uomini morti o nel tentativo di sfuggire alla sua ira. Un servo calvo si leva in piedi dietro il re che tiene i suoi sandali mentre, davanti a lui e soprattutto la sua vittima, il Dio Horus è raffigurato guardando sopra la sua vittoria e benedizione portandolo più prigionieri nemici.
Narmer
Entrambi i lati della tavolozza sono decorati nella parte superiore con teste di animali che sono state interpretate come tori o vacche. Archeologi e studiosi che sostengono che quelli sono le teste di mucche è possibile associare le incisioni con la dea Hathor, che regolarmente è descritta come una donna con testa di una mucca, una donna con le orecchie di vacca, o semplicemente come una mucca. Come Hathor non è associato con la guerra o conquista, questa interpretazione non ha senso nel contesto. Un'interpretazione più ragionevole è che le teste rappresentano tori dal momento che il re è raffigurato altrove sulla tavolozza come un toro storming una città. Il toro rappresenterebbe il re forza, vitalità e potenza.

Scoperta

La paletta di Narmer fu scoperto nel 1897-1898 CE dagli archeologi britannici Quibell e verde nel tempio di Horus presso le città di Nekhen (noto anche come Hierakonpolis), che era una delle prime capitali della prima dinastia d'Egitto. Le scene incise sulla siltite erano considerate un account di un evento storico reale fino ad abbastanza recentemente quando è venuto a essere considerato come un'iscrizione simbolica. Ci sono molte teorie differenti riguardo la tavolozza e, ad oggi, non c'è alcun consenso su quello che l'iscrizione significa o se si riferisce agli eventi storici.
Narmer
La tavolozza è stata scoperta tra l'altro elementi associati a Regno di Narmer come la sua mazza e un altro frammento di mace iscritta con il nome di Re Scorpione. Scorpion potrebbe essere stato uno dei predecessori di Narmer o avrebbe potuto essere un avversario e rivale per il trono. Quibell e verde non è riuscito a nota dove la tavolozza è stata trovata in relazione agli altri oggetti e ulteriore non è riuscito a includere il percorso dove sono stati scoperti molti altri artefatti nella loro indagine.
Il risultato del loro errore nella registrazione corretta è che nessuno sa che cosa il rapporto dei manufatti erano a vicenda e dove sono stati scoperti nel tempio. Se sono stati insieme in un'unica area potrebbe significare che erano considerati oggetti sacri o forse semplicemente preziosi manufatti conservati in un luogo sicuro. Se sono stati trovati separatamente, il punto preciso nel tempio potrebbe far luce su come sono stati considerati. Se mazza del Re Scorpione si trovava in un petto e Narmer in un posto d'onore (o viceversa) molto potrebbe essere dedotta su come questi pezzi sono stati considerati dal popolo del tempo. Nessun tali note sono state fatte, purtroppo, e i manufatti sono stati semplicemente rimossi senza loro catalogazione. Qualsiasi interpretazione dei pezzi trovati in scavo 1897-1898 a Nekhen deve essere speculativo.

Interpretazione

Questa speculazione si estende la paletta di Narmer, che potrebbe rappresentare un evento dalla storia o semplicemente essere un'onoraria incisione che mostra la forza e il vigore del re in battaglia. La prova del conflitto civile durante la seconda dinastia, come notato sopra, indica unificazione non era in possesso e si trattava di Khasekhemwy (c. 2680 A.C.), ultimo sovrano della II dinastia, succeduto nel Egitto unificante nel modo Narmer è mostrato nel riquadro. Khasekhemwy è stato a lungo un forte candidato per l'onore del primo re per unificare il paese e questa affermazione è supportata da Prospero Regno di suo figlio, Djoser (c. 2670 A.C.), che ha costruito la piramide e i suoi dintorni complessi a Saqqara.
Sembra chiaro che Khasekhemwy ha fatto unire Egitto ma prova come la paletta di Narmer e iscrizioni risultati re Den (c. 2990 A.C.) indossa la doppia corona dell'alto e basso Egitto fortemente suggerire Khasekhemwy non era il primo. Egitto subirebbe un numero di periodi di lotte civili e di frattura durante la sua lunga storia e sarebbe essere riunito e riformato più e più volte. Prima unificazione di Narmer avrebbe dovuto essere mantenuta dai re successivi e, secondo sia iscrizioni e prove fisiche, e ' stato. Khasekhemwy sarebbe stato solo uno di una serie di governanti che hanno dovuto rimettere insieme Egitto, non il primo a unire le due terre. La paletta di Narmer, tuttavia uno lo interpreta, dimostra che l'unificazione è stata compiuta secoli prima Khasekemwy da re Narmer.

Articolo contribuito dal team di collaboratori.