Passa ai contenuti principali

Chi era Massimino Trace

Maximinus I ()

Il giovane Roman Emperor Alexander Severus assicurò il trono imperiale dopo l'assassinio di suo cugino Eliogabalo dai Pretoriani nel 222 CE. Tredici anni dopo, nel 235 CE, dopo infruttuosi assalti contro il Parthians e tedeschi, l'esercito, stanco della sua incapacità di comando, assassinato lui e sua madre, Julia Mamaea e radunato dietro un comandante barbariche semianalfabeta denominato Maximinus Thrax. Purtroppo, la mancanza di sostegno in the Roman Senate e più costose spedizioni militari significherebbe la sua stessa morte tre anni più tardi.
Gaius Julius Verus nacque a 172 o 173 CE in Tracia, una regione di nordest di Macedonia vicino al Mar Nero, da un padre contadino e una madre di Alanic. A causa del suo luogo di nascita, egli è diventato identificato con il nome di Thrax. Nel 190 CE egli entrò nell'esercito e per le sue immense dimensioni e forza, aumentato rapidamente attraverso la truppa, alla fine al comando di una legione in Egitto nel 232 CE, che disciplina la provincia romana di Mesopotamia e, infine, in 234 reclute leader CE in Germania. In un momento molto opportuno, Massimino sarebbe essere acclamato come nuovo leader dell'Impero.
All'inizio della primavera di 235 CE Alexander Severus e sua madre tentò un'offensiva contro i tedeschi con l'unico intento di resuscitare l'immagine dell'imperatore giovane con l'esercito e il popolo di Roma. Purtroppo, ha scelto di negoziare invece di lotta. L'esercito era furioso e radunato dietro Massimino contro Alexander. Dopo l'assassinio dell'imperatore e sua madre - i loro corpi sono stati restituiti a Roma - Massimino fu proclamato imperatore vicino l'attuale città di Magonza il 20 marzo 235 CE. The Roman Senate a malincuore approvato, anche se essi lo considerava un barbaro e sotto la loro condizione sociale. Suo figlio Gaius Julius Verus Maximus sarebbe denominato Caesar. Lo storico Erodiano nella sua storia dell'Impero Romano ha scritto del nuovo imperatore,
Il suo personaggio fu naturalmente crudele, come la sua gara era barbaro. Aveva ereditato la disposizione brutale dei suoi compatrioti, e aveva intenzione di rendere sicura la sua posizione imperiale da atti di crudeltà, temendo che sarebbe diventato un oggetto di disprezzo per il Senato e il popolo, che potrebbe essere più cosciente della sua origine umile di colpito dall'onore che aveva vinto.
Dopo aver assunto il titolo imperiale, il nuovo imperatore riconosciuto la sua mancanza del necessario sostegno al Senato e rimasti prudente. Quelli a Roma, così come molti nell'esercito, preferito un senatore di nome Magnus; Tuttavia, quando seppe la notizia della trama, molti dei suoi seguaci ha incontrato la loro morte prematura per ordine di Massimino. Altri, che rimase fedele ad Alessandro, ha scelto Titus Quartinus come imperatore, ma purtroppo ha incontrato la sua morte mentre dormiva per mano di uno dei suoi più accesi sostenitori, un uomo di nome Macedo che hanno eletto per cambiare lato e sostenere invece Massimino. Erodiano notato,
Anche se non aveva motivo per inimicizia o odio, Macedo ucciso l'uomo che egli stesso aveva scelto e persuaso ad per accettare l'Impero. Pensando che questo atto avrebbe vinto lui grande favore con Massimino, Macedo tagliata la testa dei Quartino e portato all'imperatore. Quando seppe del rogito, Massimino, anche se egli credeva che egli era stato liberato da un pericoloso nemico, tuttavia aveva Macedo ucciso, quando l'uomo aveva tutte le ragioni per sperare e credere che egli avrebbe ricevuto una ricompensa generosa.
Costruzione di un ponte di Barche e attraversando il Reno, il nuovo imperatore si trasferì ulteriormente in Germania, saccheggiando e bruciando villaggi come andò.
Costruzione di un ponte di Barche e attraversando il Reno, il nuovo imperatore si trasferì ulteriormente in Germania, saccheggiando e bruciando villaggi come andò. Dopo una feroce battaglia nei pressi di Württemberg e Baden e nonostante le pesanti perdite, fu proclamato Germanicus Maximus. È stata restaurata la pace nella regione. Da 235-236 CE avanzò verso il Danubio, guadagnandosi il titolo di Dacius Maximus e Samaticus Maximus. Tuttavia, suoi problemi risiede non in Germania, ma tornato a Roma - una città che non avrebbe in realtà mai visto. Sua spinta in Germania aveva prosciugato le finanze dell'Impero, e suoi tagli delle sovvenzioni il rifornimento del grano della città danneggiato la sua reputazione con le persone, specialmente i poveri. Erodiano osservò:
Dopo Massimino aveva impoverito la maggior parte degli uomini illustri e confiscati i loro possedimenti, che egli considerava piccolo e insignificante e non sufficiente per i suoi scopi, si voltò verso il tesoro pubblico; tutti i fondi che erano stati raccolti per il benessere dei cittadini o per i regali, tutti i fondi sono tenuti di riserva per spettacoli e Festival, si trasferì la propria fortuna personale.
Rendendosi conto che non poteva più tollerare gli eccessi di Massimino, il Senato ha gettato loro sostegno dietro l'ottanta-anno-vecchio governatore dell'Africa, Marcus Antonius Gordianus Tisdrus o Gordiano I. Massimino fu dichiarato nemico dello stato.
Gordianus e suo figlio Gordiano II, che fu proclamato Augusto dal padre, potrebbe aver avuto l'appoggio del Senato ma sul trono i loro giorni contati. Capellianus, governatore della Numidia e alleato di Massimino, avanzato sue legioni a Cartagine e dopo aver sconfitto la piccola milizia ucciso il forty-six-year-old Gordiano II. Suo padre, udito dell'assassinio di suo figlio, si è impiccato. Erano stati al potere solo ventidue giorni. Ancora rifiutando di accettare Massimino come imperatore, il Senato nominato co-imperatori-Decio Celio Calvino Balbino e Marcus Clodio Pupieno massimo. Hanno anche chiamato un Consiglio di venti per consigliare loro. Purtroppo, gli imperatori nuovi non sono stati accolti calorosamente dal popolo di Roma, infatti i due hanno ricevuto una grandine di pietre sono camminavano per le strade e i cittadini preferito tredici-anno-vecchio nipote di Gordiano II, Marco Antonio Gordiano. Per placare il citizenry, il ragazzo che sarebbe diventato Gordiano III fu nominato Cesare.
Dopo aver sentito la nomina di Gordiano e nonostante l'animosità crescente delle sue truppe, Massimino spostato il suo esercito verso l'Italia. Ha raggiunto la città di Emosa ma è sembrato di essere evacuati. Ha viaggiato più ulteriormente la città murata di Aquileia, ma i suoi ripetuti attacchi sulla città fallì. Imperatore Pupienus partì da Roma per incontrare Massimino. Le perdite ad Aquileia, combinato con la scarsità di cibo, erano troppo per la guardia pretoriana e nel maggio di 238 CE hanno ucciso sia l'imperatore e suo figlio con le loro teste essere scortate torna a Roma. Pupieno entrato Aquileia un eroe. Erodiano, che si riferisce co-all'imperatore vittorioso come Maximus, ha scritto che la città ha aperto le loro porte e la città hanno accolto Maximus. Secondo Erodiano, molti degli uomini sconfitti di Massimino è rimasto arrabbiato, soffrendo per loro comandante caduto,
Gli uomini applaudivano Maximus e sparse foglie nel suo percorso. I soldati che stavano assediando Aquileia è venuto avanti portando rami di alloro simbolici di intenti pacifici, non perché questo rappresentato loro veri sentimenti, ma perché la presenza dell'imperatore li ha costretti a far finta di rispetto e buona volontà.
La morte di Massimino portato quello che molti storici considerano un periodo di crisi e caos. Pupieno tornò a Roma un eroe ma presto litigò con il geloso Balbino. Stanco di entrambi gli uomini della guardia pretoriana preso d'assalto il Palazzo imperiale. sequestrati gli imperatori e trascinato i loro corpi per le strade di Roma. Gordiano III fu proclamato il nuovo imperatore, l'ultimo durante l'anno dei sei imperatori.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…