Passa ai contenuti principali

Chi era Marsia

Marsyas ()

Il satiro Marsia, o silen, era visto come un mitologico fondatore di aulos giocando o un giudice divino di esso dagli antichi greci. Il modo in cui sua aulos giocando rapito suo pubblico è stato paragonato al modo in cui Socrates ipnotizzato il pubblico con le sue parole philosophising, e il fatto che i due erano entrambi abbastanza brutto è anche raccolto su nel Simposio di Platone. Per qualche tempo, Marsia ha tenuto una posizione di rilievo all'interno le menti degli antichi greci, in particolare gli Ateniesi. Ci sono numerose menzioni di lui all'interno del record testuale, e vari esempi di artigianato ateniese rappresentano, ad esempio il gruppo di statua di Myron che avrebbe seduto in cima all'Acropoli.
Il mito standard di Marsia lo coinvolge raccogliendo il auloi (plurale di aulos) gettato giù da Athena. Athena ha gettato giù il auloi, così Melanippides si riferisce, perché lei ha visto il suo riflesso in uno specchio come ha giocato, e pensava che le sue guance soffiati fuori erano inelegante e disdicevole, sebbene Telestes sostenuto contro questo:
... qualcuno ha detto che Melanippides, in suo Marsyas, denigrare l'arte di suonare il flauto, aveva detto molto abilmente a Minerva: —
Athena ripudiato tali strumenti
Giù dalla sua mano sacra; e disse, in disprezzo,
"Lontano, hai cose vergognose — hai macchie del corpo!
Devo ora cedo me stesso a tali pratiche illecite "
E alcuni uno, rispondendo a lui, disse, — ma Telestes di Selino, in opposizione a Melanippides, dice nel suo Argo (ed è di Atena che parla troppo): —
Mi sembra una cosa poco credibile
Che il saggio Pallas, più sacro delle Dee,
Dovrebbe nella montagna groves hanno preso
Quello strumento intelligente e poi di nuovo
Gettato via, temendo per disegnare la bocca
In una forma indecorosa, per essere una gloria
Il Monster ninfa-Nato, rumoroso, Marsia.
Per come Athena casta dovrebbe essere così ansiosa
Circa la sua bellezza, quando il destino le aveva dato
Una verginità senza figli, portarla? (Ath. 616e ff.)
Athena ha gettato giù il auloi che Marsia prelevato perché lei ha visto il suo riflesso che lei e pensato che le sue guance sembravano inelegante e disdicevole.
Il satiro Marsia prelevati auloi di Athena, tuttavia e a un certo punto sfidato Apollo a un concorso (agon in greco). Apollo ha scelto di suonare la lira e, sia attraverso abilità da solo o un certo grado di inganno, battere Marsia. Punizione di Marsia per pensare che egli potrebbe fuori abilità un olimpionico era che egli era appeso e scuoiato vivo. La storia di Marsia è stato spesso discusso nel contesto della nuova musica in Atene. Un buon esempio di questo è i passaggi dei Melanippides e Telestes conservato in Athanaeus che apparentemente discutono diversi angoli a sostegno l'aulos. Tuttavia, a causa di Marsia pensando se stesso superiore ad Apollo, è un mito che è usato anche come un esempio dei pericoli di arroganza.
Marsia tenuta anche appello in età ellenistica e dai tempi dei Romani, ma la messa a fuoco diventa meno sulla sua agon con Apollo, o la sua raccolta del auloi da Athena e più precisamente sulla sua punizione per mano di Apollo. Questo può essere visto chiaramente in un mutevole interesse iconografie di Marsia, che mostrano interesse nel raffigurare lo scuoiamento di Marsia. Sappiamo anche che una statua di Marsia risiedeva nel foro romano (Horace S.1.6), e le nostre statue superstiti del gruppo ateniese di Myron sono infatti copie romane successive.
Varie genealogie mitologiche sono state applicate a Marsia; si dice spesso di essere stato il figlio di un anziano Olympus, a volte di Hyagnis o di Eagro. Si diceva anche che hanno insegnato una Olympus più giovane (chi era variabile anche registrato come figlio di Marsia), che era famosa per la sua musica rendendo, come si gioca l'aulos.
Marsia potrebbe riferirsi ad un fiume in Frigia prende il nome il famoso Satiro. Questa parte del mito è raccontata in 7.26 Erodoto, Senofonte Anabasi 1.2, cui al Plato Euthyd. 285 d e splendidamente raccontata da Ovidio, metamorfosi 6.382, dove le lacrime dei compagni degli Marsia raccolgono nel fiume, un altro esempio dell'interesse romano in scuoiamento di Marsia:
Il satiro Marsia, quando suonava il flauto
in rivalità contro la lira di Apollo,
ha perso quel concorso audace e, ahimè!
La sua vita fu incamerata; per, avevano concordato
colui che ha perso dovrebbero essere preda del vincitore.
E, come Apollo punito lui, gridò:
"Ah-h-h! perché sono voi ora mi distruggendo?
Un flauto è non il valore della mia vita!"
Anche come ha gridato fuori nella sua agonia,
la sua pelle vivente è stato strappato via dalle sue membra,
fino a tutto il suo corpo era una ferita ardente,
con nervi e vene e visceri esposti.
Ma tutta la gente piangente di quella terra,
e tutti i fauni e Sylvan divinità,
e tutti i satiri e Olympus, suo
pupilla amato — anche allora rinomato nella canzone,
e tutte le ninfe, si lamentava il suo triste destino;
e tutti i pastori, in roaming sulle colline,
si lamentava come tendevano fleecy greggi.
E tutte quelle lacrime che cade, sulla terra feconda,
disceso a vene più profonde, come goccia a goccia
le rugiade d'inumidimento, — e, raccolta come una fonte,
rivolta verso l'alto dalle sue grotte segreto-avvolgimento,
questione, frizzante, nell'aria baciata dal sole,
il fiume più limpido in terra di Frigia, —
attraverso la quale fluisce rapidamente tra rive scoscese
fino al mare: e, di conseguenza, dal suo nome,
' Tis chiamato "The Marsia" a questo giorno.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…