Alessandro Magno: A Case Study in Leadership marziale > Origini e storia

La storia non è prevedibile; in molti modi può assumere una vita propria. Ma a volte, la presenza pura di un individuo è sufficiente per storia di piegare al suo volere. Un tale individuo è stato . Attraverso la sua convinzione, visione, destrezza mentale, Oratorio e superba resistenza fisica fu in grado di destino di forma, per sé e per le terre ha conquistato.

Alexander the Great

Alessandro il grande

Anche da un'età giovane, ha mostrato la maturità di là della sua gioventù. Sua capacità di concettualizzare, anticipare e prendere dei rischi, era evidente nelle sue molte vittorie. Ha perseverato in Sogdia e il Makran, ostili regioni con climi viziosi. Alexander mantenuto notevole portamento ed esposto leadership quando tutto appeso nell'equilibrio. Quando ha preso una freccia attraverso il petto e l'altro in gamba, ha premuto sul – le ferite solo spronato lui a lottare di più.

DI : È NATO UN LEADER (E LEGGENDA)

Battaglia di Alexander al fiume Granico fu l'evento militare più cruciale nella sua vita. Perché sarebbe più significativo che l'assedio di , o la monumentale Granico? Al momento, Alexander era un giovane 22-anno-vecchio re e generale. Per quanto riguardava il nemico, figuriamoci i suoi uomini, Alexander era non provati in battaglia e di fronte una forza superiore persiana, guidato da un esperto comandante militare, Memnone di . Oltre alla sua mancanza di esperienza e capacità di leadership discutibile, l'esercito di Alessandro, prima di incontrare anche i persiani in battaglia, è stata già in una situazione di svantaggio. I persiani avevano esplorato la zona meticolosamente e cercavano l'altura sulla riva orientale del fiume Granico. Un superiore esercito persiano comandato da un generale in grado di combattimento sarebbe rivelarsi un'impresa scoraggiante. Ma Alexander, nonostante la sua giovane età, è stato decisivo nel suo piano di attacco e fiducia nelle proprie capacità. Sua genialità risiede nella sua spavalderia e audaci oneri; movimenti di truppe in grassetto gli permettesse l'opportunità di sfruttare le aperture nei ranghi dei suoi nemici. Sua capacità di leggere il suo avversario e adattarsi rapidamente alle mutevoli circostanze era inquietante. È stato uno strumento prezioso che sarebbe stato messo alla prova al fiume Granico e determinare il suo status di un re guerriero.
Secondo Guy Rogers (lezione, Thomas Edison State College, Trenton, NJ, primavera 2004), la banca sarebbe stato tre o quattro metri di altezza, che sarebbe difficile per gli uomini di Alexander attraversare senza prendere pesanti perdite. Inoltre, i persiani potrebbero correre la cavalleria di attraversamento e annientarli attraverso la pura forza. Questa contingenza fu l'inizio della sua abilità, così invece di un movimento di masse it attraverso il fiume, una forza aggiuntiva sarebbe coinvolgere i persiani e fare il sacrificio di un pedone per Alexander e i suoi uomini.
Aminta e la sua coorte di fronte i Persiani mentre Alexander e la sua coorte oscillato intorno e penetrato i persiani dal fianco. Le intenzioni di Alexander sono state realizzate quando i persiani non è riuscito a coinvolgere il resto dei suoi uomini con la stessa forza devastante che essi avevano scatenato su Aminta. La situazione per la quale aveva sperato Alexander si aprì davanti ai suoi occhi. Aminta aveva dato Alexander la possibilità e il tempo per condurre la cavalleria dei compagni, guerrieri più eletti di Alexander, in battaglia.
Brillantezza di ALexander risiede nella sua spavalderia e audaci oneri; movimenti di truppe in grassetto gli permettesse l'opportunità di sfruttare le aperture nei ranghi dei suoi nemici.
Il comandante persiano Mitridate incontrato assalto di Alexander e Alexander affrontato con lui, come ebbe a che fare con molti a venire, egli lo colpì in faccia con una lancia scheggiata. Alexander aveva ucciso un comandante persiano in piena vista dei suoi uomini; una leggera che non sarebbe andato senza risposta. Rhosaces e Spithridates, il fratello di Mitridate uccisi, perseguito Alexander per finire il upstart giovane una volta per tutte. Alexander era pronto a reagire. Ha preso l'offensiva contro Rhosaces e incornato lui, ma ha inflitto un colpo potenzialmente mortale che ha lasciato il cuoio capelluto di Alexander vagamente intatto. Disorientato e spaccati, Alexander fece del suo meglio per tornare ai suoi uomini, per tutto il tempo ignari Spithridates stalking nelle vicinanze dietro. Come Spithridates entrato per uccidere, Cleitus lo ha tagliato fuori e reciso la spalla dal suo corpo, quindi immobilizzare il braccio che tiene la scimitarra che sarebbe finita grande campagna di Alexander prima ancora aveva cominciato.
Fu una vittoria memorabile, non perché Alexander aveva stato inferiorità numerica di due a uno, che non era, ma perché questa è stata la battaglia che ha dimostrato la sua abilità come un comandante capace e legittimato il suo Regno come re. Suoi uomini aveva mostrato che era un comandante militare scaltro e che si è profondamente preoccupato per loro. Le 25 statue di commissionate da Alexander a Lisippo come grand memoriali di coraggiosi macedoni prova questo. Alessandro ha inviato anche 3.000 abiti di armatura torna ad con la scritta: "Figlio di Alexander di Filippo e i greci, ad eccezione degli spartani, dai barbari che abitano in Asia".
Ma ancora più importante, Alexander le fondamenta di una relazione che si sarebbe rivelato se stesso più volte fino alla sua morte. Dopo la battaglia, Alexander ha parlato con molti di coloro che erano stati feriti e ha chiesto loro di dirgli della loro singoli ruoli nella battaglia e come hanno ricevuto le loro ferite. In questo modo, ha formato un indistruttibile legame tra lui e i suoi uomini. Quel legame dimostrerebbe la sua più grande forza nei momenti più difficili. Robin Lane Fox riassume il ruolo di Alexander in Granico:
Il coraggio che confinava con follia mai fallito lui in prima linea della battaglia, una posizione che pochi generali dal hanno considerato corretto; Egli partì per mostrare se stesso un eroe, e dal Granico a Multan ha lasciato una scia di gesta eroiche, che non è mai stata superata e forse è troppo facilmente assunto tra tutte le sue realizzazioni. (495-496)

e la roccia sogdiano

L'entroterra dell' persiano era remoto e autonomo. Si potrebbe anche dire di essere indipendente di ' regola. Dopo la morte di Darius, Alexander, appena incoronato "re d'Asia" ha ritenuto opportuno per ristabilire il dominio su questa regione insopportabile chiamata Sogdia. Anche se questa avventura gli è costato due anni della sua vita, la perdita di molti uomini e di estremo disagio durante tutto il Calvario, Alexander era in grado di premere questi Baroni ostinati come solo lui poteva. Uno dei più importanti assedi si è verificato alla roccia del sogdiano. Qui suoi uomini dovevano letteralmente 'volare' prima vorrei sottoporre i baroni locali. Gli uomini di Alexander ha fatto volare e arroccato stessi sulla cima di una montagna adiacente in piena vista degli assediati, che spaventava la gente del posto in una resa veloce. Il secondo scoglio era più inaccessibile, e anche se il Barone Sisimithres non lo sapevo, era inespugnabile. Egli è stato blandito in sottomissione dal barone della prima roccia sogdiano, Ossiarte. Feat audace di Alexander ha portato alla sua vittoria e lui è stato dato accesso alla generosità degli Sisimithres, che comprendeva un grande negozio di generi alimentari male necessari. L'esercito di Alessandro sarebbe mangiare fino a quando loro pance erano contenuti; che aveva dovuto sopportare prove e le difficoltà che ha lasciato loro poco più di fantasmi di loro stessi ex. Questo è stato un gradito sollievo dove potevano godere i frutti del loro lavoro – non importa quanto effimera. Mentre le sue ambizioni laici a conquistare tutti coloro che stavano davanti a lui, Alexander è stato confrontato con la prospettiva di lasciare il suo Regno poco conquistata ai suoi subordinati. Questo non farebbe. Alexander necessari per garantire la sua di avere un erede per passare il suo Regno. Figlia di Ossiarte, l'incantatrice Roxane, era un probabile, se non temerario, scelta.

Map of the Greco-Bactrian Kingdom

Mappa del Regno Greco-battriano

SFIDA PIÙ GRANDE DI ALEXANDER – IL MAKRAN

Secondo Fox, "non c'è nemmeno la somma totale delle sofferenze dell'esercito in Asia meritava di essere confrontati con i disagi in Makran." Makran (399) era una landa desolata se ci fosse mai uno. Tra i conti di ufficiale di Alexander, Nearco, come pure i conti descrittivi di Fox e verde, un'immagine molto invitante è messo insieme. Piani di Alexander per invadere avevano stato ostacolati dall'ammutinamento a Hyphasis. Se egli non poteva saziare suoi ambiziosi desideri in India, poi sarebbe tornato al cuore dell'impero persiano in grande stile – attraverso il Makran, l'itinerario più infame alla . Regina e re sono gli unici ad aver mai attraversato esso. Alexander ha visto questo come una grande opportunità per sfidare la natura e alimentato la sua mania per rivaleggiare con le gesta degli dèi. Fu un avventuriero ed esploratore al cuore ma sapeva che doveva essere pienamente preparati per affrontare le sfide che l'aspettavano. Egli pesava rapporti storici con intelligenza presente e programmato per la maggior parte delle contingenze.
Alexander era un sognatore; Egli credeva egli generò da un Dio e ho pensato che non è un'impresa era impossibile.
Ancora nel Punjab, Alexander assemblata una flotta di navi che lo avrebbe accompagnato dal mare mentre lui e suo esercito ha viaggiato via terra. Alexander era un sognatore; Egli credeva egli generò da un Dio e ho pensato che non è un'impresa era impossibile. Ma lui sapeva veramente cosa stava diventando egli stesso e i suoi uomini in di avventurarsi verso il Makran? Probabilmente no, ma il suo ingegno e il Dio-come esempio, una prodezza stellare in condizioni avverse, deve essere stato un grande impulso morale per gli uomini. Se Alexander potrebbe anche pensare di tentare tale un gioco d'azzardo, quindi deve essere possibile. Suoi uomini sapevano che quello che evocato è venuto a compimento. Aveva ancora per conoscere la sconfitta, quindi perché dovrebbe questa situazione essere diversa?
Makran sarebbe una "prova severa", e probabilmente questo è stato il fascino per Alexander. (Fox, 390) Sapendo che gli altri avevano tentato un tale incrocio e usciti vivi si è rivelata irresistibile. Egli non poteva lasciarsi sfuggire senza sorpassare una simile impresa. Durante il viaggio, Alexander guidati da esempio anche se stava soffrendo da una ferita significativa al suo polmone da una freccia indietro a Multan. Un aneddoto narrato da Peter Green acquisisce una vaga idea del personaggio di Alexander e gli effetti sul morale sono impressionanti:
Tuttavia, [Alexander] riuscì a conservare il suo prestigio e popolarità condividendo Difficoltà peggiore degli uomini. Volta, quando un helmetful di acqua fangosa era stato trovato per lui in alcune vicine gully - ma non di più doveva essere avuto - rideva, ha ringraziato il donatore e quindi dato una mancia l'acqua fuori nella sabbia. Così straordinario era l'effetto di questa azione che l'acqua sprecata da Alexander era buono come un drink da ogni uomo nell'esercito. (434)
Questo ci dà un assaggio della natura enigmatica del Alexander, un uomo che possiamo solo sperare di aspirare a nei momenti di difficoltà e un uomo solo possiamo arrivare a conoscere attraverso gli occhi di coloro che lo conoscevano meglio.
Fox si riassume Makran e di Alexander motivi per enduring esso:
Makran era l'ambizione di uomini che hanno voluto stabilire un record e nulla aveva lasciato a , ma un paesaggio che aveva lasciato da solo. Il percorso non era semplicemente difficile; era il marzo più infernale che Alexander possibilmente avrebbe potuto scegliere. Ma nessuno si oppone. (403)
Il bit più significativo di informazioni è l'ultima frase di quella citazione, "ma nessuno si oppone". Perché ha fatto chiunque non si oppongono? La risposta può essere fatta risalire al fiume Granico, dove Alexander aveva vinto la fedeltà e l'amore per tutto il tempo del suo uomo. Egli era l'uomo che tutti volevano essere e l'uomo che non si poteva rifiutare. Alla fine della loro ricerca, hanno visto la "collina di Semiramis". E ' stato un memoriale per coloro che erano venuti prima e un sollievo a coloro che ora passavano. "Nome Semiramis accolti i sopravvissuti, quindi potrebbe essere detto, per conforto, per aver attraversato il deserto troppo." (Fox, 402) Ma, in difesa di Alexander, egli non è venuto fuori con un mero venti sopravvissuti ma migliaia.

RIVISITAZIONE DEL FUTURO: CHE COSA SUCCEDE SE ALEXANDER AVEVA VISSUTO PIÙ A LUNGO?

Se Alexander aveva vissuto più a lungo, sicuramente avrebbe continuato a indulgere la sua sete di conquista di andando verso sud in , Nord nelle terre che circondano il Mar Caspio e West in Nord . È ragionevole supporre che se fosse vissuto, quei paesi sarebbero sono stati conquistati a suo tempo. Future campagne erano già seriamente considerato e pianificato prima della sua morte in ed erano probabilmente in primo luogo concepito dopo la morte di in Hamadan. Se egli potrebbe trionfare sopra il più grande impero del mondo conosciuto in meno di un decennio come neofita, basti pensare a quello che poteva fare al culmine della sua potenza. Se Alexander aveva vissuto a un'età paragonabile a di Parmenio, il mondo antico poteva essere molto diverso da ciò che è registrato nei libri di storia.

The Empire of Alexander the Great

L'impero di Alessandro Magno

Se record passato di Alexander ci dice qualcosa, è che coloro che conquistò avevano poco da temere se hanno accettato la sua regola. Ha tradizionalmente incorporato credenze e pratiche degli altri nella sua stessa e spesso li spinse alla ribalta. Ci sono stati molti precedenti a favore di tali azioni. Tuttavia, c'era una cosa che popoli nativi potrebbero avere avuto da temere - trasferimento e migrazione. Mentre essi potrebbe essere consentiti di mantenere le loro usanze e le loro religioni, essi potrebbe essere chiesto di 'mescolare' con altri gruppi etnici, come macedoni, greci e persiani. Questa era una delle ultime volontà di Alexander, quindi esso potrebbe sono stato implementato da qualche parte lungo la linea.
Alexander sarebbe stato la forza più grande del suo impero. Come Napoleone, la sua presenza era la pena di 30.000 uomini. La lealtà di tutti i suoi uomini sarebbe stato fondamentale – che potrebbe essere stato in definitiva suo tallone . Intrighi di Palazzo affliggevano gli imperatori , e come l'impero di Alessandro è cresciuto, la sua non sarebbe stata fa eccezione. Più le sue ambizioni dettate più lui, divenne uno schiavo ai suoi desideri.
Alexander lentamente ma inesorabilmente si trasferì il suo modo di essere visto come un Dio, non come un re. È possibile che egli avrebbe hanno governato come Ptolemy hanno fatto in . È ragionevole supporre che alla fine egli sarebbe essere venerato da tutti come un Dio vivente, non solo come un figlio di un Dio. Già fu raffigurato come divina sulla e nella canzone. Alla fine, l'impero di Alessandro, alla sua morte, sarebbe stato lasciato a suo figlio o suoi successori arredate. Il suo successore, al fine di tenere tutto in ordine, avrebbe dovuto possedere alcune qualità, particolarmente la sua abilità militare, personalità magnetica, modo convincente, lealtà dell'esercito essendo essenziali e di Alexander. La dissoluzione a causa della mancanza di un erede di tale era evidente dopo la morte di Alessandro e preso una generazione alla fine.

ALEXANDER RICORDATO

Questa è la storia di Alessandro che ha viaggiato fino agli estremi confini della terra in una missione per la conquista, gloria e una fama duratura che avrebbe superato Achille e gli eroi dei vecchi. L'idea di rendere il mondo sgabello dei suoi piedi non era un semplice desiderio, ma una realtà. Alexander sapeva che se pensava solo di esso, suoi uomini sarebbero vederlo fintanto che avrebbe potuto vincere li. Fox eloquentemente dipinge un ritratto sorprendente di che Alexander era e continua ad essere nei nostri cuori e menti:
Fu notoriamente generoso e amava per premiare lo stesso spettacolo dello spirito che ha chiesto di se stesso... Anche se ha bevuto come ha vissuto, risparmiando nulla, sua mente non era impastata di eccessiva indulgenza; non era un uomo di essere attraversati o mi è stato detto che non poteva fare, e aveva sempre ferma viste su esattamente quello che voleva. Fu anche un uomo delle ambizioni appassionate, che ha visto l'intensa avventura dell'ignoto. Non credeva nell'impossibilità; uomo poteva fare nulla, e quasi lo ha dimostrato. Nato in un mondo di mezzo tra la e , visse soprattutto per l'ideale di un lontano passato, cercando di realizzare un'epoca in cui era stato troppo tardi per condividere. (496-497)
Alexander ha ancora essere rivaleggiava con da uomo dal suo governo nel IV secolo A.C.. "Il vero genio di Alexander", osserva verde (488), "era come un comandante di campo: forse, prese nel complesso, il generale più incomparabile che il mondo abbia visto." È solo un peccato che Alexander non ha avuto un per registrare la grandezza delle sue gesta e custoditi segreti del suo cuore. Come conclude Green,
Ancora la sua leggenda vive ancora; la prova della sua immortalità è la convinzione che ha ispirato in altri. Ecco perché rimase maggiore della somma misurabile delle sue opere; Ecco perché, in ultima istanza, egli continuerà un enigma insolubile, per questa e tutte le generazioni future. (488)
Se è così, forse sarebbe teniamo in grande considerazione l'eroe del classico Alexander il grande, invece gli eroi in opere classiche dell'Iliade e dell'Odissea. Alexander sarebbe stato contento di rivaleggiare con l'eroismo di Achille in un lavoro raccontata da padre a figlio attraverso le generazioni. Quindi sua memoria e le azioni sarebbero stati ricordati per tutto il tempo.