Adonis > Origini e storia

Adonis (Mary Harrsch (Photographed at the Musée Louvre, Paris))

Il mito di Adone, una storia vecchia come il tempo, è una storia d'amore leggendaria che unisce la tragedia e la morte da un lato e la gioia di tornare in vita da altro. La storia di Adonis incredibilmente attraente e la sua amante la dea origini risale alle antiche civiltà del . Era popolare tra i Cananei e molto ben noto al popolo della e , anche se indicato con nomi diversi in ogni . È la leggenda del Dio della bellezza che affacciava la morte quando lui era giovane, ma è tornato in vita per il bene del sua amata Aphrodite. Il mito è stata una fonte di grande ispirazione per molti poeti, artisti e dagli storici, che conduce al relativo uso molto diffuso come tema principale nelle produzioni intellettuali e letterari.

Dal cananeo Adon per la Adonis

Il Dio Adon era considerato una delle più importanti divinità cananea: egli era il Dio della bellezza, fertilità e rinnovamento permanente. Il nome stesso, "Adon", significa "Signore" in cananea. Nella e il in generale, fu chiamato Adonis e divenne noto con lo stesso nome fra le nazioni. Altri adattamenti di Adon in varie civiltà includono il Dio cananeo che è stato adorato in e Tammuz o Dumuzi (significato luglio), poichè egli era noto ai Babilonesi. In Egitto, egli era Osiride, il Dio della Resurrezione.
Oltre il Dio Adonis, il mito coinvolge sua amante eterna Astarte, la dea dell'amore e della bellezza. Era conosciuta come Afrodite per i greci e ai Romani. Le loro storie erano così intrecciate che mito di Adone sarebbe incompleto senza menzionare Astarte e la storia del leggendario amore che li ha riuniti.
Quando Afrodite visto Adonis lei era così stupita dalla sua bellezza che ha deciso di nascondere lui dal resto delle Dee.
Il ruolo che ha giocato nel trasferire il mito di Adone e Astarte dalle regioni cananea ai greci – e da quest'ultimo ai Romani – è molto significativo. Tuttavia, forse a causa della mancanza di fonti mesopotamiche e cananea scritto su questa leggenda (e spesso l'ambiguità di tali fonti), il greco Scritture sono i principali riferimenti per questa storia d'amore eterna. Quindi, il mito è più popolarmente conosciuto come quello di Adone e Afrodite, anziché Adon e Astarte.

Adonis in greco

Basato su diverse fonti greche (come Bion di Smirne) e gli altri riferimenti (come metamorfosi) Metamorfosi di un consenso generale sulla storia di Adone e Afrodite è come segue:
Un grande re chiamato Cinira (in alcune fonti conosciuti come Cinira, re di ) aveva una figlia di nome Myrrha, che era molto bella. Re utilizzato per vantarsi di sua figlia essendo più bella di Afrodite, la dea dell'amore e della bellezza. Quando Afrodite sentito parlare di questo, lei è diventato arrabbiata e ha deciso di vendicarsi. Ha usato suo figlio , il Dio del desiderio e attrazione, di rendere Myrrha cadere in amore con suo padre e anche lui ingannato a commettere incesto. Quando Cinira scoperto il trucco, ha giurato di uccidere Myrrha, che a sua volta fuggito da suo padre dopo aver realizzato che era incinta. Myrrha era vergogna e pentito del suo atto atroce e supplicato agli dèi per proteggerla. Hanno risposto alle sue preghiere da trasformandola in un albero di mirra.
Nove mesi più tardi, l'albero di mirra spaccato fuori, e nacque Adone; aveva ereditato la bellezza di sua madre. Afrodite, vedendo il ragazzo, lei era così stupita dalla sua bellezza che ha deciso di nascondere lui dal resto delle Dee e gli affidò a Persefone, dea degli inferi. Persefone ha iniziato a cercare dopo il ragazzo, e quando egli cresceva e divenne sempre più attraente, è caduto nell'amore con lui.
Un conflitto è aumentato quindi tra Afrodite e Persefone, che ha rifiutato di restituire Adonis ad Afrodite. , il re dei, è intervenuto e ha stabilito che Adonis a trascorrere quattro mesi dell'anno con Persefone , negli inferi, poi quattro mesi con Afrodite e i restanti quattro mesi tuttavia desiderava. Perché Adonis era così preso con il fascino di Afrodite, dedicò suoi quattro mesi gratis a lei.
Adone era ben noto per le sue abilità di caccia, e in uno dei viaggi di caccia nella foresta di Afqa (vicino a ), Adonis è stato attaccato da un cinghiale e cominciato a sanguinare nelle mani di Afrodite, che ha versato il suo nettare magico sulle sue ferite. Anche se Adonis è morto, il sangue mescolato con il nettare e scorreva sul terreno dove un fiore germogliato dalla terra, il suo profumo lo stesso come il nettare di Afrodite e il suo colore quello di Adonis' anima – il fiore di Anemone. Il sangue raggiunse il fiume e l'acqua di colore rosso, e il fiume divenne noto come "Fiume Adonis" (attualmente noto come Nahr Ibrahim o fiume Abramo), che si trova nel villaggio libanese di Afqa.

Culto di Adone

Byblos è stato uno dei principali luoghi del mondo antico usato per osservare i rituali di Adone, che in realtà portato di nuovo la pratica di questi riti e cerimonie bene nei primi secoli del . Gli scritti di Lucian di Samosata nel secondo secolo D.C. ha giocato un ruolo importante nel mettere in luce i rituali che erano ampiamente praticata dal popolo di Byblos. Il suo libro Su la dea siriana (De Dea ) racconta la sua visita al villaggio Afqa, dove spiega ciò che ha incontrato.
Secondo Lucian, il popolo di Byblos creduto l'incidente di cinghiale che toccò Adonis è accaduto nel loro paese. Per commemorare questo evento, avrebbero colpire se stessi ogni anno, piangere e celebrare rituali religiosi e orge, mentre un grande lutto è prevalso sopra l'intero paese. Quando loro palpitante e bewailing ci siamo fermati, essi sarebbero celebrare i funerali di Adone, come se fosse morto, e poi il giorno successivo annunciare che egli era tornato in vita e fu inviato al cielo.
Un'altra delle meraviglie della regione di Byblos è il fiume che corre da Monte Libano e sfocia nel mare. L'Adonis di fiume è detto di perdere il suo colore ogni anno e si tingono di rosso sangue, versando in mare e una grande parte della spiaggia rossa – un segno al popolo di Byblos per iniziare il loro periodo di lutto di tintura. Si ritiene che in questo periodo dell'anno, Adone fu ferito in Libano, e suo sangue è andato al letto del fiume. Una delle motivazioni addotte da Lucian – come raccontata da uno dei saggi dei Byblos – che spiega perché il fiume diventa rosso in questo periodo dell'anno è il vento forte che soffia suolo nel fiume. Il terreno del Libano (e di questa regione in particolare) è noto per il suo colore rosso, che, quando sono mescolati con l'acqua del fiume, diventa viola.

Il mito immortale

La popolarità della storia di Adonis e la sua amante Aphrodite ha condotto ad una rinascita dei suoi rituali in molte altre Phoenician pure. E ' anche sparsi per il mondo greco e romano antico, ma con lievi differenze di adattamento, a seconda delle caratteristiche e di ogni civiltà. L'essenza della leggenda, tuttavia, rimane intatta attraverso tutti gli adattamenti: un Dio della bellezza e della gioventù e il suo rapporto con la dea dell'amore, insieme con morte del giovane Dio e tornare alla vita che è una metafora della rinascita annuale della natura.
Il mito di Adone è collegato strettamente al concetto di vegetazione e civiltà agricole, come la Mesopotamia o le aree di Cananea (come la storia ha avuto origine nel vicino Oriente). L'inverno è una stagione di malinconia e tristezza per gli abitanti di queste aree, mentre la primavera e l'estate li ha portati la gioia della vita nuova. Questo mito è comunemente creduto per essere un'espressione di pensiero, riflessioni e percezioni psicologiche del suo popolo.
I resti del culto di Adone sono ancora presenti in questo giorno ed età tra alcune nazioni del , Mesopotamia e persino /Iran di , dove si manifesta come parte delle celebrazioni di folclore di primavera, come la festa di Nauroz.