Passa ai contenuti principali

Chi era Macrino

Macrinus ()

È una storia che è stato detto innumerevoli volte prima - un imperatore viene assassinato non lasciando nessun erede o successore. Il 8 aprile 217 CE Roman Emperor Caracalla è stato assassinato, presumibilmente su ordine dell'uomo che sarebbe poi diventato il suo successore, Macrino. Questo nuovo imperatore, durante il suo Regno di 14 mesi, avrebbe due distinzioni principali - egli non farebbe mai un passo piede a Roma come imperatore, e lui sarebbe il primo mai di aver servito nel Senato.
Marcus Opellius Macrinus nacque a Cesarea in Mauretania (una provincia lungo la costa settentrionale dell'Africa) a 164 CE (nessuna data esatta è noto), presumibilmente della classe equestre - una classe che un tempo aveva fornito cavalli per l'esercito di Roma. Ha scritto lo storico Cassius Dio,
Macrino era un Moro di nascita, da Cesarea e il figlio di genitori più oscuri, di modo che ha molto opportunamente è stato paragonato al culo che fu condotto al Palazzo dallo spirito; in particolare, una delle sue orecchie aveva stata annoiata secondo la consuetudine seguita dalla maggior parte dei Mori. Bur sua integrità ha gettato anche questo inconveniente nella tonalità.
Per fortuna per Macrino, avrebbe salire sopra sua nascita bassa classe e ricevere una formazione come un avvocato. Nella sua Storia romana aggiunto Cassius Dio, "Per quanto riguarda il suo atteggiamento verso la legge e precedente, la sua conoscenza di loro non era così preciso come sua osservanza di loro era fedele." Questo commento di quest'ultimo ha dato indicazione di azioni dell'imperatore futuro.
Poco altro si sa di Macrino fino al Regno dell'imperatore Septimius Severus (193-211 CE). Plauziano, il comandante della guardia pretoriana, lo nominò come uno steward. Più tardi, nel 212 CE sotto Imperatore Caracalla, sarebbe risuscitato per diventare il comandante della guardia pretoriana se stesso. Questa posizione gli offrì l'opportunità di servire sotto l'imperatore Caracalla come secondo in comando contro i parti in Oriente. Tuttavia, l'imperatore a volte lunatico e imprevedibile cominciò a temere l'ambizioso Macrino, avendo sentito voci che un indovino predisse che il comandante sarebbe presto diventato imperatore. Rendendosi conto che il suo tempo come imperatore era minacciata, Caracalla presumibilmente ordinò l'esecuzione di Macrino. Fu allora che il comandante ha deciso che deve uccidere l'imperatore o essere ucciso.
Durante il suo Regno di un anno, Macrino combattuto continuamente i militari, specialmente dopo che egli aveva ritirato molte delle prestazioni liquidate da Caracalla.
Quando l'imperatore spesso disprezzato si recò a visitare il Tempio della dea Luna Luna vicino a Carrhae, Macrino ha colto l'occasione. Su 8 aprile 218 CE come Caracalla fermato lungo la strada per alleviare se stesso, una delle sue guardie del corpo si avvicinò dietro di lui con la spada in mano e pugnalato l'imperatore ignaro. Macrino ritornati al campo con il corpo di Caracalla, sostenendo che aveva già ucciso assassino dell'imperatore. Ceneri di Caracalla furono inviati a Roma e sepolto nel Mausoleo di Adriano. Secondo di Herodian storia dell'Impero Romano, il Senato era euforico:
... The tifo Senato votato Macrino tutti gli onori imperiali, il fatto è, tuttavia, che essi provarono non tanto alla successione dei Macrinus al propria liberazione da Caracalla. Ogni man...felt che era fuggito una spada sospesa sopra la sua testa.
Immediatamente dopo aver assunto il trono - ci sarebbero voluti tre giorni prima di essere proclamato imperatore - Macrino è andato su una purga, sostituendo molti dei governatori provinciali, nonché l'esecuzione di chiunque che sembravano minacciare la sua pretesa di potere imperiale. Tuttavia, durante questa eliminazione, il nuovo imperatore fatto arrabbiare molti di quelli dell'esercito che era stato fedele a Caracalla. Le sue azioni ha fatto infuriare anche seconda moglie di Septimius Severus e madre di Caracalla, Julia Domna, che aveva voluto mantenere qualche influenza sul trono. Percependo che lei potrebbe essere una minaccia alla sua autorità, Macrino ordinò di lasciare Antiochia. Lei ha rifiutato. Invece di accettarla agli ordini dell'imperatore e mentre subendo gli effetti di cancro al seno, lei stessa a morire di fame. Sua sorella Julia Maesa e due nipoti, Julia Soaemias e Julia Mamaea, ci siamo ripromessi di portare avanti la sua lotta.
Durante il suo Regno di un anno, Macrino combattuto continuamente i militari, specialmente dopo che egli aveva ritirato molte delle prestazioni liquidate da Caracalla. Nello stesso periodo, il Parthians ha cominciato a ricostruire il loro esercito e avanzare verso la posizione romana. A Nisibis nella Mesopotamia settentrionale, si sono incontrati i Romani in battaglia. Invece di combattere, tuttavia, l'imperatore ha comprato un accordo di pace, qualcosa che ulteriormente alienato l'imperatore e il suo esercito. Erodiano ha scritto,
... .circumstances aumentato loro irritazione, vivono ancora nelle tende e a volte a corto di rifornimenti in una terra straniera, anche se uno stato di pace sembrava esistere, hanno desiderato ardentemente di tornare alle loro normali stazioni. Quando videro degli Macrino lusso e lassità, essi si ribellarono e amaramente parlò di lui, pregando per anche una fragile scusa per liberarsi di questo fastidio.
L'esercito avrebbe presto loro desiderio concesso.
Con malcontento nell'esercito in aumento e molti ancora in lutto per la morte di Julia Domna, Julia Maesa colto l'occasione per un ragazzo di quattordici-anno-vecchio nominato Varius Avitus Bassianus (suo nipote) di parata come il legittimo erede al trono imperiale. Come discendente del sommo sacerdote al Dio del sole Elegabal, egli è stato "scelto da Dio" come il successore legittimo. Rumor circolato che egli era il figlio illegittimo di Caracalla, e per aumentare ulteriormente la sua pretesa, il suo nome era legato agli ex imperatori Marcus Aurelius e Antonius Pius.
Con il supporto dell'esercito, questo giovane uomo, che sarebbe diventato noto come Eliogabalo, è stato nascosto nell'accampamento presso Raphanaea e 18 maggio 218 CE, la terza Legione Gallica fu proclamato imperatore. Macrino era un uomo segnato, ma la sua scomparsa era già stato previsto da una serie di presagi. Cassius Dio ha scritto,
' Macrino non era destinato a vivere a lungo, sia; Infatti esso era stato predetto a lui. Per un mulo ha dato alla luce un mulo a Roma e una scrofa per un maialino con quattro orecchie, due lingue e otto piedi, un grande terremoto si è verificato, sangue scorreva da un tubo, e le API formano a nido d'ape nel forum Boarium.'
Nel giugno del 218 CE, dopo aver stato sconfitto dai ribelli nei pressi di Antiochia e non riuscendo a ottenere l'appoggio di uno chiunque nell'esercito o a Roma - anche con la promessa di denaro - Macrino fuggì da Antiochia sotto mentite spoglie, rasatura la testa e la barba. Ha tentato di attraversare il Bosforo a Calcedonia e renderlo a Roma, una città che già soffriva il ravishes dell'inondazione e del fuoco. Fu catturato, eseguito e decapitato. Erodiano scrisse di questa fuga fallita, "... Macrino non è riuscito a sfuggire ai suoi inseguitori e incontrato un ignobile fine un po' più tardi mentre si sforzano arrivare a Roma, dove dovrebbe essere andato all'inizio. Così doveva la sua caduta al cattivo giudizio e la cattiva sorte." Suo figlio giovane, nove-anno-vecchio Diadamenianus, che era stato allevato al rango di pochi giorni augustus prima, fu catturato presso Zeagma in Siria e ucciso. Cassius Dio discussi alla fine dell'imperatore, "... lui (Macrino) fatto fuori come uno schiavo fuggiasco attraverso le province che egli aveva governato e fu arrestato come qualche ladro dal primo venuto..."


I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…