Passa ai contenuti principali

Chi era Lysander

Greek Trireme (The Creative Assembly)

Lysander (d. 395 A.C.) è stato un politico spartano e generale che notoriamente sconfisse la flotta ateniese presso la battaglia di Aigospotamoi nel 405 A.C., che infine ha vinto la guerra del Peloponneso. Lysander guadagnato una reputazione per una personalità ardente, audaci strategie e un trattamento spietato dei prigionieri e città di soggetto. Rigide politiche di Spartan in Grecia più ampio all'indomani della guerra del Peloponneso alla fine ha portato la sua rovina. Impopolare in patria e in tutta la Grecia, fu ucciso da una forza di tebano nel 395 A.C. durante il primo anno delle guerre corinzie. Lysander è oggetto di una delle biografie di vite di Plutarco.

Primi anni di vita

Non molto è conosciuto circa vita precoce di Lysander tranne che suo padre era Aristokritos e che apparteneva al clan Heraclid di Sparta. Sappiamo anche che egli era relativamente povero e aveva bisogno di aiuto finanziario per completare la sua educazione e addestramento militare. Quando è diventato un ammiraglio (nauarchos) in c. 408 A.C., Lysander è stato dato il compito di convincere il re persiano Ciro il giovane per dare aiuto agli spartani nella loro guerra contro Atene e i suoi alleati della lega Delio-Attica. In questa missione e nel guadagnare amicizia Cyrus' troppo, ebbe successo.

La guerra del Peloponneso & vittorie navali

Prima vittoria notevole di Lysander fu alla battaglia navale di nozione sulla costa nei pressi di Ephesos in c. 407 A.C.. Ci ha sconfitto vice di Alcibiades Antiochos con una distribuzione superiore delle sue navi. La perdita causerebbe gli Ateniesi a respingere la loro grande generale Alcibiade, accusato di trascurare il suo dovere nel permettere un subalterno e solo un timoniere che, al comando della flotta.
Lysander poi stabilito la sua reputazione di audaci tattiche al Battaglia di Aigospotamoi sull'Ellesponto nel 405 A.C.. Due volte deliberatamente aveva rifiutato di impegnarsi la sua flotta di persiano-finanziato 200 navi con la più grande flotta ateniese, e così hanno creduto lo spartano era battaglia-timido. Il quinto giorno, gli Ateniesi stavano riposando con le loro navi tirati sulla riva, che era una procedura necessaria per asciugarsi periodicamente gli scafi e prevenire acqua-logging di antiche navi. Lysander ha scelto questo momento per attaccare e sopraffatto il nemico, solo otto navi ateniesi riuscirono a fuggire la debacle. Lo spartano quindi eseguito suoi 3.000 prigionieri senza pietà. Vittoria per Sparta, infine, pose fine alla guerra del Peloponneso che aveva iniziato nel 431 A.C..
In un vano record dei suoi successi Lysander costruito un monumento di sculture in bronzo raffiguranti i dell'Olimpo e se stesso, il mortale solo show, incoronato da Poseidone.
Lysander poi navigato al Pireo e, con le sue navi, tagliato fuori Atene dal suo porto nella primavera del 404 A.C.. Egli ha inviato parola che qualsiasi Athenian catturati di fuori della città sarebbe stato ucciso senza eccezione e Atene così diabolicamente accertata era pieno di bocche come molti come possibile prima che ha istituito il suo blocco. Dopo un lungo assedio e sull'orlo della fame, la città infine si arrese e fu istituito un nuovo governo, i trenta tiranni. Resiste la chiamata di Corinto e Tebe a distruggere completamente l'Atene, Lysander ha insistito invece le fortificazioni lungo le pareti sono state strappate giù, tutte le navi da guerra trireme risparmia una flotta token sono stati cosegnati e pesante tributo estratte. Una guarnigione spartana era poi a sinistra per tutelare i propri interessi. Grande vittoria di Lysander è stato commemorato attraverso dediche, il conio di monete commemorative e da lui stesso quando ha commissionato un nuovo monumento, il 'monumento della Navarchs' presso il luogo sacro di Delfi. In un record piuttosto vano dei suoi successi il monumento di sculture in bronzo raffigurato l'Olimpo e Lysander, la sola mortale show, incoronato da Poseidone.

Manovre politiche

Sparta e Lysander consolidato i loro guadagni nella guerra del Peloponneso promuovendo i governi oligarchici (decarchies) in varie città greche, anche estrazione omaggio da loro, come ha continuato a fare dai propri alleati nella lega del Peloponneso. Tuttavia, la mancanza di Spartan esperienza nella gestione di diplomazia e città, accoppiata con la loro leadership eccessivamente oppressivo presto portato disordini. Anche tradizionali alleati, Corinto e Tebe, ha cominciato a preoccuparsi di egemonia di Sparta della Grecia.
Il Lysander senza scrupoli e impopolare, che è stato detto di "imbrogliare i ragazzi con i dadi, ma uomini con giuramenti" (Lysander, 293), attirò anche critiche personali dal suo popolo come ha vissuto una vita di lusso in Anatolia. Gli spartani austeri erano anche meno impressionato con crescente culto della personalità di Lysander, particolarmente diffuso sull'isola di Samos. C'era venerato come un Dio, un avvenimento senza precedenti per una vita greca. Sospettando di Lysander potrebbe diventare più ambizioso e stabilire il suo impero, gli Spartani lo chiamavano a casa e lo privò dei suoi titoli, o meglio, essi non sono stati rinnovati. Ciò ha causato un putiferio tra Lysander, il suo vecchio pupillo e amante (erastes), il re spartano Agesilaos nel 396 A.C.. Invio suo rivale per quanto possibile da Sparta, il re commissionò Lysander a comando di un esercito sull'Ellesponto. Qui Lysander riuscirono a convincere il satrapo persiano Spithridates di unire le proprie forze.

Spartan Warriors

Guerrieri spartani

Allora, nel 395 A.C. Corinto formò un'alleanza con Argos, Boeotia, Tebe e Atene per combattere Sparta. Lysander, portato indietro per affrontare questa minaccia, attaccato Boeotia e così innescò un conflitto con Tebe, scatenando le guerre corinzio di nove anni. In attesa, o meglio non-attesa, per incontrarsi con un esercito spartano guidato da Pausania II (l'altro re di Sparta), Lysander fu ucciso dai Tebani come attaccò le mura di Hallartos in Beozia centrale. Secondo Plutarco il suo corpo è stato preso e sepolto nel Panope sulla strada che da Cheronea a Delfi e un monumento istituito per segnare il punto.
Il risultato delle guerre Corinthian è stato il 'di re pace' dove Sparta cedette il suo impero (per cui esso, in ogni caso, mancava l'apparato burocratico necessario per gestire correttamente) per controllo persiano ma Sparta è stato lasciato per dominare la Grecia. Tuttavia, cercando di schiacciare Tebe, Sparta ha perso la cruciale Battaglia di Leuttra nel 371 A.C. contro il brillante Tebano Epaminonda generale. Tebe allora annessa parti di Messenia e Sparta è diventato, da allora in poi, solo una potenza di second'ordine.
Dopo la morte di Lysander suoi nemici politici ha sostenuto che avevano trovato documenti tra i suoi effetti personali, che ha indicato che aveva pianificato di sostituire il sistema di dual-re ereditario di Sparta con un monarca eletto. Mai tanto ammirato il più delle volte, Plutarch riassume di reputazione di Lysander così,
Lysander... sembrava un personaggio ambiguo e senza scrupoli e un uomo che travestito la maggior parte delle sue azioni nella guerra con varie forme di inganno... Rideva di coloro che hanno insistito che i discendenti di Eracle non dovrebbero scendere a inganno nella guerra e disse, 'Dove non raggiungerà la pelle di Leone, noi dobbiamo cerotto fuori con la volpe' (Lysander, 293)


I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…