Significato e Definizione di volitiva

La parola volitiva proviene il termine latino volo, che significa "voglio". Le Trésor de la Langue Française computerizzato (TLFi) menzioni volitivi che è che cosa è concernenti atti e fenomeni della volontà.
La volontà, da parte sua, è la capacità di decidere e di ordinare la propria condotta. Tuttavia, questo termine è correlato alla libera volontà e autodeterminazione.
Volitiva condotta riflette la sua concretizzazione dei pensieri di una persona attraverso le sue azioni. Così, rappresenta la libera scelta di seguire o rifiutare un debole, nell'ambito di una decisione che coinvolge l'intelligenza.
Alcuni filosofi sostengono che la volontà è composta di voler (appetito) e a causa di desiderio (volizione). Che cosa è volitivo deve avere un obiettivo, che è a conoscenza e che è oggetto della conoscenza dell'individuo.
È necessario distinguere tra volontà (l'atto di volontà, che è l'oggetto della conoscenza), la tendenza (naturale appetito determinato dall'organico e istintivo; richiede un obiettivo razionale) e inclinazione (ha uno scopo specifico, ma non è il soggetto della conoscenza).
Nella volontà sono coinvolti l'appetito e la volizione, poiché l'atto volontario è deliberativo (sappiamo che cosa resta da fare). In altre parole: c'è una motivazione che viene generato nel pensiero e che si sottopone alla deliberazione; saperlo, le possibilità di analisi individuale e l'atto in questione.
Atti volitivi coinvolgono un resistore esterno (i bisogni non sono indirizzati immediatamente; è per questo motivo che desiderio/desidera esiste). Il volitivo è qualsiasi atto considerato per superare la resistenza e ottenere ciò che vogliamo.