Significato e Definizione di Assolutismo

Assolutismo è un sistema di governo assoluto in cui il potere appartiene solo a una persona, che comanda senza dover giustificare se stessi a un Parlamento o alla società in generale. Assolutismo era molto usuale tra il 16 ° secolo e la prima metà del XIX secolo, quando lo rovesciarono molti giri.
Le origini dell'assolutismo ha avuto luogo in Francia, dove ha sviluppato la teoria del diritto divino dei re questa postura ammette che alcune persone sono stati scelti da Dio per regola. Come tale, dopo le versioni più radicalizzato, il monarca è considerato come il proprio Dio.
Sotto questa forma di governo, il re è la legge, dato che è lui che decide che cosa dovrebbe essere fatto e come. Le leggi sono emanate secondo i suoi interessi e quelli della nobiltà, che dà Consiglio del re, anche se questo è sempre lui a prendere la decisione finale (è sempre un'ultima parola da dire).
In generale, il absolutist re conserva un trattamento paterno al popolo, anche se è prova del dispotismo se necessario.
Il absolutist re prende il suo trono per tutta la vita. Il potere è ereditario: alla morte del re, è suo figlio che prende il suo posto.
Allo stesso modo, il re controlla la Chiesa, specialmente sua amministrativa e qualsiasi parte che ha a che fare con la ricchezza. Questioni relazionati alla fede e le credenze sono il dominio del chierico.
Anche se il potere è centralizzato su una sola persona, il regime assolutista si basa su burocrati e funzionari pubblici (per caricare il corretto funzionamento del sistema), gli ambasciatori e delegati (a firmare trattati commerciali e guerra con altre regioni) e l'esercito (per mantenere l'ordine).