Passa ai contenuti principali

Wassily Kandinsky - Vasilij Kandinsky | Max Weber | Juana la Loca - Juana I de Castilla | Biografie Notevoli

Biografie di personaggi famosi e storici

Biografie di personaggi storici e personaggi famosi

Biografie di personaggi famosi:

  1. Biografia di José Joaquín Olmedo
  2. Biografia di Joseph John Thomson
  3. Biografia di Wassily Kandinsky - Vasilij Kandinsky
  4. Biografia di Max Weber
  5. Biografia di Juana la Loca - Juana I de Castilla - Juana la Loca


1

Biografia di José Joaquín Olmedo

(1780/03/20-19/02/1847)

Jose Joaquin Olmedo
Ecuadoriano e scrittore politico, Presidente del Consiglio di governo di Guayaquil (1820-1822)

Era Nato il 20 marzo 1780 a Guayaquil quando questa città era parte del Vicereame del Perù.
Figlio del capitano spagnolo Agustin Olmedo e guayaquilena Ana María Maruri.
All'età di quattordici anni, si reca a Lima, per immettere il Convictorio de San Marcos e poi all'Università di San Marcos, dove ottenne la laurea di dottore in giurisprudenza.
Spagnolo (1810) è stato deputato della città Cortes di Cadice . Durante l'anno 1820 era Presidente del Consiglio di governo di Guayaquil. Si oppose l'integrazione dell'Ecuador nella Repubblica di Gran Colombia, così ha dovuto lasciare il paese nel 1822. Esiliato in Perù, è stato un membro di Puno, il Congresso costituente di Lima (1823) e ambasciatore in Gran Bretagna e Francia (1825-1828). Rientro in patria, fu eletto Presidente dell'Assemblea costituente di Ambato (1835). Nel 1845 fu parte del governo provvisorio e ha presentato la sua candidatura per la presidenza della Repubblica, di essere stato sconfitta da Vicente Ramón Roca (1845-1849).
Sue poesie sono la vittoria di Junín (1825) e l' Ode General Flores, vincitore del Miñarica (1835). Redasse il primo cappotto delle armi dell'Ecuador, che era un modello per l'origine corrente.
Sposato con María Rosa Icaza y Silva, fu padre di Virginia de Icaza Olmedo.
José Joaquín Olmedo morì il 19 febbraio 1847 a Guayaquil.


2

Biografia di Joseph John Thomson

(1856/12/18-30/08/1940)

J.J. Thomson
Sir Joseph John Thomson
Fisico britannico

Esso è Nato il 18 dicembre 1856 in Cheetham Hill, Manchester, Lancashire. Il figlio di un libraio che volevano che Thomson era ingegnere.
Nel 1870, con quattordici anni entrò all'Owens College (oggi parte dell'Università di Manchester) successive (1876), lo ha fatto al Trinity College, Università di Cambridge, dove ha anche ha insegnato matematica e fisica. Ha conseguito la laurea in matematica nel 1883. Ha servito come professore di fisica sperimentale presso il laboratorio di Cavendish dal 1884 e Rettore del Trinity College di Cambridge (1918-1940), dove conobbe Niels Bohr e dove sarebbe rimasto fino alla sua morte. Uno dei suoi studenti era Ernest Rutherford, che sarebbe poi diventato suo successore nel post. Fu anche Presidente della Royal Society (1915-1920) e professore di filosofia naturale all'istituzione reale della Gran Bretagna (1905-1918). Nel 1890 sposò Rose Elisabeth, figlia di sir George E. Paget.
Nel 1898 ha arruolato il pudding di prugne della teoria della struttura atomica, in cui sosteneva che gli elettroni sono come negative "prugne" incorporate in una materia positiva "budino". Era considerato lo scopritore dell' elettrone dai suoi esperimenti con il flusso di particelle (elettroni) che compongono i raggi catodici. Nel 1906 Thomson ha dimostrato che l'idrogeno ha un singolo elettrone. Permette di confermare o rifiutare parecchie teorie precedenti sul numero di elettroni, come pure carbonio. Proposto il secondo modello atomico (il primo fu proposta da John Dalton, nel 1808), che potrebbe essere caratterizzata come una sfera di carica positiva in cui gli elettroni sono incorporati.
È stato insignito nel 1906 premio Nobel in fisica, grazie al suo lavoro sulla conduzione di energia elettrica attraverso i gas. Nel 1908 fu nominato sir. Ha ricevuto la Royal Medal nel 1894, la Medaglia Hughes nel 1902 e la medaglia Copley nel 1914.
Joseph John Thomson morì a Cambridge, Regno Unito, il 30 agosto 1940 e fu sepolto nell'Abbazia di Westminster.


3

Biografia di Wassily Kandinsky - Vasilij Kandinsky

(1866/12/05 - 13/12/1944)

Wassily Kandinsky
Vasilij Kandinsky
Pittore russo

Era Nato il 5 dicembre 1866 a Mosca (Russia).
Studiò pittura e disegno a Odessa e diritto ed economia presso l'Università di Mosca.
Quando aveva 30 anni si trasferì a Monaco di Baviera.
Anche se le sue prime opere sono inquadrate all'interno di una linea naturalista, a partire dal 1909, dopo un viaggio a Parigi , dove fu profondamente impressionato dalle opere del Forcalquier e postimpresionistas, la pittura diviene più colorata. Murnau: l'output di Johannstrasse (1908) e pittura con tre punti (1914), entrambi al Museo Thyssen-Bornemisza a Madrid (Spagna), sono due delle opere che ha avuto luogo a Monaco di Baviera prima di tornare in Russia.
Nel 1911 ha formato, insieme a Franz Marc e altri gruppo espressionista tedesco Der Blaue Reiter (il cavaliere azzurro).
Sua influenza sullo sviluppo dell'arte del XX secolo è diventato ancora di più attraverso le sue attività come un teorico e insegnante.
Nel 1912 pubblicò dello spirituale nell'arte, primo trattato teorico sull'astrazione.
Ha lavorato come professore all'Accademia di Belle Arti di Mosca tra il 1918 e il 1921 e tra il 1922 e il 1933 il Bauhaus a Dessau, in Germania.
Sue astrazioni è diventato sempre più più geometrica Composizione VIII Nr. 260 (1923, Museo Guggenheim, New York, Stati Uniti), è un insieme di linee, cerchi, archi e altre forme geometriche. In opere molto più tardi come cerchio e quadrato (1943, collezione privata) un bellissimo equilibrio.
Wassily Kandinsky morì il 13 dicembre 1944 Neuilly sur Seine, periferia di Parigi.


4

Biografia di Max Weber

(1864/04/21-14/06/1920)

Max Weber
Economista e sociologo tedesco

Era Nato il 21 aprile 1864 a Erfurt (Germania).
Ha studiato presso l'Università di Heidelberg, Monaco e Gottinga. Nel 1895 divenne professore di economia politica presso l'Università di Friburgo e poi a Heidelberg.
È stato influenzato da un crollo nervoso che lo ha portato a lasciare l'insegnamento e lavorato per alcuni anni come editor dell' Archiv für Sozialwissenschaft und Sozialpolitik, tedesco Giornale di sociologia.
Cercando di confutare il determinismo economico della teoria marxista, ha combinato il suo interesse in economia con la sociologia, nel tentativo di stabilire, attraverso uno studio storico, che il rapporto di causa-effetto storico dipendeva non solo variabili economiche.
In una delle sue opere più famose, Die protestantische Ethik und der Geist des Kapitalismus (l'etica protestante e lo spirito di capitalismo, 1904-1905), ha cercato di dimostrare che i valori etici e religiosi avevano esercitato un'influenza importante nello sviluppo del capitalismo.
Max Weber morì il 14 giugno 1920 a Monaco di Baviera.


5

Biografia di Juana la Loca - Juana I de Castilla - Juana la Loca

(1479/11/06-1555/04/12)

Juana la Loca
Regina di Castiglia (1504-1555)

Nacque il 6 novembre 1479 a Toledo. Seconda figlia dei re cattolici.
Fu educata da Beatriz Galindo, 'latino'. Durante l'anno 1496 sposò l'arciduca Filippo il bello, figlio primogenito di Massimiliano d'Austria e di Maria di Borgogna, per rafforzare la politica internazionale di suo padre. Ha ricevuto maltrattamenti di Felipe, che con le continue assenze e costante infedeltà ha influenzato il comportamento della Regina.
Dopo la morte dei suoi fratelli Juan e Isabele suo nipote Miguel del Portogallo nel 1500, divenne erede di Castiglia e Aragona. Mentre c'erano chiari problemi di derangement mentale e tendenze francese di suo marito, sua madre nominato erede di Isabel nel suo Testamento, anche se è specificato che in caso di assenza o impedimento amministrare il Regno di Fernando el Católico fino alla venuta di età di suo nipote Charles, il futuro Charles mi.
Giovanna e suo marito sono stati riconosciuti come eredi dalle Cortes di Castiglia e Aragona. Isabella morì nel 1504 e Fernando aveva speranze di mantenere il governo a nome di sua figlia, ma l'atteggiamento di una parte della nobiltà castigliana, Philip si avvicinò, lo costrinse a ritirarsi ad Aragon.
Filippo il bello, morì bevendo un bicchiere di acqua ghiacciata dopo aver giocato la palla. Aveva 28 anni, cinque figli e un altro sulla strada. Quando questo ha preso diversi mesi sepolti nella Certosa di Miraflores, la sua vedova, fatto di scavare il corpo imbalsamato. "Arrivo a Miraflores, egli è disceso nella fossa sepolcrale dove il corpo del marito buono era stato depositato e dopo essere rimasto lì durante il funerale, la bara e aprirlo, in primo luogo la scatola di piombo, e poi di legno e strappò le sartie imbalsamate che avvolto il cadavere." E l'ho fatto, pusose a baciare i piedi di suo marito."
Il desiderio di Filippo di essere sepolti in Granada in modo che la Regina di Castiglia ha cominciato un pellegrinaggio con la bara che durò tre anni (1506-1509) era abbastanza. L'accentuazione dello squilibrio di Juana fatto che Fernando ha assunto ancora una volta il governo della Castiglia nel 1506. Quando morì, il nipote Charles divenne un dare il titolo di re, ma Juana rimase Regina e documenta il suo nome contenute in primo luogo.
La regina rimase, fino alla sua morte 12 aprile 1555, lontano da qualsiasi attività politica nella sua residenza di Tordesillas. I suoi sei figli seduti, o era stato seduto in trono più alto: due uomini ostentarían la dignità imperiale, così come i regni ispanici e austriaco con relativi allegati; le figlie sono state regine consorti del Portogallo, Ungheria, Danimarca e Francia.
Era dal 1504, Regina di Castiglia, e dal resto della Spagna1516 e queste dignità loro avrebbero fino alla fine dei suoi giorni, anche se in realtà non regnò mai, così avrebbe ragioni per dire che chi è sparito era regina di Spagna, anche se che titolo ha avuto da suo figlio per quattro decenni Charles.
Il suo corpo si riposava nella cripta del convento fino al 1574, momento in cui suo nipote, Filippo II, si trasferì prima a El Escorial e poi a Granada.


I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…