Passa ai contenuti principali

Significato e Definizione di vandalismo

Il concetto di vandalismo è un concetto che ha a che fare con la convivenza nella società e che si applica per designare tali atti di estrema violenza che coinvolgono gli attacchi soprattutto contro mobili o immobili, che si può essere o non. L'idea di vandalismo nasce da quel gruppo barbarica che pressato contro l'Impero Romano in relativi bordi attraverso la violenza, creando insieme ad altri gruppi di barbari, autunno romano e l'inizio del Medioevo. Vandalismo è un fenomeno molto comune soprattutto nelle grandi città e soprattutto nella sfera pubblica come esso diventa visibile attraverso il danno, rottura o distruzione di elementi quali manifesti, semafori, vetrate, nonché dei graffiti e altre forme di aggressione ad altre proprietà.
Ogni volta che utilizzate, il concetto di vandalismo è dotato di una carica negativa che ha con atti illegali o illeciti che minacciano la proprietà privata e che può anche generare molti danni a terzi, non solo economiche ma emozionale e psichici a seconda del tipo di violenza che si esercita. Vandalismo è solitamente effettuata da persone anonime che atto così segreta e che tali atti di violenza e distruzione devono essere puniti dalle diverse leggi regionali.
Come detto all'inizio, atti di vandalismo è un fenomeno sociale in quanto mette a rischio la pacifica convivenza all'interno di una comunità. Ciò è particolarmente evidente quando persone minacciano gli spazi pubblici che sono liberi di usare per chiunque e cui danno può rappresentare importanti cambiamenti. Atti di vandalismo è anche un fenomeno che è incoraggiato e favorito dalle masse di persone enardecidas, incontrollato e arrabbiato perché l'anonimato e la presenza di coetanei che agiscono solo spinge l'individuo a cercare di perdersi nella folla di agire così irrazionale e violenta.

Articolo contribuito dal team di collaboratori.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…