Significato e Definizione della vergogna


La vergogna è che sensazione che si manifesta con l'imbarazzo della mente come risultato la Commissione di ogni grave, o per il trasporto fuori qualsiasi azione umiliante e disonorevole, se o lavoratore autonomo.
Uno dei più caratteristici di questa manifestazioni fisiche di sentimento è l'illuminazione del colore del viso, diventando di un colore rosso e dimostrando i sentimenti accennati della persona che soffre.
Ad esempio, in una riunione tutti insistono che Laura menzionato alcune parole, come è molto timido, che una situazione del genere si innescherà vergogna latente di Laura che improvvisamente, prima l'applauso per incoraggiarla a parlare, sarà le guance rosse. Il rossore sul suo volto è stato un chiaro segno della vergogna che si sentiva.
Vergogna è un sentimento che è strettamente legato alla paura della vergogna accennata, come abbiamo accennato nel precedente esempio, Laura, mi vergogno a parlare in pubblico e sicuramente la causa di questo è la paura profonda che dà sbagliato mentre sta parlando, contraddicono o bloccare nel mezzo il discorso.
Generalmente, la vergogna è una caratteristica molto comune fra la gente timida, perché coloro che sono timidi alla fine non si vuole mai mostrare in pubblico aspetti della sua personalità, o in suo difetto del tuo corpo. Mi dà tanto peccato che mi guardano gambe che perché non uso minigonne. Quando si pubblica è Impossibile nascondere la sua vergogna, ma in privato è il più loquace del gruppo.
D'altra parte, vergogna può riferirsi alla legge o all'evento scandaloso e scandaloso che qualcuno Star in. John non ha vergogna di venire a lavorare dopo tutto quello che ha detto dei suoi colleghi. Mi vergogno così tanto ascoltare a lei parlare così male di suo padre.
Nel frattempo, quell'individuo non chiamato mascalzone ha nessun decoro o per la moralità non si ferma a commettere errori etici. Roberto è un mascalzone, ha rovinato la nostra famiglia e ha ancora il tupe di suonare alla nostra porta.
E l'imbarazzo è quel peccato che si sente un individuo come se si trattasse di sé ma in realtà lo sente per qualcosa che ha detto o si sentono diversi.
Articolo contribuito dal team di collaboratori.