Significato e Definizione d'oltremare

L'indicazione d'oltremare è che che viene utilizzato per disegnare tutto ciò che, in termini geografici, si trova sul mare. Il termine deriva dal latino, una lingua in cui ultra significa "su". Così, la parola all'estero è stata usata da lungo tempo in relazione ai viaggi spedizione europea che ha permesso gli abitanti di quel continente collega Gran parte del pianeta dall'incrocio in navi e imbarcazioni dai mari. Oggi, la parola è usata principalmente in senso simbolico per dire che qualcosa o qualcuno è in un posto lontano che è raggiungibile solo attraversando il mare, anche se non necessario riferirsi a recipienti (vale a dire, è che una persona in Europa è con una persona in America dovrebbe fare un viaggio all'estero, ma questo può essere fatto in aereo).
Possiamo dire che la parola di oltremare esiste fin dai tempi antichi in cui i grandi imperi conquistarono grandi appezzamenti di terra e di mare. Il suo utilizzo ha cominciato ad essere comune ai tempi dell'Impero Romano, uno dei più grandi imperi nella storia. Per coincidenza (o non tanto), per attraversare da un'estremità a altra di questo impero probabilmente sarebbe, al relativo più grande, attraversando il Mar Mediterraneo, quindi questa espressione sarebbe moneta a simboleggiare questa traversata (ad esempio se si voleva andare dall'area della Gallia o attuale Francia verso il Nord Africa).
Tuttavia, l'uso di questa parola è diventato ancora più comune quando gli europei hanno cominciato a fare viaggi attraverso non un mare ma gli oceani in cerca di una nuova rotta verso est. Questi viaggi d'oltremare (storicamente conosciuti come l'espansione d'oltremare europea) erano che ha permesso che l'Europa non è solo connesso con fino a allora a loro sconosciuto continente americano, ma che potrebbe anche raggiungere l'intera dell'Africa e anche alla fine girare tutto il mondo attraverso tutti i principali oceani del globo.
Articolo contribuito dal team di collaboratori.