Passa ai contenuti principali

Maximiliano de Habsburgo - Gustavo Adolfo Bécquer | Biografie Notevoli

Biografie di personaggi famosi e storici

Biografie di personaggi storici e personaggi famosi

Biografie di personaggi famosi:

  1. Biografia di Voltaire
  2. Biografia di Maximiliano de Habsburgo - Massimiliano I del Messico
  3. Biografia di John Locke
  4. Biografia di Gustavo Adolfo Bécquer


1

Biografia di Voltaire

(21/1694/11-30/05/1778)

Voltaire
François Marie Arouet
Scrittore e filosofo francese

"Lavorare lontano da noi tre grandi mali: noia, vizio e necessità".
Egli nacque il 21 novembre 1694 a Parigi.
Era l'ultimo di cinque figli del notaio François Arouet, sua madre, Marie Marguerite d'Aumary, morì quando lui aveva sette anni di età.
Ha frequentato il College di Louis-le-Grand, dove ha studiato con i gesuiti. Presto evidenziati per la loro ingegnosità nei cerchi Libertines dove suo zio aveva introdotto.
Nel 1713 ottenne Segretario dei francesi nell'Ambasciata dell'Aia, che viene espulso a causa di determinati rapporti di lavoro. Dal 1718 definitivamente adottato lo pseudonimo di Voltaire (anagramma di arouet le Jeune ) o il luogo d'origine del padre, aria-vault. Tra altri mestieri, servito come il coltivatore, architetto, orologiaio, industriale... Tutti i successi clamorosi. Inoltre, ha detto che ha pagato loro lavoratori stipendi migliori di tutta la Francia.
Rappresentante dell'Illuminismo francese, diffusore delle idee liberali, ha condotto una vita frenetica come intellettuale perseguito. Nemico dei gesuiti, superstizione e ipocrisia religiosa. Egli ha introdotto nel nobility alto come un uomo di lettere della Corte e aveva alcuni problemi con la legge. Molti dei suoi scritti, specialmente una diffamazione che accusando il reggente Filippo II, Duca d'Orléans, dei crimini efferati, precipitato l'imprigionamento della Bastiglia, dove rimase undici mesi, tempo che avrebbe cominciato la sua tragedia Edipo, basato sul lavoro della greca di Sofocle, oltre a iniziare un poema epico su Enrico IV di Francia.
Nel 1718 egli ha debuttato Edipo al Théâtre-français e fu molto ben accolto. Il lavoro di Enrique IV è stato stampato in forma anonima a Genova sotto il titolo di Poeme della ligue (1723). È imprigionato per una seconda volta da una discussione con un membro di un'illustre famiglia francese. Lo hanno rilasciato dopo due settimane che seguono la sua promessa di lasciare la Francia. Ha vissuto per due anni nella capitale inglese. Ha scritto due saggi in inglese: uno sulla poesia epica e uno sulla storia delle guerre civili francesi.
In Francia, il governo ha vietato l'edizione ampliata della ligue, che alla fine è stata intitolata come La HenriadePoeme. Approvazione per la pubblicazione è venuto nel 1728 e ottiene un grande successo sia in Francia che nel resto del continente europeo. Nel 1731 ha scritto la storia di Carlo XII, lavoro che delinea le questioni e argomenti che apparirà più tardi, completamente maturato nelle sue famose Lettere filosofiche, pubblicato nel 1734 e che effettua una radicale difesa della tolleranza religiosa e libertà ideologica, prendendo come modello il permissivismo inglese e accusando il cristianesimo per essere la radice di tutto dogmatica bigottismo. Per questo motivo, la sua detenzione è ordinata nel mese di maggio e Voltaire si rifugia nel castello del colta Madame Châtelet, donna con la quale instaurerà un rapporto molto personale e che funzionerà con coscienza in un lavoro sul pensiero newtoniano, dal titolo: la filosofia di Newton.
In quel periodo, scrive opere teatrali, romanzi, storie, satire e poesie brevi. Si recò spesso a Parigi e Versailles, dove, grazie all'influenza della Marchesa di Pompadour, è diventato un favorito della Corte. È stato nominato storico della Francia e più tardi gentiluomo della camera reale. Nel 1746, hanno eletto membro dell' Académie française.
Poème de Fontenoy (1745), racconta la vittoria dei francesi contro gli inglesi durante la guerra di successione austriacae il secolo di Louis XV, includono anche altre opere di teatro come La principessa di Navarra o il trionfo di Traiano, che segnò l'inizio del suo rapporto con la Court di Luis XV.
Nel 1750, si trasferì in Germania e durante il loro soggiorno a Berlino si è conclusa il secolo di Louis XIV uno studio storico sul Regno di quel monarca (1638-1715). Nel 1758 è impostata a Ferney, dove trascorse il resto della sua vita. Durante questo periodo ha completato il saggio sulla storia generale e doganale e il carattere delle Nazioni(1756). Ha scritto numerose poesie filosofiche, come il disastro di Lisbona (1756), parecchi romanzi satirici e filosofiche, che comprendono Candido (1759), tragedia Tancredo (1760) e il dizionario filosofico (1764).
Anche se le sue idee permeano tutta la filosofia della Massoneria, Voltaire non è stato avviato in esso fino a mesi prima della sua morte, un titolo onorifico. E ' stato nel misto lodge Les Neuf Soeurs, 7 aprile 1778.
Voltaire morì il 30 maggio 1778 a Parigi, essendo sepolto nel monastero benedettino di Scellieres, vicino a Troyes. Nel 1791 le sue ceneri furono trasferite il Pantheon degli uomini illustri, a Parigi con una grande cerimonia.


2

Biografia di Maximiliano de Habsburgo - Massimiliano I del Messico

(1832-07-06-19/06/1867)

Maximiliano de Habsburgo
Massimiliano I del Messico
Arciduca d'Austria e imperatore del Messico

Era Nato il 6 luglio 1832 nel Palazzo di Schönbrunn, vicino a Vienna, Austria.
Principe della casa d'Asburgo e fratello dell'imperatore austriaco Franz Joseph.
Quando era ancora molto giovane sposò la figlia del re del Belgio, principessa Charlotte Amelia. Su raccomandazione del Napoleón III, accettò l' imperial Crown del Messico. Nell'aprile 1864 divenne la capitale. Ci ha provato a migliorare la sorte degli indiani e dei contadini poveri. Il 10 aprile 1865 Maximiliano de Habsburgo pubblica lo stato provvisorio impero messicano. In questo si stabilì che l'imperatore avrebbe governato attraverso i seguenti ministeri: la famiglia imperiale; dello stato; uomini d'affari stranieri e Marina; dell'interno; della giustizia; di culti e pubblica istruzione; della guerra; costruzione; e, infine, la finanza.
Le sue opere includono il Paseo de la Reforma e il Castello Alcazar di Chapultepec. Sue idee liberali lo ha portato ad applicare alcune misure a quelli proposti da Benito Juárez nelle Leggi di riforma, che portò il fastidio delle autorità ecclesiastiche e gruppi conservatori. Abbandonato da questi e da Napoleón III , riuscì a tenere.
Si arrese a Queretaro per il generale Mariano Escobedo e fu catturato e giustiziato nel Cerro de las Campanas al fianco di conservatori Miguel Miramón e Tomás Mejía il 19 giugno 1867.


3

Biografia di John Locke

(29/1632/08-28/10/1704)

John Locke
Filosofo inglese

Nacque il 29 agosto 1632 a Wrington, Somerset. Il figlio di un avvocato.
Ha studiato presso l'Università di Oxford, dove è stato professore di greco, retorica e filosofia morale dal 1661 al 1664.
Amico di Robert Boyle, Thomas Sydenhame Isaac Newton. Durante l'anno 1667 ha iniziato la sua relazione con lo statista Anthony Ashley-Cooper, primo conte di Shaftesbury, che era amico e medico. Nel 1675, quando Shaftesbury aveva perso il favore della corona, Locke si stabilì in Francia. Dal 1683 al 1688 egli risiede in Olanda, e dopo la cosiddetta gloriosa rivoluzione del 1688 e la restaurazione del protestantesimo, tornò in Inghilterra. Re William III d'Orange nominato a servire il Ministero del commercio nel 1696, carica che si dimise nel 1700 a causa di una malattia.
Egli ha sostenuto che la mente di una persona al momento della nascita è una pagina vuota su cui stampare l'esperienza conoscenza. Ha criticato la teoria del diritto divino dei re nei suoi due trattati sul governo civile (1690). Egli ha affermato che sovranità non risiede nello stato , ma nelle persone, e che lo stato è supremo, ma solo se rispetta la legge civile e che ha chiamato legge "naturale". Egli credeva nella libertà religiosa e la separazione tra Chiesa e stato.
John Locke è morto 28 ottobre 1704 in Oates, Essex.


4

Biografia di Gustavo Adolfo Bécquer

(1836/02/17-22/12/1870)

Gustavo Adolfo Bécquer
Gustavo Adolfo Domínguez Bastida
Poeta spagnolo

Era Nato il 17 febbraio 1836 a Siviglia.
Discendente di nobili olandesi che hanno vissuto in quella città nel XVI secolo. Il figlio di un famoso pittore del costumbrismo sivigliana e fratello di un altro, Valeriano. Bécquer era il cognome da nubile di suo padre. Ha studiato presso il Collegio di San Antonio Abad, per poi passare a prendere la carriera nautica presso il College di San Telmo.
Nel 1854 dopo orfano si trasferisce a Madrid. Ha cercato di dedicarsi alla pittura ed era in servizio come impiegato nella direzione della proprietà nazionale, dove la sua abilità per il disegno è stato ammirato dai coetanei, ma era che è stata interrotta per il rimanere stupefatti il regista realizzando disegni di scene da Shakespeare.
Decise di dedicarsi alla letteratura e soffre di povertà mentre collabora nella categoria corto periodica . Successivamente entra in "il contemporaneo", dove pubblicò cronico sociale, alcune delle sue leggende e usanze prove lettere dalla mia cella che riunisce nove lettere scritte al giornale contemporaneo pubblicati tra maggio e ottobre 1864. Nello stesso anno ha ottenuto una posizione molto ben pagato, censore ufficiale dei romanzi. Al 1867 scrisse il suo famoso rime e la rivoluzione del 1868 che il manoscritto è stato perso e poeta doveva preparare un altro. Becqueriana poesia trasmette entusiasmo ed emozione con uno stile semplice che dà modo di sentimenti di disperazione.
Ha avuto tre figli ed era separato dalla moglie nel 1868.
Gustavo Adolfo Bécquer morì il 22 dicembre 1870, dovuto la tubercolosi aggravata da una profonda depressione.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…