Passa ai contenuti principali

Félix Lope de Vega Carpio | Plutarco Elías Strade | Thomas Hobbes | Biografie Notevoli

Biografie di personaggi famosi e storici

Biografie di personaggi storici e personaggi famosi

Biografie di personaggi famosi:

  1. Biografia di Felix Lope de Vega Carpio
  2. Biografia di Leona Vicario
  3. Biografia di Plutarco Elías strade
  4. Biografia di Jean Baptiste Lamarck - Jean-Baptiste Lamarck
  5. Biografia di Thomas Hobbes


1

Biografia di Felix Lope de Vega Carpio

(1562/11/25-27/08/1635)

Lope de Vega
Lope de Vega Félix y Carpio
Poeta, romanziere e drammaturgo spagnolo

Era Nato il 25 novembre 1562 a Madrid. Figlio di una ricamatrice.
Studiò in un collegio di gesuiti e poi presso l'Università di Alcalá e Salamanca.
Nel 1583 partecipò come soldato alla spedizione alle Azzorre sotto il comando di Álvaro de Bazán.
In amore con l'attrice Elena Osorio, anni più tardi si riflettono nel suo romanzo La Dorotea (1632) come Phyllis. Quando esce, ha gestito da Madrid offensivi versi a lei che hai guadagnato un processo e una frase di bando mi nel 1588. Dalle potenze si sposò con Isabel de Urbina, donna di nobile e ricca famiglia. È diventato il Belisa nelle sue poesie, deceduto nel 1594. È imparentato con Micaela Luján, una donna bella e ignorante, che già ha guidato versi dal 1593 con il nome di Camila Lucinda. Micaela era sposato e ha effettuato i rapporti con esso per quindici anni, dandogli cinque figli. 25 aprile 1598 sposò Juana de Guardo figlia di un ricco mercante che mai reso efficace la dote che egli aveva promesso a sua figlia.
Nel 1604 suo romanzo, il pellegrino nella sua patria. Nel 1609 pubblicò il poema nuova arte di fare commedie, dove espone la sua concezione del Teatro. Suo figlio Carlos Felix morì nel 1612, soffre di una grave crisi emotiva e nel 1614 fu ordinato sacerdote. Nel 1616 ha incontrato Marta de Nevares, 26 anno-vecchia ragazza che aveva sposato contro la sua volontà di un mercante a tredici. Era l'Amaryllis e Marcia Leonarda di poesie e romanzi. Nel 1621 la figlia Marcela entrò nel convento di Trinità e nello stesso anno suo figlio Felix Lope sinistra casa per iniziare la carriera delle armi, che lo portò alla morte in un naufragio al largo della Costa del Venezuela nel 1634, anno in cui il suo figlia Antonia Clara, scattata con Marta, di solo diciassette E ' scappata con un galante, prendendo gioielli e soldi.
Amico intimo di Cervantes rivali prime, duri dopo - e ventilatori uno di altro, nonostante tutto-, Calderón de la Barca e Tirso de Molina era il più grande esponente del Teatro barocco spagnolo. Autore di più di 1.500 opere drammatiche, più di 3.000 poesie: la sua produzione letteraria è enorme, che lo portò a essere conosciuto come El Fénix de los Ingenios. Suo contemporaneo (e neighbor) Cervantes ha descritto come un "mostro della natura". Le sue opere includono del comendador de Ocaña, El caballero de Olmedo, il cattivo nel suo angolo, punizione senza vendetta, La dama boba o il cane nella mangiatoia.
Ha scritto pastorale romanzi (La Arcadia, 1598); romanzi bizantino, il pellegrino nella sua patria, 1604; romanzi brevi come Romanzi di Marcia Leonarda (1621-1624). Tra i suo epico-narrativos poesie sono la bellezza di Angelica (1602), la Gerusalemme conquistata (1609) o La Dragontea, (1602) e tra il burlesque La Gatomaquia (1634). Raccolse le sue poesie lirica rime (1602); le rime sacrale (1614), le ballate spirituale (1619) e le rime umane e divine della licenza Tomé de Burguillos (1634). Il soggetto storico e leggendario spagnolo appartengono ultimo godó, il bastardo Mudarra, il sindaco migliore, il re, La Estrella de Sevilla, Fuenteovejuna, Peribáñez y comendador de Ocaña, che sono tra le sue opere migliori, come ad esempio alcune delle ambiente folcloristiche e popolari tra cui: il cane nella mangiatoia, il cattivo nel suo angolo, La dama boba, La Spezia-Belisa , La ragazza del lanciatore, l'acciaio.
Lope de Vega è morto a Madrid il 27 agosto 1635, il pubblico di Madrid hanno partecipato al suo funerale massa. I funerali sono stati celebrati con sfarzo, a scapito del Duca di Sesa, suo erede.


3

Biografia di Leona Vicario

(1789/04/10-21/08/1842)

Leona Vicario
Eroina dell'indipendenza messicana

Era Nato il 10 aprile 1789 a Città del Messico.
Come i suoi genitori morirono molto presto, egli era nella cura di suo zio, Agustín Pomposo Fernández.
Ha incontrato studenti Andrés Quintana Roo, si è innamorato. Suo zio non ha permesso il matrimonio dalle idee rivoluzionarie dei giovani. Leone aveva le stesse idee in modo che, quando si unì gli insorti, dopo il rifiuto del loro matrimonio, inviarti notizie dalla capitale ai campi.
Lei era chi ha dato la notizia in Messico che gli insorti avevano la propria valuta e speso tutti i loro beni per aiutare i ribelli, che hanno inviato notizie attraverso araldi segreti, facendo raggiungendo i cospiratori all'interno delle relazioni capitale Quintana Roo per mandarlo indietro.
Nel 1813 fu scoperto e denunciato come cospirazione e suo zio suo internato presso il Convento di Belén Las Mochas, dove alcuni colleghi, travestito come ci sono riusciti e su un asino. Sposò Andrés Quintana Roo e accompagnato le truppe di José María Morelos che soffrono di difficoltà e pericoli. Nel 1818, ha dato vita al loro primo figlio, all'interno di una grotta, anno quando essi vennero presi prigionieri e confinati in Toluca, dove risiedeva fino al 1820. Tornano a città del Messico e dopo il trionfo dell'indipendenza nel 1822, sono stati restituiti loro parte di proprietà che erano state confiscate.
Leona Vicario morì il 21 agosto 1842, a città del Messico.


4

Biografia di Plutarco Elías strade

(1877/09/25 - 19/10/1945)

Plutarco Elías strade
Statista messicano

Era Nato il 25 settembre 1877 a Guaymas, Sonora.
Abbandonò la sua carriera come insegnante a partecipare nel 1914 nell'insurrezione guidata da Venustiano Carranza contro presidente Victoriano Huerta, combattendo sotto il comando di Álvaro Obregón.
Egli è il curatore della porta Guaymar e successivamente prestò servizio come Governatore di Sonora. Presidente Carranza chiesto al Ministero dell'industria e del commercio. Nel 1920 si ritirò dall'armadietto di dedicarsi per preparare i documenti elettorali per la candidatura a Presidente di Obregon. Per essere eletto Presidente, nomina il capo del Ministero dell'interno, nel 1923 si ritirò per preparare il proprio tour elettorale come candidato per il Presidente della Repubblica.
Il trionfo è venuto nel 1924, ricoprendo la carica fino al 1928. Grande oratore, il suo discorso più importante è stata indirizzata al Congresso dell'Unione, il 1° settembre 1928 e che ha dato origine al Partito rivoluzionario nazionale. Come righello è stato dedicato a ristrutturare l'economia, la riforma agraria, l'organizzazione dei lavoratori e dei contadini. Affrontato la costruzione dell'autostrada Messico-Acapulco grande, fondato banche e istituti di credito. Fu il primo presidente istituzionale della Rivoluzione messicana. Ai suoi detrattori, è stato l'istigatore della persecuzione religiosa che portò alla guerra cristera che ha lasciato migliaia di morti tra il 1926 e il 1929.
Plutarco Elias Calles morì il 19 ottobre 1945 in Messico, d. f.


5

Biografia di Jean Baptiste Lamarck - Jean-Baptiste Lamarck

(1744/08/01-18/12/1829)

Jean-Baptiste Lamarck
Jean Baptiste de Lamarck
Biologo e zoologo francese

Nacque 1° agosto 1744 a Bazentin-le-Petit (Francia).
Studiò in un collegio di gesuiti a Amiens fino al 1759, anno in cui morì suo padre e Lamarck si arruolò nell'esercito. Nel 1768 lasciò la vita militare e si trasferì a Parigi, dove studiò medicina per quattro anni.
Egli scrisse un lavoro sulle sue osservazioni botaniche, il naturalista George Louis Buffon pubblicato nel 1779 con il nome Flore François (Flora francese). È stato nominato membro dell' Accademia delle scienze. Nel 1783 funziona come un collaboratore botanico, ma ha fatto il suo lavoro più importante nelle Jardin du Roi nel 1788.
Nel 1793, contribuì a definire la struttura del nuovo Museo di storia naturale. Questa riorganizzazione era suo spostamento del dipartimento di botanica e la sua nomina come professore nella zona di insetti e vermi sezione che battezzato dipartimento di zoologia degli invertebrati.
Riconosciuto per i suoi studi di zoologia degli invertebrati e con la sua teoria dell'evoluzione. Pubblicò un lavoro sbalorditivo in sette volumi, storia naturale degli animali invertebrati marini, (1815-1822). Le sue osservazioni sull'evoluzione, conosciuto all'inizio del XIX secolo con il nome di transformacionismo o di trasmutazione, ha preceduto il loro vasto lavoro di ricerca su invertebrati. Egli ha sostenuto la vista secondo cui, in natura, gli animali sono stati organizzati secondo una scala naturae (grandezza naturale), senza soluzione di continuità. Secondo Lamarck, una volta che la natura ha creato la vita, le forme successive della vita erano il risultato dell'azione del tempo e dell'ambiente sull'organizzazione degli esseri organici. Dalle forme più semplici della vita, si produrrebbero naturalmente più complessa.
Ha presentato queste idee per la prima volta nel suo principale lavoro teorico, filosofia zoologica, (1809), ma avrebbe continuato loro sviluppo nel corso della sua carriera. Inclusa la versione finale di questa ipotesi nella sua opera in più volumi sugli invertebrati, dove si spiega che la sua natura di marche (grandezza naturale) è governata da tre leggi biologiche: l'influenza dell'ambiente sullo sviluppo degli organi, il cambiamento nella struttura del corpo basato sull'utilizzo o mancato utilizzo di diverse parti del corpo e l'ereditarietà dei caratteri acquisiti.
Per la teoria dell'evoluzione formulata da Lamarck è conosciuto come termine Lamarckismo, che pone che forme di vita non creato o è rimasta immutabile, essendo più probabile che si sono evoluti da forme più semplici della vita. Egli ha proposto "tale misura che gli individui della nostra specie cambia posizione, clima o abitudine, ricevano influenze che lentamente cambia la consistenza e le proporzioni delle sue parti, poteri e fino all'organizzazione stessa". La sua teoria fu il primo dell'evoluzione biologica, ha presentato cinque decenni prima della formulazione della selezione naturale di Darwin nel suo libro l'origine delle specie. All'inizio del XX secolo, con la formulazione della barriera di Weismann, affermando l'impossibilità di trasferire informazioni tra il somatico e germinale, il Lamarckismo è stato scartato.
Jean-Baptiste Lamarck morì il 18 dicembre 1829 a Parigi.


6

Biografia di Thomas Hobbes

(1588/04/05-04/12/1679)

Thomas Hobbes
Filosofo e teorico politico inglese

Era Nato il 5 aprile 1588 a Westport.
Grazie allo zio riuscì a frequentare l' Università di Oxford.
Si è laureato nel 1608, fu nominato guardiano di uno dei figli della famiglia Cavendish, che siamo stati insieme la maggior parte della sua vita.
Incontrò Galileo e Cartesio.
Nel 1637, ha partecipato alla controversia costituzionale tra re Charles ho e Parlamento. Ha poi scritto un trattato di difendere le prerogative reali. Questo lavoro è circolato in segreto nel 1640 sotto il titolo elementi del diritto naturale e politico (1650).
Temendo l'arresto, si reca a Parigi, dove rimase in esilio volontario per 11 anni.
Nel 1642 solo De Cive (trattato del cittadino), esposizione della sua teoria circa il governo.
E ' stato professore di matematica del Principe di Galles, futuro re Carlo II, anche in esilio a Parigi.
Suo lavoro più conosciuto, il Leviatano o l'essenza, la forma e la potenza della comunità ecclesiastica e civile (1651), espone la sua dottrina della sovranità.
Esso ha destato i sospetti delle autorità francesi per il suo attacco il papato.
Temendo l'arresto, ritornò in Inghilterra. Nel 1660, venne la restaurazione monarchica e suo ex allievo ascese al trono.
Nel 1666 il s fotocamera del Comuneha approvato una relazione che coinvolge il libro di Leviathan studiato a causa delle sue presunte tendenze atee. Ha detto che l'esperienza come base per la conoscenza. Egli scrisse un' autobiografia in versi latini e tradotta in inglese i versi dell'Iliade e Odissea di Omero.
Thomas Hobbes morì il 4 dicembre 1679 a Hardwick Hall.


I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…