Definizione di pace

Tirando le sue origini nel latino parola pax, pace può essere impostato sia in senso positivo che in senso negativo. In senso positivo, la pace è uno stato di tranquillità e quiete; d'altra parte, in senso negativo, la pace è l'assenza di guerra o violenza. In campo politico e per il diritto internazionale, la pace è la situazione e il rapporto reciproco di coloro che non sono in guerra. È, in entrambi i casi, una pace sociale cui sono mantenuti buoni rapporti tra le comunità di individui.
Nel corso della storia, pace sociale non è stato sempre visto come qualcosa di buono o positivo. Alcuni popoli, come i Vichinghi, basano il loro sviluppo sul saccheggio delle comunità vicine, che hanno portato i guerrieri (e le loro proprietà) per esaltare se stessi.
D'altra parte, la pace può riferirsi al trattato o accordo (contratto) stabilito (e) tra i governanti di porre fine ad una guerra di conflitto.
Quando la pace per quanto riguarda il livello individuale, in generale, si riferisce a uno stato interno privo di emozioni negative come l'odio o la rabbia. Una persona in pace è qualcuno che è tranquillo con se stesso e con gli altri.
Per la religione, la pace è anche un saluto, perché è un valore come desiderato per sé e per gli altri. È per questo motivo che abbiamo sentito dire la frase "la pace sia con voi", e presso alcune masse, questo include un bacio sul viso (guancia) della persona che si trova proprio accanto.
Quindi, vale la pena ricordare che la Pax romana (pace romana) è un concetto che riguarda un governo che esercita potere unilaterale, sproporzionatamente (senza controllo) e senza rispetto per i diritti dei cittadini.