Passa ai contenuti principali

RATAN-600, radiotelescopio più grande del mondo | Sorprendente mondo.

Osservazioni: Questa è una traduzione pubblicata per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere imprecise.
RATAN-600 (acronimo di Radio telescopio astronomico dell'Accademia delle scienze) è un radiotelescopio situato nei pressi del villaggio di Zelenčukskaja in montagne del Caucaso, in Russia, ad un'altitudine di 970 metri. A differenza della maggior parte dei telescopi radio che utilizza un piatto o una matrice di piatti ai campi elettromagnetici di messa a fuoco su un ricevitore o ricevitori, RATAN-600 impiega un anello di pannelli riflettenti regolabile che può essere inclinato per dirigere la radiazione da qualsiasi punto nel cielo per un ricevitore centrale conica. Anche se l'anello è solo 576 metri di diametro, e non c'è nessuna struttura solida, l'effetto complessivo della disposizione è quella di un'antenna orientabile parzialmente con il potere risolvente di un piatto di diametro di 600 metri, rendendolo grande diametro singoli radio telescopio il più.
ratan-600-13
Crediti fotografici
Il RATAN-600 è il primo multi-element-riflettore radio telescopio senza alcuna struttura che collega gli elementi di superficie. Le funzioni normalmente svolte da tale struttura vengono invece eseguiti dalla rotazione della terra. Il telescopio fornisce circa un quarto di tutto il materiale d'osservazione in Russia nel campo della radioastronomia e più dell'80% in zona centrale, centimetro-decimetro gamma, è descritto.
Una speciale funzionalità di RATAN-600 è sua agilità di frequenza — la capacità di spostare rapidamente la sua frequenza di funzionamento — che permette al telescopio di scansione un'origine in un intervallo di frequenze in un tempo molto breve. Può fare osservazioni radio frequenza nella banda di frequenza che vanno da 610 MHz a 30 GHz. Ciò è particolarmente utile durante la scansione variabile sorgenti di radiazioni. Il focus di vecchia data del programma scientifico di RATAN-600, tuttavia, è l'osservazione del sole alle lunghezze d'onda radio, in particolare della corona solare. Il telescopio ha anche contribuito all'osservazione di radio per il progetto SETI. (Vedere l'Osservatorio di Arecibo).
RATAN-600 è stato costruito nel 1968 e iniziato ad operare nel 1974.
ratan-600-5
Crediti fotografici
ratan-600-1
Il piano generale di RATAN-600: 1 - riflettore circolare; 2 - un riflettore piatto; 3 - radiale ferrovie; 4 - ricevitore centrale; 5 - rotaie di anello.
ratan-600-4
Crediti fotografici
ratan-600-15
La maggior parte del telescopio sono gli elementi riflettenti rettangolari. Ci sono 895 di loro e ogni misura 11 metri di altezza. Photo credit
ratan-600-17
Crediti fotografici
ratan-600-16
Crediti fotografici
ratan-600-6
Il riflettore piatto è costituito da 124 elementi planari di altezza 8,5 metri e una lunghezza complessiva di 400 metri. Gli elementi possono essere ruotati intorno ad un asse orizzontale situato vicino a livello del suolo. Photo credit
ratan-600-14
Crediti fotografici
ratan-600-7
Il dietro dei riflettori piatti. Photo credit
ratan-600-11
I riflettori cilindrici che scorrono su rotaie. Photo credit
ratan-600-12
I riflettori cilindrici che scorrono su rotaie. Photo credit
ratan-600-3
Crediti fotografici
ratan-600-8
Le rotaie di anello su cui ruotare i riflettori piatti. Photo credit
ratan-600-2
Il ricevitore conico al centro. Photo credit
ratan-600-10
Crediti fotografici
ratan-600-18
Fonti: Wikipedia / Russian Wikipedia / telescopi che ho visto - Bill chiglia / IEEE.org
Tradotto dal sito Web: Amusing Planet per scopi didattici.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…