Passa ai contenuti principali

Pareti del mare: Murales per il 2015 gli oceani | Sorprendente mondo.

Osservazioni: Questa è una traduzione pubblicata per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere imprecise.
Pareti del mare: Murales per gli oceani è un festival di arte di strada in corso che si svolgono nell'isola di Cozumel, nei Caraibi al largo penisola della costa orientale del Messico dello Yucatán. Il festival di arte di strada, il suo secondo capitolo di quest'anno, è stato creato da PangeaSeed, un'organizzazione internazionale che collabora con artisti di fama internazionale e gli attivisti ambientali di sensibilizzazione pubblica e formazione che circonda la conservazione e la preservazione degli oceani e vita marina. Con la creazione di murales su larga scala il festival spera di focalizzare l'attenzione su varie questioni ambientali urgenti che si trovano ad affrontare gli oceani e promuovere l'importanza della sostenibilità a lungo termine delle risorse naturali. Il festival beneficeranno anche economicamente la piccola isola portando a turisti, dato che il turismo è la principale economia di Cozumel.
Quest'anno PangeaSeed invitato 30 artisti contemporanei di fama mondiale da tutto il mondo per prendere parte a pareti del mare: murales per gli oceani.
pangeaseed-seawall-2015-1
Questo work-in-progress del duo di arte di strada brasiliano composto da Renato e Douglas denunciates l'enorme inquinamento plastica trovato nei nostri oceani. Photo credit
pangeaseed-seawall-2015-3
Questo pezzo intitolato "Il pescatore" dal famoso artista di strada australiano Fintan Magee raffigura due pescatore locale. Poiché una specie invasiva di pesci leone è arrivato nei Caraibi ha causato ingenti danni alle barriere coralline che circondano le isole. Messico ha ora aperto un certo numero di suoi parchi marini nazionali alla pesca a condizione che i pescatori solo catturare il pesce leone e solo utilizzano Lance affinché che altre specie autoctone non sono danneggiati dal pescatore. Il programma ha visto un declino drammatico in numeri di pesci leone. La pratica di pesca del germoglio è anche diventato un fiocco locale dell'economia pesca con pesci leone essendo servita nella maggior parte dei ristoranti e ora esportata al US Photo credit
pangeaseed-seawall-2015-4
Murale dall'artista britannico flemma nel 2015 di dighe. Photo credit
pangeaseed-seawall-2015-5
Muralista argentino Franco Fasoli JAZ fatto questo gigantesco murale raffigurante la pratica di raccolta pinne di squali per la minestra. Photo credit
pangeaseed-seawall-2015-6
Questo murale di una giovane donna cammina nell'acqua tra le colture e circondato da un tessuto recanti i colori messicani, è stato effettuato mai artista argentino. Photo credit
pangeaseed-seawall-2015-7
Questo murale è una collaborazione tra Tristan Eaton e The London Police. Photo credit
pangeaseed-seawall-2015-2
Un ritratto del celebre oceanografo e profondo oceano explorer Earle. Earle era il primo scienziato capo femmina dell'US National Oceanic and Atmospheric Administration ed è stato nominato dalla rivista Time come suo primo eroe per il pianeta nel 1998. Questo murale è stato effettuato dall'artista americano Allison Torneros aka Hueman. Photo credit

Alcune opere d'arte dalle pareti del mare: murales per il 2014 di oceani

pangeaseed-seawall-2014-1
Crediti fotografici
pangeaseed-seawall-2014-2
Crediti fotografici
pangeaseed-seawall-2014-3
Crediti fotografici
pangeaseed-seawall-2014-4
Crediti fotografici
pangeaseed-seawall-2014-5
Crediti fotografici
pangeaseed-seawall-2014-6
Crediti fotografici
Tradotto dal sito Web: Amusing Planet per scopi didattici.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…