Passa ai contenuti principali

Metà animale, metà pianta: L'energia solare lumache di mare | Sorprendente mondo.

Osservazioni: Questa è una traduzione pubblicata per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere imprecise.
Può mangiare un sacco di verdure a trasformarti in un vegetale? Non proprio, a meno che non sei una lumaca di mare.
Ci sono diverse specie di nudibranchi che hanno clorofilla nei loro corpi che essi utilizzano per rendere il cibo dalla luce del sole attraverso il processo di fotosintesi, proprio come fanno le piante. Ma queste lumache di mare non erano nati con clorofilla. Loro hanno acquisito durante la loro vita mangiando troppe verdure. Essi sono noti come sacoglossans o il "lumache di mare con sap-succhiare" perché vivono letteralmente succhiando fuori il contenuto della cella da filamenti di alghe, come se fossero cannucce. Ma invece di digerire il cibo, come animali normali fanno, mantenere i cloroplasti dalle alghe e quindi incorporarli nei loro proprie cellule. Ora tutto quello che devono fare è stare sdraiati al sole. Questo insolito fenomeno è noto come kleptoplasty, e questa strana capacità questi sacoglossans si è guadagnato il titolo di "lumache di mare solare".
elysia-chlorotica-1
Elysia chlorotica nutrendosi di Vaucheria litorea, un'alga giallo - verde. Photo credit
Uno dei migliori esempi di questo comportamento è trovato in un tipo di lumaca di mare verde chiamato elysia chlorotica. Essi sono più comunemente nelle paludi d'acqua salata, piscine e insenature poco profonde, lungo la costa orientale degli Stati Uniti, ma anche come estremo nord come Canada. Essi possono crescere fino a 60 mm di lunghezza, ma sono più comunemente tra 20 mm a 30 mm.
Un giovane elysia chlorotica è rossiccio o grigiastro a colori. Una volta che iniziano a nutrire e mantenere i cloroplasti nelle cellule, girano il verde brillante. Il colore verde aiuta anche l'animale per camuffare contro i predatori, poiché lo slug non ha un guscio protettivo o qualsiasi altro mezzo di protezione. Assumendo il colore verde da cloroplasti delle cellule algali, i proiettili sono in grado di fondersi con il letto del mare verde sotto di loro, aiutandoli a migliorare le loro probabilità di sopravvivenza e di idoneità. Un elysia chlorotica può vivere fuori di fotosintesi senza alimentazione per fino ad un anno. Spendendo meno energia per attività quali la ricerca di cibo, le lumache possono investire questa preziosa energia in altre importanti attività, consentendo loro di più.
Tuttavia, un cloroplasto è solo una parte del macchinario cellulare che è necessario per trasformare la luce solare in energia. Solo possedendo il cloroplasto senza i geni necessari responsabili della fotosintesi non permetterà all'animale di sintetizzare cibo. È come prendere le lame fuori un frullatore e mi aspettavo di fare succo di carota senza il motore.
I ricercatori hanno trovato che elysia chlorotica non solo ruba il cloroplasto da alghe, ma anche i loro geni che incorpora nel proprio DNA. Si tratta di un'affascinante e piuttosto unica istanza di trasferimento genico orizzontale.
elysia-chlorotica-2
Crediti fotografici
elysia-chlorotica-3
Crediti fotografici
elysia-chlorotica-4
Crediti fotografici
elysia-chlorotica-6
Crediti fotografici
Costasiella kuroshimae è una altra specie di lumaca di mare sacoglossan che è noto che presentano il fenomeno della kleptoplasty. Questa specie si trova nelle isole Ryukyu, in Giappone.
costasiella-kuroshimae-4
Crediti fotografici
costasiella-kuroshimae-2
Crediti fotografici
costasiella-kuroshimae-5
Crediti fotografici
costasiella-kuroshimae-6
Crediti fotografici
costasiella-kuroshimae-7
Crediti fotografici
Fonti: Wikipedia / Science News
Tradotto dal sito Web: Amusing Planet per scopi didattici.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…