Passa ai contenuti principali

Le città fortificate di M' Zab Valley | Sorprendente mondo.

Osservazioni: Questa è una traduzione pubblicata per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere imprecise.
MʾZab è una valle profonda, stretta oasi che si trova all'interno del Sahara, che consiste di cinque città murate, circa 600 km a sud di Algeri, la capitale dell'Algeria. Le cinque città, conosciute insieme come Pentapoli, sono dislocate lungo la valle su una distanza di circa 10 km e sono state stabilite nel XI secolo da Mozabite Berbers. Il Mozabites erano originariamente dall'Africa nord-occidentale, una regione storicamente conosciuta come il Maghreb, che avevano la loro capitale a Tahert. Quando un devastante incendio distrusse la loro casa nel 909, il Mozabites lasciato Tahert e si stabilirono nella valle M' Zab. Lì, hanno costruito cinque città fortificate — ciascuno una cittadella in miniatura, circondata da mura e dominata da una moschea, il cui Minareto fungeva da Torre di avvistamento.
mzab-valley-towns-1
El Ateuf, M' Zab Valley. Foto di credito: Yann Arthus-Bertrand
Ognuna delle cinque città — Ghardaia, Melika, Beni Isguen, Bou Noura ed El Atteuf — sono costruito su una collinetta e circondato da edifici di simile ad un box color pastello, strettamente imballati insieme a cerchi concentrici intorno a una moschea centrale costruita sulla sommità di una collina. La Moschea è concepita come una fortezza, ultimo baluardo della resistenza in caso di un assedio e comprende un arsenale così come un granaio. Nei dintorni di questo edificio sono case costruite in cerchi concentrici fino ai bastioni. Queste case erano progettate per la vita comunale, all'interno di una struttura sociale notevolmente egualitaria che rispetta la privacy della famiglia. Gli edifici sono stipati, con stretti vicoli e passaggi coperti avvolgimento tra di loro.
Ghardaia è la città principale e capitale della M'zab, mentre El-Ateuf è il più antico insediamento nella regione. Beni Isguen è il più enigmatico di tutte le città di M'zab. È considerato molto sacro e fino a poco tempo, solo i residenti della città sono stati autorizzati ad entrare dopo il tramonto e di notte il cancello era chiuso. Questo non è più il caso, ma Beni Isguen rimane la più tradizionale insediamento in M'zab. Le donne qui sono molto timido, sia dalla tradizione e dalla religione di fotocamera. Come Johathan Oakes scrive nella sua Guida di viaggio Algeria:

Qui troverete che tutte le donne seguono la tradizione di indossare l' haik, un grande panno che è avvolto intorno al corpo e viso, consentendo un solo occhio essere visto. Prima del matrimonio ragazze sono autorizzate a mostrare i loro volti, ma dopo il matrimonio quindi può dimostrare un occhio solo. Troverete che se si guarda a nessuna di queste donne stringeranno loro presa sul materiale, chiudendo così il foro ancora di più. In passato era su ordinazione per le donne faccia al muro, quando gli sconosciuti passato; Se questo non è il caso si trovano ancora che le donne verranno fanno del loro meglio per evitare i vostri sguardi e spesso seguono un altro percorso quando ti vedono arrivando. Queste donne sono gloriosamente fotogeniche ma è severamente vietato per scattare una foto di loro e ciò potrebbe causare indignazione.
Tutte le città di M'zab si distinguono per aver conservato la loro originale cultura e coesione tra le comunità nel corso degli anni, praticamente intatta dal mondo esterno. Nel 1982, hanno ricevuto dall'UNESCO patrimonio dell'umanità.
mzab-valley-towns-7
Ghardaia, M' Zab Valley. Foto di credito: Yann Arthus-Bertrand
mzab-valley-towns-5
Beni Isguen, M' Zab Valley. Foto di credito: George Steinmetz
mzab-valley-towns-2
Beni Isguen, M' Zab Valley. Foto di credito: George Steinmetz
mzab-valley-towns-3
Ghardaia, M' Zab Valley. Foto di credito: George Steinmetz
mzab-valley-towns-4
Vista aerea di orti e giardini a Monte da Ghardaia. Foto di credito: George Steinmetz
mzab-valley-towns-6
Beni Isguen, M' Zab Valley. Foto di credito: Yann Arthus-Bertrand
mzab-valley-towns-10
Ghardaia. Photo credit
mzab-valley-towns-11
Ghardaia. Photo credit
mzab-valley-towns-22
Un esempio di architettura tradizionale a Ghardaia. Photo credit
mzab-valley-towns-8
Negozi lungo le strade in Ghardaia. Photo credit
mzab-valley-towns-12
Strade strette a Ghardaia. Photo credit
mzab-valley-towns-17
Donne in Ghardaia. Photo credit
mzab-valley-towns-13
Crediti fotografici
mzab-valley-towns-14
Ghardaia. Photo credit
mzab-valley-towns-18
El Ateuf. Photo credit
mzab-valley-towns-15
Crediti fotografici
Fonte: UNESCO / siti del patrimonio mondiale africano / Wikipedia
Tradotto dal sito Web: Amusing Planet per scopi didattici.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…