L'albero del lebbroso di Malawi | Sorprendente mondo.

Osservazioni: Questa è una traduzione pubblicata per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere imprecise.
La lebbra è una malattia curabile, ma meno di settant'anni fa, la gente stava morendo da esso. Dopo la fine del XVII secolo, la lebbra è diventato un problema significativo non solo nei paesi più poveri dell'Africa e Asia, ma Europa occidentale pure. A causa della mancanza di comprensione circa la malattia, l'indisponibilità di una cura e lo sfregio che è portato per i malati, i lebbrosi erano spesso ostracizzati nella società. Persone affette da lebbra sono stati forzatamente rimossi dalle loro comunità, messo in quarantena o addirittura uccisi.
Nel paese del Malawi in Africa sudorientale, persone che sono morte a causa della lebbra non erano dato degna sepoltura. Non furono sepolti nella terra, ma sia lasciato in sospeso da un albero in un cimitero o legato e messo all'interno di una cavità dell'albero e lasciato a morire, in modo che la terra non sarebbe contaminata dalla malattia. Un tale incidente è segnalato per accadere nel villaggio di Liwonde, appena sessanta anni fa.
leper-tree-malawi-2
Crediti fotografici
Secondo la storia, nove persone da una tribù locale si sono ammalati di lebbra. Al fine di mantenere la malattia dalla diffusione, individui erano arrotondati, legati e portati a un grande Baobab alla base della collina di Chinguni. Sono stati poi gettati nella cavità del baobab e lasciati morire. "L'albero lebbroso", come è diventato noto, rimane in piedi oggi anche se si raddoppia da un lato, e c'è lesioni e piaghe sulla sua corteccia. Il suo tronco appare un cartello dipinto a mano che recita: "La tomba per le persone che hanno sofferto di lebbra in passato". Ancora, si può ficcare la testa nella cavità e vedere teschi e scheletri che si trova nella parte inferiore.
leper-tree-malawi-3
Crediti fotografici
leper-tree-malawi-1
Crediti fotografici
Fonti: Atlas Obscura / prentissdarden.wordpress.com / reprobate.co.za
Tradotto dal sito Web: Amusing Planet per scopi didattici.