Passa ai contenuti principali

Il mondo surreale di rivelatori di neutrini | Sorprendente mondo.

Osservazioni: Questa è una traduzione pubblicata per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere imprecise.
I neutrini sono una delle particelle fondamentali che compongono l'universo, ma non negli elettroni modo, protoni e neutroni sono. Queste particelle sono estremamente piccoli, quasi senza massa ed elettricamente neutro, così essi non sono interessati da forze elettromagnetiche e reagire molto debolmente con altre particelle di natura. I neutrini sono prodotti dal decadimento di elementi radioattivi in reazioni nucleari come nel nucleo delle stelle sole o esplodere. Una volta Nato, viaggiano in linea retta alla velocità della luce che passa attraverso la materia solida quasi interamente senza ostacoli. Anche se piccoli, portano una quantità colossale di energia - alcuni di questi portano la stessa quantità di energia come una palla da tennis ben colpito. Per rilevare queste particelle utilizzando la stessa tecnologia che usano al Large Hadron Collider in Svizzera, uno richiederebbe un anello di magneti le dimensioni dell'orbita terrestre intorno al sole.
Rivelatori di neutrini, pertanto, utilizzare un tipo completamente diverso di scienza e tecnologia. Alcuni rivelatori di utilizzano grandi serbatoi pieni di acqua e circondato da tubi fotomoltiplicatori che guardare per radiazioni emesse quando un neutrino in arrivo crea un elettrone o un muone in acqua. Altri rivelatori hanno vasche piene di cloro o Gallio o altri liquidi. Rivelatori di neutrini sono spesso costruiti sottoterra, per isolare il rilevatore di raggi cosmici e altre radiazione di fondo.

Super-Kamiokande

super-kamiokande-3
Ingegneri esaminando gli strumenti all'interno del serbatoio di Super-Kamiokande riempito a metà in una barca a remi. Photo credit
Il rivelatore di neutrini Super-Kamiokande si trova a 1.000 metri sotto Monte Kamioka, vicino la città di Hida in Giappone. Il rivelatore consiste di un serbatoio cilindrico in acciaio inox 41 metri di 39 metri 50.000 tonnellate di acqua ultra-pura e circondato da più di 11.000 tubi di fotomoltiplicatore (PMT). È uno del rivelatore più grande del suo genere.
Quando un passaggio neutrino interagisce con gli elettroni o i nuclei dell'acqua, può produrre una particella che si muove più velocemente della velocità della luce nell'acqua. Questo crea un cono di luce come radiazione Čerenkov, che è l'equivalente ottico a un boom sonico. Cherenkov luce è proiettato come un anello sulla parete del rivelatore e registrato dal lampo utilizzando questo scienziati di dati può determinare la direzione della sorgente e il sapore del neutrino.
super-kamiokande-4
Crediti fotografici
super-kamiokande-5
Crediti fotografici
super-kamiokande-21
Crediti fotografici
super-kamiokande-23
Crediti fotografici
super-kamiokande-24
Crediti fotografici
super-kamiokande-22
Crediti fotografici

Rivelatore di neutrini di scintillatore liquido

Il liquido scintillatore Neutrino Detector (LSND) al Los Alamos National Laboratory operati tra il 1993 e il 1998. Il rilevatore ha consistito di un serbatoio riempito con 167 tonnellate (50.000 galloni) di olio minerale mescolato con un materiale organico scintillatore ed era dotato di tubi fotomoltiplicatori 1220. I risultati di LSND, tuttavia, furono controversi e sono stati confutati da prove successive di altri laboratori.
lsdn-2
Crediti fotografici

MiniBooNE

Rilevatore di MiniBooNE al Fermilab è stato progettato senza ambiguità verificare o confutare il risultato controverso LSND in un ambiente controllato. Il rivelatore è un 40 piedi (12 - metro) sfera di diametro riempito con 800 tonnellate di olio minerale e fiancheggiata da 1520 "tubi fotomoltiplicatori". Il rivelatore vede una collisione dei neutrini ogni 20 secondi, pari a circa 1 milione eventi di neutrino all'anno.
miniboone
Crediti fotografici

Borexino

Borexino è che un esperimento di fisica delle particelle si trova quasi un miglio sotto la superficie del Monte Gran Sasso circa 60 miglia fuori Roma. Il rivelatore è una sfera di acciaio 59-piede riempita con uno scintillatore liquido. Lo scopo primario dell'esperimento è quello di rendere una misura precisa del flusso dei neutrini berillio-7 dal sole e confrontandolo con il pronostico di modello solare Standard. Questo permetterà agli scienziati di comprendere a fondo i processi di fusione nucleare che si svolge presso il nucleo del sole aiuterà anche a determinare le proprietà delle oscillazioni di neutrino.
borexino-3
Il rivelatore Borexino risultati rivelatori, sfera di buffer e sfera interna di scintillatore. Photo credit
borexino-1
L'esterno della sfera d'acciaio del neutrino detector completo 59-piede. Photo credit
borexino-2
All'interno del rivelatore Borexino. Photo credit

Osservatorio del Neutrino di Sudbury

Il Sudbury Neutrino Observatory si trova a 2.100 metri sotterraneo nella miniera Creighton di Vale Inco in Sudbury, Ontario, Canada. L'obiettivo di rivelatore SNO consisteva di 1.000 tonnellate di acqua pesante contenuta in un vaso di acrilico 6-metro-raggio. La cavità del rilevatore di fuori della nave è stata riempita con acqua normale per fornire entrambi galleggiabilità per il vaso e la schermatura contro le radiazioni. L'acqua pesante è stato visualizzato da circa 9.600 "tubi fotomoltiplicatori". La cavità di alloggiamento del rivelatore è riferito la cavità sotterranea artificiale più grande del mondo.
sudbury
Crediti fotografici

IceCube Neutrino Observatory

IceCube Neutrino Observatory si trova presso la base Amundsen-Scott South Pole Station in Antartide. Esso è composto da migliaia di sensori distribuiti oltre un chilometro cubo di volume sotto il ghiaccio antartico. Ogni sensore, globo di vetro sferico chiamato moduli ottici digitali (DOMs), costituiti da un tubo di fotomoltiplicatore e un computer ed è sospeso da "stringhe" in fori praticati nel ghiaccio a profondità che vanno da 1.450 a 2.450 metri. IceCube Neutrino Observatory è il più grande telescopio del neutrino nel mondo.
icecube-4
Crediti fotografici
icecube-2
Al modulo ottico digitale (DOM). Photo credit
icecube-1
Al modulo ottico digitale (DOM) si abbassa in un buco di 2.500 metri di profondità nel ghiaccio. Photo credit
icecube-3
Crediti fotografici

KamLAND rivelatore

Il rilevatore di Kamioka Liquid Scintillator Antineutrino (KamLAND) è un dispositivo sperimentale che è stato costruito presso l'Osservatorio di Kamioka, un impianto di rilevazione in sotterraneo del neutrino vicino Toyama, Giappone. Il suo scopo è quello di rilevare gli antineutrini di elettroni emessi dal 53 giapponese commerciale reattori nucleari che circondano il rivelatore.
Lo strato esterno di KamLAND rivelatore completo è costituito da un vaso di contenimento di 18 metri di diametro in acciaio inox con un rivestimento interno di tubi di 1.879 foto-moltiplicatore, ogni 50 centimetri di diametro. Il secondo strato interno è costituito da 13 m - pallone di nylon di diametro riempito con scintillatore liquido composto di 1.000 tonnellate di olio minerale, il benzene e sostanze chimiche fluorescenti.
kamland
Crediti fotografici

Daya Bay reattore Neutrino Experiment

L'esperimento sui neutrini reattore di Daya Bay si trova a Daya Bay, a circa 52 chilometri a nordest di Hong Kong, in Cina. L'esperimento è costituito da otto rivelatori antineutrino, raggruppati in tre posizioni all'interno di 1,9 km di sei reattori nucleari. Ogni rivelatore è costituito da 20 tonnellate di scintillatore liquido circondato da tubi fotomoltiplicatori e schermatura.
Le interiora di ogni rivelatore cilindrico antineutrino consistono di uno vaso acrilico trasparente nidificato all'interno di un altro uno, entrambi dei quali siedono all'interno di una terza nave in acciaio inox. Questo è pieno di scintillatore liquido chiaro.
daya-bay-1
Foto di credito: Roy Kaltschmidt, LBNL
Tradotto dal sito Web: Amusing Planet per scopi didattici.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…