Passa ai contenuti principali

Biografia di Irene Joliot-Curie | Scienziati famosi.

Irene Joliot-Curie è un nome che è sempre citato quando discutiamo la scoperta della radioattività e neutroni. Lei è stato un fisico francese che insieme a suo marito Joliot-Curie, un noto fisico francese, ricevette il premio Nobel in chimica nel 1935 per la loro sintesi di nuovi elementi radioattivi.

Infanzia, istruzione e carriera:

Irène Joliot-Curie è Nato il 12 settembre 1897, a Parigi. Era la figlia dei fisici francesi, Marie Sk? odowska-Curie e Pierre Curie. Per alcuni anni della sua infanzia Irene fu educata da sua madre, ma successivamente completato i suoi studi presso l'Università di Parigi. A partire dal 1918 aiutò sua madre all'Istituto del radio dell'Università di Parigi mentre studiava per il suo dottorato. Nel 1925 si laurea con una tesi sui raggi alfa del polonio. Lo stesso anno ha incontrato Frédéric Joliot, assistendo anche presso l'Istituto di Radium. L'anno seguente entrambi sposati e prese il nome di Joliot-Curie. Ebbero due figli; una figlia, Helene e un figlio, Pierre.
A seguito del loro matrimonio il Joliot-Curies ha formato una grande squadra scientifica. Ricerca scientifica di Irene focalizzata sulla radioattività naturale ed artificiale, trasmutazione degli elementi e la fisica nucleare. Durante 1926 – 1928 aiutò il marito nel migliorare le sue tecniche di laboratorio. A partire dal 1928 Irène e Frédéric condotto loro ricerca sullo studio dei nuclei atomici e pubblicati insieme.
Insieme si sono specializzati nel campo della fisica nucleare. Nel 1934 il loro lavoro combinato ha condotto alla scoperta della radioattività artificiale. Per bombardamento del boro, alluminio e magnesio con particelle alfa, il Joliot-Curies prodotto isotopi della generalmente stabile elementi azoto, fosforo, silicio e alluminio che si decompongono spontaneamente, con un periodo più o meno lungo, dal rilascio di elettroni positivi o negativi. Per questo lavoro essi sono stati assegnati il premio Nobel per la chimica nel 1935. Irene non si fermava lì, tuttavia e ha continuato a realizzare molte altre onorificenze.
Durante 1936 servì nell'armadietto francese come sottosegretario di stato per la ricerca scientifica. Nel 1937 è stata nominata come professore nella facoltà di Scienze di Parigi, e l'anno successivo la sua ricerca sugli elementi pesanti ha giocato un ruolo fondamentale nella scoperta della fissione dell'uranio. Nel 1939, Irene è stata impiegata come ufficiale della Legione d'onore. Dal 1946-1951 è stata un membro della Commissione di energia atomica francese. Dopo il 1947 ha servito come direttore del Istituto del radio, e nel 1948 ha contribuito alla creazione della prima pila atomica francese.
Irene Joliot-Curie aveva un grande interesse per lo sviluppo intellettuale delle donne e quindi servito come i membri del National Comite de l'Union des Femmes Francais e il Consiglio di pace del mondo. Inoltre era anche molto interessato con l'installazione di un grande centro per la fisica nucleare a Orsay, e ha lavorato personalmente i piani per la sua costruzione. Il suo lavoro su questa struttura sarebbe essere eseguita da suo marito dopo la sua morte.

Morte:

Irene Joliot-Curie morì il 17 marzo 1956, a Parigi, da leucemia contrattata nel corso del suo lavoro.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…