Biografia di Ibn Rushd | Scienziati famosi.

Primi anni di vita: Abu Walid Mohammad Ibn Rushd nata nel 1128 C.E. in Cordova è stato tenuto come uno dei più grandi pensatori e scienziati della storia. Un prodotto di Spagna islamica del XII secolo, egli partì per integrare la filosofia aristotelica con pensiero islamico. Un tema comune in tutto i suoi scritti è che non esiste nessun inadeguatezza tra religione e filosofia quando entrambi sono ben compreso.
I suoi contributi alla filosofia ha preso molte forme, che vanno dalla sua dettagliate commentari su Aristotele, sua difesa della filosofia contro gli attacchi di chi lo ha condannato come diverso all'Islam e la sua costruzione di una forma di aristotelismo che purificato, per quanto era possibile al momento, della, influenze neoplatoniche.

Contributi e realizzazioni:

Formazione di Ibn Rushd ha seguito un percorso tradizionale, cominciando con gli studi in Hadith, linguistica, giurisprudenza e teologia scolastica. Tutta la sua vita ha scritto estesamente sulla filosofia e la religione, gli attributi di Dio, origine dell'universo, metafisica e psicologia ma egli eccelleva in filosofia e giurisprudenza e fu soprannominato "il filosofo elaborarla." Il ruolo del filosofo nello stato è stato un argomento di interesse continuo per Ibn Rushd.
Il suo pensiero è veramente creativa e altamente controverso, producendo potenti argomenti che sono stati al puzzle suoi successori filosofiche nel mondo ebraico e cristiano. Egli sembra sostenere che ci sono due forme di verità, una forma religiosa e una forma filosofica, e che non importa se puntano in direzioni diverse. Egli sembra anche essere dubbioso circa la possibilità di immortality personale o di essere in grado di sapere che determinati eventi hanno avuto luogo di Dio. C'è molto nel suo lavoro anche che suggerisce che la religione è inferiore alla filosofia come mezzo per raggiungere la conoscenza, e che la comprensione della religione che credenti ordinari possono avere è molto diverso e impoverito quando rispetto a quello disponibile al filosofo.
In filosofia, la sua opera più importante Tuhafut al-Tuhafut è stato scritto in risposta al lavoro di Al-Ghazali. Ibn Rushd è stato criticato da molti studiosi musulmani per questo libro, che, tuttavia, ha avuto una profonda influenza sul pensiero europeo, almeno fino all'inizio della filosofia moderna e della scienza sperimentale. Le sue opinioni sul destino erano che uomo non è né in pieno controllo del suo destino, né è esso completamente predeterminato per lui. Commento più lungo di Al Rushd era, infatti, un contributo originale come era in gran parte basato sulla sua analisi compresa l'interpretazione dei concetti di Quranic. Riepilogo di Ibn Rushd i pareri (fatwa) della precedente jurists islamici su una varietà di problemi ha continuato ad influenzare gli studiosi islamici ai giorni nostri, in particolare Javed Ahmad Ghamidi.
All'età di 25, Ibn Rushd condotto osservazioni astronomiche in Marocco, durante il quale ha scoperto una stella precedentemente inosservata. È stato anche del parere che la luna è opaca e oscura e ha alcune parti che sono più spessi di altri, con le parti più spesse che ricevono più luce dal sole rispetto alle parti più sottili della luna. Diede anche una delle prime descrizioni sulle macchie solari.
Ibn Rushd anche dato notevoli contributi in medicina. In medicina il suo ben noto libro Kitab al-Kulyat fi al-Tibb fu scritto prima 1162 D.C. Its Latin Traduzione era conosciuto come 'Colliget'. In esso Ibn Rushd ha gettato luce su vari aspetti della medicina, tra cui la diagnosi, la cura e la prevenzione delle malattie e parecchie osservazioni originali di lui.
Scrisse almeno 67 opere originali, che comprendeva 28 opere sulla filosofia, 20 sulla medicina, 8 sulla legge, 5 sulla teologia e della grammatica in 4, in aggiunta ai suoi Commentari sulla maggior parte delle opere di Aristotele e il suo commento sulla Repubblica di Platone. Un esame attento delle sue opere rivela che Ibn Rushd (Averroè) era un uomo profondamente islamico. Ad esempio, troviamo nella sua scrittura, "Chi studia anatomia aumenterà sua fede nella onnipotenza e unicità di Dio Onnipotente". Egli riteneva che la vera felicità per l'uomo sicuramente può essere raggiunto attraverso la salute mentale e psicologica, e persone non possono godere salute psicologica, a meno che non seguono le vie che portano alla felicità nell'aldilà, e se non credono in Dio e la sua unicità.

Morte:

Ibn Rushd morì a Marakesh nel 1198, dove fu sepolto. Tre mesi dopo, la salma venne traslata a Qurtuba, la tribuna del suo pensiero. Esso non lascia spazio ad alcun dubbio circa l'importante influenza che il filosofo musulmano aveva sul più grande di tutti i teologi cattolici.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici