Passa ai contenuti principali

Biografia di Heinrich Hertz | Scienziati famosi.

Il grande fisico tedesco Heinrich Hertz reso possibile lo sviluppo della radio e della televisione, radar, dimostrando che l'elettricità può essere trasmesso in onde elettromagnetiche. Ha spiegato e ampliato la teoria elettromagnetica della luce che era stato messo avanti da Maxwell. Fu la prima persona che ha dimostrato con successo la presenza di onde elettromagnetiche, con la costruzione di un apparato che prodotto e rilevato le onde radio VHF/UHF. Sue imprese gli è valso l'onore di avere il suo cognome assegnato all'unità internazionale di frequenza (un ciclo al secondo).

Vita e carriera:

Nato il 22 febbraio 1857 a Amburgo, Germania, Hertz proveniva da una famiglia benestante, colta e incredibile successo. Suo padre, Gustav Ferdinand Hertz, era un avvocato e successivamente un senatore. Ha sviluppato interesse per la scienza e la matematica come un bambino durante gli studi presso la Gelehrtenschule des Johanneums di Amburgo. Ha studiato scienze e ingegneria nelle città tedesca di Dresda, Monaco e Berlino sotto due eminenti fisici, Gustav R. Kirchhoff e Hermann von Helmholtz.
Hertz ha conseguito il dottorato dall'Università di Berlino nel 1880 e ha lavorato come assistente di installaggio. Anche se ha dedicato la sua tesi alla natura dell'induzione elettromagnetica in rotazione conduttori, sua ricerca come assistente di Helmholtz focalizzata sulla durezza meccanica e lo stress, un campo in cui ha scritto una serie di documenti influenti. Nel 1883, Hertz ha colto l'occasione per salire un passo sulla scala accademica. Si trasferì all'Università di Kiel come conferenziere, dove continuò le sue ricerche sull'elettromagnetismo. Dal 1885 al 1889 fu professore di fisica presso la scuola tecnica di Karlsruhe e dopo 1889 occupa lo stesso posto presso l'Università di Bonn.
In 1886, sposò Elizabeth Doll, figlia del suo collega Dr. Max Doll. Ebbero due figlie, Joanna e Mathilde.

Contributo:

Quando Hertz iniziò a condurre esperimenti presso l'Università di Bonn, egli era consapevole del lavoro rivoluzionario che è stato lasciato dallo scienziato britannico James Clerk Maxwell, che aveva prodotto una serie di equazioni matematiche che predisse l'esistenza delle onde elettromagnetiche. Questo ha sfidato sperimentalisti per produrre e rilevare radiazione elettromagnetica utilizzando una qualche forma di apparecchi elettrici.
Hertz ha preso quella sfida e nel 1887 ha confermato le teorie di Maxwell circa l'esistenza di radiazione elettromagnetica. Ha dimostrato che l'elettricità possono essere trasmessi in onde elettromagnetiche, che viaggiano alla velocità della luce e possiedono molte altre proprietà della luce.
Mentre svolgimento anche accidentalmente suo esperimento sulle onde elettromagnetiche, Hertz scoprì l'effetto fotoelettrico in cui la luce che cade su superfici speciali può generare elettricità.
A parte le onde elettromagnetiche o elettriche ("onde hertziane"), Hertz ha mostrato anche che la loro velocità e la lunghezza può essere misurate e che luce e calore sono onde elettromagnetiche.

Morte precoce:

Nel 1892, Hertz è stata diagnosticata con prima una testa fredda e quindi un'allergia. Da allora la sua salute, è rimanere povera. Morì di avvelenamento di anima all'età di 36 a Bonn, in Germania il 1° gennaio 1894 e fu sepolto a Ohlsdorf, Amburgo.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…