Passa ai contenuti principali

Biografia di Guglielmo Marconi | Scienziati famosi.

Il fisico e scienziato italiano, Guglielmo Marconi ricevette il premio Nobel per la fisica con Braun per il loro sviluppo di telegrafia senza fili pratico. Una volta disse:
"Grazie ad elevato standing che la scienza ha per così tanto tempo raggiungere e l'imparzialità della Commissione del premio Nobel, il premio Nobel per la fisica è giustamente considerato ovunque come la più alta ricompensa alla portata dei lavoratori in filosofia naturale."
Suo sviluppo di un sistema di telegrafo radio ha condotto per la esbalishment di molte aziende associate in tutto il mondo.

Primi anni di vita:

Guglielmo Marconi nasce a Bologna, Italia, il 25 aprile 1874. Era il secondo figlio di Giuseppe Marconi, un ricco proprietario terriero italiano e sua moglie irlandese, Annie Jameson. Ricevette la sua educazione privatamente a Bologna, Firenze e Leghorn. Come un giovane ragazzo era affascinato dalle scienze fisiche ed elettriche e studiato il precedente lavoro matematico di James Clerk Maxwell, gli esperimenti di Heinrich Hertz e ricerca il fulmine e l'elettricità condotta da Sir Oliver Lodge.

Contributi e realizzazioni:

Marconi era convinto che la comunicazione tra le persone fosse possibile via radio senza fili di segnalazione. Ha iniziato l'esperimento nel 1895 a casa di suo padre a Pontecchio, dove fu presto in grado di inviare segnali oltre un anno e mezzo miglia. Durante questo periodo, ha svolto anche semplici esperimenti con riflettori intorno all'antenna di concentrare l'energia elettrica irradiata in un fascio invece di diffonderla in tutte le direzioni.
Nel 1896 Marconi si recò in Inghilterra al fine di ottenere un brevetto per l'apparecchio. In quello stesso anno ottenne il primo brevetto al mondo per un sistema di telegrafia senza fili. Dopo aver dimostrato con successo la capacità del sistema per la trasmissione di segnali radio a Londra, sulla piana di Salisbury e il canale di Bristol, ha fondato il telegrafo senza fili & Signal Company Limited nel luglio 1897. Questa società è stata rinominata come Wireless Telegraph Company Limited di Marconi nel 1990.
Nel 1899 ha stabilito un collegamento wireless tra Gran Bretagna e Francia attraverso la manica. Più ulteriormente ha stabilito stazioni wireless permanente presso The Needles, isola di Wight, Bournemouth e successivamente al rifugio Hotel Poole, Dorset. L'anno successivo ha ricevuto il suo brevetto per "sintonizzato o telegrafia systonic."
Durante dicembre 1901 Marconi ha dimostrato che i segnali wireless erano inalterati dalla curvatura della terra. Ha trasmesso i primi segnali radio attraverso l'Atlantico tra Poldhu, Cornovaglia e St, Johns, New Foundland, una distanza di 2100 miglia.
L'anno successivo ha dimostrato "effetto luce" relative alla comunicazione wireless e anche lui brevettato suo rilevatore magnetico, che era il ricevitore wireless standard per molti anni. Nel mese di dicembre ha trasmesso con successo il primo messaggio completo a Poldhu da stazioni a Glace Bay, Nova Scotia e Cape Cod Massachusetts.
Nel 1905 e 1912 Marconi brevettato suo orizzontale direzionale antenna e brevettato una "temporizzato scintilla" per la generazione di onde continue rispettivamente.

Vita successiva:

Nel 1914, ha preso la posizione di un tenente dell'esercito italiano. Successivamente è stato promosso a capitano e nel 1916 fu nominato un comandante della Marina, ricevendo la medaglia militare italiana nel 1919 per il suo servizio di guerra. Usò anche suoi sistemi per le lavorazioni dei militari. Durante questo periodo che ha continuato con i suoi esperimenti, che istituisce il primo link di radiotelefono a microonde del mondo nel 1932 e dopo l'introduzione del forno a microonde faro per la navigazione della nave.
Marconi è morto a Roma il 20 luglio 1937 dopo una serie di attacchi di cuore.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…