Biografia di Ukichiro Nakaya | Scienziati famosi.


clip_image025
Per le persone in paesi con neve, apprezzando la bellezza di ogni fiocco di neve è una delle tante meraviglie che la natura può portare. Ciascuna con un modello unico, natura non riesce mai a venire con bellezza anche nella più piccola delle cose congelate. Essendo piccolo, delicato e unico, è difficile immaginare come replicare i fiocchi di neve. Tuttavia, Ukichiro Nakaya trovato un modo per aggirare questo. Egli è conosciuto per aver creato i fiocchi di neve artificiale molto prime. Nakaya è stato un saggista scienza giapponese e un fisico che era anche conosciuto per le sue opere sulla glaciologia, nonché delle scienze a bassa temperatura. Quando è venuto a neve e ghiaccio ricercare il suo nome sarebbe sicuramente suonare un campanello. Fondamentalmente, è conosciuto internazionalmente per i suoi contributi scientifici.

Primi anni di vita e priorità bassa educativa

Nato il 4 luglio 1900, Dr. Nakaya era nativo di Katayamazu, Ishikawa-ken ora conosciuta come Kagashi che si trova fuori nel mare del Giappone. Questa è l'area stessa raffigurata nell'opera enciclopedica chiamato Hokuetsu Seppu che raccoglie circa 183 schizzi dei fiocchi di neve naturale. Questo lavoro venne pubblicato nel 1837. Questo era noto per essere quello che ha ispirato il lavoro di una vita di Nakaya.
Nakaya ha scritto in una delle sue opere come suo padre aveva originariamente voleva diventare un vasaio e anche lo mandò a vivere con uno durante i suoi anni nella scuola primaria. Anche se suo padre è morto mentre era ancora nella scuola primaria, il suo primo articolo scientifico che fu pubblicato nel 1924 era circa Kutani porcellana. Questo lavoro è stato scritto per numero inaugurale dell'Università fisica dipartimento di Tokyo Imperial.
Ispirazione di Nakaya per studiare fisica erano Laplace e Kant, principalmente le loro ipotesi nebulare e il suo interesse per la fisica ha cominciato a decollare quando era al liceo. Hajime Tanabe, un filosofo giapponese che era dalla scuola di Kyoto aveva anche un'influenza sulle opere di Nakaya più tardi.
Ha studiato all'Università imperiale di Tokyo e fu sotto Torahiko Terada, un autore giapponese e fisico, mentre si è laureato in fisica sperimentale. Nakaya laurea nel 1925 e ha conseguito la laurea di Master of Science di quell'anno.
Dopo la laurea, divenne assistente di ricerca di Terada non molto tempo dopo e hanno lavorato sulle loro attività di ricerca presso l'Istituto di fisica e la ricerca chimica comunemente noto come RIKEN. Ci ha studiato circa elettrostatiche essendo anche uno dei professori di assistente all'Università di Tokyo.
Ha approfondito la sua formazione impegnandosi in più di lavoro fisica-relativi al Kings College di Londra ed era sotto la tutela del Dr. O.W. Richardson per un anno dal 1928. Durante la sua permanenza, ha studiato sui raggi x di lunghezza d'onda. Nel 1931, ha acquisito il suo dottore in Scienze dall'Università di Kyoto. Un anno prima, era stato nominato come il professore di fisica presso l'Università di Hokkaido Sapporo e fu associato con l'Università per il resto della sua vita.

Ricerca sui fiocchi di neve

Quando Nakaya ha avuto la possibilità di assumere la direzione del dipartimento di fisica dell'Università di Hokkaido, avevano meno di sufficienti finanziamenti per la ricerca e scarse attrezzature troppo. Che cosa ha avuto era una scelta illimitata di neve che ha accumulato ed era ancora in calo a causa del lungo inverno e un microscopio. Questo è stato ciò che ha suscitato la sua ricerca sui fiocchi di neve.
Ha avuto oltre 3.000 microfotografie e da questi, egli era in grado di stabilire una sorta di classifica generale i cristalli di neve naturale. Fu nel 1935 quando ha portato il laboratorio di scienza di bassa temperatura di vita e questo era dove ha realizzato il suo passo successivo per le sue ricerche — trovando il modo di creare cristalli di neve artificiale.
Dai suoi studi sui fiocchi di neve, fu in grado di sviluppare il "diagramma di Nakaya" e l'apparato di innevamento convettivo che ha usato per fare il primo cristallo di neve artificiale nel 1936. Ha usato il diagramma Nakaya per la determinazione delle condizioni di coltivazione per i cristalli di neve specifica e basata sulla forma di fiocchi di neve, ha anche scoperto come egli può determinare diverse condizioni meteorologiche dell'atmosfera da dove il cristallo è stato formato.
A causa del suo lavoro su cristalli di neve e ricerche correlate a bassa temperatura, ricevette il Japan Academy Prize nel 1940. Nel 1954, il suo lavoro sui fiocchi di neve è stato pubblicato in un libro illustrato chiamato i cristalli di neve. Oggi, questo lavoro serve come riferimento classico quando si tratta di classificare la neve in base alla loro forma e viene utilizzato da scienziati e artisti come bene.
Per due anni però, Nakaya e la sua famiglia ha dovuto vivere a un certo hot springs resort, sulla penisola di Izu, mentre egli stava recuperando da clonorchiasi. Questo è accaduto dal 1936 al 1938 e per due anni non era attivo nelle sue attività scientifica come prima.
Durante l'anno 1952, Nakaya è stato invitato ad avere la propria ricerca fatta presso l'US Army neve, ghiaccio e istituzione di ricerca del Permafrost e più tardi anche dopo il suo periodo di ricerca era finita, lui frequentemente visitò gli Stati Uniti per continuare i suoi studi. Era molto impegnato nel suo lavoro e i suoi studi lo abbiamo avuto anche a luoghi come Mt. Mauna Loa, nelle Hawaii, la calotta di ghiaccio della Groenlandia e l'isola di ghiaccio. A causa della sua esperienza e la profonda conoscenza nella scienza di bassa temperatura e cristalli di neve, fu eletto come la vicepresidenza della Commissione su neve e ghiaccio della Unione internazionale di geodesia e geofisica.

Eredità

Nakaya era stato l'autore, nonché co-autore di numerose pubblicazioni e articoli scientifici; Questa parte di lui era solo un aspetto della sua personalità e molti talenti. Aveva anche fatto libri di saggistica, una vaga idea per le persone che lo conoscevano che durante i suoi anni precedenti era stato molto interessato nella pittura a olio ed era diventato molto buono in "Sumi-e", che è una sorta di arte giapponese che utilizza singole pennellate con inchiostro solo nero.
In Giappone, era anche conosciuto come un grande saggista, un rispettabile critico su argomenti relativi alle scienze naturali e anche un grande fotografo. Egli era anche stato riconosciuto come uno dei dieci uomini più illustri del Giappone e nel 1960. Ha ricevuto il riconoscimento per i suoi molti talenti diversi e contributi scientifici. Ancora oggi è ancora ricordato per tutti questi contributi, e in fedele alle sue parole "cristalli di neve sono i geroglifici inviati dal cielo".
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici