Passa ai contenuti principali

Biografia di Sheldon Lee Glashow | Scienziati famosi.


clip_image039
Il fisico americano, Sheldon Lee Glashow ha ricevuto il premio Nobel per la fisica nel 1979, con Steven Weinberg e Abdus Salam per i loro sforzi complementari in origine la teoria elettrodebole. Questa teoria è un importante contributo all'unificazione delle particelle elementari e delle forze. Egli è anche noto per il suo lavoro che ha condotto alla previsione delle correnti neutre, particelle di streghe e bosoni vettori intermedi, che sono stati successivamente scoperti dagli esperimenti. Egli è autore di circa 300 articoli scientifici e di tre libri: interazioni, il fascino della fisica e dall'alchimia di quark. Attualmente è professore di matematica e fisica all'Università di Boston Metcalf.

Primi anni di vita, istruzione e carriera:

Sheldon Lee Glashow è Nato il 5 dicembre 1932, nella punta settentrionale di Manhattan a New York City per gli immigranti ebrei dalla Russia. Era il più giovane dei tre figli di Lewis Gluchovsky, un idraulico e Bella Rubin. Ricevette la sua prima educazione la Bronx High School of Science a New York City. Nel 1954 ha completato la sua laurea in arti presso la Cornell University e cinque anni dopo, nel 1959, ha ricevuto un dottorato di ricerca in fisica presso l'Università di Harvard sotto fisico premio Nobel Julian Schwinger. Ad Harvard ha fondato importanti teorie dell'interazione elettromagnetica e nucleare della particella, che pose le basi per la prossima generazione di ricerca su quark e leptoni.
Dopo un piccolo periodo presso l'Istituto di Bohr a Copenaghen, CERN di Ginevra e il California Institute of Technology, Glashow ha trascorso cinque anni (1961-1966) Corsi all'Università di Stanford e l'Università della California (Berkeley), prima di tornare ad Harvard nel 1967 come docente di fisica. Ha servito il Comitato di politica di scienza del CERN dal 1979.
Durante il 1972 Glashow sposò Joan Alexander, dalla quale ebbe due figli, Bryan e Rebecca e passo due-bambini, Jason e Jordan.

Contributi al campo scientifico:

Con l'aiuto di Julian Schwinger, Glashow nel 1961 esteso suo lavoro su elettrodebole modelli di unificazione. Attraverso il suo funzionamento ha scoperto la base della teoria accettata dell'interazione elettrodebole e ricevette il premio Nobel in fisica nel 1979, insieme a Steven Weinberg e Abdus Salam.
Nel 1964, mentre si lavora con James Bjorken, Glashow fu il primo a prevedere l'esistenza di un quarto quark, che chiamò originariamente il quark"streghe" (ora fascino rapido). Attraverso questo ha dimostrato che le coppie di quark in gran parte annullerebbe sapore cambiando correnti neutre, come pure eliminando un disastro tecnico per qualsiasi teoria quantistica dei campi con numeri diversi di quark e leptoni-un'irregolarità.
Insieme a Howard Georgi nel 1973, Glashow ideato la prima teoria della grande unificazione. Questo lavoro è stato le basi per tutti i futuri lavori unificante.
Oltre ad articoli scientifici, Glashow ha scritto una serie di articoli più popolari, una raccolta di racconti, grafici, cartoni animati e poesie sulla fisica ed i fisici. Egli è anche uno dei membri del bordo dei garanti di The Bulletin of the Atomic Scientists. Era il fuoco di un profilo di vasta portato in Atlantic Monthly durante agosto 1984.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…