Passa ai contenuti principali

Biografia di Evangelista Torricelli | Scienziati famosi.

Primi anni di vita: Evangelista Torricelli, un uomo italiano e un fisico dall'occupazione, inizialmente studiato alle scuole dei gesuiti a Faenza, vicino a Ravenna. Lui era così buono come un fisico e un matematico che fu inviato a Roma per ulteriori studi sotto la direzione di Benedetto Castelli. Torricelli è stato introdotto a Galileo da Benedetto Castelli e Torricelli là passava il suo tempo essendo di Galileo assistente e segretaria per un ultimi mesi della vita di Galileo. Dopo Galileo è scomparso nel gennaio 1942, Torricelli è stato offerto una posizione come un matematico di corte e filosofo, vecchia posizione di Galileo, dal Granduca di Toscana. Questa posizione era detenuta da Torricelli fino alla sua morte.

Contributi e realizzazioni:

Torricelli, anche conosciuto come il padre dell'idrodinamica da Ernst Mach, era molto famoso per il suo studio del moto dei fluidi. Ha anche condotto esperimenti di gas anche se il termine non è stato inventato da allora. Questo lo portò ad inventare il barometro a mercurio, più importante delle sue invenzioni. L'invenzione ha avuto luogo conducendo un esperimento sulla pressione dell'aria e vuoto. Allora, la natura del vuoto era un'edizione discutibile. Aristotele, un filosofo greco e scienziato, ritenuto che il vuoto non potrebbe esistere come ha detto, "La natura aborre il vuoto".
D'altra parte, Galileo credeva che potesse esistere vuoto e ha spiegato il meccanismo di aspirazione di una pompa di acqua che era il vuoto che ha prodotto l'azione e non la pressione dell'aria del liquido pompato.
Galileo ha anche sentito che l'aria era senza peso. I dibattenti notato che le pompe di aspirazione, indipendentemente dalla dimensione e potenza, in miniere non poteva sollevare acqua per più di diciotto bracci che è circa 30 piedi o 9 m. Perché l'acqua non ha fluito al massimo se natura davvero aborrito vuoto? Ecco quando Torricelli inventò il barometro mentre spiegava il fenomeno. Barometro è stata una grande invenzione nel campo della fisica dell'atmosfera e il comportamento dei gas. Contribuì anche alla meteorologia suggerendo vento è stato causato da differenze nella densità dell'aria, che è causata dalle variazioni della temperatura di aria e non da 'Esalazioni'.
Per rappresentare il meccanismo della pompa aspirante in un piccolo tubo, ha preso liquidi più pesanti come mercurio ecc invece di acqua pura, acqua di mare e miele. Torricelli utilizzato relativamente più piccoli tubi, che erano sigillati ad una estremità, per condurre l'esperimento con il mercurio. Ha riempito circa un metro di tale tubo con mercurio e sigillato l'estremità aperta con il pollice prima di invertire il tubo. Quindi ha sommerso il tubo nel piatto di mercurio. Il invertendo, il mercurio nel tubo a metà strada è sceso e ha lasciato un vuoto spazio nella parte superiore e una colonna di mercurio nel tubo di bracci di circa uno e un terzo in altezza.
È stata risolta la controversia circa la natura del vuoto quando Torricelli rappresentato l'esperimento in questo modo: il peso dell'aria spingendo verso il basso sul piatto di mercurio impedito di cadere completamente il mercurio nel tubo e il mercurio non è stato tirato da mercurio. Il peso ha potuto mantenere circa trenta pollici di mercurio nel tubo. Torricelli osservato che tali pompe potrebbero causare l'acqua spostare verso l'alto, di evacuare la pressione dell'aria sopra una colonna d'acqua, ma che l'acqua sarebbe salire solo per quanto riguarda la pressione dell'aria qui sotto spinto verso l'alto. L'acqua è venuto ad un arresto quando il peso dell'acqua ha superato la potenza della pressione dell'aria di sotto non importa quanto duramente la pompa ha lavorata. Questo è venuto anche a preavviso di Torricelli che l'altezza del mercurio variava dal passaggio del tempo.
Era a causa di cambiamenti in overtime di pressione di aria che questo è accaduto. Uno scienziato francese Marin Mersenne (1588-1648) visitato Torricelli nel 1644 e prese con sé l'idea del barometro a mercurio al suo amico Blaise Pascal. Pascal ha accettato anche per il fatto che la pressione dell'aria e l'altitudine erano inversamente proporzionale. È stato indicato da Pascal praticamente che la pressione barometrica in effetti ha fatto diminuire come uno asceso una montagna. Questo ha dimostrato che la teoria di Torricelli è stato assolutamente corretto.
Vincenzo Antinori ha disegnato un'analogia pochi anni dopo che l'invenzione di Torricelli del barometro doveva fisica qual è stata l'invenzione del telescopio alla fisica. Torricelli ha anche apportato miglioramenti al telescopio che era uno strumento usato da Galileo per l'astronomia. Torricelli poteva macinare lenti con tale precisione che ha prodotto alcuni dei migliori telescopi.
Torricelli ha contribuito moltissimo nel campo della matematica che è stata un importante contributo nella storia scientifica. Ha lavorato sulle equazioni di curve, solidi e loro rotazioni per riempire le parti mancanti tra la geometria greca e calcolo basato sulle opere Francesco Cavalieri "degli indivisibili. Calcolo è stato dato la sua prima formulazione completa da Isaac Newton e Gottfried Wilhelm Leibniz, insieme con le opere di René Descartes, Pierre de Fermat, Gilles Personne de Roberval e altri.

Vita successiva:

Torricelli portato avanti con la tradizione di avanguardia scientifica italiana, anche se non era buono come il suo vecchio Galileo contemporaneo. La tradizione non durò a lungo dopo la sua morte e dopo la metà del XVII secolo o all'inizio del prossimo secolo, Europa del Nord era diventata il centro del progresso scientifico.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…