Nara antica › Pyongyang antico › Balestre nell'antica guerra cinese » Origini e Storia

Articoli e definizioni › Contenuto

  • Nara antica › origini
  • Pyongyang antico › origini
  • Balestre nell'antica guerra cinese › origini

Civiltà antiche › Luoghi storici e i loro personaggi

Nara antica › origini

Definizione e origini

Autore: Mark Cartwright

clip_image001
Nara, situata a circa 30 km a sud della moderna Kyoto, era la capitale dell'antico Giappone tra il 710 e il 784 d.C. Ha dato il nome al periodo Nara (710-794 DC), anche se il nome durante l'VIII secolo era Heijokyo. Modellato sulla capitale cinese Tang, divenne una città impressionante con un grande palazzo reale, ampi viali e molti templi importanti. Oggi, Nara vanta otto siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO, che lo rendono uno dei posti migliori per sperimentare l'architettura dell'antico Giappone.

UN NUOVO CAPITALE

Nara, o più correttamente Heijokyo o Heijo, come era conosciuto allora, fu fatta la capitale del Giappone nel 710 DC durante il regno dell'imperatrice Gemmei (707-715 d.C.), sebbene la decisione fosse stata dichiarata in un editto reale di 646 CE. La precedente capitale era stata a Fujiwara (alias Fujiwarakyo), a circa 20 km a sud, ma Nara aveva il vantaggio di trovarsi in una posizione più centrale, situata a sud della moderna Kyoto, e aveva l'accesso al fiume al mare tra il Giappone e il Giappone. la terraferma asiatica. Le capitali che cambiano regolarmente fino a quel momento erano state una caratteristica della vita di corte, poiché il palazzo reale e la capitale politica erano sempre la stessa cosa; quando un imperatore morì, il palazzo fu considerato impuro e fu cercato un nuovo luogo. Gli storici successivi diedero il nome della nuova capitale al periodo 710 - 794 CE, anche se per l'ultimo decennio non fu più la città giapponese più importante.

LAYOUT E ARCHITETTURA

Nara è stata costruita sul modello cinese di Chang-an, la capitale Tang e quindi aveva una griglia regolare e ben definita, due metà simmetriche e gli edifici pubblici familiari all'architettura cinese. Una differenza significativa rispetto alle città cinesi era che Nara non aveva mura, anche se aveva due porte simboliche: il Rashomon a sud e il Suzakumon Gate a nord. Gli aristocratici avevano le loro grandi residenze, di solito in stile giapponese (pavimenti in assi di legno, telai di sostegno in legno e tetto di ghiaia o tetto di paglia), e le loro dimensioni strettamente determinate dal rango sociale dei loro proprietari. Con ampie strade e architettura di basso livello, la città avrebbe avuto un'atmosfera molto aperta. Fu costruito un vasto palazzo reale composto da due recinti e la burocrazia statale fu estesa a circa 7.000 dipendenti pubblici. L'imperatore Shomu (724-749 dC) avrebbe reso il complesso del palazzo ancora più grande.
LA POPOLAZIONE TOTALE DI NARA POTREBBE ESSERE STATA ALTA DI 200.000 DALLA FINE DEL SECOLO DI OTTO SECOLO.
Un'università dedicata alla tradizione confuciana fu fondata poco dopo il trasferimento del capitale. Lì, i giovani uomini sono stati addestrati a diventare funzionari della burocrazia statale apprendendo cinese, matematica e classici testi confuciani e i loro principi rilevanti per il governo. Nel 728 CE il curriculum fu ampliato per includere letteratura e diritto cinese.
Oltre agli studenti, ai funzionari governativi e ai membri della corte con i loro domestici, la popolazione della città era gonfiata da un alto numero di stranieri, in particolare dalla Cina e dalla Corea. Forse il 20-30% dei residenti era non giapponese, stabilendosi a Nara dove erano necessarie le loro abilità nella tessitura della seta, nella lavorazione dei metalli, nella costruzione e nelle arti. Pertanto, la popolazione totale di Nara potrebbe essere arrivata a 200.000 entro la fine del periodo e copriva un'area di 5 x 4 km (3.1 x 2.5 miglia), molto più grande del suo predecessore Fujiwara.

DECLINO

La corte imperiale giapponese era assediata da conflitti interni per i favori e le posizioni tra l'aristocrazia e l' imperatore Kammu (781-806 dC) era anche preoccupata per la crescente influenza dei potenti monasteri buddisti intorno alla città.Kammu, quindi, decise di trasferire la capitale a Nagaokakyo nel 784 CE e poi, dopo alcune morti infauste a corte, la trasferì di nuovo a Heiankyo (Kyoto) nel 794 CE. Questo fu l'inizio del periodo Heian che sarebbe durato fino al 12 ° secolo DC, e Heiankyo sarebbe rimasta la capitale del Giappone per i prossimi mille anni. La popolazione di Nara diminuì rapidamente, ma la città sarebbe rimasta un luogo di pellegrinaggio grazie ai suoi splendidi templi, e sebbene abbia sofferto molto male nel primo anno della Guerra di Ginevra (1180-1185 DC), i lavori di restauro furono eseguiti poco dopo. Oggi la città rimane una delle principali attrazioni turistiche del Giappone per i suoi esempi di arte antica e architettura.
clip_image002

Grande Sala del Buddha, Todaiji

PUNTI SALIENTI DELL'ARCHITETTURA

Nara ha molti esempi di architettura giapponese antica (anche se ricostruita), inclusi palazzi, templi, sale, pagode e porte monumentali. Tutti gli otto siti descritti di seguito godono dello status di Sito Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.
Palazzo Heijo
Il Palazzo Heijo fu fondato nel 710 DC e occupava il 5% della superficie totale della capitale. Il recinto fortificato aveva 12 porte e all'interno non c'erano solo le residenze reali e le sale per banchetti, ma anche un gran numero di edifici e uffici governativi. Gli edifici reali erano in stile giapponese con tetti in legno e scandole, mentre quelli del governo avevano il sorprendente legno verniciato rosso e le tegole verdi dell'architettura Tang. Abbandonato quando la capitale si trasferì, il sito fu trascurato e persino utilizzato per la coltivazione del riso, ma gli scavi nella metà del 20 ° secolo CE hanno rivelato alcuni dei precedenti edifici e le loro fondamenta. Oggi, il sito è stato interamente ricostruito in modo che la Sala delle udienze imperiali, il giardino del palazzo orientale e la porta Suzaku offrano ai visitatori uno sguardo intatto sull'architettura reale dell'antica Nara.
Todaiji
Il tempio buddista di Todaiji fu fondato vicino a Nara nel 752 d.C., ad est del palazzo imperiale, da qui il suo nome "Grande tempio orientale". Il sito vantava il più grande edificio in legno del mondo in quel momento e copriva 16 isolati della città. La Great Buddha Hall o Daibutsuden doveva essere grande perché conteneva una statua di bronzo alta 15 metri del Buddha seduto, la più grande statua del mondo e del peso di circa 500 tonnellate. Il Todaiji fu parzialmente distrutto da un incendio durante la Guerra di Genpei (1180-1185 dC) ma fu riportato al suo antico splendore, anche se su scala leggermente più piccola ma ancora con il nuovo Daibutsuden che ospitava l'enorme statua parzialmente restaurata del Buddha e ancora un impressionante 48 metri (157 piedi) di altezza e 57 metri (187 piedi) di lunghezza.
clip_image003

Daibutsuden, Todaiji

Altri edifici a Todaiji includono Nandaimon (Great South Gate), Shoro (Belfry), Nigatsudo (Sala del Secondo Mese), Hokke-do (Sala del Terzo Mese), Shoso-in (Tesoro) e due 100 metri (328 piedi) di altezza pagode, quest'ultima purtroppo distrutta da un terremoto e mai ricostruita. Una grande lanterna ottagonale in bronzo ancora in piedi tra il Daibutsuden e la Porta Chumon risale alla fondazione del tempio.
Kofuku-ji
Il tempio Kofuku-ji, che significa "tempio della felicità", fu fondato nel 669 DC, quando era conosciuto come Yamashina-dera. Il complesso era il quartier generale religioso del potente clan Fujiwara e una volta aveva più di 150 edifici. Distrutto in gran parte dagli incendi alla fine del XII secolo, fu parzialmente ricostruito e beneficiato di un altro programma di ricostruzione nel 1881 d.C. L'attrazione principale è la pagoda a cinque piani che fu costruita per la prima volta nel sito nel 725 CE. Distrutto un numero di volte, la struttura attuale risale al 1426 d.C., costruita con tecniche tradizionali e senza chiodi, è un impressionante 50 metri o 164 piedi di altezza. Altri edifici degni di nota sono la East Main Hall (Tokondo), che fu costruita per la prima volta nell'VIII secolo e la cui reincarnazione attuale risale al 1415 dC, la sala ottagonale nordica, la cui versione attuale risale al 1210 dC mentre l'originale fu costruito nel 721 CE, e la Sala ottagonale meridionale, che fu costruita nell'813 CE con la struttura odierna risalente al 1741 d.C. Questi edifici e un museo nel sito contengono tutti preziosi esempi di antica arte buddista.
Yakushi-ji
Il tempio Yakushi-ji, sede della setta buddista Hosso, fu originariamente fondato nel 680 CE a Fujiwara ma fu trasferito a Nara nel 710 DC. La pagoda orientale a tre piani è originale e raggiunge un'altezza di 33 metri, ma la Pagoda occidentale e altri edifici, tra cui Kondo (Main Hall), Daikodo (Lecture Hall) e Toindo (East Hall), erano tutti ricostruiti nel XX secolo dopo che l'incendio aveva distrutto gli originali nel 1528 DC.
clip_image004

Sala principale, Toshodai-ji

Toshodai-ji
Il Toshodai-ji è un tempio buddista della setta Risshu. Fondato nel 759 CE dal monaco cinese Ganjin, vanta il più grande edificio del periodo di Nara sopravvissuto. Questa è la Main Hall o Kondo che ha una facciata caratteristica di otto colonne di legno. Il sito contiene il tumulo funerario di Ganjin e molte importanti opere d'arte e oggetti sacri - 17 Tesori nazionali e 200 importanti proprietà culturali - che includono reliquie del Buddha portate da Ganjin dalla Cina Tang.
Gango-ji
Il Gango-ji fu fondato nel 593 CE, diventando così il più antico tempio buddista in Giappone. Fu trasferito (edifici inclusi) da Asuka a Nara nel 718 CE. Il complesso aveva sette sale e pagode. Ancora una volta, il fuoco era il grande nemico dell'architettura giapponese, e il tempio fu in gran parte distrutto nel 1451 e nel diciannovesimo secolo. L'attuale Main Hall o Gokurakudo, convertita dai dormitori dei monaci, risalgono al periodo Kamakura (1186-1333 CE). La sala e una piccola pagoda sono entrambi tesori nazionali del Giappone.
Horyuji
Il tempio Horyuji vicino a Nara in Giappone fu fondato nel 607 d.C. dal principe Shotoku ed è l'unico monastero buddista superstite del periodo Asuka nel suo stato originale. Il complesso, composto da 48 edifici storici tra cui una pagoda a cinque piani, ha i più antichi edifici in legno in Giappone.
clip_image005

Porta centrale e pagoda, Tempio Horyuji

Il Main Hall o Kondo (aka Golden Hall) del complesso è un edificio di legno a due piani, e il suo interno è fatto per assomigliare alla visione del paradiso buddista attraverso murales dai colori vivaci su tutte e quattro le pareti. Ci sono 12 pannelli distinti, ognuno dei quali misura 3 x 2,5 metri (10 x 8,5 piedi) e raffigurano scene con il Buddha e bodhisattva. Sfortunatamente, i dipinti murali originali dell'VIII secolo furono distrutti da un incendio nel 1949, ma da allora sono stati restaurati esattamente.Ci sono quattro guardiani celesti (Shiten-no), ognuno in piedi su un demone prostrato, molte sculture buddiste in bronzo e gli oggetti di culto più importanti nel sito, la Triade Shaka del 623 CE del Buddha e due bodhisattva in piedi.
C'è anche una pagoda a cinque piani, il Tesoro o Daihozoden che contiene altri tesori di nota come i ritratti del principe Shotoku, la sala conferenze o Daikodo, un campanile con una base svasata e una campana del periodo Nara (710- 794 CE), e la sala ottagonale del 739 CE dei sogni o Yumedono che è costruita sul sito del palazzo di Shotoku e contiene la statua in legno e oro di Kannon attribuita a Shotoku e il raramente visto "Buddha nascosto" noto come Guze Kannon.
clip_image006

Lanterne di pietra, santuario di Kasuga

Kasuga Taisha
Un altro importante tempio del periodo Nara è la Kasuga Taisha, un santuario shintoista situato in una foresta a est di Nara, che fu fondata ufficialmente nel 768 dC, anche se gli storici preferiscono una data del 710 d.C. Fu fondato dal clan Fujiwara dopo che, come dice la leggenda, apparve una divinità nel luogo in cui cavalca un cervo, il che spiega anche perché i cervi vengono lasciati vagare liberamente nel tempio anche oggi. Il sito include un santuario dedicato all'antenato fondatore del Fujiwara. Il sentiero per il santuario è fiancheggiato da lanterne di pietra donate dai fedeli nel corso dei secoli. Molte di queste 2000 lanterne sono decorate con l'immagine di un cervo. Altre 1.000 lanterne di bronzo si aggirano intorno ai santuari e alle porte del sito. Tutte le lanterne di Kasuga sono illuminate da una spettacolare cerimonia che si tiene ogni febbraio e agosto.
Questo articolo è stato reso possibile con il generoso sostegno della Gran Bretagna Sasakawa Foundation.

Pyongyang antico › origini

Definizione e origini

Autore: Mark Cartwright

clip_image007
Pyongyang era la capitale di diversi successivi antichi regni coreani. Situato sul fiume Daedong (Taedong) nel nord della penisola, il sito è stato scelto dal leggendario Dangun (Tangun), fondatore del primo stato coreano Gojoseon (Gochoson), per essere la sua capitale sulla terra. Pyongyang rimase una città importante nei secoli successivi e servì come capitale dei regni di Wiman Joseon (Wiman Choson) e Goguryeo ( Koguryo ), ed era la capitale occidentale del regno di Goryeo (Kuryo). La città moderna, situata nello stesso sito, è oggi la capitale della Corea del Nord.

FONDAZIONE MITOLOGICA - IL CAPITALE DI DANGUN

Secondo la mitologia coreana, come riportato nel Sam Samukuk yusa del 13 ° secolo ("Memorabilia dei Tre Regni"), il sito di ciò che sarebbe diventato Pyongyang fu scelto dal leggendario fondatore della Corea, Dangun Wanggeom (o Tangun), per servire come suo capitale sulla terra. A Dangun viene attribuito il merito di aver creato il primo stato coreano, Gojoseon (Gochoson o Old Choson), che governò la Corea del Nord nella seconda metà del primo millennio aC. La tradizionale data di fondazione del 2333 aEV non ha prove archeologiche a sostegno, tuttavia, e gli storici preferiscono una data più vicina al VII secolo aEV.
Il mito della nascita di Dangun - nato dall'unione del dio Hwanung e un orso femmina - può simboleggiare l'arrivo della cultura dell'Età del Bronzo in Corea quando il metallo fu portato dalla Manciuria durante il secondo millennio aC. L'inclusione di un orso nel mito può fare riferimento alle credenze sciamaniche e ai totem animali delle tribù nomadi che migrarono dall'interno asiatico in questo periodo e si stabilirono nella penisola coreana. La prova che il mito porta ancora una risonanza politica è vista nella dichiarazione della Corea del Nord (non supportata da studiosi di tutto il mondo) di aver effettivamente scoperto la tomba di questa leggendaria figura vicino a Pyongyang nel 1993 CE e quindi considerarsi la vera casa ed erede del primo eroe culturale della Corea.
PYONGYANG ERA LA CITTÀ CAPITALE DEI SUCCESSI REGNO COREO DEL NORD E IL CAPITALE OCCIDENTALE DI GORYEO.

CAPITALE DEL GOJOSEON

Secondo alcuni storici, lo stato di Gojoseon si formò dall'alleanza di piccole città fortificate attorno ai bacini dei fiumi Daedong e Liao, forse dal VII secolo aEV e più certamente dal IV secolo aEV. Un primo riferimento allo stato di Gojoseon si trova nel c.100 BCE testo Record del GrandHistorian scritto dallo storico cinese Sima Qian. Qian menziona che Gojoseon esisteva nel 190 AC. Tuttavia, l'unica data incontestata per l'esistenza di uno stato con il nome di Choson / Gojoseon è 109 AC e gli storici continuano a discutere se sia possibile descrivere Gojoseon come uno stato proprio, quando esisteva esattamente, dov'era il suo capitale, e quali erano i territori esatti sotto il suo controllo. La posizione della capitale è stata a lungo considerata vicina a Pyongyang, ma ci sono anche prove che potrebbe essere stato più a nord in Manciuria.
clip_image008

Mappa degli Stati coreani nel 108 aEV

Gojoseon prosperò agendo come intermediario per il commercio tra la Cina e gli stati meridionali della Corea, ma alla fine fu indebolito dagli attacchi del vicino stato di Yan. C. 300 aC, e un lungo declino si stabilì in modo tale che quando Gojoseon alla fine crollò nel II secolo aEV i suoi territori furono rilevati da Wiman Joseon.

CAPITALE DI WIMAN JOSEON

Wiman Joseon era guidato da Weiman, un rifugiato cinese (anche se forse di origine coreana) che aveva prima abbandonato lo stato di Yan. A lui e ai suoi mille seguaci fu dato il compito di proteggere i confini nord-occidentali di Gojoseon dal re Chun, ma Weiman, o Wiman in coreano, colse l'occasione per prendere il controllo di parte del paese stesso tra il 194 e il 180 aC e dichiarò lui stesso re. Pyongyang era la sua capitale, allora conosciuta come Wanggomseong. Wiman Joseon non durò a lungo, e nel 108 CE fu conquistato dalla dinastia Han della Cina (206 BCE - 220 CE) e la capitale catturata. L'imperatore Wu (141-87 aEV) divise la Corea del Nord in quattro comandate amministrate direttamente dal governo centrale di Han.Pyongyang fu ribattezzata Tosongni e divenne la capitale della commenda di Lelang (Nangnang in coreano). I cinesi avrebbero mantenuto il controllo di questa parte della penisola per i successivi quattro secoli.

CAPITALE DI GOGURYEO

Durante il periodo dei Tre Regni (I secolo aEV - VII secolo dC) gli stati di Silla, Baekje ( Paekche ), Goguryeo e Gaya ( Kaya ) gareggiavano tra loro per il controllo della Corea. Questo continuo conflitto di attacchi, contrattacchi e alleanze in continuo cambiamento ha portato il re Baekje Kunchogo ad attaccare Pyongyang e uccidere il re Gogugwon (331-371 CE) nel 371 CE. Tuttavia, verso la fine del IV secolo EV, Goguryeo aveva stretto un'alleanza con la vicina Silla contro Baekje, permettendo una certa, seppur breve, stabilità nella regione. A partire dal regno di Gwanggaeto il Grande (391-413 dC), la stella di Goguryeo iniziò a salire e Pyongyang beneficò di un programma di ricostruzione che comprendeva nove nuovi templi buddisti. Poi, durante il lungo regno del suo successore, re Changsu (413-491 DC), Pyongyang sostituì la città montana di Kungnaesong come capitale dello stato nel 427 EV. La nuova capitale, situata su un'ampia pianura, era un sito molto migliore per una metropoli in espansione che sarebbe diventata il fiorente centro culturale di Goguryeo, una delle sue manifestazioni fu l'istituzione della Susowon o dell'Accademia di libri e dischi che vantava decine di migliaia di volumi.
In questo periodo sappiamo che Pyongyang aveva edifici molto grandi che misuravano fino a 80 x 30 m, e ci sono resti di palazzi con giardini che avevano colline artificiali e laghi. Gli edifici erano decorati con tegole impressionate che trasportavano fiori di loto e disegni di maschere demoniache si trovano in abbondanza nei siti archeologici. Ci sono anche resti di una fortezza di questo periodo.
clip_image009

Tre regni della Corea

Il regno di Silla, sebbene molto più piccolo, cercò saggiamente un'alleanza con il loro potente vicino Cina per sconfiggere i loro rivali coreani. In primo luogo, i Sui furono persuasi a inviare un massiccio esercito per assediare Pyongyang nel 612 CE. La città era in piedi veloce e, nel convincere i cinesi a pensare che Goguryeo si stesse accontentando di condizioni di pace, l'esercito Sui in ritirata fu schiacciato dal generale Eulji Mundeok. Il Sui avrebbe attaccato altre due volte senza successo, ma le risorse di Goguryeo si stavano estendendo al limite.
Imperterrito dalla capacità di recupero di Goguryeo di attaccare, il regno di Silla, 50 anni dopo, si avvalse dell'aiuto della nuova dinastia Tang. I Tangs erano desiderosi di giocare questi stati problematici l'uno contro l'altro e quindi hanno dato sostegno a SilIa con il piano di conquistare l'intera penisola una volta che gli altri stati erano stati sconfitti. Di conseguenza, nel 661 EV, un esercito di Tang assediava Pyongyang, che a quel tempo era indebolito da una lotta di potere interna per il trono. I Tangs furono costretti a ritirarsi, ma quando attaccarono di nuovo nel 667 CE, la città, anche se resistette per un anno, alla fine cadde. Nel 668 CE il re Goguryeo Pojang (642-668 DC) fu rimosso in Cina insieme a 200.000 dei suoi sudditi in un programma di reinsediamento forzato e Goguryeo divenne una provincia cinese. I Tangs stabilirono il loro protettorato generale per pacificare l'est a Pyongyang.

CAPITALE OCCIDENTALE DI GORYEO

Come si è scoperto il regno di Silla riuscì a resistere alle ambizioni territoriali Tang in Corea e, costringendo i cinesi fuori dai vecchi territori di Goguryeo, stabilirono il controllo della penisola, creando il regno di Unified Silla nel 668 CE. Pyongyang è stato, ancora una volta, portato sotto il dominio coreano. I re e le regine di Silla regnarono fino al 935 DC quando i vecchi regni, rianimati dalle fazioni ribelli, ne provocarono la caduta. Alla fine, un regno sorse sopra tutti gli altri - la dinastia Goryeo(918-1392 CE). Il primo re, Wang Geon ( Wang Kon ), a cui fu dato il titolo postumo di Taejo di Goryeo, scelse la città settentrionale di Songdo / Songdak (moderna Kaesong) come la sua nuova capitale che desiderava rianimare e rivendicare l'associazione con patrimonio culturale dell'antico regno di Goguryeo.
clip_image010

Mappa dell'impero Goryeo (11 ° secolo CE)

Pyongyang rimase importante ed è stata scelta come capitale occidentale perché era la prima capitale tradizionale di Dangun e il popolo coreano, era strategicamente importante per proteggere i confini settentrionali contro le tribù di Khitan (Qidan), e ha incontrato i requisiti di Taejo secondo cui un capitale si trova ai principi del pungsu (feng shui) e così beneficiano delle forze vitali di caratteristiche naturali vicine come fiumi e montagne. Alla sua morte, Taejo lasciò dieci Inenzioni per i suoi successori e il punto cinque specificò specificamente l'importanza di Pyongyang per il benessere di Goryeo. Il re Cheongjeong (945-949 dC) aveva addirittura progettato di far diventare Pyongyang la capitale per ridurre l'influenza delle fazioni aristocratiche a Kaesong e iniziò un programma di ricostruzione preparatoria, ma la sua morte precoce pose fine alla mossa. Tuttavia, Pyongyang continuò a mantenere la posizione della seconda città più importante, come è illustrato dalla costruzione di un nuovo palazzo reale nel 1129 CE.

STORIA TARDI

Quando il regime di Goryeo fu sfidato dalla ribellione di Myochong nel 1135 CE, i ribelli stabilirono il loro quartier generale a Pyongyang e lo rivendicarono come la loro capitale. La ribellione fu schiacciata dal grande generale Goryeo Kim Pusik, ma da allora in poi, Pyongyang soffrì di una reputazione come pericoloso luogo di ribellione e di conseguente trascuratezza politica e culturale da parte dell'amministrazione centrale. Un secolo dopo i mongoli invasero la Corea e occuparono la città nel 1232 DC. Questo modello sarebbe continuato nel corso dei secoli con l'occupazione dei ribelli cinesi conosciuti come i Turbanti rossi nel 1359 CE, i giapponesi nel 1593 CE, i Manciuri nel 1627 CE ei giapponesi ancora nel 1895 CE. La città sopravvisse a tutte queste battute d'arresto e, a metà del 20 ° secolo, CE divenne la capitale della Repubblica Popolare Democratica di Corea (alias la Corea del Nord).
[BKS]

Balestre nell'antica guerra cinese › origini

Civiltà antiche

Autore: Mark Cartwright

La balestra fu introdotta nella guerra cinese durante il periodo degli Stati Combattenti (481-221 aEV). Sviluppandosi nel corso dei secoli in un'arma più potente e accurata, la balestra arrivò anche in versioni abbastanza leggere da essere sparate con una mano, alcune potevano sparare più frecce, e lì si sviluppò un modello di artiglieria più pesante che poteva essere montato su una base girevole e mobile. La balestra era un fattore importante nel successo degli stati cinesi contro gli eserciti stranieri e nello stabilire il predominio degli imperi Han e Sung, in particolare.

DESIGN & USO

La balestra cinese ( nu ) con la sua prua orizzontale e il corto ceppo di legno ha sparato frecce singole o multiple a testa di bronzo. Le frecce avevano aste di legno e palette di piume, di legno o di carta per la stabilità nella loro traiettoria. Le prime teste di freccia avevano due lame, ma queste si sono sviluppate nel tempo e tre lame sono diventate la norma, facendo corrispondere il numero di pale e aumentando la precisione del volo. Il grilletto e il meccanismo di sparo erano fatti di metallo, di solito di bronzo.
clip_image011

Qin Dynasty Crossbow

Per impostare la balestra per sparare era inizialmente necessario che il tiratore piazzasse l'arma verticalmente e la tenesse sotto i piedi mentre la corda veniva tirata indietro. Alla fine, fu inventato un dispositivo con gancio per cintura che permise al tiratore di ritrarre il cavo mentre era ancora montato sul suo cavallo. C'erano tipi più piccoli che potevano essere sparati usando una sola mano - anche in grado di sparare due frecce contemporaneamente - e versioni molto più pesanti che erano usate come armi dell'artiglieria. Le prime balestre potevano solo lanciare una freccia a circa 600 passi ed erano lente da ricaricare, limitando il loro uso efficace alla difesa e alla guerra d' assedio. Con le modifiche apportate al design, sono migliorate e potrebbero quindi sparare molto più di un arciere montato.

SVILUPPO STORICO

Tradizionalmente, la balestra cinese fu inventata per la prima volta da Ch'in Shih dello stato Chu nel VI secolo aC. I primi esemplari fatti solo di legno sarebbero scomparsi da tempo dal repertorio archeologico, ma il primo uso registrato di balestre nella guerra cinese è alla 341 aC Battaglia di Ma Ling tra gli stati Qi e Wei. Il leader del Qi, Sun Pin, li ha messi a frutto e ha sbaragliato il nemico. Gli eserciti della Dinastia Zhou Orientale (771-256 AC) erano particolarmente famosi per le loro unità d'élite armate di balestre. Addestrati per sette anni e indossando l'armatura, si diceva fossero in grado di marciare per 160 km (100 miglia) senza sosta. Divenne una credenza generale nei trattati militari del periodo in cui un buon balestriere valeva 100 soldati di fanteria. Il trattato del VI-III secolo aE i sei insegnamenti segreti di T'ai Kung nota che le proporzioni di un esercito ideale dovrebbero essere di 10.000 fanti, 6.000 balestrieri, 2.000 uomini con alabarde e scudi e altri 2.000 con lance e scudi.
UN CORPO DI BALESTRA TRA BENE ERA PIÙ DI UN CAPITALE DI VEDERE UNA CARICA DI CAVALLERIA.
La dinastia Han (206 BCE - 220 CE) usò la balestra con un tale effetto che fu in gran parte accreditata come la ragione per il predominio di tale stato. Un corpo di balestra ben addestrato era più che capace di scacciare una carica di cavalleria o incorrere in perdite devastanti se sparava come unità nel fianco della fanteria nemica durante un'imboscata. Catturare le truppe nemiche in un fuoco incrociato dividendo i propri balestrieri in due gruppi è stata un'altra tattica di grande successo.L'Han usava sia le balestre leggere che quelle pesanti. I balestrieri potevano essere montati in truppe quando potevano anche armarsi di alabarda. Esistono anche prove del fatto che esisteva una versione ridotta dell'arma che poteva essere sparata usando una sola mano. C'è una storia che nel 203 aC Hsiang Yu riuscì a nascondere una balestra e ad accenderla e ferire il futuro imperatore Kao-ti, suggerendo che armi così piccole non erano rare.
Che l'arma sia stata usata per la prima volta dall'elemento più ricco della società cinese è indicata da alcuni dei pezzi di metallo sopravvissuti che sono spesso elaborati con complicazioni, a volte persino con intarsi in oro o argento. Tuttavia, dalla dinastia Han, la scala di produzione era notevolmente aumentata. Un inventario dell'arsenale della città di Han di Luoyangnel 13 aEV rivela che vi erano 11.181 balestre e 34.625 frecce lì.
clip_image012

Warring States Crossbow Trigger

Durante la dinastia Tang (618-907 DC) la balestra, sebbene ancora usata da piccole unità che proteggevano i fianchi della fanteria, divenne meno popolare e l'arco composito sembra essere stato l'arma preferita, come lo storico CJPeers qui commenta:
Uno scrittore dell'undicesimo secolo osserva che i T'ang avevano così poca fiducia nella balestra che equipaggiavano i loro utenti con alabarde per autodifesa. Quindi tendevano a cedere alla tentazione di buttare giù le loro balestre e caricare, così che gli altri uomini dovevano essere inviati per seguirli e raccogliere le armi scartate. Una fonte dà il rapporto tra gli archi e le balestre nell'armata ideale come cinque a uno. (118)
Con la dinastia Sung (960-1279 CE), le armi fecero un altro passo in avanti nella progettazione con un direttore delle armi del 1073 CE, incaricato di supervisionare la loro produzione. Il periodo vide l'arrivo della balestra ripetitiva che era in grado di sparare un fulmine ogni due secondi, anche se con una precisione ridotta. Altri miglioramenti del design includevano una maggiore potenza di fuoco, l'aggiunta di mirini per aumentare la precisione e staffe per aiutare a armare l'arma. La costante importanza della balestra per la guerra è illustrata nella seguente citazione del 1044 CE Wu Ching Tsung Yao che afferma che la balestra è "l'arma più potente della Cina e ciò che i quattro tipi di barbari temono di più" (Peers, 130). Segue poi una descrizione del suo uso, affermando che i guerrieri spararono da dietro i loro scudi e poi si spostarono dietro le linee di fanteria in modo che fossero protetti mentre ricaricando le loro armi. Un'unità di balestrieri potrebbe anche avanzare in una formazione circolare che ha permesso loro di ruotare il loro fuoco e proteggere i loro colleghi mentre ricaricarono.

BALESTRA DI ARTIGLIERIA

È stato sviluppato un tipo di balestra più pesante e più grande che potrebbe essere utilizzato come arma di artiglieria. Oltre a sparare spari singoli o multipli da posizioni fisse, tali balestre potevano essere montate su carri e carri per spostarli rapidamente dove erano più necessari sul campo di battaglia. Durante il periodo degli Stati Combattenti era frequente la guerra d'assedio, con città ben fortificate protette da alte mura e torri. Balestre montate con pulegge e salpancora per tirare indietro la corda, così, divenne un'utile arma difensiva.
BALCONE MONTATO CON PULEGGE E SALPA ANCORA PER DISEGNARE IL CAVO DIVENTARE UN'ARMA DIFENSIVA UTILE.
L'esercito Han impiegava una balestra pesante che richiedeva 159 kg (350 lb.) per il gallo. Erano montati su una base girevole e quegli uomini abbastanza forti per lavorarli erano noti come chang chang. Il Sung usava anche le balestre di artiglieria con montanti fissi e argani, ma questi non erano comuni come i bastoni di pietra a braccio singolo che venivano impiegati a centinaia in singole battaglie e assedi.

IMPATTO SULLA GUERRA

La balestra era un'arma tecnica che richiedeva know-how sia per la sua costruzione che per l'uso effettivo, due fattori che davano agli stati cinesi un netto vantaggio rispetto ai loro vicini meno sviluppati. Poi, quando gli stati si combattevano, l'arma sarebbe stata particolarmente efficace contro i carri dell'avversario che si muovevano lentamente su terreni sfavorevoli e protetti solo da rivestimenti in pelle. Una lettera ufficiale che descrive una vittoria nota che "ovunque le frecce della balestra arrivavano, le tracce dei carri erano caotiche e gli stendardi erano sparpagliati" (in Di Cosmo, 163). Questo potrebbe essere stato un fattore nella morte del carro nella guerra cinese a partire dal periodo mid-Han (altri furono l'arrivo della cavalleria e delle forze di fanteria più armate, più mobili).
Man mano che l'arma diventava più comune, gli eserciti iniziarono a equipaggiarsi con armature e elmi migliori come conseguenza della migliore potenza di penetrazione della balestra rispetto all'arco. Le strisce di metallo (bronzo e poi, più tardi in ferro) o in pelle erano legate insieme a corde e caschi modellati in metallo in modo da offrire una migliore protezione, anche se, a distanza ravvicinata, non c'era molto che potesse fermare un balestra ben mirato.
Anche la balestra ha reso l'uccisione un po 'meno personale. Il periodo Sung, ad esempio, vide la specializzazione dei balestrieri con l'uso di cecchini che miravano a specifici bersagli a lungo raggio. Un successo è registrato alla battaglia 1004 CE di Shan-chou in cui il generale Hsiao T'a-lin è stato colpito da una freccia lanciata da lontano. L'aumento del raggio di tiro conferito alla balestra significava che un esercito poteva attaccare il nemico nonostante gli ostacoli naturali che avrebbero finora bloccato un ingaggio, consentendo di nuovo la guerra a una distanza più sicura. Come il tattico militare T'ai Kung annota nei suoi Sei insegnamenti segreti : "Forti balestre e armi lunghe sono il mezzo con cui combattere attraverso l'acqua" (Sawyer, 1993, 70). La balestra era un'arma così efficiente che, nonostante i nuovi sviluppi come i bastoni di pietra e i cannoni a polvere da sparo, sarebbe rimasta una caratteristica della guerra cinese fino al XIX secolo.

Licenza

Articolo basato su informazioni ottenute da queste fonti:
con il permesso dal sito web Ancient History Encyclopedia
Il contenuto è disponibile sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported.Licenza CC-BY-NC-SA