Passa ai contenuti principali

Le pietre sacre Mani dei buddisti | Sorprendente mondo.

Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.
C'è un particolare mantra sanscrito di sei sillabe o un inno che è molto sacro tra buddista. È recitato come om ronzio del padme di mani, che traduce liberamente per «Ecco! Il gioiello nel loto", un'invocazione al bodhisattva quattro braccia (un essere illuminato) Avalokiteshvara, che incarna la compassione di tutti i Buddha. Ma il suo vero significato va ben oltre quello. Il mantra non può essere tradotta in una semplice frase o anche un paio di frasi perché contiene l'essenza dell'intero insegnamento del Buddha. Recitazione di questo mantra insieme branelli di preghiera è dunque e ragionevolmente, la pratica religiosa più popolare nel buddismo tibetano come si è creduto che così facendo può portare alla liberazione ed eventuale buddhità. mani-stone-15
Pietre dipinte o scolpite con il mantra sacro buddista sono disseminate ovunque in Tibet e Nepal. Photo credit
In Tibet, questo mantra si trova dappertutto — sulle bandiere di preghiera e rotelle di preghiera, stampati su rotoli di carta e scolpito su pannelli architettonici. Si trovano anche incise o dipinte su rocce e pietre nell'alfabeto tibetano elegante e talvolta in colori vivaci. Pietre di mani, o pietre gioiello, come vengono chiamati, punteggiano l'intero paesaggio tibetano. Essi sono collocati vicino ai monasteri, al lato di villaggi, ai bordi delle strade, lungo i fiumi e lungo le pareti lunghe. A volte pietre Mani sono disposti insieme a cumuli di forma o cairns, soprattutto in occasione dei vertici di passi di montagna o all'ingresso di insediamenti come offerta. Enormi gruppi di loro possono essere trovati insieme, tutti con lo stesso mantra ripetuto più e più volte.
Intaglio Mani pietre è considerato una forma di meditazione. I monaci fanno loro e così fanno gli abitanti locali e aggiungere loro di tumuli che crescono più grande e più grande come il tempo passa. Il tumulo di pietra di Mani Jiana nel villaggio di Xinzhai, di Yushu Prefettura autonoma tibetana in Cina è cresciuto appena come quello. Il tumulo è 300 metri di lunghezza, 80 metri di larghezza e 4 metri di altezza e si stima che contenga pietre oltre 2 miliardi di Mani, ammucchiate da pii credenti per un periodo di 200 anni. È più grande tumulo di pietra di Mani del mondo.
Pietre di mani possono essere visto nei paesi vicini del Nepal e Bhutan pure, dove il buddismo è anche ampiamente praticata. Grandi esempi di pietre Mani simile a tavole incise dai lati delle formazioni rocciose sono in posizioni in tutte le aree nepalesi dell'Himalaya. Si trovano anche pietre mani attorno ai monasteri in India, il vero luogo di origine del mantra dove è stata trasmessa oralmente attraverso molte generazioni. Non è noto quando il mantra è entrato in uso, ma le prime menzioni registrate di esso si è verificato nel tardo 10 ° e 11 primi secoli nel Karandavyuha Sutra, che a sua volta è stato compilato alla fine del IV secolo da una fonte ancora precedente.
mani-stone-11
Crediti fotografici
mani-stone-10
Mani pietre in Nepal. Photo credit
mani-stone-12
Mani pietre in Nepal. Photo credit
mani-stone-14
Mani pietre in Ladakh, India. Photo credit
mani-stone-4
Muro di mani nel monastero di Diskit, India. Photo credit
mani-stone-5
Mani pietre in Ladakh, India. Photo credit
mani-stone-6
Mani pietre in Ladakh, India. Photo credit
mani-stone-7
Pietra di mani Kutsapternga Gompa in Dumpha, Nepal. Photo credit
mani-stone-9
Crediti fotografici
mani-stone-2
Il tumulo di pietra di Jiana Mani nel villaggio di Xinzhai, Cina. Photo credit
mani-stone-3
Il tumulo di pietra di Jiana Mani nel villaggio di Xinzhai, Cina. Photo credit
Fonti: Dharma Haven / Babel pietra / Wikipedia / Cina Tibet Online
Tradotto dal sito Web: Amusing Planet per scopi didattici.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…