Mitologia egizia antica › Religione dell'antico Egitto › La teoria del cavallo-cavaliere nell'antico Giappone » Origini e Storia

Articoli e definizioni › Contenuto

  • Mitologia egizia antica › origini
  • Religione dell'antico Egitto › origini
  • La teoria del cavallo-cavaliere nell'antico Giappone › origini

Civiltà antiche › Luoghi storici e i loro personaggi

Mitologia egizia antica › origini

Definizione e origini

Autore: Joshua J. Mark

clip_image001
La mitologia egiziana era la struttura di credenze e la forma sottostante della cultura egizia antica almeno da c. 4000 aC (come testimoniano le pratiche di sepoltura e le pitture tombali ) al 30 dC con la morte di Cleopatra VII, l'ultimo dei sovrani tolemaici dell'Egitto. Ogni aspetto della vita nell'antico Egitto era informato dalle storie che riguardavano la creazione del mondo e il sostegno di quel mondo da parte degli dei.
Le credenze religiose egiziane influenzarono le altre culture attraverso la trasmissione attraverso il commercio e divennero particolarmente diffuse dopo l'apertura della Via della seta nel 130 AC, in quanto la città portuale egiziana di Alessandria era un importante centro commerciale. Il significato della mitologia egiziana per altre culture era nel suo sviluppo del concetto di una vita eterna dopo la morte, divinità benevoli e reincarnazione. Si dice che sia Pitagora che Platone siano stati influenzati dalle credenze egiziane nella reincarnazione e dalla cultura religiosa romana presa in prestito estensivamente dall'Egitto come da altre civiltà.
L'esistenza umana era compresa dagli egiziani solo come un piccolo segmento di un eterno viaggio presieduto e orchestrato da forze soprannaturali nelle forme delle molte divinità che comprendevano il pantheon egiziano. Secondo lo storico Bunson,
Heh, chiamato Huh in alcune epoche, fu uno degli dei originali dell'Ogdoad [le otto divinità venerate durante l' Antico Regno, 2575-2134 AC] a Hermopolis e rappresentò l'eternità - l'obiettivo e il destino di tutta la vita umana nelle credenze religiose egiziane, uno stadio dell'esistenza in cui i mortali potrebbero raggiungere la felicità eterna (86).
La vita terrena di uno non era, tuttavia, semplicemente un prologo di qualcosa di più grande, ma faceva parte dell'intero viaggio. Il concetto egiziano di un aldilà era un mondo-specchio della propria vita sulla terra (in particolare, la propria vita in Egitto) e bisognava vivere bene quella vita se si sperava di godersi il resto del proprio eterno viaggio.

LA CREAZIONE DEL MONDO

Agli Egiziani, il viaggio è iniziato con la creazione del mondo e dell'universo dall'oscurità e dal caos vorticoso. Una volta non c'era nient'altro che un'acqua scura senza una forma o uno scopo. Esistendo in questo vuoto c'era Heka (dio della magia) che aspettava il momento della creazione. Da questo silenzio acquoso (`Nu ') salì la collina primordiale, conosciuta come Ben-Ben, sulla quale sorgeva il grande dio Atum (o, in alcune versioni del mito, Ptah). Atum osservò il nulla e riconobbe la sua solitudine e così, attraverso l'azione della magia, si accoppiò con la propria ombra per dare alla luce due figli, Shu (dio dell'aria, che Atum sputò) e Tefnut (dea dell'umidità, che Atum vomitato). Shu ha dato ai primi tempi i principi della vita mentre Tefnut ha contribuito ai principi dell'ordine.
Lasciando il padre sul Ben-Ben, hanno deciso di stabilire il mondo. Col tempo, Atum si preoccupò perché i suoi figli erano spariti così a lungo e così toglieva gli occhi e li mandava in cerca di loro. Mentre il suo occhio era sparito, Atum sedeva da solo sulla collina in mezzo al caos e contemplava l'eternità. Shu e Tefnut tornarono con l'occhio di Atum (in seguito associato all'occhio di Udjat, l'Occhio di Ra o l'Occhio che vede tutto) e il loro padre, grato per il loro ritorno sicuro, versò lacrime di gioia.Queste lacrime, cadendo sulla terra oscura e fertile del Ben-Ben, hanno dato alla luce uomini e donne.
clip_image002

Isis

Queste prime creature non avevano nessun posto dove vivere, comunque, e così Shu e Tefnut si sono accoppiati e hanno dato alla luce Geb (la terra) e Nut (il cielo). Geb e Nut, sebbene fratello e sorella, si innamorarono profondamente e furono inseparabili. Atum trovò il loro comportamento inaccettabile e spinse Nut lontano da Geb, in alto nei cieli. I due amanti erano per sempre in grado di vedersi ma non erano più in grado di toccarli. Nut era già incinta di Geb, tuttavia, e alla fine diede alla luce Osiris, Isis, Set, Nephthys e Horus - le cinque divinità egizie più spesso riconosciute come le rappresentazioni più antiche o, perlomeno, più familiari delle più antiche figure di Dio. Osiride si è mostrato un dio premuroso e giudizioso e gli è stato dato il dominio del mondo da Atum che poi è andato a occuparsi dei suoi affari.

OSIRIDE E SET

Osiride amministrò il mondo in modo efficiente, co-governando con sua sorella Iside, e decise dove gli alberi sarebbero meglio cresciuti e l'acqua scorreva più dolcemente. Ha creato la terra d'Egitto alla perfezione con il fiume Nilo, provvedendo ai bisogni della gente.
clip_image003

Caccia egiziana nelle paludi

In tutte le cose, ha agito in conformità con il principio di Ma'at (armonia) e onorato il padre e i fratelli mantenendo tutte le cose in equilibrio armonioso. Suo fratello Set divenne invidioso della creazione, tuttavia, e anche del potere e della gloria di Osiride.Aveva le misure esatte di suo fratello prese in segreto e poi ordinò un elaborato scrigno creato apposta per quelle specifiche.Quando la cassa fu completata, Set lanciò un grande banchetto a cui invitò Osiride e altri settantadue. Alla fine della festa offrì il grande baule come regalo a chi poteva adattarsi al meglio al suo interno. Osiride, naturalmente, si adattava perfettamente e, una volta dentro la bara, Set sbatté forte il coperchio e lo gettò nel fiume Nilo. Quindi disse a tutti che Osiride era morto e assunse il dominio del mondo.
Iside si rifiutò di credere che suo marito fosse morto e andò a cercarlo, trovando finalmente la bara dentro un albero a Byblos. La gente della terra fu felice di aiutarla a recuperare la bara dall'albero e, per questo, Iside li benedisse (poiché in seguito divennero i principali esportatori di papiri in Egitto, si pensa che questo dettaglio sia stato aggiunto da uno scriba per onorare il città che era così importante per il mestiere dello scrittore). Riportò il corpo in Egitto e iniziò a raccogliere le erbe e preparare le pozioni che avrebbero riportato in vita Osiride; lasciando sua sorella Nephthys a sorvegliare il luogo in cui aveva nascosto il corpo.
Durante questo periodo, Set cominciò a temere che Iside potesse localizzare il corpo di Osiride e trovare un modo per riportarlo in vita, dato che era molto potente e ben informata su questi argomenti. Dopo averla scoperta, chiese a Nephthys dove si trovava e, quando la dea rispose, capì che stava mentendo. Fu in grado di scappare da lei dove il corpo di Osiride era nascosto e vi si recò, strappando la bara e tagliando il corpo in quarantadue pezzi (anche se alcune fonti ne rivendica solo quattordici). Quindi gettò i frammenti di Osiride in tutto il paese d'Egitto in modo che Iside non sarebbe mai stato in grado di trovarli e, così facendo, tornò al suo palazzo per governare.
Quando Iside tornò e trovò la bara distrutta e il corpo scomparso, cadde in ginocchio per la disperazione e pianse. Nefti, sentendosi in colpa per aver tradito il suo segreto, disse a Isis cosa era successo e si offrì di aiutarla a trovare le parti di Osiride. Le due sorelle iniziarono quindi a cercare la terra per le parti di Osiride. Ovunque trovassero una parte del corpo, la seppellivano sul posto e costruivano un santuario per proteggerlo da Set. In questo modo le quarantadue province dell'Egitto furono stabilite dalle due dee.
Alla fine hanno assemblato tutto il corpo tranne il pene, che era stato mangiato da un pesce. Iside quindi creò una parte sostitutiva del fallo e si accoppiò con suo marito, rimanendo incinta di suo figlio Horus. Osiride era stato riportato in vita con successo da Iside ma, poiché era incompleto, non poteva governare il mondo come prima. Scese invece negli inferi per diventare il giusto giudice e sovrano della terra dei morti.
clip_image004

Horus

Horus (a volte conosciuto come Horus il Giovane per differenziarsi da Horus, il fratello di Osiris) fu allevato in segreto per proteggerlo da Set e, essendo cresciuto fino all'età adulta, sfidò suo zio per il dominio dell'antico regno di suo padre. La battaglia imperversò per ottanta anni finché Horus sconfisse Set e lo bandì dall'Egitto per dimorare negli aridi deserti (anche se ci sono molte varianti di questa storia e, in alcuni, Horus e Set acconsentono a dividere il regno e, in altri, Set è distrutto).Horus regnò poi con sua madre Iside e zia Nephthys mentre i suoi consiglieri e l'armonia venivano di nuovo riportati sulla terra.

L'IMPORTANZA DI MAAT

Sebbene ci siano molte versioni differenti di questo mito, l'unico elemento che rimane standard in tutti è il concetto di armonia che viene sconvolto e deve essere ripristinato. Il principio di Ma'at era al centro di tutta la mitologia egiziana e ogni mito, in una forma o nell'altra, si basa su questo valore per informarlo. Lo storico Jill Kamil scrive: "Lo storytelling ha giocato un ruolo importante nella vita degli antichi egizi. Le opere degli dei e dei re non furono scritte in tempi antichi e trovarono la loro strada solo nella tradizione orale nella letteratura di una data successiva "(Nardo, 52). È interessante notare che, indipendentemente dall'epoca in cui i racconti sono stati composti per la prima volta, il principio di equilibrio armonioso, di ma'at, è al centro di tutti.
Il respingimento di Apep [ Apophis ], la malvagia creatura simile a un drago che si nascondeva all'orizzonte, era un racconto popolare. Ogni sera, al tramonto, cercava di fermare il passaggio del sole al tramonto attraverso gli inferi. Se il cielo era chiaro, indicava un passaggio facile; un tramonto rosso sangue mostrò una battaglia disperata tra le forze del bene e del male; ma il sole era il vincitore e c'era sempre una nuova alba. [Gli egiziani] raccontavano di come la vegetazione che moriva con il raccolto fosse rinata quando il grano germogliava, proprio come il dio del sole "moriva" ogni sera e rinacque il mattino successivo (Nardo, 53-54).
Tutto nell'universo era pensato per essere mantenuto in un equilibrio costante senza un capolinea e, poiché gli esseri umani erano parte di quell'universo, anche loro partecipavano a questo equilibrio eterno. Ma'at fu reso possibile dalla forza sottostante che esisteva prima della creazione e rese possibili tutti gli aspetti della vita: heka. Heka era il potere magico che consentiva alle divinità di adempiere ai loro doveri e sosteneva tutta la vita ed era personificato nel dio Heka che permetteva anche che l'anima passasse dall'esistenza terrena all'aldilà.
clip_image005

Shabti Dolls

Quando l'anima lasciò il corpo alla morte, si pensò che comparisse nella Sala della Verità per opporsi a Osiride per il giudizio.Il cuore del defunto era pesato su una scala d'oro contro la piuma bianca di Ma'at. Se il cuore è risultato essere più leggero della piuma, all'anima è stato permesso di spostarsi sul Campo di Canne, il luogo della purificazione e della beatitudine eterna.Se il cuore era più pesante della piuma, fu lasciato cadere sul pavimento dove fu mangiato dal mostro Ammut (il gobbler) e l'anima avrebbe cessato di esistere.
Sebbene esistesse un concetto di malavita, non esisteva un "inferno" come inteso dalle moderne religioni monoteiste. Come scrive Bunson, "Gli egiziani temevano l'oscurità eterna e l'incoscienza nell'aldilà perché entrambe le condizioni smentivano la trasmissione ordinata della luce e il movimento evidente nell'universo" (86). L'esistenza, essendo parte del viaggio universale iniziato con Atum e Ben-Ben, era lo stato naturale di un'anima e il pensiero di essere eternamente separati da quel viaggio, di non-esistenza, era più terrificante per un antico egizio che qualsiasi mondo sotterraneo di tormento potrebbe mai essere;anche in una terra di dolore eterno, uno esisteva ancora.
Un concetto di malavita simile all'inferno cristiano si sviluppò in Egitto ma non fu affatto universalmente accettato. Bunson scrive: "L'Eternità era la destinazione comune di ogni uomo, donna e bambino in Egitto. Tale credenza infuse la visione del popolo... e diede loro una certa esuberanza per la vita ineguagliata in qualsiasi parte del mondo antico "(87). La mitologia degli antichi egizi rifletteva la gioia di vivere e ispirava i grandi templi e monumenti che sono oggi parte integrante dell'eredità egiziana. L'ammirazione duratura per la mitologia egiziana e la cultura che ha informato è una testimonianza del potere del messaggio di affermazione della vita insito in questi antichi racconti.

Religione dell'antico Egitto › origini

Definizione e origini

Autore: Joshua J. Mark

clip_image006
La religione egiziana era una combinazione di credenze e pratiche che, nei tempi moderni, includevano la magia, la mitologia, la scienza, la medicina, la psichiatria, lo spiritismo, l'erboristeria, così come la moderna comprensione della " religione "
come credenza in un potere superiore e la vita dopo la morte. La religione ha giocato un ruolo in ogni aspetto della vita degli antichi egizi perché la vita sulla terra era vista solo come una parte di un viaggio eterno, e per continuare quel viaggio dopo la morte, bisognava vivere una vita degna di continuità.
Durante la vita sulla terra, ci si aspettava che si sostenesse il principio di ma'at (armonia) con la consapevolezza che le proprie azioni nella vita influivano non solo sul sé stesso ma anche sulle vite degli altri e sull'operazione dell'universo. Ci si aspettava che le persone dipendessero l'una dall'altra per mantenere l'equilibrio poiché questa era la volontà degli dei di produrre la più grande quantità di piacere e felicità per gli esseri umani attraverso un'esistenza armoniosa che permettesse anche agli dei di svolgere al meglio i loro compiti.
Onorando il principio di ma'at (personificato come una divinità con lo stesso nome che regge la piuma bianca della verità) e vivendo la propria vita secondo i suoi precetti, uno era allineato con gli dei e le forze della luce contro le forze dell'oscurità e il caos, e si assicurò di ricevere un benvenuto nella Sala della Verità dopo la morte e un gentile giudizio di Osiride, il Signore dei Morti.

GLI DEI

Il principio alla base della religione egiziana era noto come heka (magia) personificato nel dio Heka. Heka era sempre esistito ed era presente nell'atto della creazione. Era il dio della magia e della medicina, ma era anche il potere che consentiva agli dei di svolgere le loro funzioni e permetteva agli esseri umani di entrare in comunione con i loro dei. Era onnipervadente e onnicomprensivo, impregnando la vita quotidiana degli egiziani con magia e significato e sostenendo il principio di ma'at da cui dipendeva la vita.
Forse il modo migliore per capire Heka è in termini di denaro: uno è in grado di acquistare un particolare oggetto con una certa denominazione di valuta perché il valore di quell'oggetto è considerato lo stesso, o inferiore, di quella denominazione. Il conto in mano ha un valore invisibile dato da uno standard di valore (una volta il gold standard) che promette a un commerciante che compenserà ciò che si sta comprando. Questo è esattamente il rapporto tra Heka e gli dei e l'esistenza umana: era lo standard, il fondamento del potere, dal quale dipendeva tutto il resto. Un dio o una dea fu invocato per uno scopo specifico, fu adorato per ciò che avevano dato, ma fu Heka a consentire questa relazione tra le persone e le loro divinità.
Gli dei dell'antico Egitto erano visti come i signori della creazione e custodi dell'ordine, ma anche come amici familiari che erano interessati ad aiutare e guidare la gente della terra. Gli dei avevano creato l'ordine dal caos e dato al popolo la terra più bella della terra. Gli egiziani erano così profondamente attaccati alla loro patria che evitavano prolungate campagne militari oltre i loro confini per paura che morissero in terra straniera e non avrebbero ricevuto i riti appropriati per il loro continuo viaggio dopo la vita. I monarchi egiziani rifiutarono di dare le loro figlie in matrimonio a governanti stranieri per lo stesso motivo. Gli dei dell'Egitto avevano benedetto la terra con il loro speciale favore, e ci si aspettava che il popolo li onorasse come grandi e gentili benefattori.
GLI DEI DI EGITTO ANTICO ERANO VISTI COME I SIGNORI DELLA CREAZIONE E CUSTODI DELL'ORDINE, MA ANCHE COME AMICI FAMILIARI CHE ERANO INTERESSATI A AIUTARE E GUIDARE LE PERSONE DELLA TERRA.
Molto tempo prima, credevano, non c'era stato nient'altro che l'oscura e vorticosa acqua del caos che si estendeva nell'eternità. Da questo caos ( Nu ) sorse la collina primordiale, conosciuta come Ben-Ben, sulla quale sorgeva il grande dio Atum (alcune versioni dicono che il dio era Ptah) in presenza di Heka. Atum osservò il nulla e riconobbe la sua solitudine, e così si accoppiò con la propria ombra per dare alla luce due figli, Shu (dio dell'aria, che Atum sputò) e Tefnut (dea dell'umidità, che Atum vomitò). Shu ha dato ai primi tempi i principi della vita mentre Tefnut ha contribuito ai principi dell'ordine. Lasciando il padre sul Ben-Ben, hanno deciso di stabilire il mondo.
Col tempo, Atum si preoccupò perché i suoi figli erano spariti così a lungo, così rimosse l'occhio e lo mandò in cerca di loro.Mentre il suo occhio era sparito, Atum sedeva da solo sulla collina in mezzo al caos e contemplava l'eternità. Shu e Tefnut tornarono con l'occhio di Atum (in seguito associato all'occhio di Udjat, l'Occhio di Ra o l'Occhio che vede tutto) e il loro padre, grato per il loro ritorno sicuro, versò lacrime di gioia. Queste lacrime, cadendo sulla terra oscura e fertile del Ben-Ben, hanno dato alla luce uomini e donne.
Questi umani non avevano nessun posto dove vivere, comunque, e così Shu e Tefnut si sono accoppiati e hanno dato alla luce Geb (la terra) e Nut (il cielo). Geb e Nut, sebbene fratello e sorella, si innamorarono profondamente e furono inseparabili.Atum trovò il loro comportamento inaccettabile e spinse Nut lontano da Geb, in alto nei cieli. I due amanti erano per sempre in grado di vedersi ma non erano più in grado di toccarli. Nut era già incinta di Geb, tuttavia, e alla fine partorì Osiris, Isis, Set, Nephthys e Horus - i cinque dei egizi più spesso riconosciuti come i primi (anche se Hathor è ora considerato più vecchio di Iside). Queste divinità diedero quindi vita a tutti gli altri dei in una forma o nell'altra.
clip_image007

Horus

Gli dei avevano ciascuno la propria area di specialità. Bastet, ad esempio, era la dea del focolare, homelife, salute e segreti delle donne e dei gatti. Hathor era la dea della bontà e dell'amore, associata alla gratitudine e alla generosità, alla maternità e alla compassione. Secondo una delle prime storie che la circondavano, tuttavia, era originariamente la dea Sekhmet che si ubriacava di sangue e quasi distruggeva il mondo finché non fu pacificata e addormentata dalla birra che gli dei avevano tinto di rosso per ingannarla. Quando si svegliò dal suo sonno, fu trasformata in una divinità più gentile. Sebbene fosse associata alla birra, Tenenet era la principale dea della birra e presiedeva anche il parto. La birra era considerata essenziale per la propria salute nell'antico Egitto e un dono degli dei, e c'erano molte divinità associate alla bevanda che si diceva fosse stata prodotta per la prima volta da Osiride.
Un antico mito narra di come Osiride fu ingannato e ucciso da suo fratello Set e di come Isis lo riportò in vita. Era incompleto, tuttavia, come un pesce aveva mangiato una parte di lui, e quindi non poteva più governare armoniosamente sulla terra ed è diventato il Signore dei Morti negli inferi. Suo figlio, Horus il Giovane, ha combattuto Set per ottant'anni e alla fine lo ha sconfitto per ridare armonia alla terra. Horus e Iside regnarono insieme, e tutti gli altri dei trovarono i loro luoghi e aree di competenza per aiutare e incoraggiare il popolo egiziano.
Tra i più importanti di questi dèi vi erano i tre che formavano la Triade tebana: Amun, Mut e Knons (noto anche come Khonsu). Amon era un dio della fertilità locale di Tebe finché il nobile tebano Menuhotep II (2061-2010 aEV) sconfisse i suoi rivali e unì l'Egitto, elevando Tebe alla posizione di capitale e dei suoi dei per la supremazia. Amon, Mut e Khons dell'Alto Egitto (dove si trovava Tebe) assunsero gli attributi di Ptah, Sekhment e Khonsu del Basso Egitto che erano divinità molto più antiche. Amun divenne il dio creatore supremo, simboleggiato dal sole; Mut era sua moglie, simboleggiata dai raggi del sole e dall'occhio onniveggente; e Khons era il loro figlio, il dio della guarigione e distruttore di spiriti malvagi.
Queste tre divinità erano associate a Ogdoad di Hermopolis, un gruppo di otto divinità primordiali che "incarnavano le qualità della materia primordiale, come l'oscurità, l'umidità e la mancanza di confini o poteri visibili.In genere consistevano in quattro divinità raddoppiate in otto includendo controparti femminili "(Pinch, 175-176). L'Ogdoad (pronunciato OG-doh-ahd) rappresentava lo stato del cosmo prima che la terra sorgesse dalle acque del caos e la luce irrompesse nell'oscurità primordiale e fosse anche chiamata Hehu ("gli infiniti"). Erano Amun e Amaunet, Heh e Hauhet, Kek e Kauket, e Nun e Naunet rappresentavano ognuno un aspetto diverso del tempo informe e inconoscibile prima della creazione: Hiddenness (Amun / Amaunet), Infinity (Heh / Hauhet), Darkness (Kek / Kauket) e l'Abisso (Nut / Naunet). Gli Ogdoad sono il miglior esempio dell'insistenza dell'egiziano sulla simmetria e l'equilibrio in tutte le cose incarnate nel loro aspetto maschile / femminile che si pensava avesse generato il principio di armonia nel cosmo prima della nascita del mondo.

ARMONIA ED ETERNA

Gli egiziani credevano che la terra (nello specifico l'Egitto) riflettesse il cosmo. Si pensava che le stelle nel cielo notturno e le costellazioni che formavano influissero direttamente sulla propria personalità e sulle future fortune. Gli dei hanno informato il cielo notturno, hanno persino viaggiato attraverso di esso, ma non erano divinità lontane nei cieli; gli dei vivevano accanto al popolo egiziano e interagivano con loro ogni giorno. Gli alberi erano considerati le case degli dei e una delle più popolari divinità egiziane, Hathor, era talvolta conosciuta come "Padrona della palma da datteri" o "La signora del sicomoro" perché si pensava che favorisse questi particolari alberi per riposa dentro o sotto. Gli studiosi Oakes e Gahlin lo notano
"Presumibilmente a causa dell'ombra e del frutto fornito da loro, le dee associate alla protezione, alla maternità e al nutrimento erano strettamente associate a [alberi]. Hathor, Nut e Isis appaiono frequentemente nell'immaginario religioso e nella letteratura [in relazione agli alberi] "(332).
Piante e fiori erano anche associati agli dei e i fiori dell'albero d'albero erano conosciuti come "fiori della vita" per le loro proprietà vivificanti. L'eternità, quindi, non era un concetto etereo e nebuloso di un "paradiso" lontano dalla terra, ma un incontro quotidiano con gli dei e le dee si continuerebbe ad avere contatto con l'eternità, nella vita e dopo la morte.
clip_image008

Hathor

Per poter sperimentare questo tipo di felicità, tuttavia, bisognava essere consapevoli dell'importanza dell'armonia nella propria vita e di come la mancanza di tale armonia colpisse gli altri come se stessi. Il "peccato di accesso" per gli antichi egizi era ingratitudine perché gettava uno squilibrio e consentiva che ogni altro peccato mettesse radici nell'anima di una persona. Una volta persi di vista ciò di cui si doveva essere grati, i propri pensieri ed energie furono attratti verso le forze dell'oscurità e del caos.
Questa credenza ha dato origine a rituali come I Cinque Doni di Hathor in cui si considerano le dita della propria mano e si chiamano le cinque cose nella vita per le quali si è stati molto grati. Uno era incoraggiato a essere specifico in questo, nominando qualsiasi cosa che si riteneva cara, come un coniuge, i propri figli, il proprio cane o gatto, o l'albero vicino al ruscello nel cortile. Poiché la mano di una persona era prontamente disponibile in ogni momento, servirebbe a ricordare che c'erano sempre cinque cose di cui dovresti essere grato, e questo aiuterebbe a mantenere un cuore leggero in armonia con l'equilibrio. Questo è stato importante per tutta la vita ed è rimasto ugualmente significativo dopo la morte poiché, per progredire verso una vita eterna di felicità, il proprio cuore aveva bisogno di essere più leggero di una piuma quando si era in giudizio davanti a Osiride.

L'ANIMA E LA SALA DELLA VERITÀ

Secondo la studiosa Margaret Bunson:
Gli egiziani temevano l'oscurità eterna e l'incoscienza nell'aldilà perché entrambe le condizioni smentivano l'ordinata trasmissione di luce e movimento evidente nell'universo. Compresero che la morte era la porta dell'eternità. Gli egiziani stimavano così l'atto di morire e veneravano le strutture ei rituali coinvolti in tale avventura umana (86).
Le strutture dei morti possono ancora essere viste in tutto l'Egitto nei giorni moderni nelle tombe e nelle piramidi che sorgono ancora dal paesaggio. C'erano strutture e rituali dopo la vita, tuttavia, che erano altrettanto importanti.
Si pensava che l'anima fosse composta da nove parti separate: il Khat era il corpo fisico; la doppia forma del Ka ; il Ba un aspetto di uccello dalla testa umana che potrebbe accelerare tra la terra e il cielo; Shuyet era il sé ombra; Akh il sé immortale, trasformato, Sahu e Sechem dell'Ak ; Ab era il cuore, la fonte del bene e del male; Ren era il nome segreto di uno. Tutti e nove questi aspetti facevano parte della propria esistenza terrena e, alla morte, l' Akh (con i Sahu e i Sechem ) apparve davanti al grande dio Osiride nella Sala della Verità e in presenza dei quarantadue giudici per avere il proprio cuore ( Ab ) pesato in equilibrio su una scala d'oro contro la piuma bianca della verità.
Uno avrebbe bisogno di recitare la Confessione Negativa (una lista di quei peccati che si potrebbe onestamente sostenere che uno non aveva commesso nella vita) e poi il proprio cuore fu posto sulla scala. Se il proprio cuore era più leggero della piuma, si aspettava che Osiride conferisse con i 42 giudici e il dio della saggezza, Thoth, e, se ritenuto meritevole, gli fosse permesso di passare attraverso la sala e continuare la propria esistenza in paradiso; se il proprio cuore era più pesante della piuma, veniva gettato sul pavimento dove veniva divorato dal mostro Ammut (il gobbler), e uno poi cessava di esistere.
clip_image009

Libro dei morti

Una volta attraverso la Sala della Verità, uno fu guidato alla barca di Hraf-haf ("Colui che guarda dietro di lui"), una creatura sgradevole, sempre irritabile e offensiva, che doveva trovare un modo per essere gentile e cortese di. Mostrando gentilezza per il cattivo Hraf-haf, uno mostrava che uno era degno di essere traghettato attraverso le acque del Lago di Lily (noto anche come Il Lago dei Fiori) al Campo di Canne che era l'immagine speculare della vita sulla terra eccetto lì non era una malattia, nessuna delusione e nessuna morte. Si continuerebbe quindi la propria esistenza proprio come prima, in attesa di quelli che si amavano nella vita per passare su se stessi o incontrare quelli che erano andati avanti prima.

IL CLERO, I TEMPLI E LA SCRITTURA

Sebbene lo storico greco Erodoto sostenga che solo gli uomini potrebbero essere sacerdoti nell'antico Egitto, il disco egiziano sostiene il contrario. Le donne potevano essere sacerdoti del culto della loro dea dall'antico Regno in poi e ricevevano lo stesso rispetto delle loro controparti maschili. Di solito un membro del clero doveva essere dello stesso sesso della divinità che servivano. Il culto di Hathor, in particolare, era frequentato abitualmente dal clero femminile (si dovrebbe notare che il "culto" non aveva lo stesso significato nell'antico Egitto che lo fa oggi: le sette erano semplicemente sette di una religione). I preti e le sacerdotesse potevano sposarsi, avere figli, possedere terre e case e vivere come chiunque altro tranne certe pratiche rituali e osservanze riguardanti la purificazione prima di officiare. Bunson scrive:
Nella maggior parte dei periodi, i sacerdoti dell'Egitto erano membri di una famiglia a lungo collegata a un particolare culto o tempio. I preti hanno reclutato nuovi membri tra i loro stessi clan, generazione dopo generazione. Ciò significava che non vivevano separati dal proprio popolo e quindi mantenevano la consapevolezza dello stato delle cose nelle loro comunità (209).
I sacerdoti, come gli scribi, hanno attraversato un periodo di addestramento prolungato prima di iniziare il servizio e, una volta ordinati, si sono presi cura del tempio o del complesso del tempio, eseguivano rituali e osservanze (come matrimoni, benedizioni su una casa o progetto, funerali), svolgevano i doveri di dottori, guaritori, astrologi, scienziati e psicologi, e anche sogni interpretati. Hanno benedetto gli amuleti per allontanare i demoni o aumentare la fertilità, e hanno anche compiuto esorcismi e riti di purificazione per liberare una casa di fantasmi. Il loro principale compito era il dio che servivano e il popolo della comunità, e una parte importante di quel dovere era la cura del tempio e della statua del dio interiore. I sacerdoti erano anche dottori al servizio di Heka, non importa quale altra divinità servissero direttamente. Un esempio di questo è il modo in cui tutti i sacerdoti e le sacerdotesse della dea Serket ( Selket ) erano dottori, ma la loro capacità di guarire e invocare Serket è stata resa possibile grazie al potere di Heka.
I templi dell'antico Egitto erano considerati le case letterali delle divinità che essi onoravano. Ogni mattina il capo sacerdote o sacerdotessa, dopo essersi purificato con un bagno e vestirsi di lino bianco pulito e sandali puliti, entrava nel tempio e prendeva cura della statua del dio come farebbe con una persona a cui erano stati affidati i loro incarichi. Le porte del santuario furono aperte per far entrare la luce del mattino e la statua, che risiedeva sempre nel santuario più interno, fu pulita, vestita e unta con olio; in seguito, le porte del santuario furono chiuse e chiuse a chiave. Nessuno tranne il capo sacerdote aveva un contatto così stretto con il dio. Coloro che venivano al tempio solo per adorare erano ammessi nelle aree esterne dove venivano accolti da un clero inferiore che rispondeva ai loro bisogni e accettava le loro offerte.
clip_image010

Tempio egizio

Non ci sono state "scritture" ufficiali usate dal clero, ma i concetti trasmessi al tempio sono stati pensati per essere simili a quelli trovati in opere come i Testi piramidali, i successivi testi di Coffin e gli incantesimi trovati nel Libro Egizio del MortoAnche se il libro dei morti è spesso definito come "L'antica Bibbia egizia", non era così. Il libro dei morti è una raccolta di incantesimi per l'anima nell'aldilà. I testi della piramide sono i più antichi testi religiosi nell'antico Egitto risalenti al c. 2400-2300 AC. I testi della bara furono sviluppati in seguito dai testi della piramide c. 2134-2040 aC, mentre il Libro dei Morti (in realtà conosciuto come il Libro in arrivo per giorno ) è stato messo giù qualche volta c. 1550-1070 aC
Tutti e tre questi lavori trattano di come l'anima è di navigare nell'aldilà. I loro titoli (dati da studiosi europei) e il numero di grandi tombe e statue in tutto l'Egitto, per non parlare degli elaborati rituali e mummie di sepoltura, hanno portato molte persone a concludere che l'Egitto era una cultura ossessionata dalla morte quando, in realtà, gli egiziani erano interamente interessato alla vita. Il Libro di Venire per il Giorno, così come i testi precedenti, presentano verità spirituali che avremmo ascoltato mentre eravamo nella vita e ricordano all'anima come ora si dovrebbe agire nella fase successiva della propria esistenza senza un corpo fisico o un mondo materiale. Ci si aspettava che l'anima di ogni egiziano richiamasse queste verità dalla vita, anche se non mettevano mai piede all'interno di un complesso del tempio, a causa delle numerose feste religiose che gli egiziani godevano durante tutto l'anno.

FESTIVAL RELIGIOSI E VITA RELIGIOSA

Le feste religiose in Egitto hanno integrato l'aspetto sacro degli dei senza soluzione di continuità con la vita quotidiana delle persone. La studiosa egiziana Lynn Meskell nota che "le feste religiose hanno attualizzato la credenza, non erano semplicemente celebrazioni sociali, ma agivano in una molteplicità di sfere correlate" (Nardo, 99). C'erano grandi festival come il bellissimo Festival degli Wadi in onore del dio Amon e feste minori per altri dei o per celebrare eventi nella vita della comunità.
Bunson scrive: "In alcuni giorni, in alcune epoche diverse volte al mese, il dio veniva trasportato su arce o navi per le strade o salpato sul Nilo, dove si svolgevano gli oracoli ei sacerdoti rispondevano alle petizioni" (209). La statua del dio sarebbe stata rimossa dal santuario interiore per visitare i membri della comunità e prendere parte alla celebrazione; un'abitudine che può essersi sviluppata indipendentemente in Egitto o venire dalla Mesopotamia dove questa pratica ha una lunga storia.
Il bellissimo Festival degli Wadi era una celebrazione della vita, della completezza e della comunità e, come nota Meskell, la gente partecipava a questo festival e visitava il santuario per "pregare per l'integrità fisica e la vitalità fisica" mentre lasciava offerte al dio o alla dea come un segno di gratitudine per la loro vita e salute. Meskell scrive:
Si può immaginare un sacerdote o una sacerdotessa che viene e raccoglie le offerte e poi sostituisce i cesti, alcuni dei quali sono stati rilevati archeologicamente. Il fatto che questi oggetti di gioielleria fossero oggetti personali suggerisce un legame potente e intimo con la dea. Inoltre, nel luogo del santuario di Timna nel Sinai, i votanti furono spaccati ritualmente per significare la consegna dall'umano alla divinità, attestando la gamma di pratiche rituali che si verificarono all'epoca. C'era un'alta percentuale di donatrici nel Nuovo Regno, anche se generalmente le pitture tombali tendono a non mostrare le pratiche religiose delle donne, ma piuttosto a concentrarsi sulle attività maschili (101).
La distruzione dei votanti significava la resa alla benevola volontà degli dei. Un votivo era tutto offerto in adempimento di un voto o nella speranza di raggiungere qualche desiderio. Mentre i votivi venivano spesso lasciati intatti, a volte venivano ritualmente distrutti per indicare la devozione che si aveva agli dei; uno stava consegnando loro qualcosa di prezioso che non si poteva riprendere.
Non c'era distinzione in questi festival tra quegli atti considerati "santi" e quelli che una sensibilità moderna avrebbe etichettato "profano". Tutta la vita di una persona era aperta all'esplorazione durante un festival, e questo includeva attività sessuale, ubriachezza, preghiera, benedizioni per la propria vita sessuale, per la propria famiglia, per la propria salute e offerte fatte sia in ringraziamento che in ringraziamento e in supplica.
Le famiglie hanno partecipato ai festival insieme come adolescenti e giovani coppie e coloro che sperano di trovare un compagno. I membri anziani della comunità, i ricchi, i poveri, la classe dirigente e gli schiavi facevano tutti parte della vita religiosa della comunità perché la loro religione e la loro vita quotidiana erano completamente intrecciate e, attraverso quella fede, riconoscevano il loro individuo le vite erano tutte un arazzo intrecciato tra loro.

La teoria del cavallo-cavaliere nell'antico Giappone › origini

Civiltà antiche

Autore: Mark Cartwright

La "teoria cavallerizza" è una proposta controversa che il Giappone sia stato conquistato intorno al 4 ° o 5 ° secolo da una cultura dell'Asia settentrionale a cui il cavallo era particolarmente importante. Anche se le prove archeologiche e la genetica indicano una stretta relazione tra il Giappone e l'Asia orientale, in particolare la Corea, durante quel periodo, l'idea che una piena acquisizione militare sia mai avvenuta è ritenuta improbabile dalla maggior parte degli storici. Le relazioni esatte tra i giovani stati della regione rimangono poco chiare, e la questione è ulteriormente offuscata dai programmi nazionalisti e da una persistente proiezione di concetti moderni di statualità e nazionalità su aree geografiche che in quel momento non sarebbero esistite.
clip_image011

Silla Ceramic Warrior

LA 'TEORIA DEL CAVALIERE'

La "teoria cavallerizza" ( kiba minzoku setsu ) fu proposta dallo storico Egami Namio nel 1948 DC per spiegare lo sviluppo culturale e politico del Giappone nel IV e V secolo EV. Namio ha suggerito che i "cavalieri", o più precisamente, membri di una cultura originaria dell'Asia settentrionale e poi presenti nell'Asia continentale e nella penisola coreana per la quale il cavallo era particolarmente importante, si erano recati in Giappone per diffondere idee e cultura. La conseguente conquista delle tribù indigene in Giappone portò a un paese più unito e a quello che sarebbe diventato noto come lo stato di Yamato. Namio indicò la prova archeologica di un gran numero di orpelli di cavalli scoperti all'interno di tombe giapponesi del successivo periodo Kofun (250-538 d.C circa) e la loro assenza nella prima parte del periodo come supporto per la sua teoria.
UN'INFLUENZA COREANA SIGNIFICATIVA SULLA CULTURA GIAPPONESE È ATTESTATA DA ENTRAMBI PROVE ARCHEOLOGICHE E GENETICHE.

CONTATTO CULTURALE IN ASIA ORIENTALE

Un'influenza coreana significativa sulla cultura giapponese è attestata da prove sia archeologiche che genetiche, che indicano una migrazione di persone e idee nel periodo in questione. La famiglia imperiale giapponese si mescolò con una linea di sangue coreana prima del VII secolo dC e la presenza di un clan influente con l'eredità coreana, la Soga, è annotata nella documentazione storica. Inoltre, a partire dal IV secolo DC, vennero fondate relazioni amichevoli con lo stato coreano di Baekje ( Paekche ), che fu saldamente fondato alla fine del 3 ° secolo DC e durò fino alla conquista da parte del suo vicino Regno di Silla a metà del VII secolo. CE. La cultura di Baekje fu esportata all'estero, specialmente attraverso insegnanti, studiosi e artisti che viaggiavano in Giappone, e con loro andò la cultura cinese come i classici testi confuciani, ma anche elementi della cultura coreana, ad esempio i titoli di corte che assomigliavano molto al rango dell'osso sistema del regno di Silla o degli edifici in legno costruiti lì dagli architetti coreani e dai grandi tumuli funerari del periodo che sono simili a quelli in Corea.
Lo stato giapponese, allora noto come Wa, mandò anche un esercito di 30.000 uomini per aiutare i sovrani di Baekje, ma questo fu spazzato via da una forza navale congiunta di Silla- Tang sul fiume Paekchon (moderno Kum) c. 660 CE. Oltre a queste attività, il 4 ° e 5 ° secolo CE ha visto missioni diplomatiche e scambi commerciali tra Giappone e Cina, sottolineando inoltre che la presenza di pratiche e beni culturali continentali in Giappone non significa necessariamente che siano arrivati attraverso invasori conquistatori.

DIFFICOLTÀ IN UNA SPIEGAZIONE MILITARE

Il fatto che una forza coreana abbia effettivamente invaso e conquistato il Giappone in modo che diventi nient'altro che uno stato vassallo è una questione completamente diversa, quindi, da un'interazione culturale tra stati vicini. Sembra improbabile che si sia effettivamente verificata una conquista, e alcune fonti, tra cui la giapponese c. 720 CE Nihon Shoki ( Cronaca del Giappone ), suggeriscono polemicamente il contrario e che il Giappone ha stabilito una colonia nella Corea del Sud in una parte della confederazione di Gaya ( Kaya ). Questo è ormai in gran parte considerato un alto racconto dalla corte di Yamato al fine di aumentare il suo prestigio come la realtà è che mancava sia il politico che il militare dove tutto per realizzare una tale conquista.
clip_image012

Asia orientale nel 400 CE

C'era certamente un afflusso di manufatti, armi e materie prime coreane come il ferro di Gaya, ma c'è una notevole assenza di una nuova e distinta cultura che ci si potrebbe aspettare di vedere dopo una conquista militare. Lo storico MJ Seth offre questa plausibile spiegazione alternativa a un'invasione militare:
Più probabilmente, i popoli su entrambi i lati dello stretto coreano erano collegati e interagivano tra loro. Le prove suggeriscono che tra il 300 BCE e il 300 EV un gran numero di persone migrarono dalla penisola coreana all'arcipelago giapponese, dove introdussero la coltura del riso, la lavorazione del bronzo e del ferro e altre tecnologie. Quindi, piuttosto che l'esistenza di popoli coreani e giapponesi, c'era un continuum di popoli e culture. Il Wa del Giappone occidentale, ad esempio, potrebbe aver vissuto su entrambi i lati dello stretto coreano e sembra che avesse stretti legami con Kaya. È anche possibile che Wa e Kaya fossero lo stesso gruppo etnico. Il fatto che l'evoluzione politica giapponese e coreana abbia seguito modelli simili è troppo sorprendente per essere una coincidenza. (31-32)
NESSUNO E 'MAI STATO IN GRADO DI FORNIRE EVIDENZE DIRETTE DI QUANTO QUESTO TRANSFERRITO DI CULTURA SI È VERIFICATO SE NON DA MEZZI PACE.
Gli storici giapponesi hanno tradizionalmente cercato di contrastare la "teoria dei cavalieri", e non è mai stata ampiamente accettata in quel paese. In effetti, quando il Giappone invase la Corea alla fine del diciannovesimo secolo, il governo dichiarò che stava semplicemente riprendendo possesso della sua ex colonia menzionata nel Nihon Shoki. Da allora si sono sviluppati argomenti più seri contro la teoria di Namio e questi includono problemi e manipolazione della cronologia per abbinare un'invasione con la datazione di tombe e artefatti rilevanti, una considerazione incompleta di tutte le prove archeologiche, il falso assunto che le tombe mostrano un chiaro e distinzione tra il periodo con o senza l'armamentario dei cavalli e altri beni continentali in essi, e l'assunzione che una società agricola e / o una élite dominante non adotterebbero le pratiche culturali e i beni di lusso di popoli stranieri senza la conquista militare.
clip_image013

Haniwa Horse

Gli storici coreani e altri hanno contrastato questi argomenti, insistendo sul fatto che un improvviso cambiamento culturale è possibile identificare nei documenti archeologici e storici e che la natura graduale del cambiamento nei ritrovamenti tombali, nell'architettura delle tombe e nelle élite politiche è enormemente esagerata. Alcuni sostengono che la linguistica e la mitologia puntano entrambi a mescolare le due culture della Corea e del Giappone. Altri ancora sottolineano un cambiamento climatico significativo che alla fine ha portato a un periodo di prolungate siccità intorno al 400 CE e che ha motivato i popoli a cercare condizioni più favorevoli all'agricoltura nell'arcipelago giapponese. Nessuno, tuttavia, è stato finora in grado di fornire prove dirette di come questo trasferimento della cultura sia avvenuto se non con mezzi pacifici.

CONCLUSIONE

In conclusione, i meriti e le debolezze della teoria sono ben riassunti qui dallo storico K. Henshall:
Come molte teorie, ha alcuni elementi plausibili e alcuni punti deboli.Non è impossibile che cavalieri dalla Corea o Manciuria o la Cina settentrionale hanno stabilito una presenza nei primi mesi del Giappone - forse anche una presenza dominante, e possibilmente con la forza - ma se è così avrebbero sicuramente hanno capito non c'era nessun posto ancora molto da fare e sia stabilirono in Giappone o restituiti dove sono venuti. (158)
Il controverso 'teoria del cavallo-cavaliere' manca non solo di cemento e una prova per sostenerlo, ma anche la sua stessa enfasi su un momento drammatico della storia essere responsabile di significativi cambiamenti culturali e politici in Giappone sembra piuttosto datato e semplicistico in termini di studi moderni in storia dove la complessità, sottigliezze, e la natura multidirezionale di scambio culturale per lunghi periodi di tempo sono ora molto più apprezzato da storici, archeologi, e il pubblico.
Questo articolo è stato reso possibile con il generoso sostegno della Gran Bretagna Sasakawa Foundation.

Licenza

Articolo basato su informazioni ottenute da queste fonti:
con il permesso dal sito web Ancient History Encyclopedia
Il contenuto è disponibile sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported.Licenza CC-BY-NC-SA