Passa ai contenuti principali

Lakshmi | Enciclopedia di Storia Antica.

Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.

Definizione

clip_image018
Lentini (o leoni) sono la dea indù della ricchezza, fortuna, gioventù e bellezza. Lei è la moglie del grande Dio Vishnu e la coppia è spesso adorata in tandem come Lakshmi-Narayana. Proprio come suo marito ha molti avatar quando scende a terra allora troppo Lakshmi prende forme diverse:
  • Sita, la moglie di lord Rama,
  • Dharani, moglie di Parashurama,
  • Rukmini Regina, moglie di Krishna
  • Padma, moglie di Hari
Leone può anche essere chiamato Lokamata, 'madre del mondo' e Lola, significato volubile, in riferimento alla sua dispensa apparentemente casuale di buona fortuna.

Nascita & associazioni

Nel Mahabharata, Lakshmi nasce dall'agitazione dell'oceano primordiale latteo dei e demoni. In seguito all'intervento di Brahma e Vishnu, Lakshmi è apparso miracolosamente da questo mare di burro chiarificato, vestito tutti in bianca e irradiamento della gioventù e bellezza. Per questo motivo la dea è talvolta chiamata Ksirabdhitanaya, 'figlia del mare di latte'. Lakshmi è immediatamente donata alla protezione di Vishnu e per questo motivo che si dice che soffermarsi sul petto di Vishnu, dando vita a uno dei nomi alternativi di Dio, Arben significato 'la dimora di Sri'. Sri (Shri) significa prosperità ed è un altro di Lakshmi molti nomi. Secondo l'Harivamsha Lakshmi è la madre di Kama, il Dio di amore e così fornisce un interessante parallelo alla dea greca Afrodite e suo figlio Eros, l'ex anche Nato da un mare di schiumato.
Lakshmi è associato con il fiore di loto e talvolta ci si riferisce semplicemente come la dea di Lotus.
La dea è particolarmente associata con il fiore di loto e talvolta ci si riferisce semplicemente come la dea di Lotus. In questa veste è un membro del pantheon buddista troppo. La dea non ha nessun templi costruiti in suo nome, ma è particolarmente adorata una delle celebrazioni più suggestive di induismo, l'annuale Diwali o 'Festa delle luci', tenuto ogni anno a ottobre-novembre.
In un mito Lakshmi alzò un poco nutriti con il marito e andò a vivere con la famiglia reale di re Akasha Raja nel sud dell'India. Lì, ora che si fa chiamare Padmavati, alla fine è stata trovata da un Vishnu sconvolto, se stesso nelle vesti di Melania. Brahma e Shiva in realtà aveva cospirato per due soddisfare e che, naturalmente, sono innamorato e sposato in una sontuosa cerimonia (di nuovo) che è ancora oggi ricordata nella città di Tirupati, nel sud dell'India.
clip_image019
Lakshmi, Somanathapura

Rappresentazioni nell'arte

In arte Lakshmi è spesso rappresentato o in piedi o seduto su un fiore di loto grande e che tiene una pentola d'acqua e fiore di loto singolo nelle sue mani, sempre blue o rosa. Con lei altre due mani in genere lei dà un segno di benedizione e docce monete su suoi fedeli seguaci. La dea di solito indossa un sari rosa ed è accompagnata da vari simboli tradizionali di buona fortuna come elefanti dipinti decorate con ghirlande di fiori, spesso spruzzando acqua da loro tronchi. Lakshmi regolarmente appare a fianco del marito Vishnu nella scultura decorativa del tempio, per esempio, massaggiare i piedi con fiori di loto o equitazione suo veicolo gigantesco uomo-uccello Garuda.
In arte cambogiana, Lakshmi è più tipicamente ritratta come una statua di singolo-figura, in piedi, indossa un diadema e che tiene un germoglio del loto. In arte Cham la dea è sempre seduta e oltre il loto gemma può anche tenere una conchiglia. Infine, in giavanese arte leone tiene un chicco di riso come c'è considerare come la dea di questo importante alimento.
Traduzione autorizzata dal sito: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…