Khajuraho | Enciclopedia di Storia Antica.

Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.

Definizione

clip_image042
Khajuraho era un'antica città della regione di Madhya Pradesh dell'India settentrionale. Dal 10 al 12 secolo CE era la capitale dei re Chandella che governò Bundelkhand. Nonostante una volta grande reputazione di Khajuraho come un importante centro culturale non ci sono nessun edifici sopravvissuti non religiose, ma la presenza di 35 templi indù e Jain fanno uno dei siti storici più significativi in India oggi e degno di suo nome dato dal XI secolo lo storico musulmano CE Abu Rihan Alberuni come 'la città dei'.
Attrazioni architettoniche
La maggior parte dei templi di Khajuraho sono stata costruita utilizzando pietra arenaria ma anche quattro usato granito nella loro costruzione. Nel gruppo posteriore è Chaunsat Yogini (64 Dee tantriche), costruito c. 875-900 D.C., che dispone di 64 camere Santuario disposte intorno a un cortile rettangolare. Seguono i templi Lalguan Mahadeva, Brahma e Matangesvara che sono tutti molto semplici nel design e decorazione rispetto ai templi più tardi nello sviluppo del sito.
Templi indù erano rappresentante dell'Himalaya e la «montagna del mondo»
La maggior parte dei templi di Khajuraho sono stata costruita tra 950 e 1050 CE e è indù (Saiva o Vaisnava) o Jain. Il più famoso è il Kandariya Mahadeo costruito nel CE inizio del XI secolo e dedicato a Shiva. Più o meno contemporanea Laksmana tempio è stato costruito nel 954 CE di re Dhanga (CE r. 950-999) per celebrare l'indipendenza da governanti Gurjara-Pratihara e ha una simile disposizione ed esterno per il Kandariya Mahadeo. Così fa anche il Tempio di Visvanatha (c. 1002 D.C.) che è stato progettato da Sutradhara Chhichchha. Entrambi i templi sono santuari ad ogni angolo delle loro piattaforme di terrazza. Il Laksmana era dedicato a Vishnu e la sua terrazza è di particolare nota come trasporta un fregio narrativo in giro tutti e quattro i lati: elefanti, guerrieri, cacciatori e musicisti formano una processione seguita da un righello ei suoi assistenti femminili.
Altri templi importanti presso il sito includono il Caturbhuja monotorre e Vamana, il Matulunga tozzo e il tempio Parshvanatha Jain più austero, rettangolare con suo Santuario unico aggiunto alla parte posteriore dell'edificio (c. 950-970 D.C.). Probabilmente il tempio più recente a Khajuraho è il Duladeo che è stato costruito su un piano di stelle.
clip_image043
Tempio di Parsvanatha, Khajuraho
Il Tempio di Kandariya Mahadeo
Il Tempio di Kandariya Mahadeo è forse l'edificio più accattivante a Khajuraho ed è certamente la più grande. Costruito intorno a 1025 CE durante il Regno di Vidyadhara (CE r. 1004-1035), il tempio è un eccellente esempio del design tempio indiano Nord pienamente sviluppato. L'esterno ha una spettacolare serie di torri (sikhara) che progressivamente raggiungere più elevati dall'ingresso per il più alto sikhara (31 metri) sopra il Sacrario del tempio sacro (garbhagriha) nella parte posteriore. Il sikhara principale è circondato da quarto e metà -sikhara ed è sormontata da un grande amalaka - una pietra circolare scanalata. Così l'edificio appare come una catena montuosa dei picchi varie, una deliberata intenzione dell'architetto come templi indù erano rappresentante dell'Himalaya e la «montagna del mondo», un effetto che avrebbe solo stato accentuato dal suo rivestimento di gesso bianco originale, oggi perduto.
Orientato a est e disposte in un piano due croci, il tempio è costruito su una base alta piattaforma cui si accede da una rampa di gradini che conducono ad una serie di portici. Il portico principale, o mandapa, ha interne colonne poligonali con sostegni figura scolpita che sostengono una cupola falso. Il tutto porta gavakshas – doppi archi curvi. L' interno garbhagriha è semi-circolare e fiancheggiato da passaggi che conducono a balconi esterni con pietra tende da sole.
clip_image044
Mithuna figure, Khajuraho
Il Tempio di Kandariya Mahadeo è riccamente decorato con sculture; 646 figure sull'esterno e 226 all'interno dell'edificio. La maggior parte delle figure è poco meno di un metro alto e disposte in due o tre livelli. Sono prevalentemente figure di Shiva e di altre divinità indù come Vishnu, Brahma, Ganesha, insieme con gli assistenti, surasundari (le fanciulle celesti) e figure di mithuna (amante).
Le sculture erotiche, che includono scene di bestialità, specialmente quelli sulla parete sud del antarala, sono scolpite in alto rilievo con figure rappresentate in ogni sorta di acrobatiche pose. Il loro scopo è di rappresentare la fertilità e la felicità, inoltre, sono anche considerati di buon auspicio e protettivo, una funzione importante proprio nel punto debole architettonica dell'edificio tra il garbhagriha e mandapa
Traduzione autorizzata dal sito: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica