Passa ai contenuti principali

Il percorso di fumetti a Bruxelles | Sorprendente mondo.

Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere imprecise.
Il percorso di fumetti a Bruxelles è un sentiero che conduce lungo diversi muri ed edifici in tutto il inner city di Bruxelles, nonché i quartieri di Laeken e Auderghem, dove sono dipinte grandi murales di alcuni dei personaggi più popolari dei fumetti Franco-belga – Tintin, Puffo, Asterix, Lucky Luke, Gaston, Gil Jourdan e altro ancora. Il progetto, iniziato nel 1991, è stato avviato dalle autorità locali in collaborazione con il centro belga del fumetto, per celebrare la lunga storia del Belgio e associazione con strisce a fumetti. Strisce a fumetti sono l'orgoglio del Belgio. È l'unico paese dove i fumetti sono cresciuti da un mezzo popolare in un'arte a sé stante. Infatti, con oltre 700 autori di fumetti, il Belgio ha più artisti di fumetti per il chilometro quadrato di qualsiasi altro paese nel mondo. Nella capitale belga, si possono trovare decine di negozi specializzati, statue, pitture murali, bar e musei dedicati all'arte. Nessun posto in questo mondo sono fumetti così fortemente radicati nella realtà e nell'immaginazione della gente.
brussels-comic-book-route-5
Nei primi decenni del XX secolo, fumetti non erano pubblicazioni stand-alone, ma sono stati pubblicati in riviste quotidiani e settimanali o mensili come episodi o gag. Agli inizi del 1900, i primi fumetti francesi popolari è apparso, tra cui Bécassine e Les Pieds Nickelés. La prima produzione su grande scala dei fumetti in Belgio ha iniziato nella seconda metà degli anni 1920. Durante questo periodo, il Belgio ha visto la creazione di molti scomparti della gioventù come Zonneland e Petits Belges.
Uno dei primi fumetti belgi corretta era Le avventure di Tintin, da Georges Prosper Remi, meglio conosciuto come Hergé, che fu pubblicato nel 1929. Nel 1934, ungherese Paul Winckler fatto un accordo con King Features Syndicate e ha iniziato a pubblicare le avventure di Mickey Mouse e altri Disney figure sulla sua giovinezza rivista Le Journal de Mickey. Il successo di questa iniziativa ha ispirato altri editori di pubblicare periodici con serie americana. Questo ha continuato durante il resto del decennio, con centinaia di riviste editrice principalmente materiale importato. Spirou, una rivista di fumetto leader, è stato lanciato durante questo periodo.
Quando ha iniziato la seconda guerra mondiale, è diventato impossibile importare fumetti americani. Questo ha creato un'opportunità per molti giovani artisti iniziare a lavorare nel settore fumetti e animazione. In un primo momento, hanno continuato incompiute americane storie di Superman e Flash Gordon, ma più tardi ha iniziato a creare i propri eroi e storie. Nei prossimi 50 anni, supportata da decine di editori, il mercato per comics domestico ha cominciato a maturare.
Oggi, fumetti Franco-belga sono stati tradotti in molte lingue europee, mentre alcune serie come Lucky Luke, i Puffi, Asterix e Tintin, goduto di un successo in tutto il mondo.
Il percorso di fumetti celebra questi personaggi e altro ancora attraverso più di 50 dipinti murali. Il percorso di fumetti è vale la pena visitare anche se non sei un fan dei fumetti, e seguendo il sentiero è in realtà un buon modo per scoprire la capitale.
brussels-comic-book-route-17
brussels-comic-book-route-9
brussels-comic-book-route-3
brussels-comic-book-route-4

brussels-comic-book-route-6
brussels-comic-book-route-7
brussels-comic-book-route-8
brussels-comic-book-route-10
brussels-comic-book-route-11
brussels-comic-book-route-12
brussels-comic-book-route-13
brussels-comic-book-route-14
brussels-comic-book-route-15
brussels-comic-book-route-16
brussels-comic-book-route-18
brussels-comic-book-route-2
Fonti: Wikipedia / Just Landed / fumetti Franco-belga (Wikipedia) / Museo di arte del fumetto
Foto: visitare Bruxelles
Tradotto dal sito Web: Amusing Planet per scopi didattici.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…