Passa ai contenuti principali

IJsseloog: Un serbatoio di stoccaggio di fanghi nel mezzo di un lago | Sorprendente mondo.

IJsseloog, o "Occhio di IJssel", è un enorme pozzo circolare nel mezzo del lago Ketelmeer nella bocca del fiume IJssel, nella provincia del Flevoland, Paesi Bassi. La buca è un chilometro attraverso e 45 metri di profondità e funzioni come un serbatoio di stoccaggio per limo fortemente contaminato che è ancora essere dragato dal fondo del lago. Fra 1950 e 1990, Lago Ketelmeer è diventato fortemente inquinata da tossici industriali run-off trasportato dal fiume Reno e IJssel da industrie e fabbriche situate a Monte. Questi inquinanti sono stati rilasciati nel fiume dalle industrie non solo in Olanda ma in Germania, Svizzera e Francia. I sedimenti inquinati depositati alla parte inferiore di Ketelmeer in uno spesso strato di fanghi contaminati. Si temeva che le sostanze inquinanti potrebbero contaminare l'acqua di falda o diffondere per il lago di acqua dolce connessi di IJsselmeer, che è il più grande lago in Olanda e delle principali fonti di acqua dolce per l'agricoltura e bere. Il IJsselmeer offre anche una serie di opportunità per attività ricreative come la vela yacht.
ijsseloog-4
Crediti fotografici
Nel 1994 una decisione è stata effettuata per rimuovere i sedimenti inquinati dal lakebed. Rimozione del limo approfondirà anche il canale che conduce fino alla foce del fiume IJssel, migliorando così l'accesso al fiume per la navigazione. C'era, tuttavia, il problema dello smaltimento. Il limo non poteva essere eliminato sul terreno senza essere un fastidio per l'agricoltura e per i residenti locali, e si presentava anche un pericolo per la salute gravi a causa della presenza di sostanze tossiche e metalli come cadmio, nichel, piombo, arsenico e mercurio. Pertanto si decise di conservare i fanghi contaminati in una buca enorme chiamata IJsseloog, situato sul lago stesso.
IJsseloog è stato costruito tra il 1996 e il 1999. Ha un diametro di 1 chilometro e profondità di 45 metri e una capacità di 20 milioni di metri cubi di fango. Il pozzo è circondato da un terrapieno di dieci metri di altezza. Per impedire la perdita, il pavimento del deposito è sigillato con argilla, la diga è foderata con un foglio e il livello dell'acqua nel pozzo si svolge di sotto di quello del lago.
Un'isola è stata creata che circonda il pozzo che ha strutture per separare gli inquinanti dal dragaggio di sabbia e torba di trasformazione. La sabbia pulita serviranno per la costruzione in altre località.
L'operazione di dragaggio iniziato nel 2000 e si prevede di prendere 20 anni per completare. Quando il deposito è pieno, esso sarà sigillato con strati di argilla e sabbia, e l'isola e la regione paludosa verrà utilizzati per scopi ricreativi, permettendo la natura assumere la direzione. Due isola artificiale creata immediatamente a est del deposito di fanghi sono già state adottate da uccelli acquatici come cigni, oche, spatole, montagna anatre e svassi.
ijsseloog-10
ijsseloog-9
ijsseloog-1
Crediti fotografici
ijsseloog-2
Crediti fotografici
ijsseloog-3
Crediti fotografici
ijsseloog-7
Crediti fotografici
ijsseloog-5
All'esterno il bordo di IJsseloog isola, ricoperta di alberi in soli 15 anni. Photo credit
ijsseloog-6
La eastside di IJsseloog. Photo credit
Fonti: indicatore di pendenza / Wikipedia / Boskalis / "Realizzazione del deposito Ketelmeer" di Dirk C. Roukema, Jan Driebergen e Adri G. Fase [PDF]
Tradotto dal sito Web: Amusing Planet per scopi didattici.
Questa è una traduzione pubblicata a fini didattici e potrebbe contenere errori o essere impreciso.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…