Città su entrambe le rive del fiume - Visiting Amphipolis › Governo egiziano antico › Legge egiziana antica » Origini e Storia

Articoli e definizioni › Contenuto

  • Città su entrambe le rive del fiume - Visiting Amphipolis › origini
  • Governo egiziano antico › origini
  • Legge egiziana antica › origini

Civiltà antiche › Luoghi storici e i loro personaggi

Città su entrambe le rive del fiume - Visiting Amphipolis › origini

Civiltà antiche

Autore: Spyros Kamilalis

Questa visita mi ha riempito di orgoglio. I per esplorare la storia della mia regione natale. Le cose che stavano accadendo secoli fa al posto che i miei antenati chiamavano casa. La mia città natale, sulle rive del fiume Strymon, è un insediamento antichissimo, risalente al 1400 aEV, ma divenne una città importante, raggiungendo persino il livello del capoluogo di provincia, durante l'era bizantina, specialmente durante e dopo il regno della dinastia macedone. La mia città natale è Serres, antica Siris, e prima del periodo bizantino suonava il secondo violino con l'altra famosa città antica della zona: Anfipoli.
clip_image001

Leone di Anfipoli

Seguendo il corso del fiume Strymon a sud, poco prima di raggiungere il Mar Egeo settentrionale, si trova la città di Anfipoli.Ora un piccolo villaggio, era una fiorente metropoli durante il periodo ellenistico e romano, mentre diventava una città importante per il cristianesimo primitivo, molto simile alla città di Filippi, a nord-est. Essendo proprio sulla Via Egnatia, come Filippi, divenne un centro culturale ed economico del mondo mediterraneo. La sua storia inizia molto prima di allora, quando, come un'antica colonia ateniese, fu la causa di molte polemiche durante la guerra del Peloponneso che devastò la Greciaantica alla fine del V secolo aEV. La sua storia attraversa anche la storia della nascita del regno macedone e la sua successiva diffusione dell'ellenismo nel Mediterraneo orientale, con le campagne di Alessandro Magno.
Arrivando vicino alla città, il primo pezzo di storia che attende il visitatore è uno di epoca bizantina. I Bizantini costruirono la torre nord nel 1367, che si trova sul lato destro della strada che conduce verso il villaggio moderno, il museo e le antiche rovine. La torre, insieme al suo gemello sull'altra sponda del fiume, forniva protezione, tra gli altri, per la penisola di Athos e la sua comunità monastica. A questo punto, I ero sicuro che I andando nella giusta direzione, quindi I esitato a continuare ad andare in salita da I avevo già visto un cartello che indicava il ponte di Anfipoli. Così, I indietro e andai a vedere il ponte.Dovrei menzionare qui che sono Bridge Engineer, quindi questa sarebbe un'esperienza unica per me.
clip_image002

Antico ponte di Anfipoli

ANTICO PONTE DI AMPHIPOLI

L'antico ponte di legno di Anfipoli è stato scoperto nel 1977 CE ed è una scoperta unica per l' antichità greca e una rarità per il più vasto mondo antico. Fu costruito per collegare la città di Anfipoli con il suo porto, attraversando il fiume Strymon. I resti del ponte includono diversi pali di legno pietrificati che sostenevano la spalla secondaria del ponte. Anche alcune parti del pilastro sud sopravvivono, realizzate in muratura di pietra e blocchi di marmo che fanno parte anche della parete nord-ovest della città. Il ponte si trova di fronte al Gate C delle mura della città. I resti del ponte coprono un'area di 13 m di larghezza e il diametro delle pile varia tra 70 mm e 290 mm, la maggior parte dei quali ha una sezione circolare mentre alcuni hanno una sezione quadrata. Le loro altezze sono comprese tra 1,5 me 2,0 m. Ci sono anche diverse travi orizzontali con il più lungo sopravvissuto di 4,5 m che sono stati usati per sostenere il ponte di legno del ponte. Le estremità inferiori delle pile sono state tagliate in bordi sagomati, che in alcuni casi sono stati collocati in teste a punta di ferro. Gli archeologi hanno scoperto molte di queste teste di ferro insieme a frammenti di perni, morsetti e attrezzi lungo la sponda del fiume.
clip_image003

Ponte, Anfipoli

Lo scavo è caratterizzato da due gruppi di pali:
1. Mucchi di grandi dimensioni posizionati a livelli profondi.
2. Le pile sono posizionate più in alto con diametri più piccoli.
Le pile più basse danno un'immagine migliore del modello originale. Molti di questi sono collocati in piccoli gruppi di tre o quattro per rafforzare le fondamenta del ponte. Formano 12 file non parallele, con una larghezza di 6 m. La lunghezza totale della struttura del ponte era di circa 275 m.
clip_image004

Fortificazioni di Anfipoli

Per quanto riguarda l'età del ponte, il primo riferimento storico della sua esistenza risale al 422 aEV. Tuttavia, le tecniche di datazione al carbonio misero la prima costruzione del ponte intorno al 600-550 aC.
IL PONTE HA GIOCATO UN RUOLO SIGNIFICATIVO NELLA BATTAGLIA DI AMPHIPOLI, NEL 422 AC, TRA FORZE SPARTANE E ATENE.
Il primo riferimento storico al ponte è nelle opere di Tucidide, lo storico ateniese e comandante militare che ha scritto e combattuto nella guerra del Peloponneso. Il ponte giocò un ruolo significativo nella battaglia di Anfipoli, nel 422 aEV, tra le forze spartane e ateniesi per il controllo di Anfipoli e delle vicine miniere d' oro e d'argento della montagna di Pangaeon, così come il rifornimento di legname per le navi dalle foreste di querce che circondavano (e lo fanno ancora) la valle del fiume Strymon.
Anfipolis fu inizialmente catturata e ribattezzata (dal nome precedente Ennea Odoi che significa Nove Strade) dagli Ateniesi, quasi 40 anni prima dello scoppio della guerra del Peloponneso nel 431 aEV, e introdotta nella Lega di Delo. Durante i pochi anni che precedettero la guerra, i residenti di Anfipoli furono frustrati dal loro trattamento ateniese e cercarono l'indipendenza.Così, quando il generale spartano Brasidas arrivò in città nel 424 aEV, fu salutato come un liberatore, e gli abitanti di Anfipoli, Siris e le loro città vicine divennero alleati con gli Spartani.
Gli Ateniesi non avrebbero semplicemente lasciato cadere la loro ex città alleata in mani nemiche, così cercarono di ricatturarlo, un tentativo che portò alla battaglia di Anfipoli nel 422 aEV. Gli Spartani approfittarono della geografia dell'area con l'aiuto dei locali e usarono il ponte per restringere le forze ateniesi. Queste tattiche sono simili alla famosa Battaglia delle Termopili (480 AC), o ancora più analoga alla Battaglia di Stirling Bridge (prima guerra di indipendenza scozzese, 1297 CE).Gli Spartani vinsero la battaglia con l'aiuto degli abitanti di Anfipoli e di altre città della valle di Strymon. Nonostante la sua vittoria, Brasidas fu ferito nella battaglia e morì pochi giorni dopo. Gli anfipolitani lo seppellirono come un eroe nella vicina necropoli. Scavi archeologici hanno scoperto il suo ossuario d'argento che è ora esposto nel Museo archeologico di Anfipoli.
clip_image005

Corona e Ossario di Brasida

Il ponte appare più tardi nella storia più volte. Fu attraversato da Alessandro Magno all'inizio della sua storica campagna, nel 334 aEV, dopo aver probabilmente radunato il suo esercito e la sua marina vicino al porto di Anfipoli. Ci sono resoconti di lavori di riparazione e manutenzione sistematici sul ponte durante l'epoca romana, l'era bizantina e fino al periodo medio-ottomano intorno al 1620 DC, quando appare l'ultima traccia storica del ponte. L'estensione bizantina del ponte insieme a una diga costruita nello stesso periodo fu distrutta nel 1929-1932 DC quando furono fatti importanti lavori per spostare il letto del fiume Strymon.

MUSEO DI AMPHIPOLI

In seguito al Museo di Anfipoli, I stato sorpreso di vedere che è un edificio imponente, ben organizzato per mostrare le antichità e accogliere i visitatori. Cronologicamente ordinati, i manufatti ti portano in un lungo viaggio attraverso la storia che descrive i primi insediamenti della valle dello Strymon, la fiorente colonia ateniese, la guerra del Peloponneso, i Romani, i primi cristiani e così via. Uno dei set più impressionanti di mostre era i giocattoli dei bambini. Uno sguardo molto attento alla vita quotidiana degli antichi anfipolitani, alla crescita dei loro figli e allo sforzo che hanno fatto per le loro famiglie.Naturalmente, l'ossario d'argento del generale spartano Brasidas è probabilmente il fiore all'occhiello del museo.
clip_image006

Mosaico di Poseidone, Anfipoli

clip_image007

Giocattoli in ceramica greca

SITI ARCHEOLOGICI

Dopo aver lasciato il museo, I diretto più in alto verso i resti della città attuale. I primi elementi cristiani dominano l'area come i resti delle basiliche, i mosaici cristiani e le iscrizioni cristiane sono dappertutto. Ma il visitatore può anche vedere la palestra e i resti di una villa che potrebbe essere stata quella dei governatori della città, il vescovo cristiano o entrambi, durante i secoli.
clip_image008

Resti di Anfipoli

clip_image009

Resti di Anfipoli

clip_image010

Resti di Anfipoli

Lasciando Amphipolis, I diressi verso dove sapevo che un'altra città antica è stata scavata al momento; l'insediamento di Argilos. Sfortunatamente, non l'ho guardato perfettamente perché i lavori archeologici sono in corso, ma I riuscito a scattare qualche foto.

Argilos

Secondo Tolomeo, il nome di Argilos è di origine tracia, anche se la città era una colonia di coloni dall'isola cicladica di Andros.La leggenda narra che i coloni andriani videro un animale sotterraneo, probabilmente una talpa, che era sacro al dio Sole Apollo e, quindi, nominò la città in base al terreno argilloso ("argilos" significa "argilla" in greco). Questa nozione è supportata dalle monete trovate nella regione che hanno una talpa rappresentata su di esse. L'origine andina della città è attestata dalle opere di Tucidide, che aggiunge anche che la città faceva parte di una più grande operazione coloniale da Andros (655-654 aC), tra cui diverse altre città intorno al Golfo di Strymon, come Aristotele città natale, Stagira. Come porto naturale, la città fungeva da centro commerciale dell'Egeo settentrionale.
clip_image011

Mosaico, Anfipoli

Dall'opera di Ateneo, "Deipnosophist", apprendiamo le colture locali, essendo cereali, vigneti e diversi alberi da frutto. Erano anche allevatori di animali molto esperti e fornivano la carne e l'intero territorio dell'Egeo. Erodoto menziona anche la città mentre descrive la marcia di Serse a sud del monte Pangaion, dove fece una breve sosta ad Argilos. La città di Argilos era la principale città portuale della regione prima della nascita di Anfipoli e della sua città portuale di Eion. Strabone menziona anche la città, quindi era ancora attiva durante l'epoca romana, anche se era già diminuita, e questa è l'ultima volta che la città è menzionata in racconti storici e geografici.

LION OF AMPHIPOLIS

Quasi a metà strada tra Anfipoli e Argilos si trova il monumento più iconico dell'antica regione di Serres e della Strymon Valley;il famoso leone di Anfipoli. Risale ai tempi di Alessandro Magno, ed è un monumento a uno dei suoi generali, Laomedonte di Mitilene. Questo leone rappresenta un simbolo per le comunità regionali, essendo qualcosa come uno stemma per la gente.Anche la squadra di calcio della città la usa come simbolo. È un simbolo di ciò che significa essere un cittadino di Serres.
clip_image012

Via, Anfipoli

Sono profondamente consapevole che chiunque stia leggendo questo articolo, potrebbe aspettarsi di vedere un po 'della tomba scoperta di recente. Sfortunatamente, il sito è così inaccessibile, che non c'è una strada vera da percorrere lì. Avrai bisogno di andare fuori strada per un po 'per raggiungere il luogo e ancora non sarà permesso di vedere i risultati. Quindi, anche se I piacerebbe borbottare sulla tomba, speculare su chi potrebbe aver gettato sul suo interno, non faceva parte della mia visita, quindi I posso divagare troppo.
Questa visita è stata l'ultima spedizione antica che I intrapreso durante quella visita in Grecia e I tornato a casa pieno di immagini, motivazione a leggere oltre, e un po 'di sano orgoglio nazionale! I anche frustrato nel vedere che ci sono così tante bellezze sia naturali che storiche che il paese avrebbe dovuto essere disseminato di destinazioni turistiche (più di quanto non sia già). Un visitatore straniero non può facilmente localizzare e accedere a questi luoghi, quindi è opportuno e la promozione è urgente. Nessuno dei posti che I visitato era più di un'ora di auto da una spiaggia incontaminata, una foresta verde o una montagna (nel caso di Anfipoli il mare è a dieci minuti di distanza), quindi il turismo avrebbe dovuto essere fiorente. È una questione che spero di vedere risolta in futuro o, almeno, considerata.

Governo egiziano antico › origini

Definizione e origini

Autore: Joshua J. Mark

clip_image013
Il governo dell'antico Egitto era una monarchia teocratica in quanto il re governato da un mandato degli dei, inizialmente era visto come un intermediario tra gli esseri umani e il divino, e avrebbe dovuto rappresentare la volontà degli dei attraverso le leggi approvate e le politiche approvate. Un governo centrale in Egitto è evidente da c. 3150 aev quando re Narmero unificò il paese, ma prima di questa data esisteva una qualche forma di governo. I Re Scorpione del Periodo Predinastico in Egitto(circa 6000-3150 AC) ovviamente avevano una forma di governo monarchico, ma non si sa esattamente come funzionasse.
Gli egittologi del XIX secolo hanno diviso la storia del paese in periodi per chiarire e gestire il loro campo di studi. I periodi in cui c'era un forte governo centrale sono chiamati "regni", mentre quelli in cui vi era disunione o nessun governo centrale sono chiamati "periodi intermedi". Nell'esaminare la storia egiziana è necessario capire che si tratta di designazioni moderne; gli antichi egizi non riconoscevano alcuna demarcazione tra i periodi di tempo da questi termini. Gli scribi del Medio Regno di Egitto (2040-1782 aC circa) potrebbero guardare indietro al tempo del Primo Periodo Intermedio (2181-2040 AC) come un "tempo di sventura", ma il periodo non aveva un nome ufficiale.
LA FORMA DI GOVERNO EGITTO E 'DURATA, CON PICCOLA MODIFICA, DA C. 3150 AC A 30 AC.
Il modo in cui il governo ha funzionato è cambiato leggermente nel corso dei secoli, ma il modello di base è stato stabilito nella Prima Dinastia d'Egitto (3150 circa - 2890 AC). Il re governava il paese con un visir come secondo in comando, funzionari governativi, scribi, governatori regionali (conosciuti come nomarchi ), sindaci della città, e, dopo il Secondo periodo intermedio (1782 circa - 1570 aC circa ), una forza di polizia. Dal suo palazzo nella capitale, il re avrebbe pronunciato le sue dichiarazioni, decretato le leggi e commissionato progetti di costruzione, e la sua parola sarebbe stata poi implementata dalla burocrazia che divenne necessaria per amministrare il governo nel paese. La forma di governo dell'Egitto è durata, con poche modifiche, da c. 3150 BCE a 30 BCE quando il paese fu annessa da Roma.

PERIODO DYNASTICO ANTICIPATO E VECCHIO REGNO

Il sovrano era conosciuto come un "re" fino al Nuovo Regno d'Egitto (1570-1069 aC) quando il termine " faraone "
(che significa "Grande casa", un riferimento alla residenza reale) entrò in uso. Il primo re fu Narmer (noto anche come Menes ) che istituì un governo centrale dopo aver unito il paese, probabilmente con mezzi militari. L'economia dell'Egitto era basata sull'agricoltura e utilizzava un sistema di baratto. I contadini della classe inferiore coltivavano la terra, davano il grano e altri prodotti al nobile proprietario terriero (mantenendo una modesta porzione per se stessi), e il proprietario del terreno trasformava il prodotto al governo per essere usato nel commercio o nella distribuzione al più ampia comunità.
Sotto il regno del successore di Narmer, Hor-Aha (circa il 3100-3050 aC) fu iniziato un evento noto come Shemsu Hor (seguito di Horus ) che sarebbe diventato una pratica standard per i re posteriori. Il re e il suo seguito viaggerebbero attraverso il paese e renderebbero così visibile la presenza e il potere del re ai suoi sudditi. L'egittologo Toby Wilkinson commenta:
Lo Shemsu Hor avrebbe servito diversi scopi contemporaneamente. Ha permesso al monarca di essere una presenza visibile nella vita dei suoi sudditi, ha permesso ai suoi funzionari di tenere d'occhio tutto ciò che stava accadendo nel paese in generale, implementando le politiche, risolvendo le dispute e dispensando giustizia; ha sostenuto i costi sostenuti per mantenere il tribunale e ha rimosso l'onere di sostenerlo tutto l'anno in un'unica sede; e, ultimo ma non meno importante, ha facilitato la valutazione sistematica e l'imposizione delle tasse. Poco dopo, durante la Seconda Dinastia, la corte riconobbe esplicitamente il potenziale attuariale del seguito di Horus.Successivamente, l'evento è stato combinato con un censimento formale della ricchezza agricola del paese. (44-45)
Lo Shemsu Hor (meglio conosciuto oggi come il conteggio del bestiame egiziano) divenne il mezzo attraverso il quale il governo valutava la ricchezza individuale e imponeva le tasse. Ogni distretto ( nome ) era diviso in province con un nomarca che amministrava l'operazione complessiva del nome, e poi i funzionari provinciali minori, e poi i sindaci delle città. Piuttosto che fidarsi di un nomarca per riferire accuratamente la sua ricchezza al re, lui e la sua corte si recherebbero per valutare personalmente tale ricchezza. Lo Shemsu Hor divenne così un importante evento annuale (più tardi biennale) nella vita degli egiziani e, molto più tardi, avrebbe fornito agli egittologi regni almeno approssimativi dei re poiché lo Shemsu Hor era sempre stato registrato per regno e anno.
Gli esattori delle tasse avrebbero seguito la valutazione dei funzionari nel seguito del re e raccolto una certa quantità di prodotti da ogni nome, provincia e città, che andarono al governo centrale. Il governo, quindi, userebbe quel prodotto nel commercio. Durante il Periodo Dinastico Antico questo sistema funzionò così bene che al tempo della III dinastia d'Egitto(2670-2613 aC circa) furono avviati progetti di costruzione che richiedevano costi sostanziali e una forza lavoro efficiente, il più noto e il più duraturo La piramide a gradoni del re Djoser. Durante il vecchio regno di Egitto (circa 2613-218 aC) il governo era abbastanza ricco da costruire monumenti ancora più grandi come le piramidi di Giza.
La persona più potente del paese dopo il re era il visir. A volte c'erano due visir, uno per l'Upper e uno per il Basso Egitto. Il visir era la voce del re e del suo rappresentante e di solito era un parente o qualcuno molto vicino al monarca. Il visir gestiva la burocrazia del governo e delegava le responsabilità secondo gli ordini del re. Durante il Vecchio Regno, i visir sarebbero stati responsabili dei progetti di costruzione e della gestione di altri affari.
clip_image014

Imhotep

Verso la fine del Vecchio Regno, i visir si fecero meno vigili mentre la loro posizione si faceva più comoda. L'enorme ricchezza del governo stava andando a questi imponenti progetti di costruzione a Giza, ad Abusir, Saqqara e Abydos ei sacerdoti che amministravano i complessi del tempio in questi siti, così come i nomarchi ei governatori provinciali, stavano diventando sempre più ricchi. Man mano che la loro ricchezza cresceva, aumentava anche il loro potere, e man mano che il loro potere cresceva, erano sempre meno inclini a preoccuparsi molto di ciò che il re pensava o di ciò che il suo visir poteva o non poteva pretendere da loro. L'ascesa del potere dei preti e dei nomarchi significò un declino in quello del governo centrale che, combinato con altri fattori, portò al collasso del Vecchio Regno.

PRIMO PERIODO INTERMEDIO E REGNO MEDIO

I re regnarono ancora dalla loro capitale di Menfi all'inizio del Primo Periodo Intermedio, ma avevano pochissimo potere effettivo. I nomarchi amministrarono le loro regioni, riscossero le tasse, costruirono i loro templi e monumenti in loro onore e commissionarono le loro tombe. I primi re del Primo Periodo Intermedio (7 ° -10 ° dinastia) erano così inefficaci che i loro nomi sono a malapena ricordati e le loro date sono spesso confuse. I nomarchi, d'altra parte, sono cresciuti costantemente al potere. La storica Margaret Bunson spiega il loro ruolo tradizionale prima del Primo Periodo Intermedio:
Il potere di questi sovrani locali fu modificato in tempi di forti faraoni, ma generalmente servivano il governo centrale, accettando il ruolo tradizionale di essere Primo Sotto Il Re. Questo grado indicava il diritto di un ufficiale di amministrare un particolare nome o provincia per conto del faraone. Tali funzionari erano responsabili dei tribunali, del tesoro, degli uffici fondiari, dei programmi di conservazione, delle milizie, degli archivi e dei magazzini della regione. Riferirono al visir e alla tesoreria reale sugli affari all'interno della loro giurisdizione.(103)
Durante il primo periodo intermedio, tuttavia, i nomarchi hanno usato le loro crescenti risorse per servire se stessi e le loro comunità. I re di Memphis, forse nel tentativo di riguadagnare parte del loro prestigio perduto, trasferirono la capitale nella città di Herakleopolis, ma non vi ebbero più successo che nella vecchia capitale.
C. 2125 aEV un sovrano noto come Intef I salì al potere in una città di provincia chiamata Tebe nell'Alto Egitto e ispirò la sua comunità a ribellarsi contro i re di Menfi. Le sue azioni avrebbero ispirato coloro che gli succedettero e alla fine porteranno alla vittoria di Mentuhotep II sui re di Herakleopolis c. 2040 aC, iniziando il Regno di Mezzo.
Mentuhotep II regnò da Tebe. Sebbene avesse spodestato i vecchi re e iniziato una nuova dinastia, modellò il suo dominio su quello dell'Antico Regno. L'Antico Regno fu considerato una grande epoca nella storia dell'Egitto, e le piramidi ei complessi espansivi di Giza e altrove erano potenti ricordi della gloria del passato. Uno dei vecchi schemi che teneva, che era stato trascurato durante l'ultima parte dell'Antico Regno, era la duplicazione delle agenzie per l'Alto e il Basso Egitto, come spiega Bunson:
In generale, gli uffici amministrativi del governo centrale erano duplicati esatti delle tradizionali agenzie provinciali, con una differenza significativa. Nella maggior parte dei periodi gli uffici erano raddoppiati, uno per l'Egitto superiore e uno per il Basso Egitto. Questa dualità fu portata avanti anche nell'architettura, fornendo palazzi con due entrate, due sale del trono, ecc. La nazione si considerava come un tutto, ma c'erano alcune tradizioni risalenti ai leggendari antenati settentrionali e meridionali, i re semi-divini del periodo predinastico e al concetto di simmetria. (103)
La duplicazione delle agenzie non solo onorava ugualmente il nord e il sud dell'Egitto ma, cosa più importante per il re, manteneva un controllo più stretto di entrambe le regioni. Il successore di Mentuhotep II, Amenemhat I (circa dal 1991 al 1962 aEV), trasferì la capitale nella città di Iti-tawy vicino a Lisht e continuò la vecchia politica, arricchendo il governo abbastanza rapidamente da iniziare i propri progetti di costruzione. Il suo spostamento della capitale da Tebe a Lisht potrebbe essere stato un tentativo di unificare ulteriormente l'Egitto centrando il governo nel mezzo del paese anziché a sud. In uno sforzo che ha frenato il potere dei nomarchi, Amenemhat I creato il primo esercito permanente in Egitto direttamente sotto il controllo del re.Prima di questo, gli eserciti sono stati sollevati con la coscrizione nei diversi distretti e il nomarca ha poi inviato i suoi uomini al re. Ciò conferì ai nomarchi un grande potere in quanto la lealtà degli uomini dipendeva dalla loro comunità e governatrice regionale. Un esercito permanente, leale prima al re, incoraggiò il nazionalismo e una più forte unità.
clip_image015

Mentuhotep II

Il successore di Amenemhat I, Senusret I (1971- c.1926 aC) ha continuato la sua politica e ha ulteriormente arricchito il paese attraverso il commercio. È Senusret I che per primo costruisce un tempio ad Amun nel sito di Karnak e avvia la costruzione di una delle più grandi strutture religiose mai costruite. I fondi di cui il governo aveva bisogno per progetti così imponenti provenivano dal commercio e per commerciare i funzionari tassarono il popolo egiziano. Wilkinson spiega come ha funzionato:
Quando si trattava di riscuotere le tasse, sotto forma di una parte dei prodotti agricoli, dobbiamo assumere una rete di funzionari gestiti per conto dello stato in tutto l'Egitto. Non c'è dubbio che i loro sforzi sono stati sostenuti da misure coercitive. Le iscrizioni lasciate da alcuni di questi funzionari governativi, per lo più sotto forma di impressioni di sigilli, ci permettono di ricreare il funzionamento del tesoro, che era di gran lunga il dipartimento più importante fin dall'inizio della storia egiziana. I prodotti agricoli raccolti come entrate del governo sono stati trattati in due modi. Una certa proporzione andava direttamente alle officine statali per la fabbricazione di prodotti secondari - per esempio, sego e cuoio da bestiame; maiale dai maiali; lino dal lino; pane, birra e vimini da grano.Alcuni di questi prodotti a valore aggiunto sono stati quindi scambiati e scambiati con profitto, producendo ulteriori entrate statali; altri sono stati ridistribuiti come pagamento ai dipendenti statali, finanziando così la corte e i suoi progetti. La restante porzione di prodotti agricoli (principalmente grano) è stata messa in deposito nei granai governativi, probabilmente situati in tutto l'Egitto in importanti centri regionali. Alcuni dei cereali immagazzinati erano usati allo stato grezzo per finanziare le attività dei tribunali, ma una parte significativa era messa da parte come scorte di emergenza, da utilizzare in caso di un raccolto insufficiente per aiutare a prevenire una carestia diffusa. (45-46)
I nomarchi del Regno di Mezzo collaborarono pienamente con il re nell'invio di risorse, e questo in gran parte perché la loro autonomia era ora rispettata dal trono in un modo che non era stato in precedenza. L'arte durante il periodo del Regno di Mezzo mostra una variazione molto più grande di quella del Vecchio Regno che suggerisce un valore maggiore posto su gusti regionali e stili distinti piuttosto che solo espressioni approvate dalla corte e regolate. Inoltre, le lettere del tempo chiariscono che ai nomarchi fu accordato un rispetto dai re della XII dinastia, che non avevano conosciuto durante l'Antico Regno. Sotto il regno di Senusret III (1878-1860 aC circa) il potere dei nomarchi fu ridotto e i nomes furono riorganizzati. Il titolo di nomarchscompare completamente dagli archivi ufficiali durante il regno di Senusret III, suggerendo che è stato abolito. I governanti provinciali non avevano più le libertà di cui avevano goduto in precedenza, ma continuavano a beneficiare della loro posizione;ora erano solo più fermamente sotto il controllo del governo centrale.
La dodicesima dinastia del Regno medio dell'Egitto (2040-1802 aC circa) è considerata "l'età d'oro" del governo, dell'arte e della cultura egiziana, quando furono create alcune delle più significative opere letterarie e artistiche, l'economia era solida e un forte governo centrale ha potenziato il commercio e la produzione. La produzione di massa di manufatti come statuaria (bambole shabti, per esempio) e gioielli durante il Primo Periodo Intermedio aveva portato al sorgere del consumismo di massa che continuò durante questo periodo del Regno di Mezzo ma con maggiore abilità producendo opere di qualità superiore. La tredicesima dinastia (circa 1802-1772 aC) fu più debole della dodicesima. Il comfort e l'alto tenore di vita del Medio Regno diminuirono quando i governatori regionali assunsero nuovamente più potere, i sacerdoti accumularono più ricchezza e il governo centrale divenne sempre più inefficace. Nell'estremo nord dell'Egitto, ad Avaris, un popolo semitico si era stabilito attorno ad un centro commerciale e, durante la XIII dinastia, queste persone crebbero al potere fino a quando furono in grado di affermare la propria autonomia e quindi espandere il loro controllo sulla regione. Questi erano gli Hyksos("re stranieri"), la cui ascesa indica la fine del Regno di Mezzo e l'inizio del Secondo Periodo Intermedio dell'Egitto.

SECONDO PERIODO INTERMEDIO E NUOVO REGNO

I successivi scrittori egiziani hanno caratterizzato il periodo degli Hyksos come caotici e hanno affermato di aver invaso e distrutto il paese. In realtà, gli Hyksos ammiravano la cultura egiziana e la adottarono come propria. Sebbene abbiano condotto incursioni nelle città egiziane come Memphis, portando statue e monumenti su Avaris, si vestivano da egiziani, adoravano divinità egizie e incorporavano elementi del governo egiziano nella loro.
Il governo egiziano di Itj-tawi vicino a Lisht non riuscì più a controllare la regione e abbandonò il Basso Egitto agli Hyksos, riportando la capitale a Tebe. Quando gli Hyksos conquistarono il potere nel nord, i Kushiti avanzarono nel sud e ripresero le terre conquistate dall'Egitto sotto Senusret III. Gli egiziani di Tebe hanno tollerato questa situazione fino al c. 1580 AC quando il re egiziano Seqenenra Taa (noto anche come Ta'O) sentì di essere stato insultato e sfidato dal re Hyksos Apepi e attaccato.Questa iniziativa fu raccolta e promossa da suo figlio Kamose (1575 aC circa) e infine da suo fratello Ahmose I (1570 ca.-1544 aEV), che sconfisse gli Hyksos e li cacciarono dall'Egitto.
La vittoria di Ahmose I inizia il periodo conosciuto come il Nuovo Regno d'Egitto, l'era più nota e meglio documentata della storia egiziana. A quel tempo, il governo egiziano fu riorganizzato e riformato leggermente in modo che ora la gerarchia andasse dal faraone in cima, al visir, al tesoriere reale, al generale dei militari, ai sorveglianti (supervisori di luoghi governativi come i luoghi di lavoro) e scrivani che tenevano i registri e trasmettevano la corrispondenza.
clip_image016

Stela di Ptahmay

Il Nuovo Regno vide anche l'istituzionalizzazione delle forze di polizia iniziata sotto Amenemhet I. Le sue prime unità di polizia erano membri delle tribù beduine che sorvegliavano i confini ma avevano poco a che fare con il mantenimento della pace domestica. La polizia del Nuovo Regno era Medjay, guerrieri nubiani che avevano combattuto gli Hyksos con Ahmose I e furono ricompensati con la nuova posizione. La polizia fu organizzata dal visir sotto la direzione del faraone. Il visir avrebbe quindi delegato l'autorità ai funzionari di grado inferiore che gestivano le varie pattuglie della Polizia di Stato. La polizia custodiva templi e complessi mortuari, assicurava i confini e sorvegliava l'immigrazione, sorvegliava al di fuori tombe reali e cimiteri e sorvegliava lavoratori e schiavi nelle miniere e nelle cave di roccia. Sotto il regno di Ramesse II (1279-1213 AC) i Medjay furono le sue guardie del corpo personali. Per la maggior parte del loro mandato, però, mantennero la pace lungo i confini e intervenirono nelle questioni cittadine sotto la direzione di un alto funzionario. Col tempo, alcune di queste posizioni vennero tenute dai preti come spiega Bunson:
Le unità della polizia del tempio erano normalmente composte da sacerdoti incaricati di mantenere la santità dei complessi del tempio. Le norme relative al sesso, al comportamento e all'atteggiamento durante e prima di tutte le cerimonie rituali richiedevano una certa vigilanza e i templi tenevano a disposizione il proprio popolo per assicurare uno spirito armonioso. (207)
La polizia del tempio sarebbe stata tenuta particolarmente impegnata durante le feste religiose, molte delle quali (come quella di Bastet o Hathor ) incoraggiavano a bere fino all'eccesso e lasciar andare le proprie inibizioni.
Il Nuovo Regno vide anche la riforma e l'espansione dell'esercito. L'esperienza dell'Egitto con gli Hyksos aveva mostrato loro quanto facilmente una potenza straniera potesse dominare il loro paese, e non erano interessati a sperimentarlo una seconda volta. Ahmose I concepito per la prima volta l'idea di zone cuscinetto intorno ai confini dell'Egitto per mantenere il paese sicuro, ma questa idea è stata portata avanti da suo figlio e dal successore Amenhotep I (1541-1520 aC circa).
L'esercito che Ahmose I guidava contro gli Hyksos era composto da regolari egiziani, coscritti e mercenari stranieri come il Medjay. Amenhotep I addestrato un esercito egiziano di professionisti e li I condotti in Nubia per completare le campagne di suo padre e riconquistare le terre perse durante la XIII dinastia. I suoi successori continuarono l'espansione dei confini dell'Egitto ma nient'altro che Tuthmosis III (1458-1425 AC), che stabilì l' impero egiziano conquistando terre dalla Siria alla Libia e attraverso la Nubia.
Al tempo di Amenhotep III (1386-1353 aEV) l'Egitto era un vasto impero con accordi diplomatici e commerciali con altre grandi nazioni come gli Ittiti, i Mitanni, l'Impero assiro e il Regno di Babilonia. Amenhotep III regnava su un paese così vasto e sicuro che era in grado di occuparsi principalmente di monumenti edilizi. Costruì così tanti infatti che i primi egittologi gli attribuirono un regno eccezionalmente lungo.
clip_image017

Amenhotep III

Suo figlio avrebbe in gran parte annullato tutte le grandi conquiste del Nuovo Regno attraverso la riforma religiosa che ha minato l'autorità del faraone, distrutto l'economia e inasprito i rapporti con le altre nazioni. Akhenaton (1353-1336 AC), forse nel tentativo di neutralizzare il potere politico dei sacerdoti di Amon, bandì tutte le sette religiose nel paese tranne quella del suo dio personale Aten. Chiuse i templi e trasferì la capitale da Tebe a una nuova città che costruì nella regione di Amarnachiamata Akhetaten dove si impadronì della moglie Nefertiti, della sua famiglia e degli affari di stato trascurati.
La posizione del faraone era legittimata dalla sua adesione alla volontà degli dei. I templi di tutto l'Egitto non erano solo luoghi di culto, ma anche fabbriche, dispensari, laboratori, centri di consulenza, case di cura, centri educativi e culturali. Chiudendoli, Akhenaten portò l'arresto del Nuovo Regno ad una battuta d'arresto mentre commissionava nuovi templi e santuari costruiti secondo la sua fede monoteista nell'unico dio Aten. Il suo successore, Tutankhamon (1336-1327 aEV), invertì le sue politiche, restituì la capitale a Tebe e riaprì i templi, ma non sopravvisse abbastanza a lungo per completare il processo. Ciò fu compiuto dal faraone Horemheb (1320-1295 aEV) che tentò di cancellare qualsiasi prova che Akhenaton fosse mai esistito.Horemheb riportò l'Egitto in una posizione sociale con altre nazioni, migliorò l'economia e ricostruì i templi che erano stati distrutti, ma il paese non raggiunse mai le vette che aveva conosciuto sotto Amenhotep III.
Il governo del Nuovo Regno iniziò a Tebe, ma Ramesse II la trasferì a nord in una nuova città che costruì sul sito dell'antica Avaris, Per Ramesses. Tebe continuò come importante centro religioso principalmente a causa del Grande Tempio di Amon a Karnak a cui ogni faraone del Nuovo Regno contribuì. Le ragioni della mossa di Ramesse II non sono chiare, ma uno dei risultati fu che, con la capitale del governo lontana in Per Ramesses, i sacerdoti di Amon a Tebe erano liberi di fare ciò che volevano. Questi preti aumentarono il loro potere al punto in cui rivaleggiavano con il faraone e il Nuovo Regno finì quando i sommi sacerdoti di Tebe governarono da quella città mentre l'ultimo dei faraoni del Nuovo Regno lottò per mantenere il controllo di Per Ramesses.
clip_image018

Lista del re egiziano

PERIODO TARDO DI ANTICHETTA EGITTO E DINASTIA PTOLEMAICA

L'Egitto fu di nuovo diviso poiché entrò nel Terzo Periodo Intermedio (1069-525 AC). Il governo di Tebe sosteneva la supremazia pur riconoscendo la legittimità dei sovrani di Per Ramesses e il loro matrimonio con loro. La divisione del governo indebolì l'Egitto che iniziò a degenerare in guerre civili durante il periodo tardo (circa 664-332 aEV). In quel momento, gli aspiranti sovrani dell'Egitto si combatterono a vicenda usando mercenari greci che, col tempo, persero interesse per la lotta e avviò le loro comunità nella valle del Nilo.
Nel 671 e nel 666 aEV gli assiri invasero e presero il controllo del paese, e nel 525 aEV i persiani invasero. Sotto il dominio persiano l'Egitto divenne una satrapia con la capitale a Memphis e, come gli assiri prima di loro, i Persiani furono posti in tutte le posizioni di potere. Quando Alessandro Magno conquistò la Persia, prese l'Egitto nel 331 aC, fece incoronare il faraone a Menfi e collocò i suoi macedoni al potere.
Dopo la morte di Alessandro, il suo generale Tolomeo (323-285 aEV) fondò la dinastia tolemaica in Egitto che durò dal 323-30 aC. I Tolomei, come gli Hyksos prima di loro, ammiravano molto la cultura egiziana e la incorporarono nel loro dominio.Tolomeo Ho cercato di fondere insieme le culture della Grecia e dell'Egitto per creare un paese armonioso e multinazionale - e ci è riuscito - ma non è durato molto oltre il regno di Tolomeo V (204-181 aEV). Sotto il regno di Tolomeo V, il paese era di nuovo in rivolta e il governo centrale era debole. L'ultimo faraone tolemaico d'Egitto era Cleopatra VII (69-30 aC), e dopo la sua morte il paese fu annessa da Roma.

LEGACY

La teocrazia monarchica egiziana è durata oltre 3.000 anni, creando e mantenendo una delle più grandi culture antiche del mondo. Molti dei dispositivi, i manufatti e le pratiche del giorno moderno hanno avuto origine nei periodi più stabili dell'Egitto, del Medio e del Nuovo Regno in Egitto, quando esisteva un forte governo centrale che forniva la stabilità necessaria per la creazione di arte e cultura.
clip_image019

Tavolozza di Egpytian Scribe

Gli egiziani hanno inventato la carta e l'inchiostro colorato, hanno avanzato l'arte della scrittura, sono stati i primi a utilizzare ampiamente i cosmetici, hanno inventato lo spazzolino, il dentifricio e le mentine per l'alito, conoscenze e pratiche mediche avanzate come riparare le ossa rotte e eseguire interventi chirurgici, creato orologi ad acqua e calendari (che originano il calendario di 365 giorni in uso oggi), oltre a perfezionare l'arte della birra, i progressi agricoli come l'aratro trainato dai buoi e persino la pratica di indossare le parrucche.
I re e i successivi faraoni dell'antico Egitto iniziarono i loro regni offrendo se stessi al servizio della dea della verità, Ma'at, che personificava l'armonia e l'equilibrio universale e incarnava il concetto di ma'at che era così importante per la cultura egiziana.Mantenendo l'armonia, il re d'Egitto ha fornito alle persone una cultura che incoraggiava la creatività e l'innovazione. Ogni re avrebbe iniziato il suo regno "presentando Ma'at" agli altri dèi del pantheon egiziano come un modo per assicurare loro che avrebbe seguito i suoi precetti e incoraggiare il suo popolo a fare lo stesso durante il suo regno. Il governo dell'antico Egitto, per la maggior parte, manteneva questo accordo divino con i loro dei e il risultato fu la grande civiltà dell'antico Egitto.

Legge egiziana antica › origini

Definizione e origini

Autore: Joshua J. Mark

clip_image020
L'antica cultura egizia fiorì attraverso l'adesione alla tradizione e il loro sistema legale seguì questo stesso paradigma. Le leggi basilari e le prescrizioni legali erano in vigore in Egitto già nel periodo predinastico (circa 6000- 3150 aC) e continuarono, e si svilupparono, fino all'annessione dell'Egitto da parte di Roma nel 30 aEV. La legge egiziana era basata sul valore culturale centrale di ma'at (armonia) che era stato istituito all'inizio degli anni dagli dei. Per essere in pace con se stessi, la propria comunità e gli dei, tutto ciò che si doveva fare era vivere una vita di considerazione, consapevolezza ed equilibrio in accordo con Ma'at.
Gli umani non sono sempre premurosi o consapevoli, tuttavia, e la storia illustra bene quanto male mantengano l'equilibrio; e così furono create leggi per incoraggiare le persone sulla strada desiderata. Poiché la legge era fondata su un principio divino così semplice, e poiché sembrava chiaro che aderire a quel principio era benefico per tutti, i trasgressori venivano spesso puniti severamente. Sebbene ci siano certamente casi di indulgenza nei confronti di sospetti criminali, il parere legale operativo è che uno era colpevole fino a prova contraria, poiché altrimenti non sarebbe stato accusato in primo luogo.
La legge nell'antico Egitto funzionava come oggi in ogni paese: c'era una serie di regole concordate che erano state formulate da uomini che erano considerati esperti nel campo, un sistema giudiziario che soppesava le prove di infrazioni di quelle regole, e agenti di polizia che hanno applicato quelle regole e hanno consegnato i trasgressori alla giustizia.
AL TOP DELLA GERARCHIA GIUDIZIARIA EGIZIANA VENIVA IL PHARAOH, IL RAPPRESENTANTE DEGLI DEI E LA LORO GIUSTIZIA DIVINA, E APPENA BENE LO HAI IL SUO VIZIER.
Non è stato ancora trovato un codice di legge egiziano corrispondente a documenti mesopotamici come il Codice di Ur-Nammu o il Codice di Hammurabi, ma è chiaro che uno deve esistere perché il precedente nel decidere i casi legali è stato fissato al momento del Periodo dinastico (3150 circa - 2613 aC circa) come dimostra il loro uso consolidato nei primi anni dell'Antico Regno (intorno al 2613-2181 aEV). Questi precedenti furono poi usati in casi di giudizio durante il Regno di Mezzo (2040-1782 aEV) e in seguito attraverso il resto della storia del paese.

STRUTTURA DEL SISTEMA GIURIDICO

Anche se le specifiche del loro codice di legge sono sconosciute, i principi da esso derivati sono chiari. L'egittologa Rosalie David commenta questo:
Rispetto ad altre antiche civiltà, la legge egiziana ha prodotto poche prove per le sue istituzioni. Era, tuttavia, chiaramente governato da principi religiosi: si credeva che la legge fosse stata tramandata all'umanità dagli dei della Prima Occasione (il momento della creazione), e che gli dei fossero ritenuti responsabili di stabilire e perpetuare la legge. (93).
In cima alla gerarchia giudiziaria c'era il re, il rappresentante degli dei e la loro giustizia divina, e proprio sotto di lui c'era il suo visir. Il visir egiziano aveva molte responsabilità e una di queste era l'amministrazione pratica della giustizia. Il visir ha ascoltato personalmente le cause, ma ha anche nominato magistrati inferiori e, a volte, si è coinvolto con i tribunali locali se le circostanze lo richiedevano.
Il sistema legale si formò inizialmente a livello regionale, nei singoli distretti (chiamati nomes ) e fu presieduto dal governatore ( nomarch ) e dal suo maggiordomo. Durante l'Antico Regno, questi tribunali regionali erano saldamente consolidati sotto il visir del re ma, come nota David, il sistema giudiziario in qualche modo era esistito in precedenza:
Iscrizioni in tombe e su stele e papiri, che forniscono le prime transazioni legali esistenti, possono essere datate al Vecchio Regno. Indicano che il sistema legale è stato ben sviluppato entro questa data e suggerisce che ci debba essere stato un lungo periodo di sperimentazione in anticipo. La legge egiziana si colloca con il sumero come il sistema giuridico superstite più antico del mondo e la sua complessità e lo stato di sviluppo sono all'altezza della legge greca e medievale. (93).
La prima forma di legge a livello regionale era probabilmente piuttosto semplice, ma divenne più burocratica durante l'Antico Regno. Anche così, in questo momento, i giudici erano spesso sacerdoti che conferivano con il loro Dio per raggiungere un verdetto piuttosto che valutare le prove e l'ascolto di testimonianze.
clip_image021

Ma'at

E 'stato solo durante il Medio Regno che giudici professionali sono stati installati a presiedere i tribunali e il sistema giudiziario operato su un più razionale, paradigma riconoscibile. Questo periodo ha visto anche la creazione della prima forza di polizia professionale che rispettare la legge, ha preso in custodia i sospetti, e ha testimoniato in tribunale.

AMMINISTRAZIONE DELLA LEGGE

I tribunali che amministrava la legge sono stati i Seru (un gruppo di anziani in una comunità rurale), il kenbet (un tribunale a livello regionale e nazionale) e il djadjat (la corte imperiale). Se un reato sono stati commessi in un villaggio e l'Seru non ha potuto raggiungere un verdetto il caso sarebbe salito al kenbet e poi eventualmente il djadjat ma questo sembra un evento raro. Di solito, tutto ciò che è accaduto in un villaggio è stato gestito dal Seru di quella città. Il kenbet è pensato per essere stato il corpo che ha reso le leggi e comminata punizioni a livello regionale (distretto) livello, sia a livello nazionale e la djadjat ha reso la sentenza definitiva sulla questione se una legge è stata legale e vincolante in conformità a MA' a.
In generale, gli antichi Egizi sembrano essere stati i cittadini rispettosi della legge per gran parte della storia della cultura, ma, ancora, ci sono stati argomenti relativi diritti sulla terra e di acqua e le controversie sulla proprietà di bestiame o i diritti di un certo lavoro ereditaria o titolo. Bunson nota come:
Egiziani aspettato in fila ogni giorno per dare ai giudici la loro testimonianza o le loro petizioni. Le decisioni in materia tali questioni sono basate su pratiche legali tradizionali, anche se ci deve essere stato scritto codici disponibili per lo studio. (145).
I giudici Bunson riferimenti sono stati i membri della kenbet e ogni capitale di ogni distretto ha avuto uno in sessione giornaliera.
clip_image016 [1]

Stele di Ptahmay

Il visir era in ultima analisi, il giudice supremo, ma la maggior parte dei casi giudiziari sono stati gestiti dai magistrati inferiori. Molti dei casi sentito dispute sulla proprietà coinvolte in seguito alla morte del patriarca o matriarca di una famiglia. Non c'erano volontà in Egitto, ma una persona potrebbe scrivere un documento di trasferimento rendendo chiaro chi dovrebbe ricevere quali porzioni di proprietà o oggetti di valore. Allora come oggi, però, questi documenti sono stati spesso contestate da membri della famiglia che hanno preso l'un l'altro in tribunale.
Ci sono stati anche casi di abusi domestici, il divorzio e l'infedeltà. Le donne potevano citare in giudizio per il divorzio così facilmente come gli uomini e potrebbero anche portare abiti per quanto riguarda le vendite di terreni e accordi commerciali. I casi che coinvolgono l'infedeltà sono state depositate da entrambi i sessi e la punizione per il colpevole era grave.

Crime & Punishment

Infedeltà era considerato un grave reato solo se gli individui coinvolti reso uno. Un marito la cui moglie aveva una relazione poteva perdonarla e lasciare che la questione vada o potrebbe perseguire. Se ha scelto di prendere la moglie in tribunale, e lei sono stati trovati colpevole, la pena potrebbe essere il divorzio e l'amputazione del naso o di morte sul rogo. Un marito infedele che è stato perseguito dalla moglie potrebbe ricevere fino a 1.000 colpi, ma non ha la pena di morte. Mentre la famiglia nucleare è stata considerata la base per una comunità stabile, l'adulterio era un reato grave, ma, ancora una volta, solo se le persone coinvolte ha portato all'attenzione delle autorità o, in alcuni casi, se un vicino informato contro di loro.
IN tribunali egiziani, una persona che era stato accusato ERA colpevoli fino a prova, SO TESTIMONI stati spesso battuti per assicurarsi che fossero dicendo la verità.
Questo stesso modello sembra essere stato seguito in altre aree. Era dovere della famiglia per fornire tomba offerte per i loro cari defunti e, se non hanno avuto il tempo, potrebbero assumere qualcun altro a farlo. Queste sostituzioni erano conosciuti come ka-sacerdoti che, per un prezzo, fornirebbero offerte quotidiane di cibo e bevande in una tomba. Fino a quando la famiglia continuava a pagamento, un ka-prete avrebbe dovuto mantenere la sua posizione e anche tramandarla a suo figlio. Se una famiglia ha smesso di pagare, il prete potrebbe semplicemente andare avanti o potrebbe citare in giudizio la famiglia per la continuazione della posizione e pay back. Una famiglia potrebbe anche prendere un ka-Priest in tribunale per non adempiere i suoi doveri giurati.
Non c'erano avvocati in Egitto. Un sospetto è stato interrogato dalla polizia e il giudice in tribunale e testimoni sono stati portati a testimoniare a favore o contro l'imputato. Dal momento che la convinzione prevalente era che una persona che era stato accusato era colpevole fino a prova, i testimoni erano spesso picchiati per assicurarsi che essi stavano dicendo la verità. Una volta che uno era stato accusato di un crimine, anche se si dovesse finalmente trovato innocente, il proprio nome è stato mantenuto il record come essere stato un sospetto. Come tale, disonore pubblico sembra essere stato così grande deterrente come qualsiasi altra punizione. Anche se si all'esonero totale di tutte le malefatte, si potrebbe ancora essere conosciuto in una comunità come un ex sospetto.
E 'stato a causa di questo che la testimonianza dei cittadini in materia di un carattere - così come uno di alibi - era così importante e perché falsi testimoni sono stati trattati così duramente. Si potrebbe accusare falsamente un vicino di infedeltà per qualsiasi numero di motivi personali e, anche se l'imputato sono stati trovati innocenti, essi sarebbero ancora in disgrazia.
Una carica falso, di conseguenza, è stato considerato un serio reato e non solo perché è caduto in disgrazia un cittadino innocente, ma perché è messo in discussione l'efficacia della legge. Se un innocente potrebbe essere punito con un sistema che ha sostenuto origine divina allora o il sistema era sbagliato o gli dei erano, e le autorità non erano interessati ad avere le persone discutono questi punti. Il falso testimone, di conseguenza, è stato trattato con durezza: chi volutamente e consapevolmente mentito alla corte su un crimine poteva aspettarsi alcun tipo di punizione da amputazione a morte per annegamento. A causa di questa situazione, nel complesso sembra che ogni tentativo è stato fatto per determinare la colpevolezza di un sospetto e misurerò la giusta punizione.
clip_image022

Amun

In generale, se il reato fosse serio - come lo stupro, l'omicidio, il furto su larga scala, o tomba furto - la pena era la morte o sfregio. Gli uomini riconosciuti colpevoli di stupro sono stati castrati o aveva loro pene amputato. Assassini furono battuti e quindi alimentati ad coccodrilli, bruciato vivo, o eseguito in altri modi sgradevoli. I ladri di solito ha subito l'amputazione del naso, mani o piedi. David fa notare la punizione per coloro che hanno ucciso i membri della propria famiglia:
I bambini che hanno ucciso i loro genitori sono stati sottoposti a una prova in cui i pezzi della loro carne sono stati tagliati fuori con canne prima di essere collocati su un letto di spine e bruciati vivi. Tuttavia, i genitori che hanno ucciso i loro figli non sono stati messi a morte, ma sono stati invece costretti a tenere il corpo del bambino morto per tre giorni e tre notti. (94).

Declino del sistema

Il problema dei falsi testimoni non era così prevalente nei primi secoli della civiltà, ma è diventato più frequente con il declino dell'impero egiziano e una perdita di fiducia nei concetti che erano regolamentati società e la cultura egiziana per migliaia di anni. Durante l'ultima parte del regno di Ramesse III (1186-1155 aC), la fede nel primato della Ma'at ha cominciato a rompere verso il basso quando il faraone sembrava meno interessati con il benessere del suo popolo che con la sua vita a corte.
Lo sciopero della tomba a Deir el-Medina nel 1159 aEV è la prova più chiara della fratturazione di una burocrazia che è servita alla società da millenni. Questi lavoratori venivano regolarmente pagati in grano, birra e altri oggetti necessari per i quali si affidavano al governo poiché vivevano - a discrezione del governo - in una valle isolata fuori Tebe. Quando i salari non sono arrivati, i lavoratori hanno scioperato e gli ufficiali non sono stati in grado di gestire la situazione.
Il faraone non era riuscito a sostenere e mantenere Ma'at e questo ha colpito tutti dall'alto verso il basso nella gerarchia della struttura sociale egiziana. Il furto della tomba è diventato più diffuso - così come i falsi testimoni - e persino le forze dell'ordine sono diventate corrotte. La testimonianza di un ufficiale di polizia è stata considerata del tutto affidabile, ma la polizia durante l'ultima parte del Nuovo Regno potrebbe accusare qualcuno, farli condannare e quindi prendere ciò che desiderava dai beni del sospettato.
clip_image023

Ipuwer Papyrus

Una lettera dal regno di Ramesses XI (1107-1077 aEV) discute di due poliziotti che sono accusati come falsi testimoni.L'autore della lettera, un generale nell'esercito, incarica il destinatario di far portare i due ufficiali a casa sua dove saranno esaminati e, se giudicati colpevoli, saranno annegati in ceste nel fiume Nilo. Il generale, tuttavia, fa attenzione a ricordare al destinatario della lettera di affogare gli ufficiali di notte e di assicurarsi che "non permettano a nessuno nella terra di scoprirlo" (van de Mieroop, 257). Questo avvertimento cautelare, e altri simili, è stato fatto per cercare di coprire la corruzione della polizia e di altri funzionari. Nessuna ammonizione o copertura potrebbe aiutare, tuttavia, perché la corruzione era così diffusa.
Anche in questo momento, i rapinatori di tombe che sono stati catturati e condannati potrebbero comprare la loro uscita dal carcere e condannare corrompendo un poliziotto, un ufficiale giudiziario o uno scriba con una parte del tesoro che avevano rubato e poi tornare a rubare tombe. I giudici che dovevano consegnare le sentenze potrebbero invece fungere da recinti per i beni rubati. I visir che dovevano incarnare e sostenere la giustizia e l'equilibrio erano impegnati a arricchirsi a spese degli altri.Come affermato in precedenza, il faraone, che avrebbe dovuto mantenere il fondamento di tutta la sua civiltà, era più interessato, in questo momento, al proprio conforto e alla gratificazione dell'ego che alle responsabilità del suo ufficio.
Inoltre, gli ultimi anni del Nuovo Regno e l'era successiva del Terzo Periodo Intermedio (1069-525 aC circa) videro un ritorno del sistema legale alla metodologia del Vecchio Regno di consultare un dio riguardo l'innocenza o la colpa. Il Culto di Amon, regolarmente il più potente in Egitto, aveva ormai quasi eclissato l'autorità del trono. Durante il Terzo Periodo Intermedio, i sospetti sarebbero stati portati davanti ad una statua di Amon e il dio avrebbe emesso un verdetto. Ciò è stato compiuto da un prete all'interno o dietro la statua, spostandolo in un modo o nell'altro per dare una risposta. Questo metodo di amministrazione della giustizia ha permesso numerosi abusi, ovviamente, dal momento che i casi venivano ora ascoltati da un prete che si nasconde in una statua piuttosto che da un giudice ufficialmente nominato in un tribunale.
Sebbene l'Egitto vedrebbe alcuni momenti luminosi nel ritorno alla legge e all'ordine durante i periodi successivi, il sistema giuridico non funzionerà mai più efficacemente come nei periodi precedenti il Nuovo Regno. La dinastia tolemaica (323-30 aC) rianimò le pratiche e le politiche della giustizia amministrativa del Nuovo Regno - come fecero con molti aspetti di quel periodo - ma queste iniziative non andarono molto al di là dei primi due governanti. L'ultima parte della dinastia tolemaica è semplicemente un lungo, lento declino nel caos finché il paese non fu annessa da Roma nel 30 aEV e divenne un'altra provincia del loro impero.

Licenza

Articolo basato su informazioni ottenute da queste fonti:
con il permesso dal sito web Ancient History Encyclopedia
Il contenuto è disponibile sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported.Licenza CC-BY-NC-SA