Passa ai contenuti principali

Gli specchi di sole gigante di Rjukan | Sorprendente mondo.

Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.
Rjukan è una piccola città industriale nel comune di Telemark, in Norvegia, che si trova nella parte inferiore di una profonda vallata ai piedi del possente Monte Gaustatoppen. I ripidi pendii delle montagne circostanti bloccano completamente il sole per metà dell'anno, lasciando questa fiorente comunità di 3.400 in ombra permanente da settembre a marzo. Ma dal 2013, gli abitanti della città è stato crogiolarsi sotto una piccola chiazza di sole che cade proprio sopra la Piazza del mercato. Questa luce è riflessa da tre grandi specchi eliostatica chiamati "Solspeil" installato sul fianco della montagna circa 450 metri sopra la Piazza del paese. Gli specchi catturano la luce del sole e dirigono nella Piazza del mercato dove si illumina una superficie di circa 600 mq. Gli specchi controllati dal computer, seguono il movimento del sole attraverso il cielo, muovendo ogni 10 secondi, in modo che il sole quadrato resti di Rjukan inzuppato per tutta la durata del giorno.
rjukan-sun-mirrors-3
Crediti fotografici
100 anni fa prima elaborazione del piano per illuminare Rjukan dal fondatore industriale Sam Eyde, che ha iniziato una fabbrica di fertilizzanti c'e la città. Rjukan è stato scelto perché era vicino ad una cascata di 104 metri, che ha fornito il mezzo facile per produrre grandi quantità di energia elettrica. Si stima che Eyde trascorrere circa due volte il bilancio nazionale della Norvegia per costruire Rjukan e la sua fabbrica.
Ma Eyde non poteva attuare la sua idea per la tecnologia non era lì. Invece, la sua azienda pagò per la costruzione di una gondola nel 1928, che la gente del paese potrebbe utilizzare, per una piccola tassa, a guidare quasi 500 metri fino alla montagna e alla luce del sole. La gondola è chiamato Krossobanen e rimane funzionale ancora oggi trasportano migliaia di persone in montagna ogni anno.
rjukan-sun-mirrors-1
Crediti fotografici
L'idea alla luce di Rjukan è stato ripreso nel 2005 da Martin Andersen, un artista e un residente della città. Andersen sentito parlare di uno stadio sportivo parzialmente coperta in Arizona che era con successo utilizzando piccoli specchi per mantenere la sua crescita di erba. Ha anche imparato come heliostat sono stati utilizzati per riflettere fasci concentrati di luce solare per turbine a vapore di calore per produrre energia elettrica. L'anno successivo, la città italiana Viganella installato con successo un simile specchio sole per riflettere la luce solare nel villaggio. Viganella, proprio come Rjukan, si trova in una valle dove le montagne ombre lunghe per tre mesi in inverno.
Andersen ha persuaso il Municipio a venire con i soldi per permettergli di sviluppare ulteriormente il suo progetto. Ha contattato gli esperti del settore e anche visitato Viganella se stesso. Infine, con l'aiuto di investimenti pubblici e sponsorizzazioni private, molte delle quali provenivano da Norsk Hydro, la società fondata da Sam Eyde, Andersen generato 5 milioni di corone norvegesi (circa $851.000) che le consentirono di completare il progetto.
rjukan-sun-mirrors-2
Crediti fotografici
rjukan-sun-mirrors-4
Crediti fotografici
rjukan-sun-mirrors-5
Crediti fotografici
rjukan-sun-mirrors-6
Crediti fotografici
rjukan-sun-mirrors-7
Crediti fotografici
rjukan-sun-mirrors-8
Crediti fotografici
Fonti: il guardiano / BBC / Wikipedia / visitare la Norvegia
Tradotto dal sito Web: Amusing Planet per scopi didattici.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…