Didache | Enciclopedia di Storia Antica.

Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.

Definizione

clip_image036
La Didaché (Koine Greek: διδαχή), noto anche come "L'insegnamento", o, "L'insegnamento dei dodici apostoli," è un documento della Chiesa primitivo enigmatico descrivendo primi etica cristiana, le pratiche e l'ordine.

Scoperta & incontri

L'esistenza della Didaché era sconosciuto fino alla sua scoperta di Philotheos Bryennios — un vescovo metropolita greco ortodosso di Nicomedia — all'interno di un monastero in Asia minore (la moderna Turchia) nel 1873 CE e successivamente pubblicato nel 1883 CE. Il documento è stato situato all'interno del Codex Hierosolymitanus, non ha alcuna data stessa e manca qualsiasi menzione di eventi esterni che potrebbero indicare un lasso di tempo. Inoltre, non ci sono prescritti gli autori. Pertanto, la datazione della Didaché è difficile, e poiché la relativa emersione ha provocato polemiche. Vi è, tuttavia, un consenso per una metà alla fine del primo secolo incontri (50-70 CE), mentre altri sostengono per quanto più tardi il 3 ° o 4 ° secolo CE.
Manoscritti originali sono state scritte in greco di Koine, ma inoltre sono stati trovati in siriaco, Latino e copto. Il punto di origine rimane speculativo, ma data la lingua e il luogo di scoperta, Egitto settentrionale, meridionale Anatolia (odierna Turchia) e altri vari vicino Oriente antico posizioni sembrano probabile.
Il manoscritto è un documento composito, suggerendo un processo multistadio di modifica nel tempo.

Il testo

Il manoscritto è un documento composito, suggerendo una redazione multistadio (subendo processi di editing mutliple per un periodo di tempo). La varianza di stile e contenuto suggeriscono composizione da numerosi manoscritti preredactional (testi che sono stati precedentemente inediti) che alla fine è venuto per essere il presente testo.
Il documento è strutturato in quattro parti principali. La prima parte, "Le due vie" — sia il modo di vita o il modo di morte — (capitoli 1-6) sono istruzioni morali per la vita cristiana al fine di preparare converte per ricevere il rito iniziale del battesimo e come precursore di rito continuo dell'Eucaristia. Suo approccio stilistico riflettono una moda di saggezza-letteratura ebraica classica e letteratura filosofica greca.
La seconda parte è costituito da istruzioni su pratiche rituali riguardanti il battesimo, il cibo e l'Eucaristia (capitoli 7-10). Gli insegnamenti sui giorni appropriati a veloce, come condurre un battesimo corretto e la preghiera di ringraziamento sono alcuni dei primi — se non il primo — registrato manuali liturgici.
La terza parte (capitoli 11-15) dà istruzioni per quanto riguarda i capi nei primi Christian Community — Apostoli, profeti e gli insegnanti. Questa sezione rappresenta un particolare protocollo per l'accettazione di autorità in una comunità cristiana preesistente assunta.
La quarta e ultima parte (capitolo 16) è escatologica in natura, che contengono esortazioni della perseveranza, avvisi di fine dei tempi e di tribolazione, così come la "seconda venuta" di Gesù Cristo. Questi tratti apocalittici parallelo simile lingua trovata nei Vangeli Matthew, Mark, 1 Tessalonicesi e rivelazione.
I riferimenti esterni per la Didaché erano più presto lo storico Eusebio di Cesarea, così come alcuni dei padri della Chiesa come Athanasius, Origene e Rufino.
Traduzione autorizzata dal sito: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica