Passa ai contenuti principali

Didache | Enciclopedia di Storia Antica.

ADSBYGOOGLE

Nota: Questa traduzione è fornita per scopi educativi e potrebbe contenere errori o essere impreciso.

Definizione

clip_image036
La Didaché (Koine Greek: διδαχή), noto anche come "L'insegnamento", o, "L'insegnamento dei dodici apostoli," è un documento della Chiesa primitivo enigmatico descrivendo primi etica cristiana, le pratiche e l'ordine.

Scoperta & incontri

L'esistenza della Didaché era sconosciuto fino alla sua scoperta di Philotheos Bryennios — un vescovo metropolita greco ortodosso di Nicomedia — all'interno di un monastero in Asia minore (la moderna Turchia) nel 1873 CE e successivamente pubblicato nel 1883 CE. Il documento è stato situato all'interno del Codex Hierosolymitanus, non ha alcuna data stessa e manca qualsiasi menzione di eventi esterni che potrebbero indicare un lasso di tempo. Inoltre, non ci sono prescritti gli autori. Pertanto, la datazione della Didaché è difficile, e poiché la relativa emersione ha provocato polemiche. Vi è, tuttavia, un consenso per una metà alla fine del primo secolo incontri (50-70 CE), mentre altri sostengono per quanto più tardi il 3 ° o 4 ° secolo CE.
Manoscritti originali sono state scritte in greco di Koine, ma inoltre sono stati trovati in siriaco, Latino e copto. Il punto di origine rimane speculativo, ma data la lingua e il luogo di scoperta, Egitto settentrionale, meridionale Anatolia (odierna Turchia) e altri vari vicino Oriente antico posizioni sembrano probabile.
Il manoscritto è un documento composito, suggerendo un processo multistadio di modifica nel tempo.

Il testo

Il manoscritto è un documento composito, suggerendo una redazione multistadio (subendo processi di editing mutliple per un periodo di tempo). La varianza di stile e contenuto suggeriscono composizione da numerosi manoscritti preredactional (testi che sono stati precedentemente inediti) che alla fine è venuto per essere il presente testo.
Il documento è strutturato in quattro parti principali. La prima parte, "Le due vie" — sia il modo di vita o il modo di morte — (capitoli 1-6) sono istruzioni morali per la vita cristiana al fine di preparare converte per ricevere il rito iniziale del battesimo e come precursore di rito continuo dell'Eucaristia. Suo approccio stilistico riflettono una moda di saggezza-letteratura ebraica classica e letteratura filosofica greca.
La seconda parte è costituito da istruzioni su pratiche rituali riguardanti il battesimo, il cibo e l'Eucaristia (capitoli 7-10). Gli insegnamenti sui giorni appropriati a veloce, come condurre un battesimo corretto e la preghiera di ringraziamento sono alcuni dei primi — se non il primo — registrato manuali liturgici.
La terza parte (capitoli 11-15) dà istruzioni per quanto riguarda i capi nei primi Christian Community — Apostoli, profeti e gli insegnanti. Questa sezione rappresenta un particolare protocollo per l'accettazione di autorità in una comunità cristiana preesistente assunta.
La quarta e ultima parte (capitolo 16) è escatologica in natura, che contengono esortazioni della perseveranza, avvisi di fine dei tempi e di tribolazione, così come la "seconda venuta" di Gesù Cristo. Questi tratti apocalittici parallelo simile lingua trovata nei Vangeli Matthew, Mark, 1 Tessalonicesi e rivelazione.
I riferimenti esterni per la Didaché erano più presto lo storico Eusebio di Cesarea, così come alcuni dei padri della Chiesa come Athanasius, Origene e Rufino.
Traduzione autorizzata dal sito: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.
Storia antica

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…